500.000 morti in Ucraina e Macron continua il genocidio

di Valérie Bérenger

Emmanuel Macron si considera senza dubbio un grande leader di guerra quando afferma perentoriamente: “ Non possiamo lasciare che la Russia vinca e non dobbiamo farlo perché altrimenti sarebbe messa in discussione la sicurezza stessa dell’Europa e dell’intero vicinato russo ”.

Traduzione: metterà la Francia in pericolo militare e la rovinerà ancora di più, per un conflitto che non la riguarda e che non l’ha mai preoccupata.

La Russia non ha mai minacciato né l’Europa né la Francia ed è tempo che le degenerate “élite” responsabili sbarchino, si tolgano la maschera della realtà virtuale e accettino di affrontare la verità.

Questa situazione persiste da quasi due anni. Dopo aver venduto la Francia agli americani, dopo aver venduto la sua anima ai nemici ereditari della Francia che sono gli anglosassoni, ecco Emmanuel Macron che a sua volta liquida la vita degli ucraini nel teatro delle sue fantasie di re del mondo.

500.000 morti e Macron non ne ha ancora abbastanza!

Ufficialmente siamo a circa 350.000 morti ufficiali da parte ucraina. A ciò si aggiungono i numerosi cadaveri lasciati a marcire nelle trincee, abbandonati senza una degna sepoltura dalla giunta di Kiev che se ne frega, spesso sepolti sotto il passaggio di mezzi blindati e le cui famiglie non potranno mai piangere; i feriti trasferiti in Germania con il “pretesto delle cure”, venduti dai medici-macellai europei in pezzi di ricambio, sui loro banchi di dissezione, al miglior offerente, per rifornire il mercato nero di organi destinati alle élite europee e americane. Somma tutto e vedrai che non sono lontano dal bersaglio.

Questa non è una guerra, è un genocidio organizzato congiuntamente da USA e UE. Ma nonostante questo, nonostante questi orrori, obbedendo ciecamente ai suoi padroni, Macron aggiunge sempre di più…

“ Andrò io stesso in Ucraina a febbraio .” “ Faremo nuove consegne: una quarantina di missili aria-terra Scalp-EG e diverse centinaia di bombe ”.

Senza dimenticare, grazie ad un’industria entrata – in teoria – in un’economia di guerra, gli obici semoventi Caesar da 155 mm…

I missili aria-terra Scalp-EG (Long-Range Autonomous Cruise and General Employment System) inviati hanno una capacità di attacco a lungo raggio da 250 a 500 chilometri con una carica esplosiva di 450 kg e possono equipaggiare ulteriormente i SU-24 ucraini. Bombardieri tattici Fencer, ma anche sparabili da una barca. Missili già utilizzati su obiettivi russi in Crimea. E anche se il modello della bomba è “ufficialmente” di un tipo ancora sconosciuto, scommettiamo sulle armi modulari aria-terra del tipo A2SM Hammer .

Il beniamino dello zio Sam ha dichiarato di sfuggita che la Francia è in grado di aumentare la sua produzione militare, il che le permetterà di fornire più prodotti a Kiev. Tuttavia, sul piano industriale, la Francia è nuda e i produttori sopravvissuti faticano a reclutare. Allora con cosa produrranno?

Macron con Zelensky

E l’esercito francese in tutto questo? Già in gran parte spogliata a beneficio di Zelenskyj, cosa le rimarrà se non gli occhi con cui piangere. Dato che aveva solo quattro giorni di munizioni in caso di conflitto ad alta intensità, avrebbe potuto benissimo rinunciare alle armi prima ancora di pensare di usarle.

In Francia, l’arroganza delle élite impone che sia bene fare scherzi. Azioni che già appartengono al passato o che non esisteranno mai vengono spesso “annunciate” in pompa magna. “ Decisioni prese nella notte ”, trasformate in realtà per sei mesi… Nella misura in cui Macron annuncia il suo arrivo in Ucraina a febbraio, c’è da scommettere che tutto il materiale menzionato è già stato consegnato sul campo.

Durante la sua conferenza stampa del 16 gennaio, Macron ha dichiarato: “ Faremo nuove consegne: una quarantina di missili SCALP e diverse centinaia di bombe, previste dai nostri amici ucraini. Nell’ambito di questa economia di guerra abbiamo anche sviluppato la produzione, che consentirà di fornire ai nostri partner ucraini, in particolare alla Caesars, molte più attrezzature attese e necessarie. E quindi, sostanzialmente continueremo ad aiutare l’Ucraina con le sue esigenze di formazione, a mantenere il fronte e a difendere i suoi cieli con le consegne di cui ho parlato. Io stesso andrò in Ucraina a febbraio e annuncerò la finalizzazione di questi testi. Le consegne di munizioni di cui parlo qui saranno iniziate e, ogni volta che lo annunciamo, lo facciamo quasi in tempo reale, come sapete. E sarà chiaro che dovremo, noi francesi, noi europei, prendere nuove decisioni nelle settimane e nei mesi a venire, proprio per non lasciare vincere la Russia ”.

Quando parla di “economia di guerra” dobbiamo intendere che il regime di Macron è in guerra contro la Russia? Forse dovremmo informare i francesi, che ne soffriranno, a meno che non speri segretamente che vengano a loro volta utilizzati come carne da cannone? Ma lì… rischia una delusione molto spiacevole che farà ridere più di uno. Mi piacerebbe vedere i reclutatori andare in giro per “93” o nei quartieri nord di Marsiglia per emettere ordini di mobilitazione. Queste difficili periferie sono meglio fornite di armi del nostro stesso esercito. Anche la maggior parte delle loro armi provengono dall’Ucraina, attraverso la darknet.

La parte peggiore di questo discorso è che lui ci crede! Macron è così indottrinato dagli Stati Uniti che non si rende nemmeno conto dell’inutilità dei suoi sforzi per convincere i francesi che sono “stufi” delle sue delusioni.

La conferenza stampa dello psicopatico che governa la Francia è stata seguita da poco più di 8,7 milioni di telespettatori. Per essere sicuri “ che non potevamo evitarlo” , è stato trasmesso su otto canali contemporaneamente. Ma nonostante ciò, secondo i dati di Médiamétrie, ha attirato solo 4,1 milioni di telespettatori su TF1 , 3,2 milioni su France 2 e circa 1 milione sui quattro canali di informazione ( BFM-TV , CNews , LCI , Franceinfo ), LCP e TV5Monde .

Per capirci… dopo un desiderio che aveva interessato poco più di 9 milioni di francesi (su circa 68 milioni di abitanti), Macron ancora una volta “ha fallito”! Ed è felice. Un fallimento che dimostra che i francesi cominciano a rendersi conto di essere manipolati e di essere stanchi di pagare per l’Ucraina. Sanguinarsi per una guerra che non li riguarda, che non li riguarda e che non li interessa.

Totalmente asservito agli anglosassoni, Macron non ha potuto fare a meno di seguire le orme della Gran Bretagna, indicando che la Francia “sta finalizzando un accordo di sicurezza con Kiev dello stesso tipo di quello concluso tra il Regno Unito e l’Ucraina in dieci anni . Un accordo bilaterale che genererà nuove forniture di armi e contratti tra l’Ucraina e gli industriali francesi. Resta da vedere come Kiev pagherà i suoi ordini dal momento che l’Ucraina sopravvive solo grazie alle donazioni dei suoi padroni d’oltre Atlantico. Sovvenzioni che rischiano di esaurirsi definitivamente più rapidamente di quanto immaginiamo.

Sorge tuttavia una domanda: l’impegno della Francia nei confronti dell’Ucraina non rischia, in definitiva, di dislocare l’Unione europea, cosa che garantirebbe la sicurezza dei francesi?

Forze francesi

Questa roboante affermazione è stata fatta nel contesto in cui le lotte politiche, sia negli Stati Uniti che nell’UE, hanno già ritardato due programmi di aiuti per la giunta di Kiev. Contrariamente alle apparenze, l’UE si sta dilaniando attorno al clown Zelenskyj. Se Victor Orban da parte sua ha bloccato gli aiuti di 50 miliardi di euro, più recentemente l’eurodeputato slovacco Miroslav Radakovsky ha dichiarato dal podio: “ Se non smettiamo di sostenere l’assassinio degli slavi, ci uniremo come fratelli e raderemo al suolo l’Europa occidentale per il terreno .

Con raro coraggio in questa UE totalmente prigioniera degli USA, Miroslav Radakovsky ha chiesto la fine delle consegne di armi all’Ucraina. “ Questo conflitto è un problema per gli Stati Uniti e i loro interessi. E l’UE è semplicemente il vassallo degli Stati Uniti ”.

Questa è una realtà che Emmanuel Macron farebbe bene ad ascoltare e comprendere. A meno che non abbia già programmato di seguire le orme del suo “amico” Zelenskyj il giorno in cui quest’ultimo fuggirà.

Fonte: Rusreinfo

Traduzione Gerard Trousson

7 commenti su “500.000 morti in Ucraina e Macron continua il genocidio

  1. macron, un nano politico, un depravato invertito (rapporti contro natura con le guardie del corpo) e gerontofilo (l’anziana Brigitte), un servo degli ebrei Rothschild ramo francese, un atlantista guerrafondaio, promette mari e monti alla carne da cannone nato, a spese dei francesi che già più volte hanno manifestato, al limite dell’insurrezione, contro di lui, ma è in grado di fornire ben poco ai nazi-ukro … qualche SCALP della Matra non di primo pelo, un po’ di bombe e il bidone autocannone Caesar, con proiettili “intelligenti”, per il quale pare che i russi abbiano già trovato in passato le contromisure elettroniche.

    Quello che fornirà macron ai nazisti della sua nato, contro gli interessi dei francesi e della Francia, non cambierà l’esito del conflitto, ma lo prolungherà di poco, forse di uno spunto e non impedirà ai russi di vincere, distruggendo e/o catturando anche quelle armi, sempre che i corrotti ukraini non se le vendano prima.

    L’obbiettivo del 2024, di tutti i criminali atlantisti macron compreso, riflette quello della banda mezza giudaica dominante blinken-biden, cioè “la Russia non deve vincere” … o almeno non subito e non importa quanti ukrainofoni moriranno ancora.

    Cari saluti

  2. I polli non hanno capito che hanno distrutto il futuro del popolo ucraino, le spese in armi e debito degli stati rubano il futuro dei ragazzi di interi popoli quando metteranno uomini bravi al comando si potrà cominciare a progettare un futuro di vita e civiltà.

  3. Dice Macron: ” Andrò io stesso in Ucraina a fare delle consegne di armi a febbraio…” Ecco, gli anglo – sionisti hanno ucciso Soleimani per molto meno. E’ ora che anche i dirigenti russi paghino con la stessa moneta i loro nemici. Diversamente pagheranno 1.000 volte tanto i poveri cristi di quà e di là.

  4. Macrone è traffichino dei Rothshy Zaion … ma i popoli europei non lo sono … sono Gentili … votiamo AFD e DSP

  5. Il pupazzo dei Rotschild è semplicemente ridicolo, patetico, slegato dalla realtà ! Il risveglio sarà brusco, molto brusco ! Forza RUSSIA !

  6. L’Europa dei Macron e dei Draghi è asservita agli interessi della finanza e dell’apparato industrial-militare anglo-americano.Se i popoli europei non si ribellano a questa brutta gente, sono finiti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus