400 mercenari stranieri sono stati circondati dalle truppe russe


Le truppe russe hanno circondato un gruppo di 400 mercenari stranieri.

Circa 400 mercenari e militanti stranieri provenienti da diverse parti del mondo si sono trovati circondati da truppe russe nel territorio di Mariupol. Come è noto, si tratta principalmente di mercenari delle compagnie militari private europee. In particolare è nota la presenza di mercenari provenienti da Polonia, Germania, Paesi Bassi, Gran Bretagna e altri paesi nell’area accerchiata.

Secondo una fonte di Avia.pro, un gruppo di quasi 400 mercenari è circondato sul territorio dell’impresa AzovStal. La presenza di mercenari stranieri era divenuta nota attraverso l’intercettazione delle comunicazioni radio. E, sorprendentemente, è stato possibile farlo in modo molto semplice, poiché le PMC straniere utilizzano canali di comunicazione non protetti.
Inoltre, è nota anche l’esatta posizione della maggior parte dei mercenari, grazie al controllo dei segnali dai loro telefoni cellulari. Al momento, questo significa che la questione della cattura dei mercenari o della loro eliminazione non è altro che una questione di tempo.

Il giorno prima, la Russia ha dato alle truppe, ai mercenari e ai militanti ucraini l’opportunità di lasciare volontariamente le loro fortificazioni e capitolare. Allo stesso tempo, era garantita la conservazione della vita di tutti coloro che si sarebbero arresi. Tuttavia, la maggior parte del contingente mercenario ha rifiutato di arrendersi.

Gli esperti notano che oggi potrebbero esserci fino a 2000-3000 militari, mercenari e militanti sul terreno e nei cunicoli sotterranei dell’impresa AzovStal.
Fonte: Подробнее на: https://avia.pro/news/400-inostrannyh-nayomnikov-popali-v-okruzhenie-rossiyskih-voysk

22 Commenti
  • Gabriella
    Inserito alle 09:39h, 18 Aprile Rispondi

    Osservo la foto e il ragazzo in primo piano: è giovanissimo, e come lui tanti altri mandati allo sbaraglio, a massacrare e farsi massacrare per interessi di altri che non sono, al di là di pochi soldi, i loro interessi. Giovani vite spezzate.

    • Fabrizio
      Inserito alle 10:23h, 18 Aprile Rispondi

      Se è un mercenario non “è stato mandato”., ci è andato volontariamente per soldi.

  • La soluzione
    Inserito alle 09:45h, 18 Aprile Rispondi

    Dio gli ha dato un cervello, se non lo sanno usare meritano cio che meritano.

  • nicolass
    Inserito alle 09:56h, 18 Aprile Rispondi

    spero che li sterminino tutti senza pietà… non meritano altro. Maledetti

  • nicolass
    Inserito alle 10:00h, 18 Aprile Rispondi

    Spero che i tunnel in cui sono rintanati questi ratti vengano minati dall’esercito russo e fatti esplodere così non ci sarà nemmeno il bisogno di seppellirli per mandarli all’inferno

  • Marco
    Inserito alle 10:50h, 18 Aprile Rispondi

    Stanalri con forza è molto pericoloso, è una città sotterranea di sei piani di profondità, già esistente all’epoca dell’Urss dove è possibile la presenza di depositi nucleari, e i russi temono esplosioni pericolosissime che devasterebbe intere città tra qui Mariupul, forse useranno dei gas ma anche questo sarebbe una violazione di utilizzo di armi non convenzionali. Quindi, probabilmente, aspetteranno.. Questo è quanto mi è stato raccontato da un russo ex militare.

  • Farouq
    Inserito alle 10:59h, 18 Aprile Rispondi

    Il cadaverico Beiden ha l’Alzheimer, saluta i fantasmi!

    https://youtu.be/Ek19Z45TNBE

    E il pagliaccio ucraino ubriaco

    https://youtu.be/YKxLlec3ukw

  • alexandro
    Inserito alle 11:50h, 18 Aprile Rispondi

    con le porcherie che hanno fatto alla popolazione civile non meritano nessun tipo di riguardo

  • Pietro
    Inserito alle 11:52h, 18 Aprile Rispondi

    Non credo che Quelli della foto siano mercenari stranieri, è più probabile si tratti di soldati Ucraini che si sono arresi, quanto ai sotterranei i russi hanno minacciato di farli saltare con le termobariche, non lo. Hanno fatto perché il bottino che c’è lì sotto e troppo ghiotto per perderlo, vuoi mettere mostrare al mondo ufficiali e tecnici della Nato presi prigionieri

  • EnriqueLosRoques
    Inserito alle 11:53h, 18 Aprile Rispondi

    Beh andare in Ucraina per combattere contro i russi è puro suicidio. Questi non hanno cervello. Ovvio che avrebbero fatto questa fine. O pensavano di sconfiggere l’esercito russo e i battaglioni ceceni??? Dai…

  • Carlos Catucci
    Inserito alle 11:54h, 18 Aprile Rispondi

    Troppo facile tranciare giudizi. Di certo molti mercenari li sono truppe regolari sotto copertura. Non si spiega il fatto che non si vogliano arrendere anche se sanno che è solo questione di tempo lasciarci le penne. Un fanatico nazionalista sj fa’ amnazzare sperando di diventare un eroe-martire, un militare mercenario vuole poter dpendere i suoi soldi. E non ha senso ammazzarli, meglio catturarli vivi e poter dimostrare chi sono e chi li ha mandati. Tanto come ognk assedio, alla fine è la fame a prenderli, perché rischiare vite per stanarli?

    • Sarabanda 82
      Inserito alle 12:04h, 18 Aprile Rispondi

      Bravo condivido in pieno le tue parole, chi fà la guerra come mestiere vuol rimanere vivo per incassare ed eventualmente continuare in un altro paese.

  • Luig De Vincentis
    Inserito alle 13:33h, 18 Aprile Rispondi

    Rispondo agli amici Catucci e Sarabanda e,in certo senso anche a Gabriella….Io ho conosciuto due persone che da giovani ebbero l’idea di arruolarsi nella legione straniera francese….furono mandati in Indocina a combattere contro i vietnamiti…Se ne pentirono subito…Essendo volontari per essi non veniva rispettata la convenzione di Ginevra riguardante i prigionieri diguerra. Se venivano catturati c’era la fucilazione immediata. Per questa ragione combattevano in maniera più feroce dei soldati regolari. Quello che forse sta succedendo in Ucraina…le truppe mercenarie resistono ad oltranza per non cadere prigionieri. Non so se i russi li fucilano dirattamente come facevano i vietnamiti, di certo non li trattano (a ragione) con i guanti bianchi….Altro che andare ad incassare i soldi dell’ingaggio.
    Ad ogni modo chi uccide per mestiere, e i mercenari sono tali, a mio avviso non merita considerazione alcuna….Io non li condannerei a morte….Li radunerei in una sorta di giardino zoologico dove la gente civile,QUELLA VERAMENTE CIVILE possa far sentire loro addosso tutta la vergogna che meritano. Ciò, tengo a precisarlo riguardo i mercenari di tutte le guerre.

    • Sergio
      Inserito alle 15:52h, 18 Aprile Rispondi

      Ti sbagli Vincenzo .
      Sei vittima della Propaganda Occidentale -Capitalista !
      La Corea Comunista anche se era stata invasa dagli USA e da altre Nazioni Capitaliste tra cui l ” Italia NON uccideva i mercenari USA-UK-Australiani-Zelandesi-Italiani che catturava feriti o che si arrendevano .
      Su consiglio dei Sovietici il miglior sistema era quello di avere più prigionieri di guerra che era possibile fare per poi trattare in futuro una pace e farsi risarcire i danni di guerra .
      Inoltre essendo trattati bene dai Nord Coreani con umanità i prigionieri erano più disponibili ad accettare le idee Comuniste e diventavano dei futuri dissidenti politici per le società Capitaliste .
      Anche il Vitnam Comunista con i prigionieri di guerra prima Francesi poi USA & C ha usato la stessa tattica di non infierire sui vinti cosi sarebberò diventati in futuro dei probabili sostenitori delle società Comuniste !
      P.S.
      La storia anche moderna insegna che da sempre i militari che si arrendono o che sono feriti perciò indifesi possono fare una brutta fine se finiscono nelle mani di Donne o Uomini che sono dei manici squilibrati psicopatici e questi stronzi \e li trovi ovunque in ogni esercito o gruppo paramilitare o di ribelli (partigiani ) .
      Dipende tutto da chi ti capita davanti quando ti arrendi !
      Di norma sono i piccoli gruppi di militari isolati o feriti che si arrendono magari in una zona isolata che corrono il rischio di venir prima torturati senza pietà e poi uccisi .
      Fino a quasi 100 uomini tuoi prigionieri li puoi far sparire con una certa facilità se sei in una zona abbastanza isolata e fuori da occhi indiscreti se superano le 100 unità e non sei in una zona isolata ci sono grossi problemi anche sanitari per farli sparire e per giustificare la loro sparizione nel nulla !
      Gli Ucraini catturano in una cava di ghiaia che dista 5 -10 km dal paese più vicino 20 giovani militari Russi di leva impauriti ,disarmati affamati qualcuno ferito in maniera leggera questi 20 militari Russi facevano parte di un convoglio rimasto vittima di una imboscata il convoglio si è disperso e dato alla fuga !
      Questi 20 idioti isolati e terrorizati hanno avuto la brillante idea di abbandonare i loro blindati e le loro armi ancora funzionanti per darsi ad una fuga disordinata a piedi in mezzo al bosco senza nemmeno sapere dove cavolo stanno andando .
      Appena gli Ucraini se seguono le tracce dei blindati Russi in fuga Disordinata ed impazzita scoprono tre o quattro blindati Russi abbandonati e nascosti molto male capiscono che i soldati Russi appiedati , isolati e forse disarmati e feriti sono una loro facile preda se i Russi vengono presi o si arrendono sicuramente è certamente la loro sorte sarà quella di fare una brutta fine .
      Se vengono accoppati subito con un proiettile in testa possono dirsi fortunati !

  • antonio
    Inserito alle 13:43h, 18 Aprile Rispondi

    la doppa morale occdentale – ” In Satan We Trust “

  • Luig De Vincentis
    Inserito alle 13:47h, 18 Aprile Rispondi

    Sempre a proposito di soldati volontari. Negli stati centrali deGli USA esistono delle condizioni di sottosviluppo impresinanti. Ai tempi dell’ultima guerra contro l’Iraq (quella che portò alla caduta di Saddam Hussein), un giornalista vi fece un repertage…In un villaggio, uno dei residenti disse queste testuali parole ” IL PRESIDENTE BUSH DICE CHE VUOLE PORTARE LA DEMOCRAZIA IN IRAQ…LA PORTAI PRIMA QUì” e indicò le baracche in cui vivevano, poi disse ” I GIOVANI DI QUESTE ZONE HANNO DUE ALTERNATIVE PER POTER VIVERE: RUBARE O ARRULARSI VOLONTARI PER LE GUERRE CHE GLI USA VANNO FACENDO PER IL MONDO”…..NON AGGIUNGO ALTRO…

  • natalino
    Inserito alle 16:30h, 18 Aprile Rispondi

    Dove ci sono inglesi ed americani ci sono sempre anche italiani.
    Nel 1955 a Sebastopoli affondó una nave da guerra ex italiana con 500 marinai russi a bordo che perirono.
    La nave “Giulio Cesare” era bottino di guerra dei russi nella II Guerra Mondiale e fu incorporata nella flotta del Mar Nero.
    Non si seppe mai esattamente quello che successe. Le indagini ufficiali dichiararono che affondó per l’urto con una mina residuo della II guerra. Ma molti videro un colpo di mano dei reparti speciali italiani “ex 10^ MAS.
    La 10^ MAS aveva riacquistato spessore e vigore quando a partire dal 1948 gli fu ordinato di mettersi a disposizione degli anglo-sionisti per formare i reparti speciali ebreo-sionisti e per oerazioni di sabotaggio ai rifornimenti per gli arabi.
    Una delle operazioni, tra quelle conosciute, fu quella dell’affondamento a BARI della nave NILO con 8000 fucili e relative munizioni destinate agli arabi.
    Gli italiani non sono tutti santi, poeti e navigatori. Attenzione alle ritorsioni anche se il pescivendolo che ha studiato alla Bocconi ci dice che ormai abbiamo sderenato l’esercito e l’economia russa.

  • Giorgio
    Inserito alle 17:44h, 18 Aprile Rispondi

    PENA DI MORTE IMMEDIATA per i mercenari in questione !!!
    con successivo smembramento dei loro cadaveri e relativa spedizione dei resti in pacchi regalo ai loro mandanti …. cioè, in primis, le scrivanie di Biden, Johnson, Borrel, Stoltemberg e compagnia …..

  • Gabriella
    Inserito alle 18:07h, 18 Aprile Rispondi

    Secondo la convenzione di Ginevra i prigionieri di guerra hanno diritto ad un trattamento rispettoso della dignità umana. Non rispettarla ci porta alla barbarie. Ho letto che i prigionieri russi sono stati maltrattati e torturati, e questo, se è vero, è un crimine gravissimo. Spero che i Russi, da parte loro, mostrino una superiore civiltà rispettando la dignità umana dei prigionieri.

  • NENS
    Inserito alle 10:01h, 19 Aprile Rispondi

    Rispondendo a Gabriella; uno che va a massacrare civili per denaro, la sua dignità l’ha buttata in latrina da solo e nessuno potrà mai restituirgliela visto che è lui stesso ad averla sprecata. Quanto all’imbarbarimento della società, di più pericoloso dei barbari c’è solo chi vuole rispettarli ed onorarli a qualunque costo, come se non fossero barbari, come se fossero povere vittime.

Inserisci un Commento