40.000 soldati USA/Nato presi in ostaggio all’aeroporto di Kabul


L’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha condannato fermamente il presidente Joe Biden e il disastro che si è verificato a Kabul, in Afghanistan, dal fine settimana, in un’intervista a Sean Hannity di Fox News martedì .
Trump ha affermato che Biden ha umiliato gli Stati Uniti più di qualsiasi altro presidente nella storia , eclissando esplicitamente la crisi degli ostaggi in Iran causata dal democratico Jimmy Carter nel 1979.

Trump ha detto: “ Questi sono tempi terribili per il nostro Paese. Non credo che in tutti questi anni il nostro Paese sia mai stato così umiliato. Non so come la chiami – una sconfitta militare o una sconfitta psicologica – non c’è mai stato niente di simile a quello che è successo qui: puoi pensare a Jimmy Carter con gli ostaggi ”.

Trump si è chiesto se Biden, in una certa misura, avrebbe causato una crisi degli ostaggi esponenzialmente peggiore, poiché i talebani attualmente mantengono l’aeroporto internazionale Hamid Karzai di Kabul circondato da posti di blocco , nel contesto di questi sono stati segnalati pestaggi e altre violenze.
” Hai a che fare con migliaia e migliaia di americani e altre persone che sono bloccate e molto pericolosamente in Afghanistan, e quindi questo è qualcosa che non puoi nemmeno immaginare ” , ha aggiunto Donald Trump.

Trump ha detto che le scene del fine settimana di afghani disperati aggrappati alla fusoliera di un aereo cargo dell’aeronautica americana per poi cadere quando l’aereo ha raggiunto una certa altitudine, ricordano l’evacuazione dell’ambasciata degli Stati Uniti a Saigon nel 1975 .
” Ieri ho visto questo grande aereo da carico con delle persone che lo afferravano e cercavano di lasciare l’Afghanistan a causa della loro incredibile paura, e nessuno ha mai visto niente di simile ” , ha dichiarato.
” È stato queso il periodo più umiliante che abbia mai visto ” , ha aggiunto l’ex presidente degli Stati Uniti.
Trump ha detto di aver avvertito il presunto leader talebano Abdul Ghani Baradar, nei colloqui dello scorso anno, che gli Stati Uniti avrebbero reagito dieci volte più duramente se un americano fosse stato ferito o se i talebani avessero invaso le aree sotto il controllo della forza USA.

Fuga delle truppe USA

Questo accordo, ha detto, sembra essere discutibile poiché i talebani imperversano in tutto il paese e hanno conquistato Kabul in pochi giorni, mentre americani e occidentali sono intrappolati all’interno della città “.

In un’altra parte di questa intervista, Donald Trump ha affermato che gli Stati Uniti hanno speso 42 miliardi di dollari all’anno in Afghanistan senza guadagnare nulla negli ultimi 21 anni .

Trump ha dichiarato: “ Abbiamo l’esercito più potente del mondo, ma gli eventi di oggi danno al nostro esercito una brutta immagine. Abbiamo sbagliato ad intervenire in Afghanistan nel 2001. È stata la peggiore decisione presa nella storia degli Stati Uniti e ha distrutto la regione del Medio Oriente, che è peggiorata da lì a 20 o 21 anni ”.

Riferendosi alla situazione all’aeroporto assediato di Kabul, Trump ha affermato che oggi ci sono 40.000 potenziali ostaggi americani e altri in questa brutta situazione.
Le dichiarazioni dell’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump arrivano mentre la Casa Bianca e il Pentagono continuano a giustificare le loro disastrose politiche in Afghanistan.

Il Segretario di Stato americano Antony Blinken potrebbe dire che ” siamo stati in Afghanistan per uno scopo primario: prenderci cura delle persone che ci hanno attaccato l’11 settembre “; tuttavia qualsiasi analista serio sa che l’obiettivo geopolitico “principale” del bombardamento e dell’occupazione dell’Afghanistan quasi 20 anni fa era stabilire un ancoraggio essenziale dell’Impero di Base all’intersezione strategica dell’Asia centrale e dell’Asia meridionale, poi accoppiato con l’occupazione di Iraq nel sud-ovest asiatico.
Oggi la “perdita” dell’Afghanistan va interpretata come un riposizionamento degli USA.

Questo fa parte della nuova configurazione geopolitica, dove la missione principale del Pentagono non è più la “guerra al terrore”, ma il tentativo simultaneo di isolare la Russia e vessare con ogni mezzo la Cina nel quadro dell’espansione della Nuova cintura della Seta .
L’occupazione delle piccole nazioni ha cessato di essere una priorità. L’Impero del Caos può ancora fomentare il caos – e supervisionare vari bombardamenti – dalla sua base CENTCOM in Qatar. Invano però.


Washington non ha previsto gli alti fattori in movimento. Uno di questi è l’Iran.
L’Iran è destinato a entrare a far parte dell’Organizzazione per la cooperazione di Shanghai come membro a pieno titolo, un altro punto di svolta. Ancor prima di reinsediare l’Emirato islamico, i talebani hanno coltivato con cura buoni rapporti con i principali attori in Eurasia: Russia, Cina, Pakistan, Iran e gli stati dell’Asia centrale .

Pechino sta già progettando di fare grandi affari con i talebani nel campo delle terre rare.
Sul fronte atlantista, lo spettacolo dell’autorecriminazione ininterrotta consumerà la scena per molti anni.

Due decenni, 2.000 miliardi di dollari, una debacle di guerra segnata per sempre da caos, morte e distruzione, un Afghanistan ancora in rovina, un’uscita letteralmente al buio- per cosa?

Gli unici “vincitori” sono stati i signori del racket delle armi. Eppure qualsiasi intrigo americano ha bisogno di un capro espiatorio. La NATO è stata appena umiliata cosmicamente nel cimitero degli imperi da un gruppo di pastori di capre, non da incontri ravvicinati con Kinjal. Cos’è rimasto? Propaganda. Quindi ecco quindi pronto il nuovo capro espiatorio: il nuovo asse del male. L’asse è quello Talebano-Pakistan-Cina.

Il nuovo grande gioco in Eurasia è stato appena ricaricato.

fonte: https://french.presstv.ir

Traduzione: Gerard Trousson

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus