35 funzionari della sicurezza, inclusi consiglieri stranieri, sono stati eliminati da un attacco missilistico ad alta precisione sull’edificio della SBU a Dnepropetrovsk



Un’altra notizia importante è arrivata oggi dal ministero della Difesa russo, il dipartimento militare ha chiarito i dati sull’attacco di alta precisione inflitto giovedì con le armi alle strutture militari di Dnepropetrovsk. Come si è scoperto, uno degli obiettivi dei missili era l’edificio della SBU della regione di Dnepropetrovsk.

Secondo i dati aggiornati, un missile ad alta precisione ha colpito l’edificio della SBU in occasione di un incontro con la partecipazione di consulenti stranieri. Di conseguenza, è stata confermata la liquidazione di 35 dipendenti della SBU, compresi gli stranieri che avrebbero svolto “servizi di consulenza”. Inoltre, mancano ancora una quarantina di ufficiali della SBU.

Si precisa che l’attacco è stato effettuato il 29 settembre scorso, giovedì scorso. In precedenza, il ministero della Difesa non ha riferito ufficialmente del colpo di missili nell’edificio della SBU di Dnepropetrovsk, da informazioni non ufficiali si sapeva che nella notte da mercoledì a giovedì e durante il giorno sono stati effettuati diversi attacchi ai militari strutture della città stessa e dei suoi dintorni.

Come è stato poi riferito, l’obiettivo degli attacchi a Dnepropetrovsk era la struttura militare del nemico, dove erano di stanza anche truppe ucraine, non ci sono stati chiarimenti. Liquidato anche il deposito di carburante situato sul territorio della città, il bagliore dell’incendio era visibile per diversi chilometri.

Di recente, le forze armate russe hanno aumentato il numero di attacchi non solo alle infrastrutture militari, ma anche alle infrastrutture critiche. E i droni kamikaze, in particolare il Geran-2, che sono un analogo degli UAV iraniani Shahed 136, sono stati aggiunti ai missili aerei, marittimi e terrestri ad alta precisione.

Fonte: Top War

Traduzione: Luciano Lago

10 Commenti
  • Milan
    Inserito alle 10:02h, 04 Ottobre Rispondi

    Scommetto che sono morti più ufficiali e soldati di USA-UK-UE-NATO in soli 7 mesi di guerra contro la Russia che in 30 anni di invasioni e guerre USA -NATO UMANITARIE !

    • Michele
      Inserito alle 10:11h, 04 Ottobre Rispondi

      Non scommettere…..potresti anche perdere….noi non sappiamo nulla di certo……

      • Milan
        Inserito alle 11:44h, 04 Ottobre Rispondi

        Mi sa tanto che diventerei RICCO SFONDATO se facessi una bella scommessa di questo tipo !
        Tu Michele hai scelto di vivere nel” ignoranza totale perché ti rifiuti di apprendere notizie vere che provengono da altre fonti sicuramente è certamente molto più affidabili !

  • Tonio
    Inserito alle 11:44h, 04 Ottobre Rispondi

    A quanto pare respinta la controffensiva dei malati anali della nato , perdite mostruose come al solito !
    Anche oggi decimati malati anali pro zelepazzo! Con soddisfazione per il troll anale e valeria operante sulla tangenziale ….

  • Tiziano Lavagna
    Inserito alle 12:06h, 04 Ottobre Rispondi

    85 militari stronzi di USA-UK-UE-NATO in meno ?
    Meglio così !
    Stanno bene sotto due metri di terra dove non possono inquinare il mondo e non possono nuocere !

  • Tazio Delorenzi
    Inserito alle 16:46h, 04 Ottobre Rispondi

    Sarebbe ora che gli attacchi dei russi colpiscano tutti gli edifici governativi a Kiev e venga devastata la rete ferroviaria e le infrastrutture elettriche e energetiche compreso il gasdotto che transita sul territorio dell’Ucraina

  • Redwolf
    Inserito alle 17:53h, 04 Ottobre Rispondi

    Disarticolare i centri di comando nato/ucraini per tagliare la catena di comando e decisionale portare l’attacco al cuore

  • Jail To Valerio
    Inserito alle 19:58h, 04 Ottobre Rispondi

    sei un povero coglione un pivello nazistello da tastiera hanno fritto 200000 merdosi come te povero coglione ritorna dalla fogna che ti ha cagato troll Valeria ti abbiamo sgamato

  • eusebio
    Inserito alle 23:01h, 04 Ottobre Rispondi

    La guerra in Ucraina è sempre più una guerra tra NATO e Russia, fonti russe affermano che ormai oltre il 30% degli effettivi che affrontano i russi sono mercenari stranieri, presto potrebbero essere oltre il 50%, dato che oltre 100000 novorussi combattono nell’esercito russo, compresi pare molti ex prigionieri dell’esercito ucraino, questa guerra si profila sempre più come una guerra di liberazione della Novorussia e della Piccola Russia (o Ucraina centrale) dalle orde barbariche anglosioniste.

  • Redwolf
    Inserito alle 07:05h, 05 Ottobre Rispondi

    Scusate ma sieg heil non dovrebbe essere permesso è chiaramente nazista ritengo inutile rispondere a queste provocazioni e lascerei la parola alla compagna nagant

Inserisci un Commento