35 funzionari della sicurezza, inclusi consiglieri stranieri, sono stati eliminati da un attacco missilistico ad alta precisione sull’edificio della SBU a Dnepropetrovsk



Un’altra notizia importante è arrivata oggi dal ministero della Difesa russo, il dipartimento militare ha chiarito i dati sull’attacco di alta precisione inflitto giovedì con le armi alle strutture militari di Dnepropetrovsk. Come si è scoperto, uno degli obiettivi dei missili era l’edificio della SBU della regione di Dnepropetrovsk.

Secondo i dati aggiornati, un missile ad alta precisione ha colpito l’edificio della SBU in occasione di un incontro con la partecipazione di consulenti stranieri. Di conseguenza, è stata confermata la liquidazione di 35 dipendenti della SBU, compresi gli stranieri che avrebbero svolto “servizi di consulenza”. Inoltre, mancano ancora una quarantina di ufficiali della SBU.

Si precisa che l’attacco è stato effettuato il 29 settembre scorso, giovedì scorso. In precedenza, il ministero della Difesa non ha riferito ufficialmente del colpo di missili nell’edificio della SBU di Dnepropetrovsk, da informazioni non ufficiali si sapeva che nella notte da mercoledì a giovedì e durante il giorno sono stati effettuati diversi attacchi ai militari strutture della città stessa e dei suoi dintorni.

Come è stato poi riferito, l’obiettivo degli attacchi a Dnepropetrovsk era la struttura militare del nemico, dove erano di stanza anche truppe ucraine, non ci sono stati chiarimenti. Liquidato anche il deposito di carburante situato sul territorio della città, il bagliore dell’incendio era visibile per diversi chilometri.

Di recente, le forze armate russe hanno aumentato il numero di attacchi non solo alle infrastrutture militari, ma anche alle infrastrutture critiche. E i droni kamikaze, in particolare il Geran-2, che sono un analogo degli UAV iraniani Shahed 136, sono stati aggiunti ai missili aerei, marittimi e terrestri ad alta precisione.

Fonte: Top War

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM