Il Governo dell’Alta Finanza e gli elettori “coglionati”

Chi è che decide il governo, nella democrazia italiana, prossima, come un frutto troppo maturo, quasi allo sfacimento?

di Eugenio Orso

Aristotele, in veste di costituzionalista ateniese nel mondo degli Elleni al crepuscolo, riteneva che solo i governi espressione dei possidenti di medio bordo potessero dare stabilità a uno stato sovrano, sebbene limitato a una illustre città.
Oggi che lo stato unitario, nazionale e sovrano è al crepuscolo, come la Polis ateniese al tempo di Aristotele, il governo democratico lo decidono pochi attori di una nuova classe dominante, al di fuori dello stato e sopra di lui.

Da noi non è passato Filippo II il Macedone, re conquistatore padre di Alessandro il Grande e distruttore di città, vittorioso nella battaglia di Cheronea, ma si è verificato qualcosa di peggio, dagli anni novanta a oggi: il dominio del sopranazionale e dell’Alta Finanza.

Un giorno futuro, in altro Evo della storia, si ricorderà il momento della nascita formale dell’Unione Europea, con il trattato di Maasticht del 7 febbraio 1992, come l’inizio di un processo che ha tolto progressivamente ossigeno alla nazione italiana e l’ha portata all’irrilevanza.

Per la verità, l’embrione di questo processo maligno, la cui fine segnerà il definitivo trionfo della Classe Globale Finanziaria dominante, attore impersonale del nuovo capitalismo, è la dichiarazione (solenne!) sulla UE del 1983, a Stoccarda, che prevedeva il pensionamento della CEE.

La sottomissione militare e in termini di definizione della politica estera data dalla fine della seconda guerra mondiale e si è concretizzata nella Nato, con un centinaio di basi militari sul suolo nazionale, e per noi il 1945 è un po’ come fu il 338 avanti Cristo per gli Elleni, quando furono sconfitti a Cheronea da Filippo II.
Grazie al percorso maligno che conosciamo, dal febbraio del 1992 ai giorni nostri, con la premessa della “dichiarazione solenne” del 1983, in Italia si vota nell’universalità del suffragio democratico, ma i governi si decidono altrove, ribaltando gli esiti del voto, se necessario, e coglionando gli elettori.
L’espressione “coglionando” segnala che il momento didattico e storico è finito e inizia l’articoletto del vecchio Orso sulle prospettive di un nuovo governo dopo il presunto terremoto elettorale del 4 di marzo.

Come il povero Aristotele, nato a Stagira il 384 a.C. e morto in esilio a Calcide di Eubea nel 322, dopo essere scappato da un’Atene al crepuscolo per non finir male, anche il sottoscritto, in modo infinitamente più modesto, sta assistendo alla fine di un mondo e, forse, anche alla fine dell’Italia, democrazia matura nel mondo globale e nell’Europa unionista e atlantica.
Solo che noi, a differenza del malcapitato Aristotele che osservava la fine di un mondo, non abbiamo un posto dove scappare per sottrarci agli strali del sistema, che ci raggiungerebbero ovunque …
********
L’Italia avrà uno straccio di governo?

La risposta è sì, anche se non sarà nel rispetto della volontà degli elettori, caduti ancora una volta nella trappola della democrazia, liberale e matura, con percentuali di partecipazione alla kermesse del voto molto alte, superiori al settanta per cento.
Prendiamo in considerazione alcuni elementi utili, per prevedere quale governo sarà propinato agli italiani:

1) Mattarella, nonostante l’alta carica che ricopre, non è “super partes”, avendo in tasca, nei fatti, la tessera del piddì. Piccolo particolare, questo, che lo fa lavorare per riportare il piddì al governo, magari con il cinque stalle di Di Maio, o per mantenerlo almeno in area di governo, con un governo tecnico o semi-tecnico (per non dare troppo nell’occhio) gradito all’Alta Finanza. Infatti, Mattarella non potrà prescindere dagli interessi dell’Alta Finanza, che ci tiene in pugno con il “rispetto delle regole” dei trattati imposti e ci imprigiona nel “sistema delle alleanze occidentali”.

2) Berlusconi è rientrato in gioco in qualità di “agente sabotatore” nei confronti di Salvini (e Meloni) e questo sta facendo. Due sono le motivazioni che muovono l’ottuagenario sabotatore/incursore. La prima è garantirsi una sorte diversa da quella di Craxi, o peggio, del suo amico Gheddafi, ammortizzando le noie processuali (olgettine, Ruby Rubacuori, etc.) e preservando il suo ingente patrimonio personale, a beneficio della prole. La seconda, riconosciamolo pure, è il suo smisurato ego, che gli acciacchi dell’età non riducono, e la sua mania di essere sempre il protagonista, in ogni situazione, anche se così nuova che lui non la comprende. Per poter scamparla, deve mostrarsi utile all’Alta Finanza dominante, cioè disponibile a governi con i collaborazionisti piddini, come dimostrano le sue ultime dichiarazioni, e colpire alle spalle Salvini, o almeno fargli qualche sgambetto, ogni volta che è possibile.

Tramontata la prospettiva di un solido governo con il piddì di Renzi, rinverdendo il “patto del Nazareno”, non gli resta che sabotare Salvini fino in fondo, apparentemente riconoscendogli la guida della coalizione (non coesa) del cosiddetto centro-destra, in base ai risultati elettorali. Per quanto vagamente rincoglionito, come alcuni sospettano, sta svolgendo il suo compito egregiamente, dal punto di vista dell’Alta Finanza, esattamente come il piddino Mattarella svolge il suo …

3) Salvini ha avuto solo il diciassette per cento, anche se beneficia della maggioranza relativa della coalizione con FI e FdI, e per tale motivo non può fare a meno di Berlusconi. Vorrebbe ardentemente dare il colpo di grazia al Cav, per liberarsene e andare con Di Maio, ma ancora non può farlo, se non rischiando tutta la sua brillante carriera politica, perché per pappare i voti di FI e terminare Berlusconi ci vuole tempo, mentre incombe la necessità di fare un nuovo governo. Un paese “indebitato” come l’Italia, sotto osservazione della UE e sotto ricatto dell’Alta Finanza/Mercati&Investitori, non può indugiare troppo a lungo, come invece ha fatto senza particolari patemi il Belgio. Salvini rischia di infilarsi in un vicolo cieco, proprio come vorrebbero i dominanti, grazie ai sabotaggi di Berlusconi e all’”arbitro” del gioco che in questo momento è Mattarella.

Salvini con Berlusconi e Meloni

4) Di Maio scalpita per la presidenza del consiglio dei ministri e, per tale motivo, sarebbe disposto a dichiararsi anche satanista, oltre che di sicura fede atlantista, come ha fatto di recente in televisione davanti alla Bilderberg Gruber, ma solo dopo il voto. Dopo il fallimento del mandato esplorativo affidato alla Casellati, non gli resterà che lo sconfitto piddì, il quale stando al gioco, è già un po’ meno “aventiniano” e possibilista su eventuali “alleanze di governo”. Il cinque stalle rischia grosso, con Di Maio, che ha stravolto le posizioni come se il presunto movimento, fosse una scatola vuota, da riempire a talento, quando conviene, con eurismo, fedeltà alla troika e atlantismo occidentalista. Rischia grosso anche perché, fra qualche mese, sarà evidente ai più poveri e in difficoltà, che i soldini del sussidio di povertà chiamato reddito di cittadinanza non arriveranno nelle loro tasche vuote.

Il candidato premier del M5S Luigi di Maio

5) Il piddì sta aspettando l’assist del suo Mattarella, per rientrare in gioco a sorpresa. Subito dopo il voto, ancora e sempre nelle mani di Renzi, è salito su un grottesco Aventino, apparentemente chiamandosi fuori dai giochi. Si può credere che il piddì faccia l’opposizione al suo stesso governo Gentiloni, ancora in carica con la benedizione di Mattarella e non solo per gli affari ordinari, data l’espulsione dei diplomatici russi? Il piddì aspetta il momento buono dopo la malaparata del mandato esplorativo alla presidentessa forzaitaliota del senato, per farsi avanti in coordinamento con Mattarella, che si rivelerà degno sostituto di Napolitano. Infatti, il piddì si tiene pronto con i suoi tre punti programmatici, che sono fuffa propagandistica come sempre: inclusione, famiglia, lavoro.

6) Infine la legge elettorale (quasi) proporzionale, voluta da piddì e Berlusconi, ma accettata frettolosamente anche da Salvini, che non avrebbe permesso, come si sapeva fin dall’inizio, il rapido formarsi di maggioranze di governo troppo in linea con il voto degli italiani.

********

Dove voglio arrivare?
Voglio semplicemente presentare due ipotesi, per il prossimo futuro.

PRIMA IPOTESI
Se dopo la Casellati al senato, il mandato esplorativo dovesse essere concesso da Mattarella a Fico (come avvenuto), presidente della camera, anche qui ci potrebbe essere la “delimitazione del perimetro”, in termini di tempi e di partiti, pensata per far fallire Casellati.
Si tratterebbe, in tempi limitati, di esplorare la possibilità di un governo fra cinque stalle e piddì, magari con l’appoggio dei pochi Leu, quattro al senato e quattordici alla camera, oppure con la “benevolenza” di Berlusconi, che impegnerebbe forza Italia già moribonda, accelerandone la fine, e giocando un brutto tiro a Salvini.

Come risolveranno, in tal caso, il vulnus della presidenza del consiglio, tanto cara a Di Maio rampante, forse con Fico stesso o incaricando un’altra personalità accettata da tutti?
Potrebbe essere anche lo stesso Di Maio a ricoprire la carica, perché è possibile che il piddì, tornato improvvisamente in gioco, lo accetti a sorpresa digerendolo tutto, con grande sollievo dell’Alta Finanza globalista …
Ciò rappresenterebbe un punto a favore di Mattarella, perché un siffatto governo monstre, che mette improvvisamente insieme gli “alternativi” – ma non più tali su euro e atlantismo! – scongiurerebbe a favore dei dominanti globali un esecutivo Cinque Stalle e Lega, seppur transitorio per tornare alle urne, che per loro è l’ipotesi peggiore.

Inoltre, vista la presenza preponderante del 5 stalle, si potrebbe affermare che la volontà popolare, espressa con il voto politico del 4 di marzo, non è stata calpestata per l’ennesima volta, visto che 5s è il partito più votato.
Ancora inoltre, Mattarella avrebbe rispettato le prerogative della sua carica, nonché tutte le istituzioni e la costituzione!
Per irrobustire la maggioranza di governo, soprattutto al senato, potrebbe partire una “campagna acquisti” (o scouting, secondo il fallito Bersani dopo le politiche del 2013) di parlamentari neo eletti che non hanno voglia di veder finire in un lampo la XVIII legislatura … Costoro vorranno mantenere il più a lungo possibile il comodo posto ben pagato, essendo questo il loro scopo (non troppo?) recondito.

SECONDA IPOTESI
Se la prima ipotesi non andasse in porto e anche qualche altro tentativo per il nuovo governo fallisse, si potrebbe ricorrere, come Regum di ultima ratio, a un “governo del presidente”, se non tutto tecnico, per non suscitare proteste risultando troppo sfacciati, almeno semi-tecnico, con una personalità “di valore” accettata dalla nuova maggioranza, come ad esempio il tagliatore di spese, proveniente dal FMI, Sergio Cottarelli, noto “revisore” della spesa pubblica già in Osservatorio.
Si badi bene, Cottarelli è un possibile candidato, ma ce ne saranno altri, perché la scelta di personaggetti non manca (che ne dite di Tito Boeri, attualmente all’INPS, o di Ignazio Visco, in Bankitalia?).
Si tratterebbe di un governo molto gradito all’Alta Finanza, in carica per un periodo di tempo limitato, con scopi limitati, ma, ci scommetto, coerenti con le “direttive europee” e troikiste, più che con le aspirazioni di un elettorato che non ha votato per questo (semmai contro il piddì e le “regole europee”!).

S. Cottarelli, revisore dei conti

Con il “Pilota Automatico” di Draghi ancora innescato, con tanto di rispetto delle “clausole di salvaguardia” (lo spauracchio degli aumenti IVA!), potrebbe propinarci una tanto agognata nuova legge elettorale per tornare alle urne …
La maggioranza si troverebbe nel nuovo parlamento, perché piddì e forca Italia ci si butterebbero a corpo morto e il cinque stalle potrebbe dare il suo apporto, forse soltanto con una parte dei seggi che attualmente occupa, non potendosi escludere una sua (drammatica?) spaccatura, cosa che farebbe gioire ancor di più l’Alta Finanza globalista.
Bene ancora una volta per Mattarella e anche Berlusconi al crepuscolo, appoggiando un “governo del presidente” e, naturalmente, della troika, potrebbe avere qualche soddisfazione …
********

Sia che si verifichi la prima ipotesi, sia che si concreti la seconda, o qualcosa di molto simile a queste, gli sconfitti non saranno Salvini e Meloni e, forse, lo stesso Di Maio a livello di ambizioni personali, ma soprattutto gli italiani, che ancora una volta saranno andati alle urne colmi di sciocca speranza per assistere all’ormai “eterno ritorno delle stesse cose”, da Monti in poi.
Non preoccupatevi, elettori incalliti: non resterete sine die senza governo!
Ci stanno pensando le marionette dell’Alta Finanza trionfante …

Eugenio Orso

Tratto da: Arianna Editrice

29 Commenti

  • STREICHER
    26 Aprile 2018

    Non so Se Orso ricorda ma LA vicenda che sta passando l’Italia ricorda un certo olmert preso fuori onda che dettava a un prodi scolaro con penna e calamaio attento come non mai a scrivere quel che Ilpadrone gli dettava, scena epica che ha fatto il giro del mondo successivamente nascosta dai Media, si puo trovare ancora sul Web,ora siete allo stesso Punto aspettate che arrivino gli Ordini da Israele, le comparse Cambiano ma Israele rimane a dettare PS sono sempre Herzog

    • Roberto
      26 Aprile 2018

      Il tuo modo di scrivere da psicotico è inconfondibile.

      • NESSUNO
        27 Aprile 2018

        inaudita la faccia da culo,l’assenza assoluta di valori personali e nazionali.
        questa e’ gente senza anima,letteralmente.
        dissi tempo fa che ci vorrebbe un tribunale popolare per giuducare e punire
        i traditori della patria.

  • giannetto
    26 Aprile 2018

    Il tutto era stato amplissimamente previsto assai per tempo da una manciata di “pessimisti” (tra i quali il sottoscritto). Perciò non si venga adesso a parlare di “sciocca speranza” agli orecchi di chi (ripeto: assai per tempo) vi aveva allertato su un nietzscheano “eterno ritorno dell’identico”.
    – Scoprire adesso che i fessi sono stati, ancora una volta, boccaccescamente sfessacchiati dagli sfessacchiatori, è patetico, e significa solo voler restare a galla con la bandierina a pel d’acqua, parassitando il pensiero (già spocchiosamente ignorato) di chi le funge da boa di supporto, semisommersa.
    -Tra la manciata di “pessimisti” (quelli dei tempi non sospetti) non ho ovviamente incontrato NESSUN blogger “di fama” (oramai essi sono il mainstream del meanstream). Perfino Blondet è riuscito, diverse volte, a “dare i numeri”. Somiglia a quegli indovini di cui parla Cavalcante dei Cavalcanti nel X dell’ “Inferno”: che vedon bene le cose lontane, ma, quando s’avvicinano, la loro vista s’annebbia.
    – Al governo del presidente ci si sarebbe mai arrivati se il 90% dei votanti si fosse astenuto? Probabilmente sì, ma con simile colpo di stato il totalitarismo “di fatto” (com’è ora) avrebbe assunto anche la sostanza formale di un “totalitarismo di diritto”. E allora che sarebbe successo, dopo un tale ko alla squisita “sensibilità democratica” degli italiotuzzi?
    – Pongo ipotetici interrogativi. Penso che anche in quel caso non sarebbe successo proprio nulla, perché siamo agli antipodi di quel che scriveva Marx nel “Manifesto”: il popolo non ha altro da perdere che le proprie catene. In realtà in quest’epoca post-moderna, ove il popolo non esiste più, ma esiste un suo surrogato , è palese che esso AMA le proprie catene. Sostituisci alle catene del corpo quelle della mente, e tutto per il Potere fila a meraviglia! Peccato che in passato fossero tecnologicamente così indietro da poter reprimere solo con il manganello. … oh dio… anche oggi c’è Guantanamo, ma solo per gli irriducibili, non per le masse felici di vivere panglossianamente nel migliore dei mondi possibile.
    – Con animo sollevato, e un occhio al tG24, e l’altro a Hollywood, gli italioti si dispongano dunqua a nuova macelleria sociale. Come i proles di Orwell che, senza avere le lamette da barba, si consolavano con il gambling, essi si consoleranno con il calcio e con Facebook.
    Auguri anali!!

  • claudio
    26 Aprile 2018

    Mo si scoprono tutti fascisti.. e cassandre.. mi spiace ma il marchio è già registrato.

  • HERZOG
    26 Aprile 2018

    Io l’oracolo l’ho fatto ,a Natale salgono I Fascisti a governare ,un colpo di stato verrebbe ad hoc siete senza governo pieni di negroni Senza soldi che vi tromban le donne peggio di cosi … Siete in uno stato di infelicita e di pietismo che fa impressione verso della gentaglia che non sapeteneppure da dove e’ uscita da galere guerre ecc LA feccia insomma che pure loro non se ne capacitano iNtendo I governi Africani,vedere come l’Italia accoglie LA loro faccia a braccia aperte e ne vuole sempre di piu . E poi e’un mio desiderio tornare in pompa magna con una Bella svastika ,lo faccio tutti I giorni qui con i Thai che mi lasciano il passo ( hanno altri problem I a cui pensare)

    • Pippo
      26 Aprile 2018

      Macchè, ormai si è tutti froci, nessuna rivoluzione lo si prende nel culo con gusto!

    • claudio
      26 Aprile 2018

      Caro herzog, ti sei letto i commenti dell’articolo sul m5stronzi dell’altro giorno?? Hai notato quanti commentatori, per me nuovi, che hanno fatto da corredo all’articolo?? Bene!! Ora dimmi: ma dove vuoi andare con questa manica di idioti?? Gente che se risvegliata potrebbe suicidarsi.. animali parlanti, veri e propri.. fascisti VERI ce ne sono pochi, il Credo fascista è stato disperso in 1000 rivoli.. quelli rimasti, se dovessero prendere il potere, ma non si capisce come, avrebbero un compito così difficile da compiere che, probabilmente, impazzirebbero.. io parlo della Vera Dottrina Fascista, che sia chiaro.. perchè, e non è il tuo caso, se vedessi qualcuno inneggiare ad Hitler per aver ammazzato 6 milioni di ebrei lo butterei in un campo di rieducazione.. capisci si?? Non dico che non accetterei la sfida, dico che sarebbe un’impresa ancora più grande di quella di Mussolini stesso.. e questo proprio per come stiamo messi oggi… ma tu pensa solo a quelli che manifestano il loro orgoglio perchè se lo fanno piantare nel culo… mica era così al tempo del Duce…

  • STREICHER
    26 Aprile 2018

    Visto che va di moda autoavvilirsi ,piu nessun spirito di rivolta proni in tutte le posizioni ai piedi dei negroni come dice pippo ecc ,ecco visto tutto cio voglio per una Volta buttarla li’ fare lo spaccone da bar ,una migliaiata di me o di lei claudio “vestiti ” di tutto punto e caricati il giusto se ne troveranno in Italia o no? Ci Sara pure qualcuno su 60 milioni stanco di farsi prendere in culo da delle mummie o da delle checche bugiarde ,prima c’era LA bodrini adesso al suo posto una checca lo ha detto Adinolfi :” con Fico ha vinto LA lobby gay” ,se nessuno si muove bisogna dedurne che ormai i negroni si sono integrati e talvolta anche ” inseriti “egregiamente nella societa’ italiana ,dovrete fare incetta di “lube”vi potrebbe servire e far comodo , un video che puo rinsaldare lo spirito de gli italiani digitate:” alessandro piva il mio doc pasta nera” Bello !

    • claudio
      26 Aprile 2018

      Si, un migliaio si trovano, anche di più, ma non bastano.. a pochi km in linea d’aria dal parlamento c’è la caserma di tor di quinto con le teste di cuoio e gli elicotteri.. davanti all’ingresso posteriore c’è la caserma di san lorenzo in lucina.. sotto non sappiamo con certezza ma ” si dice ” che ci siano uomini pronti a tutto ed in assetto.. davanti ci sono ostacoli a scomparsa e blindati o semiblindati.. Su una torretta ci sono i ripetitori delle antenne, intorno, e non so dove, ci sono uffici e postazioni militari…che ti credi, herzog / streicher, che sia una passeggiata di salute?? Un giorno che eravamo li davanti con tanto di bandiera della RSI venne la digos che sta all’interno del parlamento stesso e ci disse chiaramente che dovevamo togliere bandiere e vessilli e che ci avrebbero fatto passare solo se fossimo arrivati lì con un milione di persone.. io avevo pure un paio di sistemi per portare lì la gente ma non mi è riuscito di realizzarli.. morirò con le mie idee in testa.. loro moriranno con me.. la gente non si fida e fa bene.. non sai mai con chi stai parlando, rischi di fare la fine dei leghisti di san marco per niente, per 2 chiacchiere in libertà..da qui capisci che non sono uno che non pensa o che non sia pronto ad agire.. non ho bisogno di vedere video, sia detto senza offesa, io, avendone la possibilità, i video li creo…e non solo quelli.. invece mi ritrovo qui a scrivere di sogni..

      • Mardunolbo
        27 Aprile 2018

        Caro Claudio, quando ci fu la manifestazione “pro famiglia” arrivarono a Roma almeno un milione di persone (tra “cattolici” ed altre religioni).
        Di questi togliamo donne e bambini e rimarrebbero almeno 300000. Togliamoci pure gli ultrasettantenni e ne rimanevano 200/250.000. Potevano occupare il Parlamento ? Si, certo se solo le zucche allineate alla legge che comandavano la gente, avessero deciso per l’occupazione…Ma figuriamoci se i bambocci “cattolici” bergogliani ardirebbero di fare cio’ ! Era l’unioc momento in cui si sarebbe potuto fare qualcosa di epico. Non parliamo degli Alpini, di cui faccio aprte, perche’ e’ fiato sprecato; chi e’ nella dirgenza dell’associazione? Gli ammanicati, i servili ed i garantisti delle “istituzioni democratiche”. Quindi, “nisba” anche da questo fronte !
        Se poi il povero Herzog, lontano migliaia di miglia, ritiene con grande fantasia di fare profezie velleitarie sul poppppolo italiano, ah, beh, si beh !
        La vedremo, magari e’ di auspicio !

    • Mardunolbo
      27 Aprile 2018

      “alessandro Piva ,il mio doc in pasta nera” filmetto semplice e ordinario. Non ho trovato nulla di eclatante !

  • Animaligebbia
    26 Aprile 2018

    Ebbene si!Siamo nello stallo piu’ completo,sono uno dei coglioni che ha votato,e forse sono stato coglionato,e’ vero,ci puo’ stare.Con tutto il rispetto per gli astensionisti,che’ ognuno ha i suoi buoni motivi per agire come sa,senza questo “spostamento verso i movimenti sovranisti o identitari avremmo renzi ancora tra le palle col 20%,o forse meno.Non mi illudo che con una singola elezione ci si possa liberare dalla gabbia atlantista; siamo un paese per molti versi sotto tutela,con la gran parte delle istituzioni completamente inquinate dalla presenza massonica a tutti i livelli,polizia,magistratura,industria,politica,forze armate,servizi.Basti vedere gli avvertimenti mafiosi degli ultimi giorni,i bosniaci fermati al confine con armi da guerra ed esplosivi e da ultimo,poche ore fa,il gambiano che si preparava ad un attentato stile Nizza.Sappiamo cosa ci aspetta se usciamo dal sentiero tracciato per noi,resisteremo?

  • HERZOG
    27 Aprile 2018

    Poche storie mardunolbo quel filmato che ho indicato e’ una boccata d’aria fresca ,”Alessandro piva il mio doc pasta nera” questi filmati, lei non puo Capire mard .da ultraottantenne ,lavorano sul morale degli italiani E’ nei momenti come questi che serve fare mucchio contro I traditori,sul fatto che dice Claudio sono convinto che non e’la forza delle armi ma e’ il numero di chi va a protestare che conta ,mettere in galera 2-3 di Stormfront non e’ come metterne 1000 – 2000- o anche di piu,con numeri cosi viene giu il sistema democratico non vi stanno neanche le celle ! ,I media e internet servono anche a quello a spaventarvi e a farvi vivere nella paura di modo che non vi muoviate che le “bestie” se ne stiano Docili e che non recalcitrino ,con me possono star tranquilli che si mettano pure I’ll cuore in pace, O che vengono a farsi LA vacanza oppurecontinuo come un Aqulia ( e’ pur sempre qualcosa)

  • claudio
    27 Aprile 2018

    Allora, alla manifestazione provita c’ero pure io in prima fila, c’erano famiglie intere, non paramilitari decisi a tutto.. e sono riusciti ad arrivare, badate bene RIUSCITI, proprio per il carattere della manifestazione.. roba che per il movimento 9 dicembre in piazza del popolo la digos deviava i pulmann, impediva l’accesso ai treni ai manifestanti.. cercò in tutti i modi di impedire la formazione di una grossa folla in piazza.. eravamo a 600 metri dal parlamento e le vie di comunicazione erano sature di blindati.. arrivarono pure quelli di casa pound accolti con calorosi applausi, ma il movimento dei forconi non venne, il sindacato dei camionisti fu blandito con una piccola miglioria e non venne, ai carabinieri ed ai poliziotti riconobbero un piccolo aumento che aspettavano da anni e quindi da bravi servi ciechi se ne fotterono ampiamente di noi e del futuro dell’italia.. t’ho detto, a me i filmati non interessano.. non faccio il critico cinematografico, io sono un rivoluzionario, un fascista.
    a quel coglione di atlas, ex caramba, manco rispondo, lui è sempre stato al servizio di questo stato, quindi dei giudei, di berluxcohen come lo chiama lui, ma anche di d’alema, di renzi, di scalfaro… e rompe i coglioni a me. Stai zitto, MERDA.

    • claudio
      27 Aprile 2018

      3 anni a fare il servo dei giudei.. e non ti vergogno??
      Te qui sei l’unico stupido che non ha capito che per me berlusconi è come gli altri.. con l’unica differenza di aver coltivato l’amicizia con putin, di aver fatto un accordo con la jamahiria libica e di aver studiato un piano per uscire dall’euro.. basta.il resto te lo inventi te perchè con me perdi sempre e fai figure demmerda…

  • Eugenio Orso
    27 Aprile 2018

    Sono lieto che il mio articoletto (anche su ComeDonChisciotte, Arianna e altri) abbia suscitato qualche commento, pur in certi casi giustamente feroce e, soprattutto (onore al merito), politicamente scorrettissimo …
    La mia analisi è di una settimana fa circa, quando era ancora in piedi la kermesse con la Casellati e Di Maio tirava per la giacca Salvini, per fare un governo “rivoluzionario”(!)
    Ora, i 5s di sicura fede atlantista – si sono scoperti tali dopo le elezioni, grazie a Di Maio – saggiano quella che è, per me, la PRIMA IPOTESI gradita all’Alta Finanza (mi si passi il termine generico ma efficace …), cioè un governo/inciucio con il piddì falsamente aventiniano.
    Staremo a vedere dove andranno a parare …

    Cari saluti

  • HERZOG
    27 Aprile 2018

    Psicotico una cippa ,io Porto Nomi libri video che sono nascosti o dimenticati o peggio censurati nel web,di sicuro se si vuole fare come gli struzzi e’ piu comodo e meno stressante accomodatevi pure fate un piacere al buon pastore ebreo che gia di Suo vi considera goym- bestie ,il mio cercare di aprirvi gli occhi a me provoca solo malumore sono qui con nettare e miele e invece mi spompo come un ladro per mettervi in Guardia.Sull’Orso I’ll suo articolo era da alceste da quelle parti ci sono sbattuto per caso ,Alceste Non mi piace piu un involuzione inspiegabile , I suoi commentatori poi sono dei provocatori di crisi d’ansia me ne sto lontano come dai gatti neri , adesso vado a fare un commento LA’ ,ho gia visto che se scrivo di quanto bene voglio ai circoncisi alceste mi cestina preferisce il nulla sotto vuoto dei suoi intirizziti lacche’

    • Roberto
      30 Aprile 2018

      Scrivi da psicotico per il tuo modo assurdo di stravolgere la lingua italiana.
      Leggere i tuoi commenti sgrammaticati con le maiuscole buttate lì a casaccio è estremamente irritante.
      Personalmente del fatto che stai in Tailandia me ne batto altamente la ciolla se pensi di essere invidiato per questo visto che lo rimarchi continuamente.
      Per quanto mi riguarda non ho certo bisogno dei tuoi consigli in fatto di letture, soprattutto alla luce del fatto che scrivi peggio di un bambino delle elementari.
      Dostoevskij, Shakespeare, Celine, tanto per citare qualcuno hanno scritto sui giudei ben prima di te e con uno stile decisamente più piacevole. Faurisson, Gianantonio Valli, i fratelli Mattogno li ho letti senza bisogno del tuo eroico sforzo quindi, e parlo sempre per me, magari qualcun’altro apprezza i tuoi commenti dadaisti, puoi goderti i pompini delle in santa pace e magari sfrutta il tempo che ti rimane per studiare la lingua italiana.

  • Max
    27 Aprile 2018

    Comitato Liberazione Nazionale Veneto, primo comitato riconosciuto dall’ONU.
    Autodeterminazione dei popoli leggi 881/1977 e 212/2010. Noi ci proviamo con azioni concrete sul territorio per risvegliare le masse.
    Azione di una persona per smuovere 3, poi si moltiplicano. Tutto il resto è aria fritta.

    • claudio
      27 Aprile 2018

      Non sono d’ accordo max.. così voi fate solo il gioco dei giudei..e basta.
      un pò come la catalogna, o il kosovo, le elites hannp tutto l’interesse a frazionarci per dominarci meglio ed il fatto che siate riconosciuti dall’ onu ne è la prova più lampante.. conosco già la tua risposta: e chissenefrega?? Tanto noi diventeremo autonomi.. non diventerete altro che una preda ancor più facile. Quindi la tua è aria fritta.. o bollita, come preferisci..

      • claudio
        28 Aprile 2018

        Questa risposta idiota è esattamente quello che mi aspettavo da te.. sei un idiota prevedibile.. non hai nemmeno estro nelle tue idiozie.. se dovessi decidere io i rinnegati come te li impalerei sulla pubblica piazza.. e i bevipiscio tutti nel termovalorizzatore per essere finalmente utili a qualche cosa..

  • Mario Rossi
    28 Aprile 2018

    Mi sa che l’articolo di ce giusto, infatti, come tutti ben sanno, la legge elettorale era fatta apposta per un accordo post voto Renzi -Berlusconi, lo sanno tutti. Il problema è stato che molti italiani, almeno quelli al di fuori del ventre di vacca del sistema, hanno guastato il piano(ancora la costituzione è in vigore). Ora le mosse possibili sono esattamente queste 2. Quello che mi domando è: Di maio è in buona fede o è già comprato? Perchè se è in buona fede gli faccio un appello affinchè consideri la strada di appoggiare, previo accordo scritto, un governo di Salvini. La strada è semplice, il PD sarebbe fuori dai giochi per sempre, Berlusconi sarebbe un animale in gabbia perchè avrebbe tanti ministeri si, ma non conterebbe nulla perchè Salvini e Di maio hanno i voti per fare quello che vogliono. La strada è così semplice per rovesciare il sistema che mi domando perchè non la si vuole vedere. Anche se Qualcuno si mettesse di traverso se ne dovrebbe assumere le responsabilità davanti al paese. Se non viene percorsa questa strada mi domando allora Di maio cosa vuole ottenere o cosa ha già ottenuto per fare tutte queste cazzate. Di maio ti faccio un appello, tutto il mondo rimasto ancora produttivo in italia vuole che appoggi un governo Salvini dall’esterno, nessuno dice che devi metterti a trattare con un mafioso come Berlusconi, non lo farei nemmeno io, ma devi appoggiare Salvini, devi mettere il sistema alle strette facendo in modo che esca allo scoperto. Se non si vuole un governo Salvini appoggiato dall’esterno dal 5s devono dirlo in piazza alla gente. Nessuno potrebbe ostacolare una crescita di queste nuove realtà perchè avete già i voti per governare e fareste in modo di far ricadere qualsiasi colpa su chi opera nel torbido per raggirare le cose. Se non fate così siete finiti anche voi e allora sarà inutile andare ancora a votare

    • claudio
      28 Aprile 2018

      Mario rossi, con la chiusura finale al tuo commento dimostri di essere quasi maturo.. ci sei quasi.. Devi solo cambiare il tempo del verbo.. da sarà a ” è ” inutile votare.. forza!!

  • STREICHER
    30 Aprile 2018

    Roberto lei mi rincuora ,il suo parlare mi fa capire che sono nel giusto ,tant’e’ che nessuno LA obbliga a leggere quello che scrivo o seguire I consigli di lettura, sullo specifico e mi riferisco sul dire spesso da dove digito e’ per correttezza dal momentous che ho in USO cellulari infami da 400 bath (9- 10 euro)tastiera Khmer oppure dei true move ( l’utente Nessuno lo sa si trovano nei 7/11 e solo per I locali)sempre 400 bath, e per finire come ho gia risposto a Mardunoglio precedentemente o che lei sta alle Hawaii o e’ meglio che se ne stia in in moderato silenzio ,qui si e’ al Top se ne faccia una ragione ,anzi invito tutti a disertare il suolo italiano 1 mese all’anno( anche 2 sett van bene) per venr qui Terra di “canaan ” da dove sgorgano nettare e Miele,vi ingrandireste di colpo una botta di autostima da raggiungere tali altezze da farla in testa ( se ce l’avesse )al Vacchi e al Briatore.

    • Roberto
      30 Aprile 2018

      Io vivo e lavoro in un paese tropicale sull’oceano indiano da tre anni ma non me ne vanto, ogni persona proviene da situazioni differenti e fa le sue scelte, non critico e non mi sento superiore a chi non espatria, come odiosamente fa lei.
      Anzi spesso mi domando se non sia stato un vigliacco a lasciare la mia patria invece di restare e lottare.
      Quella del telefono mi pare una minchiata e comunque giustificherebbe gli errori grammaticali ma non certo la sintassi. Non per fare il maestrino ma questo suo modo di scrivere è illeggibile nonostante i contenuti possano anche essere interessanti. Se non è in grado di scrivere senza martoriare la nostra amata lingua nessuno la obbliga a commentare in un blog, dove inevitabilmente verrà letto da altri.
      Il fatto che si senta investito dalla missione di aprire gli occhi all’umanità è semplicemente ridicolo.
      Si goda la pensione nella terra dei thai

  • TDREXLEER
    30 Aprile 2018

    Primo non ho pensioni ,secondo sui cellulari ho detto LA pura verita,terzo io non faccio a livello intellettuale paragoni con nessuno anzi,per quanto mi Riguarda l’italia e’ bellissima , qui pero la Thailand lo e’ di piu thailand caput mundi ,poi se LA chiama superiorita’ per me va bene .Sul dare consigli di lettura video e altro mi sembra che internet almeno su quello venga chiamato social apposta ,da lei comunque non mi pare che sia arrivato mai nessun imbeccata ,visto il personaggio angusto meglio se li tenga per lei

    • Roberto
      30 Aprile 2018

      Qui pero (albero da frutto?) la Thailand (inglese?) lo è di più (sintassi?) thailand (minuscolo?)
      caput mundi (inglese latino?) (due spazi), poi se LA (ancora ste cazzo di maiuscole) chiama superiorita’ (appstrofo?) per me va bene (frase priva di senso logico).
      E qui chiudo visto che sembra la versione scritta della parlata di Jimmy il fenomeno.
      Io non la insulto, anzi devo dire che mi sta pure simpatico ma veramente non la si può leggere.
      P.S. Vivo in un paese dove molta gente vive con un euro al giorno ma un telefono decente ce l’hanno più o meno tutti. Miracoli della globalizzazione. (Ironia)

Inserisci un Commento

*

code