"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

WASHINGTON ACCUMULA BUGIE SU BUGIE

Blindati russi

Di Paul Craig Roberts

L’ultima bugia di Washington, che questa volta viene dalla NATO, è che la Russia abbia invaso l’Ucraina con 1.000 soldati e artiglieria motorizzata.
Come facciamo a sapere che è una bugia? Forse perché non abbiamo sentito che menzogne dalla NATO, dall’ambasciatrice statunitense all’ONU Samantha Power, dall’assistente segretario di stato Victoria Nuland, da Obama e il tutto il suo regime di bugiardi patologici, e dai governi britannico, tedesco e francese, oltre che dalla BBC e dal complesso dei media occidentali? Questa ovviamente sarebbe già una buona ragione per sapere che l’ultima propaganda occidentale è una bugia, visto che i bugiardi patologici di punto in bianco non si mettono a dire la verità.

Ma ci sono ragioni ancora migliori per capire che la Russia non ha invaso l’Ucraina con 1.000 soldati.


Una di queste è che Putin ha investito pesantemente nella diplomazia, supportandola con un comportamento non provocatorio. Certo non rischierebbe di compromettere la diplomazia inviando soldati in numero peraltro non sufficiente ad ottenere un effetto decisivo.

Foto satellitari truppe russe

Un’altra ragione è che, se Putin decidesse di non avere alternativa all’invio dell’esercito per proteggere i residenti russi in Ucraina orientale e meridionale, manderebbe soldati in numero tale da sbrigare il lavoro in fretta, come fece in Georgia quando l’esercito georgiano, addestrato da USA e Israele, invase l’Ossezia del Sud e venne distrutto in poche ore dalla risposta russa. Se doveste sentire che 100.000 soldati, accompagnati da copertura aerea, hanno invaso l’Ucraina, ecco questa sarebbe un’affermazione più credibile.

Una terza ragione è che l’esercito russo, per fermare i bombardamenti sulla popolazione russa effettuati dal governo fantoccio di Washington a Kiev, non avrebbe bisogno di inviare soldati in Ucraina. L’aviazione russa potrebbe facilmente e rapidamente distruggere l’aviazione e l’artiglieria ucraina, fermando così l’attacco ucraino alle province secessioniste.

Solo due settimane fa, dal britannico Guardian e dalla BBC era stato diffuso un resoconto inventato secondo cui un convoglio corazzato russo era entrato in Ucraina ed era stato distrutto dall’esercito ucraino. Due settimane prima di quello avevamo la bufala delle immagini satellitari presumibilmente fornite dal Dipartimento di Stato USA e che il corrotto ambasciatore statunitense a Kiev aveva diffuso sui social media, secondo cui le forze russe stavano sparando in Ucraina. Tra una o due settimane avremo un’altra bugia, e una o due settimane dopo di quella ne avremo un’altra, e così via.

Sulla maggioranza delle persone, l’effetto cumulativo di bugie su bugie risulta nell’opinione che la Russia non stia facendo niente di buono. Una volta consolidata questa opinione, i governi occidentali potranno procedere contro la Russia con mosse più gravi.
La presunta entrata di 1.000 soldati russi in Ucraina è stata dichiarata dal brigadiere generale della NATO Niko Tak “una significativa intensificazione dell’interferenza militare russa in Ucraina”.

La campionessa delle bugie Samantha Power ha detto al Consiglio di Sicurezza USA che “la Russia deve smetterla di mentire.” L’ambasciatore britannico all’ONU ha affermato che la Russia è colpevole di “una chiara violazione della sovranità del territorio ucraino.” Il primo ministro britannico Cameron ha avvertito la Russia di “ulteriori conseguenze”. La cancelliera tedesca Merkel ha annunciato che ci saranno più sanzioni. Un consigliere del Consiglio di Sicurezza tedesco ha dichiarato che “la guerra contro la Russia è un’opzione.” Il ministro degli esteri polacco Sikorski ha definito il presunto episodio come un’aggressione russa che richiede una risposta internazionale. Il presidente francese Hollande ha dichiarato il comportamento della Russia “intollerabile”. Il consiglio di sicurezza ucraino ha imposto la leva obbligatoria.

La spinta suicida dei leader europei verso la guerra contro la Russia è interamente basata sull’evidente bugia che 1.000 soldati russi siano entrati in Ucraina.
Ovviamente i media occidentali vi hanno dato seguito a passo serrato. La BBC, la CNN e Die Welt sono tra i più spericolati e irresponsabili.

La montagna di bugie accumulata dai governi e dai media occidentali ha oscurato la storia vera. Ossia: il governo USA ha orchestrato il rovesciamento del governo legittimo dell’Ucraina e imposto a Kiev il suo burattino. Il governo burattino di Washington ha quindi cominciato a minacciare e perpetrare violenza contro le popolazioni russe degli ex territori russi annessi all’Ucraina dai leader sovietici.
La gente russa in Ucraina orientale e meridionale ha resistito alle minacce.

Washington accusa continuamente il governo russo di supportare la popolazione nei territori che hanno votato per separarsi dall’Ucraina. Non ci sarebbe guerra, dice Washington, se non fosse per il supporto russo. Ovviamente, però, Washington potrebbe facilmente fermare la violenza ordinando al suo governo marionetta a Kiev di fermare i bombardamenti sulle province ex russe. Se la Russia può dire ai “separatisti” di non combattere, altrettanto può dire Washington a Kiev.

I fatti portano alla sola conclusione che Washington è determinata a coinvolgere l’Europa in una guerra contro la Russia, o almeno in un distacco armato, al fine di rompere i rapporti politici ed economici tra Europa e Russia.

I leader europei si prestano al gioco perché i paesi europei, con l’eccezione della Francia di Charles de Gaulle, non hanno più avuto politiche estere indipendenti dalla fine della seconda guerra mondiale. Seguono la guida di Washington e sono ben pagati per farlo.

L’incapacità dell’Europa ad esprimere una leadership indipendente condanna al fallimento la diplomazia di Putin. Se le capitali europee non possono prendere decisioni indipendentemente da Washington, per la diplomazia di Putin non esiste campo di applicazione.

Da notare che la nuova bugia sull’invasione russa è stata diffusa proprio il giorno successivo all’incontro tra Putin e il vassallo ucraino di Washington, per assicurarsi che nulla di buono potesse derivare dall’iniziativa diplomatica in cui Putin aveva investito tempo ed energie.

L’unico interesse di Washington è l’egemonia. Washington non ha interesse a risolvere la situazione da essa stessa creata per portare disagio e confusione in Russia. A meno che la situazione non venga risolta dal collasso economico ucraino, più Putin aspetta a risolverla con la forza, più difficile tale compito diventerà.

Fonte: Paul Craig Roberts

Traduzione : Anacronista

*

code

  1. Ares 2 anni fa

    Ormai è evidente si cerca di sottomettere la Russia o fargli guerra se questa non è d’accordo, per l’occidente è trovare il modo di addossargliene la responsabilità ad uso e consumo dei libri di storia futura, mai chiedo cosa farà la Cina con l’occidente sempre più minaccioso ed alle porte di casa ?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Alessandro 2 anni fa

      Bravissimo, ottima domanda, perché Russia e Cina non reagiscono alla politica ormai evidente di accerchiamento militare operato nei loro confronti dalla NATO? Ce lo chiediamo in tre: io, tu e Roberts stesso. Altrimenti si vedranno entrambe circondate da uomini, mezzi e bombardieri USA/NATO e dovranno sottomettersi agli USA, che resterebbero la sola superpotenza a quel punto.
      Forse non agiscono in maniera evidente per non addossarsi la responsabilità di scatenare un ormai probabile conflitto su larga scala, ma credo che sottilmente stanno allestendo delle efficienti contromisure.
      L’Europa non è un problema, basta ricattare con le valvole del gas e i nostri politici europei, se ragionevoli, abbasserebbero la cresta, il fatto è che con gli USA ci sentiamo potenti e inattaccabili.
      Purtroppo l’Europa, anzi il PROTETTORATO EUROPEO non sembra essere governato da uomini coscienti proprio perché appunto si tratta di un protettorato europeo, ma davvero, non è ironia, infatti gli USA, superiori in potenza militare, intendono da sempre difendere il proprio protettorato europeo più debole di essi prima dall’ex Unione Sovietica ed oggi dalla Russia tramite basi militari americani, scudi missilistici ABM ed espansione della NATO. Una potenza maggiore (USA) difendono una potenza minore (l’Europa) pur se questa non è una colonia della maggiore, non sono le caratteristiche di un protettorato?
      Quanto agli USA, ahinoi, sembrano avere interesse ad un conflitto grosso, tanto la loro superiorità militare è indiscussa (ovviamente escludendo olocausto nucleare o termonucleare senza vincitori) altrimenti il debito pubblico trilionario chi lo pagherà? E Putin, che sta avviando la de-dollarizzazione del mondo, chi lo fermerà?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Alessandro 2 anni fa

    Bravissimo, ottima domanda, perché Russia e Cina non reagiscono alla politica ormai evidente di accerchiamento militare operato nei loro confronti dalla NATO? Ce lo chiediamo in tre: io, tu e Roberts stesso. Altrimenti si vedranno entrambe circondate da uomini, mezzi e bombardieri USA/NATO e dovranno sottomettersi agli USA, che resterebbero la sola superpotenza a quel punto.
    Forse non agiscono in maniera evidente per non addossarsi la responsabilità di scatenare un ormai probabile conflitto su larga scala, ma credo che sottilmente stanno allestendo delle efficienti contromisure.
    L’Europa non è un problema, basta ricattare con le valvole del gas e i nostri politici europei, se ragionevoli, abbasserebbero la cresta, il fatto è che con gli USA ci sentiamo potenti e inattaccabili.
    Purtroppo l’Europa, anzi il PROTETTORATO EUROPEO non sembra essere governato da uomini coscienti proprio perché appunto si tratta di un protettorato europeo, ma davvero, non è ironia, infatti gli USA, superiori in potenza militare, intendono da sempre difendere il proprio protettorato europeo più debole di essi prima dall’ex Unione Sovietica ed oggi dalla Russia tramite basi militari americani, scudi missilistici ABM ed espansione della NATO. Una potenza maggiore (USA) difendono una potenza minore (l’Europa) pur se questa non è una colonia della maggiore, non sono le caratteristiche di un protettorato?
    Quanto agli USA, ahinoi, sembrano avere interesse ad un conflitto grosso, tanto la loro superiorità militare è indiscussa (ovviamente escludendo olocausto nucleare o termonucleare senza vincitori) altrimenti il debito pubblico trilionario chi lo pagherà? E Putin, che sta avviando la de-dollarizzazione del mondo, chi lo fermerà?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Idea3online 2 anni fa

    Perché Russia e Cina non reagiscono alla politica ormai evidente di accerchiamento militare operato nei loro confronti dalla NATO?

    Risposta:

    Perchè anche nelle decisioni tra mafiosi, quando 2 gruppi sono in competizione faranno tutto per evitare una guerra senza regole, prima solo avvertimenti per evitare lo scontro, la Russia e la Cina ma anche gli USA non desiderano uno scontro senza regole, nessuno potrebbe vincere la guerra del XXI secolo, infatti nessuna potenza vincerà la Terza Guerra Mondiale, sia l’Occidente, sia l’Oriente subiranno perdite immense, probabilmente l’Occidente perderà definitivamente il controllo del pianeta, e dovrà sottomettersi allo stesso destino di altre potenze del passato, l’Occidente non perderà la Terza Guerra Mondiale, ma non la vincerà…….
    E’ facile capire che la Russia e la Cina sono consapevoli della loro riposta violenta contro l’Occidente, la Russia e la Cina vogliono a tutti i costi evitare di mettere in mostra la loro super potenza militare contro un Occidente allo stesso modo super potenza militare.

    E’ facile capire i danni che subirà il pianeta…….prima dello scontro faranno di tutto per evitare la resa dei conti, purtroppo l’Occidente attaccherà l’Oriente nei prossimi anni, e quando accadrà la risposta alla domanda era meglio non averla conosciuta.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Alessandro 2 anni fa

      Ovviamente speriamo che l’Occidente non attacchi l’Oriente né nei prossimi anni né nei prossimi decenni, anche se credo che la resa dei conti prima o poi verrà

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Ares 2 anni fa

        che mondo triste vedranno le nuove generazioni…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Alessandro 2 anni fa

          D’accordo con te

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Werner 2 anni fa

    Intanto é notizia di oggi che quel criminale di Kissinger nel suo editoriale sul Wall Street Journal si dice fortemente preoccupato perché il folle progetto del NWO tanto caro a lui, Rockefeller, Brzezinski e altri, rischia di saltare a causa di Putin: ah ah ah ah!

    Forza Vladimir!

    Rispondi Mi piace Non mi piace