"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

USA – SIRIA: le nuove minacce di Washington

Obama finace terrorism

di Mihin Victor

Traduzione: Fractions of Reality

Gli eventi in Medio Oriente e in particolare in Siria stanno costringendo la comunità internazionale a girare la testa in direzione delle due città principali degli Stati Uniti: New York e Washington.
New York è principalmente associata con le attività delle Nazioni Unite che mirano a un ampio spettro di questioni internazionali, e il più importante di tutti è la risoluzione dei conflitti armati.
Washington DC – la capitale degli Stati Uniti, una bella città che è notevole per la concentrazione di agenzie federali statunitensi e numerose missioni diplomatiche. Per questo motivo Washington è la cucina della grande politica, le “ricette” locali vengono successivamente distribuiti a diverse regioni della parola dalla Casa Bianca.
Purtroppo, l’ultimo decennio è stato caratterizzato da una nuova tendenza – oggi Washington è universalmente associata dai membri della comunità internazionale ad una costante aggressione militare. Gli americani proprio non si fermeranno. Se tutto sembra essere tranquillo nel mondo, si sforzano di gettare nella mischia alcune idee, che possono portare a nuovi conflitti militari, che dovrebbe porre fine alle “nuove sfide” che presumibilmente stanno minacciando il mondo (per non parlare della minaccia degli Stati Uniti stessi! ).


L’altro giorno, il capo dei “falchi della guerra centrale”, più comunemente conosciuto come James Clapper il direttore della National Intelligence, si è improvvisamente reso conto che l’Iran ha acquisito tutta la tecnologia necessaria per costruire una bomba nucleare, così come per la costruzione di vettori di missili per testate nucleari, navigazione e moduli di controllo per questi vettori in modo che siano in grado di distruggere qualsiasi bersaglio scelto. Il capo dell’intelligence ha detto che l’Iran potrebbe diventare una potenza nucleare da un momento all’altro, poiché tutto quello che devono fare per diventarlo è prendere una decisione politica.
Ma la classifica delle più affascinanti affermazioni fatte dal direttore della National Intelligence è occupato da un’altra affermazione, questa volta scritta. Secondo France-Presse, questo documento è stato presentato al Comitato di Intelligence del Senato: “Noi giudichiamo che alcuni elementi del programma di guerra biologica della Siria potrebbe essere andati oltre la fase di ricerca e sviluppo e potrebbe essere in grado di produrre limitate quantità di agenti. Questa affermazione viene fatta sulla base della durata del programma Siriano e  tali conclusioni si basano anche sull’intensità del programma per creare armi biologiche in Siria ”

Joe Biden, James Clapper

James Clapper
Ora questa si che è una dichiarazione inaspettata. La domanda è: Damasco ha in realtà hanno tutte le armi biologiche o è solo un’altra speculazioni dei servizi segreti americani, che stanno cercando di coprire la loro inidoneità? Gli Stati Uniti possono vantare di avere 18 comunità di intelligence, hanno numeri colossali di impiegati in quel settore e hanno a disposizione bilanci e fondi veramente astronomici. Ora vorrebbero fa credere ai contribuenti statunitensi che tutte queste persone messe insieme non riescono a rispondere a una semplice domanda – “Vi è alcuna traccia di armi biologiche in Siria”? Qualsiasi persona sana di mente vi dirà che il regime di Bashar al-Assad, che sta combattendo per la sua stessa esistenza, non condurrà alcun tipo di lavoro sulle armi biologiche in questo momento. Soprattutto quando ogni centimetro della Siria viene osservata e filmata, ad ogni ora del giorno da americani e israeliani.

Un altro fatto interessante è che queste due “minacce” sono state annunciati nello stesso momento. Ecco come i giocatori d’azzardo esperti lavorano: non nascondono solo una carta, ne nascondono un certo numero. James Clapper presume che se le persone non prenderanno sul serio la minaccia iraniana, allora saranno certamente indotte a considerare la cosiddetta minaccia biologica siriana. Suona spaventoso e nessuno sarà in grado di smentire o confermare tali informazioni lo stesso.
Bene, questo potrebbe sembrare credibile se non fosse stato annunciato dai funzionari di Washington. Il mondo ha visto una serie di autorità di alto profilo statunitensi mentire al popolo americano numerose volte. Non si può fare a meno di ricordare la storia dell’ex Segretario di Stato americano Colin Powell. Nel 2002 ha presentato al Consiglio delle Nazioni Unite una dichiarazione che l’Iraq stava sviluppando armi di distruzione di massa in stretta collaborazione con Osama bin Laden. Colin Powell pose un accento particolare sulla probabile esistenza di armi biologiche di Saddam Hussein (ora stiamo per assistere alle “Parte 2” con la Siria), agitando un tubo contenente polvere bianca sconosciuta, che ha affermato di essere antrace. Più tardi si è scoperto che il famoso dossier dell’intelligence USA sull’Iraq, che ha citato, era una tesi di laurea rubata ad un inconsapevole studente.
Come si può quindi fidarsi di funzionari di alto profilo degli Stati Uniti? Molti americani sostengono che tutte queste affermazioni sono destinate principalmente per “uso interno”.

Per quanto riguarda il Dipartimento di Stato si dice che non abbia alcuna conferma indipendente delle informazioni riguardanti una possibile minaccia biologica della Siria. Lo ha annunciato il portavoce del Dipartimento di Stato Jen Psaki in perosna. “Ho visto questi messaggi ieri. Non ho nuove notizie o verifiche indipendenti su questi rapporti, “- ha detto Jen Psaki.
Naturalmente, le dichiarazioni espresse dal rappresentante dal Dipartimento di Stato suonano più credibili dal momento che sono destinati principalmente per il “resto del mondo”, dunque mentire non farebbe molto effetto. Bene, sembra che gli obiettivi fondamentali dei servizi segreti negli Stati Uniti di oggi siano l’intimidazione dell’americano medio e  la richiesta di ricevere ancora più soldi dal governo per le agenzie di Intelligence.
Tuttavia, Washington continua a minacciare Damasco. Questa volta il segretario di Stato americano John Kerry (a quanto pare, vuole essere paragonato a Powell), ha promesso al presidente Bashar Assad un’invasione militare della Siria, “Vorrei ricordare a Bashar al-Assad che l’accordo che abbiamo raggiunto a New York con il Consiglio di sicurezza rende chiaro che se ci sono problemi di non conformità, questi saranno sottoposti al Consiglio di Sicurezza ai fini della conformità al capitolo 7, “(il capitolo 7 della Carta delle Nazioni Unite consente l’uso della forza in caso di mancato rispetto delle risoluzioni adottate in precedenza).
In precedenza, funzionari degli Stati Uniti hanno espresso preoccupazioni per il  ritardo sulla tabella di marcia, per il trasferimento delle armi chimiche sotto controllo internazionale. Lo ha annunciato durante una visita a Varsavia, il Segretario della Difesa degli Stati Uniti Chuck Hagel. Quest’ultimo ha notato che ha chiesto ai suoi partner russi di influenzare le autorità siriane in modo che vengano soddisfatte le condizioni della risoluzione Onu.
Il secondo stock di sostanze chimiche sostanze altamente tossiche è stato spedito dalla Siria il 28 gennaio. Le armi di distruzioni di massa sono state trasportate dalle navi danesi e norvegesi mentre venivano scortate da navi da guerra provenienti da un certo numero di paesi, Russia compresa. La prima massa di armi è stato spedito dalla Siria il 7 gennaio. Secondo il piano originale, tutte le armi chimiche siriane erano state pianificate di lasciare òe coste siriane entro il 31 dicembre 2013. Purtroppo tali scadenze non sono state rispettate a causa della situazione instabile in Siria. Secondo il nuovo piano, le sostanze chimiche più pericolose, tra cui 20 tonnellate di gas mostarda tossico devono essere spediti fuori dal paese entro il 31 marzo, ed entro la fine di giugno tutte le sostanze chimiche siriane devono essere completamente distrutte. Finora solo il 5% delle sostanze ha lasciato la Siria, che rappresenta circa 30 tonnellate.
I convogli che stanno trasportando le armi chimiche fuori dalla Siria sono stati ripetutamente attaccati da gruppi dell’opposizione. Ultimamente un rappresentante del ministero degli Esteri russo ha detto ai membri della stampa che l’opposizione siriana aveva assalito un convoglio che trasportava armi chimiche al porto di Latakia. L’attacco è stato respinto.
“Questo caso è estremamente importante per ottenere una migliore comprensione del disagio senza precedenti che Damascus affronta nel tentativo di eliminare le armi chimiche,” – ha detto il direttore del Dipartimento del Ministero degli Esteri russo sulla sicurezza e il disarmo. Egli ha anche detto che il personale internazionale delle Nazioni Unite e l’Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche, così come i professionisti locali coinvolti nell’operazione di distruzione, stanno ricevendo minacce su base giornaliera, due esperti siriano sono già stati uccisi. “Per quanto riguarda il personale internazionale delle Nazioni Unite e l’OPCW, situata sul territorio siriano, anche loro ricevono minacce da parte di militanti su base giornaliera. Non molto tempo fa, due specialisti siriani sono caduti in un’imboscata e sono stati uccisi. Ci sono tutte le ragioni per credere che questo crimine è una parte di un piano più ampio di perturbare il processo di spedizioni delle armi lontane dalla Siria. ”
Washington ha una buona reputazione con i leader dell’opposizione siriana, in modo che possa mettere pressione sui militanti che hanno attacco il convoglio con armi chimiche. Ma gli americani tacciono ed invece hanno ripreso le forniture di materiale militare a determinati gruppi di opposizione, ha riferito Associated Press, citando una fonte del governo degli Stati Uniti. La migliore parte di esso è rappresentato dalle apparecchiature di comunicazione. Ha sottolineato che attualmente l’aiuto viene consegnato solo ai gruppi armati. Secondo l’agenzia, in un prossimo futuro gli Stati Uniti potranno riprendere la fornitura di attrezzature per tutti gli altri gruppi. Il testo è affascinante: “gruppi armati” non sono presenti in Siria, giacche tutto il paese si è trasformato in un accampamento militare, dove anche i bambini di 10 anni sono armati con pistole
Per riassumere tutto ciò che si è sentito da Washington, è chiaro che gli Stati Uniti non vedono una via d’uscita se non estremamente complicata dal tavolo dei negoziati siriani. L’unico e solo obiettivo che le autorità statunitensi stanno cercando di raggiungere è quello di rovesciare il legittimo governo di Bashar al-Assad e sostituirlo con un “governo fantoccio” obbediente, ma al popolo siriano – questa proposta non potrebbe interessare di meno. Gli Americani vogliono lasciarsi alle spalle un paese devastato, una terra immersa nel caos, come hanno già fatto in Afghanistan, Iraq e Libia.

Mihin Victor, un membro della RANS, soprattutto per la rivista online “New Outlook orientale”.

Tradotto e riadattato da Fractions of Reality

*

code

  1. Pingback: USA – SIRIA: le nuove minacce di Washingt...