"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Una svolta decisiva nella guerra siriana: Vittoria di al-Assad nella valle Qalamun

Carro siriano

di Dmitrij Minin

Sullo sfondo di ciò che accade in Crimea, la guerra in Siria è stata un po’ relegata ai margini della politica mondiale. Nel frattempo, il Paese ha vissuto alcuni eventi molto importanti negli ultimi giorni, che hanno aggravato ancora di più lo stato d’animo della Casa Bianca. L’esercito siriano ha ripulito la regione del Qalamun dalle forze nemiche, strategicamente importante come la Valle del Panjshir in Afghanistan.

Il Qalamun, con la città di Yabrud al centro, si estende per diverse decine di chilometri lungo la principale autostrada Damasco-Aleppo verso il confine libanese. Per un lungo periodo di tempo, 10000 combattenti si erano radunati sotto la protezione delle montagne circostanti, la cui spina dorsale erano i circa 5000 combattenti del comandante militare del Fronte islamico e ‘capo spirituale’ Zahran al-Lush, a cui è stato impedito di avviare un’offensiva nel nord dall’esercito governativo che ha anche ostacolato attivamente i suoi sforzi nella regione della Grande Damasco. Washington aveva puntato molto su al-Lush nel gioco complessivo in Siria, vedendolo come uno dei futuri capi del Paese. I suoi stretti legami con l’intelligence saudita e la CIA sono ben noti. Secondo alcuni articoli, gli statunitensi hanno anche chiesto l’aiuto di Mosca per influenzare al-Assad nel fermare ulteriori offensive nella regione, in quanto avrebbero potuto apparentemente “creare tensioni in Libano”. Solo per questo Qalamun doveva essere presa!
Le forze governative pianificarono l’attacco contro la regione, comunemente indicata come “Muntagne Bianche”, all’inizio dell’anno. Secondo fonti israeliane, unità di Hezbollah dal Libano e due gruppi di volontari dall’Iraq, Asayb al-Haq e Abu al-Fadil al-Abas, presero parte all’attacco a fianco delle forze fedeli ad al-Assad. Così oltre alle condizioni aspre della montagna e agli attacchi diversivi dei militanti in altre zone del Paese, in particolare nel sobborgo di Damasco di Adra, i progressi dell’esercito furono ostacolati anche dal fatto che i ribelli usarono un gruppo di 13 suore e tre assistenti che avevano rapito dal monastero ortodosso di Santa Tecla, a Malula, come scudo umano. Va accreditata la capacità della leadership dell’esercito siriano e della sua preoccupazione per la popolazione e i sentimenti dei credenti. Non si mosse attraverso l’alta valle distruggendo i villaggi presenti, ma occupando le cime della regione in successione, una dopo l’altra. Quando giunsero vicino a Yabrud, in primo luogo si assicurarono la liberazione delle suore in ostaggio in cambio di alcune prigioniere. Solo allora si precipitarono sulla città che fu finalmente liberata in un solo giorno. Le forze nemiche di Yabrud persero ben 1500 elementi. Il resto furono catturati o sparsi nei villaggi circostanti. Quasi 1500 persone fuggirono in Libano e sono ora braccate dalle forze speciali libanesi. Tra le vittime vi fu il locale capo di al-Qaida, Abu Azam al-Quwayti di Jabhat al-Nusra, che aveva ordinato il rapimento delle suore di Malula. Il destino di Zahran al-Lush è ancora ignoto. Al momento, le truppe si raggruppano ed effettuano operazioni di rastrellamento lungo tutta la valle. C’è stato anche un altro grande successo di recente. L’esercito è riuscito a liberare il Krak des Chevaliers, storica cittadella crociata in provincia di Homs, la più grande del Medio Oriente, completamente intatta. Si prevede che la città di Homs, la terza della Siria, cadrà da un giorno all’altro. Il numero delle forze governative liberate dopo queste operazioni dovrebbe teoricamente essere sufficiente a garantire la completa vittoria sull’opposizione armata interna entro breve, fintanto che non sarà ostacolato da un intervento esterno. L’occidente è sempre più consapevole del fatto che l’equilibrio nel conflitto siriano è a suo sfavore, ma non vuole rinunciare alla posizione di stallo sul cambio di regime a Damasco.
Parlando presso il Centro Woodrow Wilson il 20 marzo, Robert Ford, ex-ambasciatore statunitense in Siria e poi punta dell’opposizione, ha ammesso che tutti i tentativi di consolidare le forze anti-Assad sono fallite, e che Damasco ha dimostrato di essere molto più forte e più “tenace” del previsto. Il direttore della CIA John Brennan aveva già espresso un parere simile. Il momento per un cambio di regime è passato. Ma lamentava Ford, tuttavia, che anche se con qualche tipo di miracolo gli statunitensi riuscissero a rimuovere il presidente siriano Bashar al-Assad, verrebbe sostituito dal “vuoto di potere” e dal caos completo “peggiore che in Libano”. Ford non ha nascosto il fatto che gli statunitensi sono completamente consapevoli della presenza di numerosi combattenti di al-Qaida nei ranghi delle forze che sostengono e la minaccia che “questi elementi” rappresenta per la popolazione del Paese e la sicurezza regionale. Ford non ha presentato alcuna idea su come raggiungere un accordo con Damasco, però. Jeffrey White, un analista militare presso l’Istituto di Washington per la Politica del Vicino Oriente, ritiene che una via d’uscita dalla situazione di stallo nel conflitto siriano potrebbe essere trovato in conseguenza delle azioni militari intraprese dall’esercito del governo. “Attualmente, centinaia di azioni militari si svolgono ogni giorno in dodici delle quattordici province della Siria”. E sempre più hanno successo. Secondo White, la vittoria di al-Assad sarà completamente sicura quando le sue forze controlleranno la zona da Damasco ad Aleppo una volta per tutte. E’ qui che molto saggiamente concentrano i loro sforzi strategici, prestando poca attenzione agli isolati fallimenti minori nelle province remote. Inoltre, nonostante la resistenza ostinata dei ribelli, al momento White non esclude la possibilità che i loro ranghi possano improvvisamente e rapidamente indebolirsi in conseguenza degli “effetti cumulativi” di vittime, problemi logistici e declino del sostegno popolare. Vi è anche il crescente pericolo che di fronte alla sconfitta definitiva dei nemici di al-Assad, Washington possa approfittare dell’assorbimento della Russia nella crisi ucraina e optare per un intervento militare in Siria… Si aspettano che al-Assad sconfigga i nemici completamente prima delle elezioni presidenziali del Paese, previste per luglio 2014, e hanno intenzione di fermarlo. Ciò viene indicato, per esempio, dall’inattesa dichiarazione degli USA dopo la vittoria a Yabrud, sulla sospensione delle relazioni diplomatiche con la Siria, e senza produrre nessuna delle solite accuse relative alla violazione di qualche convenzione o altro. E’ anche indicato dal fatto che ambasciate e consolati degli Stati Uniti in Siria hanno sospeso le operazioni. Il personale dell’ambasciata e dei consolati siriani in Michigan e Texas ha avuto l’ordine di lasciare gli USA.
Nel frattempo vi sono stati gravi scontri al confine della Siria con i Paesi in cui sono presenti consiglieri statunitensi. Cercano di deviare la vittoria di Damasco, che sembra così vicina. Numerosi combattenti provenienti dalla Turchia, prevalentemente di al-Qaida, hanno cercato d’irrompere nella provincia natale del Presidente al-Assad di Lataqia. Duri combattimenti sono attualmente in corso e Damasco ha già protestato alle Nazioni Unite. Il cugino del presidente al-Assad, il Generale Hilal Assad è stato ucciso, e la Turchia ha abbattuto un jet dell’aeronautica siriana sulla Siria. La città di Lataqia è stata sottoposta ad un attacco missilistico dai ribelli utilizzando un sistema Grad, e molte persone sono state uccise e ferite. Elicotteri dell’aeronautica turca volano lungo i confini della provincia, fornendo fuoco di supporto ai ribelli. Kemal Kiliiçdaroglu, il leader del principale partito di opposizione della Turchia, il Partito Repubblicano del Popolo (CHP), ha avvertito il parlamento turco sui piani di Erdogan per lanciare un attacco militare contro la Siria, e ha chiesto al Capo di Stato Maggiore Generale di “evitare avventure alla Turchia”. Secondo Kiliiçdaroglu, proteggere la tomba del fondatore del Seljuq dell’Impero, Sulayman Sah, considerato sacro in Turchia, potrebbe essere un pretesto formale per l’intervento. La tomba si trova a diversi chilometri da Aleppo. Subito dopo la caduta di Yabrud, Israele ha sottoposto le posizioni delle forze siriane nella regione del Golan ad attacchi con razzi e proiettili e a bombardamenti aerei. L’Alto Comando delle Forze Armate siriane ha dichiarato che ciò viola direttamente l’accordo siriano-israeliano di disimpegno militare sulle alture del Golan. Il peso dell’attacco, con la partecipazione delle forze statunitensi, potrebbe venire dalla Giordania, dove vi è da tempo un centro di comando segreto composto da rappresentanti di Stati Uniti, Gran Bretagna, Israele e 11 Stati arabi. Questo centro si prepara ad aprire un ‘fronte meridionale’ contro Damasco nelle province di Dara, Qunaytra e Suwayda. Ostilità attive sono già in corso nella provincia di Dara, dove i ribelli hanno sequestrato la prigione centrale rimanendo sorpresi per non avervi trovato quasi nessuno.
Non c’è dubbio che tali operazioni possano rallentare l’offensiva globale di Damasco, ma non possono fermarla completamente. In realtà, operazioni come queste sono tardive. Avrebbero avuto senso all’inizio dell’attacco nel Qalamun. Il Comando delle Forze Armate siriane ha immediatamente liberato un grande gruppo con il cui aiuto potrà costruire difese solide nelle fasce più pericolose del confine, dato che è pienamente consapevole delle intenzioni dei ribelli e dei loro protettori stranieri. E quando il fervore militare degli oppositori di al-Assad comincia a indebolirsi, perché non sono disposti ad andare lontano, Damasco ancora una volta ritornerà a risolvere il suo problema principale, liberare l’intero Paese.

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Fonte: Strategic culture

*

code