"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Un nuovo governo di “nominati” costituito per l’immagine televisiva

Matteo Renzi Presents His New Government At The Quirinale Presidential Palace

di Luciano Lago

Mentre la scena internazionale è scossa da fortissime tensioni e dal pericolo di una guerra anche nel continente europeo (questione Ucraina) con sviluppi imprevedibili, in Italia va in scena il varo del nuovo governo Renzi, fortemente voluto dai poteri finanziari d’oltre Atlantico, appoggiato da Bruxelles e dalla Merkel, governo questo che viene anticipato rispetto ai tempi previsti in origine, viste le esigenze finanziarie pressanti e le scadenze internazionali. D’altra parte Napolitano è stato irremovibile nel non concedere alcuna possibilità di andare ad elezioni, “i mercati non gradirebbero”, sembra abbia commentato a chi gli proponeva questa eventualità e soprattutto non gradirebbe l’oligarchia di Bruxelles e Francoforte che non contempla la possibilità di un ricorso al voto da parte dei cittadini che potrebbero mettere in questione le politiche di austerità imposte dalla Troika.

Non si sa mai cosa uscirebbe dalle urne e gli oligarchi di Bruxelles non vogliono correre rischi: ci sono le banche ancora da salvare, i 54 miliardi già fatti versare all’Italia sul fondo di stabilità (MES/ESM) sono soltanto una parte dei 125 miliardi totali che il governo italiano dovrà impegnarsi a versare a breve, il vincolo del 3% del rapporto deficit/bilancio deve essere mantenuto ed impone nuove manovre, probabile una patrimoniale mentre Oly Rehn ha già fatto sentire la sua voce autorevole, poi c’è il problema delle privatizzazioni da fare e quelle non si possono più rimandare (era stato un impegno sottoscritto già da Monti e confermato anche da Letta).

Come si è visto il governo di Matteo Renzi, a parte degli Alfano e Lupi che disponevano già del posto prenotato per effetto delle “larghe intese”, si è portato allegramente nella sua compagine tutti i suoi amici e compagne di giochi, tutti giovani freschi e senza esperienza con l’eccezione del ministro dell’economia Padoan, che svolgerà la funzione del “cane da guardia” di Bruxelles nel governo, nonché di qualche uomo delle cooperative, come Poletti messo al ministero del lavoro.
Si vede che Renzi ha lavorato sull’immagine (come gli ha consigliato il suo consulente della McKinsey) ma viene quasi da ridere a pensare come tutti i ministri giovani, molto attenti all’immagine ma che non conoscono per nulla l’enorme macchina burocratica dello Stato, siano proprio loro chiamati a riformare uno Stato che è da decenni ostaggio bloccato dall’apparato delle super burocrazie, dei direttori generali, dei capi gabinetto, gran commissis, dirigenti pubblici strapagati, organismi come il Consiglio di Stato o la Corte Costituzionale, Corte di Cassazione, sempre pronti a bloccare qualsiasi riforma che leda i propri interessi e quelli dell’apparato pubblico di cui fanno tutti parte.
D’altra parte il governo del giovane Matteo Renzi sicuramente sa di non potersi neanche muovere a livello economico visto che è un governo, come gli altri, totalmente subordinato alle direttive di Bruxelles e Francoforte che deve chiedere soldi in prestito alle banche private per fare qualsiasi cosa, dal pagamento dei paurosi debiti contratti dalle Regioni a quelli dell’INPS, delle amministrazioni di grandi comuni come Roma o Napoli, a quelli del sistema sanitario, del sistema scolastico, nonché per pagare gli 80 miliardi annuali di interessi sul debito.
Allora è facile indovinare che Renzi si vorrà dedicare piuttosto alle riforma che non presentano costi eccessivi come la riforma del diritto del lavoro per rendere più snelli e flessibili i contratti di lavoro in ottemperanza ai mercati globali, alle grandi “questioni di principio” come quella dello “ius soli”, al tema delle coppie gay e tante altre di queste questioni che serviranno a distrarre l’opinione pubblica e a non dare la sensazione che il paese affondi ed il governo non sia in grado di risolvere alcun problema, dato che si è già dichiarato che continueranno con le solite ricette neoliberiste e con l’osservanza del dogma dell’euro che sta portando al disastro l’Italia e tanti altri paesi del Sud Europa in particolare.
Sappiamo già che, se delle novità e cambiamenti potranno esserci, queste potrebbero venire solo da una sollevazione popolare, che in Italia appare difficile, o piuttosto da cambiamenti imposti dall’esterno da atri paesi che si trovano negli stessi problemi ma che dispongono di una forza di opposizione in forte crescita: la Francia ad esempio, dove cresce il Front National della Marine Le Pen con la repulsa delle politiche europeiste.
Renzi e i suoi ministri, come tutti i personaggi di facciata, dovranno limitarsi ad attuare le direttive che gli saranno imposte ed a passare la palla al loro ministro per l’economia ed ai super burocrati dell’apparato statale poiché, a qualsiasi provvedimento del governo, deve corrispondere un decreto attuativo che i “ragazzi” al governo non sarebbero neanche in grado di scrivere. Si spera soltanto che, qualora investiti da qualche grave problema, non rispondano come fece ad esempio la Lorenzin, ministro della sanità con Letta, riconfermata anche con Renzi, la quale, di fronte alla questione dell’epidemia di casi tumorali esplosa nella “terra dei fuochi”, ebbe a dichiarare: “dipende dallo stile di vita delle popolazioni”.

Certamente Renzi nonostante l’appoggio della finanza e delle banche, rischia di bruciarsi come un cavallo buttato nella corsa ad ostacoli senza essere né allenato a correre né a riconoscere gli ostacoli e per di più non legittimato da un voto popolare. Il contesto tuttavia è divenuto molto serio e drammatico con una crisi che ha già bruciato il 25% della capacità industriale di questo paese ed ha azzerato il 9% circa del PIL, ossia della ricchezza prodotta, con un numero record di disoccupati ed un impoverimento generalizzato di ampi strati sociali.
Una situazione che richiederebbe un cambio di ricette economiche in Europa come viene affermato e scritto ormai da tutti i più qualificati economisti e premi nobel ma che testardamente i politici di area PD (ed alleati) si ostinano a non considerare, essendosi totalmente legati al neoliberismo ed agli interessi del cartello bancario. Continueranno a sostenere che la causa della crisi viene dall’evasione fiscale (quella del meccanico, del parrucchiere, dell’artigiano, del bottegaio, ecc.) evitando di guardare ai loro amici come palazzinari (vedi il caso dell’Armellini a Roma) o alle multinazionali protette (quelle del gioco ad esempio) o delle banche(come MPS). Seguiranno a raccontare che sia il debito pubblico il problema e non l’euro che ci impoverisce e che le riforme saranno il toccasana per rilanciare l’economia.
L’impressione è quella che il tempo sia ormai scaduto, che inizi a manifestarsi sempre più una repulsione verso questa classe politica al servizio di interessi esterni, che presto questa politica dei “personaggi di facciata”, tutta immagine e poca sostanza, sia inadeguata ad affrontare i tempi duri e le prove drammatiche che attendono questo paese.

*

code

  1. Renzo 3 anni fa

    Come bergoglio, così renzi,
    ora manca la sostituzione di napolitano con qualcuno che sorride e faranno
    un bel trio che quando te lo ciapi da drio, te te meti a ridare anca ti tutti i dì.
    Ragazzi!!! è tutta illusione e per quel che ne sò, si può anche farla sparire come un brutto sogno al mattino.
    E’ sufficiente svegliarsi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Piero61 3 anni fa

    salve
    il pd, erede del PCI mantiene fede alla vecchia linea comunista: distruggere, distruggere, distruggere; antinazionalisti, antinormalità, anticulturali, antibuonsenso. Odiano qualiasi cosa sia legata a tradizione, cultura, storia, arte, sociale, alimentazione, sessualità normale…hanno sempre fatto leva sui più bassi istinti animali, presenti in tutti noi esseri umani, sicuri che la “bestia” avrebbe prevalso sul cuore e sull’intelletto.
    E hanno vinto…per ora
    saluti
    Piero e famiglia

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Renzo 3 anni fa

    Il mio consiglio é:
    visualizzarli con distacco e Compassione e dire loro:
    non vi credo, non esistete, siete soltanto un’illusione;
    solo Dio esiste con il Suo Amore;
    visualizzando infine volti saggi ed Amorevoli.

    Ripetere ciò più volte come fosse un Mantra, fino a convizione piena ove sentire un sospiro di sollievo spontaneo.
    Quanti più lo faranno, quanta più convinzione, quanta più compassione; tanto più grande e veloce sarà il risultato, STATENE CERTI.

    Amici, Vi prego!!! fate questo ogni volta che potete con convinzione.
    Renzo NuvolHarì

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Pingback: Un nuovo governo di “nominati” costituito per l’immagine televisiva | Informare per Resistere