"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Terroristi armati da USA e Turchia preparano un attacco chimico in Siria

Un gruppo di elementi della Turchia e degli USA, assieme ad un leader terrorista del Fronte al Nusra, stanno preparando attacchi chimici su Idlib, nel nord este della Siria.
“Secondo una informazione ricevuta, nel paese di Al-Magar (provincia di Idlib) in un magazzino tecnologico si stanno preparando azioni di provocazione utilizzando gas sarin.

In questo edificio presumibilmente si trovano munizioni caricate con questo gas altamente tossico” ha avvisato questa Domenica un alto funzionario diplomatico e militare.


La fonte di cui parlava in condizioni di anonimato con l’agenzia russa RIA Novosti, allerta che le città di Jan Sheijun e Kafarya potrebbero essere l’obiettivo degli attacchi.
Esistono motivi per pensare che queste provocazioni si realizzeranno in queste due città, ha precisato la fonte, argomentando che tali attacchi possono rafforzare la pressione sul Governo siriano e affossare la successiva fase di negoziati di pace ad Astanà, prevista per il 4/5 di Luglio.

L’informazione è stata fatta conoscere dopo che il 26 di Giugno Washington ha accusato mediante una informativa, senza offrire prove di alcun tipo, che il Governo siriano di Bashar Assad stava preparando un nuovo attacco con armi chimiche.

Relativamente a questo, Damasco e Mosca hanno respinto queste accuse come infondate, avvisando che si tratta di una trama statunitense per lanciare nuove offensive contro le forze siriane.
Grazie ad un pretesto similare, gli USA hanno attaccato in Aprile con dozzine di missili da crocera ad una base aerea nella provincia siriana di Homs, aggregando che l’Esercito siriano aveva utilizzato lo stesso aeroporto per colpire giorni dopo con gas tossici le posizioni di ribelli a Jan Sheijun.

La Russia ha rifiutato queste accuse ed ha affermato che tutte le sue armi chimiche sono state definitivamente ritirate sotto sotto la egidia dell’Organizzazione per le Armi Chimiche.
Nello stesso tempo la Russia ha promesso di reagire “in modo fermo e proprorzionato” se il paese nordamericano prende una misura militare contro l’Esercito Siriano.

Gli USA ed i loro alleati non si rassegnano alla sconfitta sul terreno dei loro mercenari e cercano pretesti per attaccare la Siria con le forze aeronavali. La presenza delle forze russe si dimostra decisiva per prevenire e scoraggiare gli attacchi immotivati da parte delle forze della coalizione USA contro un paese che ha già subito per oltre sei anni una guerra per procura voluta dalle grandi potenze.

Fonte: Hispan Tv

Traduzione: Alejandro Sanchez

*

code

  1. andrea z. 3 settimane fa

    Non bisogna dimenticare che ci troviamo di fronte ad una guerra di aggressione appaltata a terzi: già nel 2011, Philip Girardi (ex agente della Cia e direttore esecutivo del Consiglio per l’interesse nazionale degli Usa) in un articolo “Nato vs. Syria” pubblicato su American Conservative descriveva già a quell’epoca — cioè a 9 mesi dall’inizio della “rivolta” — come la Nato fosse “già clandestinamente impegnata nel conflitto siriano, con la Turchia per portarla in vantaggio con delega degli Stati Uniti”.

    L’ex agente della Cia così descriveva ciò che di lì a poco sarebbe avvenuto: “L’intervento sarà basato su principi umanitari, per difendere la popolazione civile in base alla responsabilità di proteggere, la dottrina che è stata invocata per giustificare la guerra di Libia”. Cosa stava accadendo è chiaro: al fine di espandere la propria zona di influenza in Medio Oriente, gli americani, sulla scia delle primavere arabe, hanno trovato l’occasione redditizia di disunire e indebolire la Siria. L’articolo indicava tutto ciò che poi sarebbe accaduto: il ponte aereo che avrebbe portato i miliziani libici; il coinvolgimento degli Stati del Golfo con varie forze “proxy” dei Fratelli musulmani; la creazione di una zona cuscinetto tra la Turchia e la Siria; ed infine, la presa di Aleppo da parte dei “ribelli”. Ciò che avverrà successivamente, cioè l’avvento dell’Isis, servirà alla coalizione Usa solo per legittimare la propria presenza in Siria mentre in realtà l’obiettivo resterà il collasso dello stato siriano.

    http://www.ilsussidiario.net/News/Esteri/2017/7/3/CAOS-SIRIA-Le-nuove-manovre-degli-Usa-per-bombardare-Assad/771941/

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. marco 3 settimane fa

      Gli americani sterminarono le popolazioni indiani con continui pretesti. La parola dei governanti usa vale zero! Un mafioso merita più rispetto.

      http://m.loscrignodelmistero.webnode.it/products/il-grande-olocausto-dei-nativi-americani-lo-sterminio-degli-indiani-dellamerica-del-nord/

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. annibale55 3 settimane fa

    “Consiglio per l’ interesse nazionale degli USA”…Io ci vedo di tutto nella destabilizzazione della Siria eccetto gli interessi del cittadino di New York o del contadino del Nebraska. Suggerirei quindi ai giornalisti che scrivono articoli di essere più chiari!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Eugenio Orso 3 settimane fa

    I cani mercenari globalisti, demokrat, liberaloidi e libertaloidi dell’informazione drogata occidentale, faranno come sempre da cassa di risonanza alla flase flag chimica.
    Nessun dubbio che i criminali di al-nusra, al soldo dei potentati neocapitalisti (americo-giudaico-ottomano-sauditi) siano pronti all’azione chimica, da imputare al legittimo governo siriano, e che siano pronti anche gli assassini chiamati “caschi bianchi”, pronti a uccidere anche i bambini, pur di produrre i soliti filmati …

    Cari saluti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Vittoriano 3 settimane fa

    Domanda :

    Perché terroristi armati da USA e Turchia preparano un attacco chimico in Siria ?

    Risposta :

    Importanti iniziative per consolidare i buoni rapporti tra Washington, Mosca e Pechino
    movisol.org/importanti-iniziative-per-consolidare-i-buoni-rapporti-tra-washington-m…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Tania 3 settimane fa

    Come può un popolo, uno Stato, USA/ISRAELE, parlare di DEMOCRAZIA quando ogni suo gesto è un gesto imperialista, dittatoriale, SATANISTA?
    Ogni parola, ogni azione di questo Stato-CANAGLIA è menzogna! Ogni parola, ogni azione di questo Stato-CANAGLIA è morte!
    La legge di questo Stato miserabile ed assassino è :
    Muori, muori, muori, ma non sono stato io ad ucciderti, ti sei auto-ucciso.

    Carogna. Vigliacco. SCHIFOSO paese, se potessi ti farei sparire, cancro maledetto.

    Gli ebrei dicono occhio per occhio dente per dente, no? Sono perfettamente in linea con loro. Ad ogni che mi fanno cerco di contraccambiare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Daniele Simonazzi 3 settimane fa

    Per le persone oneste digitate” lasha darkmoon ita” senza star a rovistare in tanti blog targati Zion perdite di tempo inutili.Ho scoperto il trucco ,e adesso anche voi ,l’EB… dietro a tutto sopratutto internet 200%

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Walter 3 settimane fa

    L’unica speranza è che essendo stati smascherati in anticipo, quegli ipocriti assassini desistano dal perpetrare una nuova ed odiosa “false flag” con gas nervino. I crimini degli USA sono come quelli per cui la loro Giurisprudenza prevede la pena di morte: particolarmente efferati ed odiosi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. nessuno 3 settimane fa

      Salve, con la speranza non si va da nessuna parte, se hanno deciso
      di creare una provocazione, lo faranno in una maniera o l’altra, quello
      che interessa è vedere ” l’ampleur ” della risposta Russa……

      Rispondi Mi piace Non mi piace