"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Terremoto e moneta sovrana

di L.Lago

Con la vicenda del terremoto di questo 24 agosto 2016, da un evento infausto, si potrebbe creare l’occasione per far risorgere l’Italia. Bisogna ricostruire i borghi distrutti e fare un piano per mettere in sicurezza il territorio. Un’opera mastodontica che richiede enormi risorse, opera incompatibile con l’attuale sistema di subordinazione alle regole europee. Lo Stato deve rivendicare il suo diritto di ritornare alla sua sovranità’, quella di emettere moneta, persa con i trattati europei.

Alcune semplici considerazioni

Adesso è’ il momento che il Tesoro dovrebbe iniziare a stampare una propria moneta per ricostruire i borghi terremotati dalle macerie e per aiutare sfollati e dispersi invece di prenderla in prestito dagli usurai internazionali,  secondo le regole dettate dalla BCE.


Se il Tesoro procede a stampare i suoi titoli del debito, può benissimo stamparli a sé stesso come IMPEGNO del popolo italiano a SALVARE i connazionali sotto le macerie..e farli circolare questi titoli come moneta… E varare un piano di sicurezza del territorio. Questo sarebbe il primo passo per iniziare a riprendersi una propria sovranità’ ,prima ancora di ideare un sistema migliore, di doppia circolazione monetaria o in attesa di decretare una uscita dal penalizzante sistema euro.

Come è’ noto, Ormai sono più di 40 anni che la moneta non viene stampata in base alle riserve auree, perchè le riserve non sono sufficienti a coprire tutta la moneta in circolazione ( questo è uno dei principali motivi ). La moneta viene emessa dai grandi potentati finanziari internazionali che hanno la facoltà’ di indebitare gli Stati.
La moneta dovrebbe servire solo a facilitare gli scambi, cosa che non è possibile fare con il baratto, perché diventerebbe complicatissimo, soprattutto per l’import e l’export.

Lo Stato (Italia come gli altri Paesi d’Europa) ha perso il suo potere più importante: EMETTERE MONETA. E’ quindi costretto a chiedere denaro in prestito alle banche, agli usurai internazionali, scambiandolo con Titoli di Stato (Bot, Btp, Cct, etc) + interessi.

Ogni anno l’Italia paga circa 80-90 miliardi l’anno solo di interessi alle banche, soldi che potrebbero essere destinati a costruire beni e servizi per i cittadini.Se invece lo Stato fosse SOVRANO con una moneta SOVRANA potrebbe stampare moneta senza limiti per garantire il benessere della collettività e la piena occupazione, come recita anche l’art. 1 della Costituzione.
La moneta può essere stampata senza limiti, perché senza limiti può essere il suo PIL, tuttavia è’ evidente che un limite però bisogna pur darlo, perché non si può crescere all’infinito e senza controllo, tale controllo viene stabilito dalle TASSE.

Le TASSE ( in uno Stato SOVRANO con una moneta SOVRANA ) servono solo per il controllo dell’ inflazione e della crescita incontrollata di singoli gruppi di interesse (le lobby).
Questo è il vero fine delle TASSE, non quello che ci è stato inculcato da anni per convincerci a pagarle, ossia per finanziare la spesa pubblica, sanità, pensioni, infrastrutture ecc.ecc. Uno Stato SOVRANO con una moneta SOVRANA, può stampare la moneta teoricamente senza limiti, non ha bisogno delle tasse per finanziare la spesa pubblica, anzi usa la spesa pubblica per mettere in circolazione il denaro stampato per le necessità’ della collettività’; quindi più spesa pubblica equivale a più moneta circolante, coperta dal corrispettivo lavoro e servizi che si sono creati.

E’ chiaro, quindi, che oggi non siamo in crisi a causa degli sprechi e spesa pubblica, come i Mass Media ogni giorno vogliono farci credere. Il denaro utilizzato per un opera pubblica, servizi ecc. è stato dato ai cittadini che hanno lavorato per la realizzazione di quell’ opera, servizi ecc.
Si capisce, quindi, che la spesa pubblica non è di per se stessa uno spreco, anzi, la spesa pubblica contribuisce al benessere del popolo di una nazione ed è’ quella che viene destinata ad incrementare la piena occupazione.
Ad ogni modo le tasse vanno pagate, in proporzione al reddito, in misura equa, per garantire la giusta governabilità e regolazione della massa monetaria …..…. solo per questo, il resto sono bugie.

E’ l’ora di rivedere i  trattati europei.

*

code

  1. nessuno 7 mesi fa

    lo scritto è bello, semplice, esplicativo, facile da comprendere, ma c’è
    un neo: l’Italia non uscirà mai dall’€uro, non può, non la lasciano, non
    le permettono. Solo uno sommossa popolare o una guerra in €uropa
    possono creare le condizioni e la necessità di riprenderci la Sovranità
    e non solo monetaria dello Stato Italiano.Confidare in questo (?)
    governo o nei prossimi (essendo i vari alternativi partiti o movimenti
    a prescindere da quali sigle hanno e cosa promettono, al soldo della
    finanza). tout court.
    Leggo che hanno arrestato uno “sciacallo” che approfittando della disgrazia
    rovistava nelle rovine, uno “sciacallo diverso ma molto più pericoloso
    essendo un politico Italiano, che vuole approfittare della disgrazia per
    per annullare il referendum…..(sapendolo perdente)
    Il primo merita la galera, il secondo cosa merita per rubare la Democrazia?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. PieroValleregia 7 mesi fa

      salve
      anche io, come chi ha scritto sopra, ritengo che uscire da questa prigione doppia (UE/NATO) possa avvenire
      solo tramite una guerra (della nazioni europee contro l’invasore usa e i traditori interni) o una sommossa popolare sanguinosa
      che ci liberi dai traditori, dai parassiti, dai pervertiti di ogni risma e liberisti.
      Però, tranne Putin non vedo UOMINI degni di tale appellativo nel resto del nostro continente e non vedo movimenti, almeno
      in Italia, pronti seriamente ad una rivolta epocale.
      saluti
      Piero e famiglia

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. the Roman 7 mesi fa

    Le ragioni che hanno scatenato la 2 guerra mondiale, non eisiedono negli appetiiti imperialistici di Hitler e dei suoi gerarchi, nel nel supremo disprezzo nutrito dagli altezzosi tedeschi verso gli altri popoli, come da decenni ci raccontano . La reale causa ,come confessato da Churchill nelle sue memorie ,fu la sottrazione della Germania dal sistema finanziario basato sull’usura regolato dalle centrali finanziarie di Londra e Whashington. La formidabile rinascita dell’economia tedesca,avvenne infatti grazie alle opere pubbliche finanziate dallo stato attraverso i MEF, ovvero dei certificati di credito basati sul lavoro del popolo tedesco. Questo sistema permise la completa eliminazione della disoccupazione in pochi anno e un benessere senza uguali nel mondo che allora come adesso era gravato da una terribile crisi economica. i governi autocratici di Italia e Germania seppero dare risposta ai problemi dell’economia ,ponendo freno alle speculazioni internazionali attraverso politiche socialiste di carattere nazionañistico, proprio quello che maggiormente temono gli speculatori della finanza internazionale. La nostra storia recente , o meglio la nostra non- storia di questi ultimi anni ci condurra’ rapidamente alla rovina se non riusciremo a riappropriarci del nostro vecchio sistema di economia mista che abilmente copiato da altri sta facendo la loro fortuna. La costruzione ideologica e culturale che voene definita correttezza politica e che restringe il dibattito eliminando argomenti scomodi al potere con banali e volgari demonzzazioni e compatte levate di scudi da parte dei beneficiari del sistema (e dei loro utili idioti) serve allo scopo di controllare ogni opposizione e sterilizzarla. I 5 stelle ,i tsipras.. i Podemos, etc. sono infatti progetti di falsa opposizione aka gatekeeping, che servono ad impedire ogni pericoloso revanscismo popolare verso la casta internazionale cosmopolita ,fornendo alla pubblica opinione bersagli di piccolo calibro per placare la loro sete di giustizia. La sovranita’ del popolo italiano e di tutto l’ occidente potra’ essere recuperata solamente riprensdendo il cammino dei nostri nonni, dimenticando decenni di indottrinamento culturale, abbandonando i precetti universalistici del politicamente corretto e finalmente ,con coraggio ,andare a fondo nella nostra storia ,scoprendo verita’ celate , smantellando falsi miti e leggende e attribuendo ai nostri eroi il tributo che meritano. Quello per cui hanno lottato e davanti ai nostri occhi : i nostri figli. Quelli a cui i nostri nemici stanno rubando il futuro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace