"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Soros esce allo scoperto ed ammette di finanziare l’ondata migratoria

di L.Lago

Ci voleva il summit dell’ONU sulle migrazioni per ascoltare le dichiarazioni ufficiali del grande “sobillatore”, il finanziere ultra miliardario e speculatore George Soros, il quale, dopo aver riconosciuto di essere partecipe e sponsor dell’ondata di sollecitanti asilo che sono entrati in Europa nell’ultimo anno e mezzo, ha voluto presentarsi nelle vesti del “grande benefattore” ed ha assicurato che attualmente il suo obiettivo è quello di “creare imprese e prodotti” per migliorare le condizioni di vita dei migranti e rifugiati.

George Soros ha approfittato dell’occasione del primo vertice delle Nazioni Unite sulle migrazioni per annunciare un investimento di 500 milioni di dollari sulla “crisi dei rifugiati”. Il magnate, che in passato aveva finanziato anche il traffico degli aborti, ha riconosciuto già da alcuni mesi di essere lui dietro il finanziamento dei flussi migratori che nel corso dell’ultimo anno e mezzo hanno alterato il panorama dell’Europa.

L’ammissione di Soros d’altra parte conferma quanto era trapelato in precedenza già da oltre un anno grazie ad indagini svolte anche dai servizi di intelligence austriaci e da altri organismi che avevano trasmesso un rapporto informativo da cui si evince che i trasferimenti dei migranti, sia quelli dalla Turchia verso l’Europa, sia quelli dall’Africa sub Sahariana verso la Libia e poi in direzione dell’Italia, venivano cofinanziati dalle ONG, che in buona parte fanno capo al finanziere ebreo ungherese George Soros. Come pubblicato da controinformazione.info. (Vedi: Migrazioni di massa come arma geopolitica)

“Si pretende che questi investimenti possano avere successo, tuttavia il nostro obiettivo prioritario è quello di creare prodotti e servizi che davvero apportino beneficio ai migranti ed alle comunità di accoglienza”, ha dichiarato solennemente Soros.
“Consegnare tanto denaro senza garanzia di successo risulta quanto meno sospettoso”, hanno assicurato vari osservatori. Tuttavia, secondo Soros, il quale aveva anche ammesso di aver finanziato il Golpe avvenuto in Ucraina, come anche il secessionismo catalano in Spagna, il suo vero e grande obiettivo è quello di “creare una coscienza sociale”, dice l’ultra miliardario.

Questo finanziere dalle molte attività, lo stesso che  si fece conoscere a livello mondiale nel 1992 come “l’uomo che affondò la lira sterlina” (ed anche quella italiana), rappresenta uno dei volti più visibili del globalismo e del mondialismo progressista a livello transnazionale. Occorre sottolineare la sua speciale avversione a qualsiasi sentimento nazionale, incluso quello statunitense, paese dove il magnate emigrò negli anni ’50.

Gli investimenti (si è annunciato) saranno canalizzati dalle ONG di Soros, organizzazioni prive di fini di lucro, – principalmente la Open Society- ed i benefici finanzieranno i programmi dell’istituzione. Relativamente a questo Soros e le sue ONG, con il loro staff, si riprometteno di collaborare con organismi come l’Ufficio dell’Alto Commissariato per i Rifugiati delle Nazioni Unite e l'”International Rescue Committee”.

Occorre ricordare che l’ONU ha affidato l’incarico più importante nella Commissione dei Diritti Umani all’Arabia Saudita, un paese che applica la sharia allo stesso livello dello Stato Islamico e che quest’anno ha superato ogni record di esecuzioni pubbliche (mediante taglio della testa). Inoltre il regime di Rijad si è rifiutato in numerose occasioni di accogliere i rifugiati mussulmani, nonostante disponga di immense tendopoli climatizzate nella zona della Mecca che rimangono vuote in pratica per tutto l’anno.

A livello domestico, Soros, che nel vertice dell’ONU si vuole accreditare come “difensore dell’uguaglianza”, negli USA promuove il movimento “Black Lives Matter” che è sorto dopo l’uccisione di un giovane nero a Ferguson per opera di un poliziotto bianco, avvenimento che aveva dato luogo a rivolte, disordini e saccheggi a Ferguson ed a Baltimore.
Le fondazioni create dal multimiliardario (uno degli uomini più ricchi del mondo) hanno finanziato il movimento fondamentalmente diretto a mantenere in attivo la guerra razziale, con l’apporto di circa 33 milioni di dollari.

Per comprendere meglio le trame di Soros occorre verificare quanto risulta dalla pubblicazione delle mail di Soros, avvenuta tramite Wiki Leaks, si tratta di circa 2500 e-mail riservate fra Georges Soros e i dipendenti delle sue fondazioni. Da queste era emerso che lui aveva dato direttive ad Hillary Clinton, quando era segretaria di stato, su una crisi in Albania e su come risolverla: direttive che Hillary aveva seguito alla lettera. Tutte le informazioni venute alla luce in questa corrispondenza, avvenuta fra la Open Society Foundation e i riceventi delle sue donazioni, sono messe sotto silenzio dai media , perché sono ovviamente imbarazzanti. Si evince ad esempio che lo stesso Soros ha versato 30 milioni di dollari per la campagna di Hillary Clinton, cosa che lo rende il maggior donatore singolo.

Non solo la Clinton è beneficiata dai finanziamenti di Soros ma fra i beneficiati dell’ultra miliardario ci sono anche volti noti del giornalismo negli USA ed in altri paesi e di conseguenza si comprende la “riservatezza” sulle informazioni che lo riguardano.
Quello che più viene messo in evidenza da queste mail, è il carattere megalomane di questo personaggio. Non c’è area del mondo dove Soros non finanzi attività (sovversive, o ‘filantropiche’); ovunque ci sia una politica pubblica che si proponga di ‘riformare’ nel senso di abbattere le tradizioni e la cultura locale, là troviamo la mano di Soros sganciando soldi ai locali ‘riformatori’, che sono sempre legati alle ideologie della sinistra mondialista e libertaria. Un megalomane e insieme, micro-gestore di tutta la realtà.

Come da informazioni precedenti, Soros finanzia Arcigay in Italia, e Planned Parenthood (in Usa (l’ente pro-aborto che l’hanno scorso s’è scoperto faceva commercio di organi di feti); il miliardario ha finanziato rivoluzioni colorate e l’opposizione ad Orban in Ungheria; lui stesso istiga tuttora la giunta di Kiev a fare la guerra alla Russia; Soros ha riconosciuto di essere implicato nella gestione (attraverso apposite ONG) dell’ ondata migratoria in Europa, e nello stesso tempo incentiva organizzazioni di minoranze etniche come i latinos in Usa, allo scopo di far cambiare la demografia dei collegi elettorali in modo da favorire Hillary contro Trump.

Soros ha inoltre finanziato ripetuti tentativi di manifestazioni LGBT a Mosca, pagando le trasferte di celebri travestiti e sodomiti; in Europa, ha ‘gestito’ certe elezioni, facendo eleggere candidati favorevoli all’immigrazione senza limiti, oltre ad tante alte iniziive che sarebbe lungo enumerare.

L’obiettivo finale che persegue Soros con le sue attività : la dissoluzione di ogni ordine tradizionale, la destabilizzazione di società conservatrici, l’imposizione di una ideologia multiculturalista e la rimozione di ogni vincolo religioso tradizionale.
Il nemico dichiarato di Soros è Vladimir Putin il quale, a seguito delle attività di destabilizzazione finanziate in Russia, ha assicurato che, se il finanziere metterà piede sul territorio della Fedrazione Russa, risulta già pronto un mandato di arresto a suo nome.

Fonti: The Millenium Report

Zero Hedge

*

code

  1. Renee59 1 anno fa

    Questo non é altro che un massone che ha ricevuto direttamente dal demonio soldi e potere per destabilizzare il mondo, che si avvia alla fine.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Umberto 1 anno fa

    Qualcuno potrebbe aggiungere, in maniera benevola: “oltre che essere uno dei maggiori narcotrafficanti del pianeta o, per meglio dire, uno dei più grossi sponsor del narcotraffico globale”, col mero umanitario e magnanimo fine di risvegliare le coscienze.
    Mi lascia perplesso, tuttavia, questa ‘assunzione’ di responsabilità. Come mai?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. giannetto 1 anno fa

    E’ uno degli emblemi del Capitalismo, che promuove pescecani, tra i quali s’affermerà il pescecane più grande. – Troppi soldi dan troppo potere, il troppo potere concima la megalomania del tiranno, la megalomania è concime di criminalità. Infatti il tiranno è criminale. – Tenete poi conto che costui è un giudeo che si gloria d’aver iniziato a far soldi tradendo proprio i giudei durante il nazismo. Più atroce ancora di Shylock! – In sintesi è il prodotto delinquenziale, e finale, delle castronerie di Adam Smith cucinate in cucina kosher.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Deda 1 anno fa

    Se si deve immaginare il MALE si immagina Soros e la sua specie, quella specie che ama vedere gli altri soffrire, specie di uomini detti anche comunemente sadici, non è solo la brama del denaro che li muove, ma soprattutto la mancanza di empatia, che forse però è proprio il troppo denaro a produrre, un gatto che si morde la coda, questi “Soros” comunque si trovano dappertutto, anche tra i poveri, sono proprio il prodotto peggiore che l’umanità esprime, quello nero pece, poveretti loro e poveretti noi che ci dobbiamo convivere con poi questi risultati…
    Il mondo si divide tra ricchi e poveri, c’è poco da fare, i ricchi hanno la legge dalla loro, da cui si deduce che tipo di leggi regola il mondo, no?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. stefania 6 mesi fa

    quando more sto’ stronzo?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. ugo 6 mesi fa

    “Per studiare le leggi della storia dobbiamo sostituire completamente
    l’oggetto della nostra indagine, lasciare in pace i re, i ministri e i generali, e studiare quegli
    elementi omogenei e infinitesimali che condizionano il comportamento delle masse.”

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. ugo 6 mesi fa

    “Un popolo che non sa né leggere né scrivere, è un popolo facile da ingannare.”

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. ugo 6 mesi fa

    Quando il governo teme il popolo, c’è libertà. Quando il popolo teme il governo, c’è tirannia.

    Rispondi Mi piace Non mi piace