"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Siria: abbattuto elicottero russo. Macabra festa jihadista

di Franco Iacch
01/08/16
SIRIA, ABBATTUTO ELICOTTERO RUSSO, CINQUE MORTI, RIBELLI FESTEGGIANO SUI CORPI: SPECNAZ IN VOLO, AUTORIZZATE MISSIONI DI RECUPERO

(di Franco Iacch)01/08/16
Un elicottero militare Mi-8 russo è stato abbattuto mentre era di ritorno da una missione umanitaria su Aleppo. È quanto ha appena comunicato il Ministero della Difesa russo. I tre membri dell’equipaggio e due ufficiali del Russian Center for Syrian Reconciliation, si trovavano a bordo del velivolo quando è stato abbattuto dal fuoco nemico. L’elicottero era in rotta verso la base aerea di Khmeimim. Il Ministero della Difesa sottolinea “che il destino del personale a bordo è chiaro”.

Pochi minuti fa, il ramo mediatico del gruppo Jaysh al-Fateh ha pubblicato sulla rete la foto di uno dei membri dell’equipaggio. L’uomo, probabilmente morto, è trascinato da un gruppo di terroristi urlanti nei pressi di Tal Sultan. Secondo Jaysh al-Fateh si tratterebbe del pilota, trucidato a terra dai terroristi.

Non è ancora chiaro il sistema d’arma utilizzato per abbattere l’elicottero russo, ma il Ministero della Difesa conferma il decesso del personale imbarcato. Il Cremlino ha immediatamente messo in allarme i reparti specnaz sotto egida GRU attualmente in Siria. Tutte le operazioni russe pianificate oggi in Siria, sono state annullate per massimizzare le operazioni di recupero. Hmeymim, comando specnaz in Siria, è stata messa in stato di allerta massima.

In Siria, i russi hanno schierato tra le 20 e le 35 piattaforme a rotore Mil Mi-28N e Kamov Ka-52, sia a Hmeymim che nella base di Al-Shayrat, 30 km a sud-est di Homs. Presso Hmeymim, principale base di proiezione degli specnaz in Siria nella provincia costiera di Latakia, è ancora presente il grosso delle forze a rotore russe composte dagli elicotteri Mi-28N e KA-52.

È ritenuto imminente il primo raid per recuperare i corpi che, ancora adesso, dovrebbero trovarsi nella carcassa dell’elicottero abbattuto nel Governatorato di Idlib.

L’ordine di recuperare i corpi è stato emesso dallo stesso Putin che ha autorizzato un massiccio dispiegamento specnaz della Voenno-Morskoj Flot Rossijskoj Federacii supportato esclusivamente da elicotteri pesanti Ka-52.

fonte: Difesa on line

*

code

  1. Mardunolbo 8 mesi fa

    Quegli umanoidi in ciabatte, sempre pronti a festeggiare la morte altrui,come solo gli islamici sanno fare,da secoli, pagheranno caro il loro atto di vilipendio !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. pietro 8 mesi fa

    L’uomo della foto non è ancora morto, il braccio destro è sollevato ed il sinistro, se fosse morto, sarebbe rivolto all’indietro a causa del trascinamento subito dal corpo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. mimmo 8 mesi fa

    ho un brutto presentimento….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Mardunolbo 8 mesi fa

    80 terroristi uccisi da bombe lanciate da aerei russi, sono la risposta al massacro eseguito dai “moderati” amici degli usraeliani.
    Sto aspettando che da Aleppo, in liberazione da questi “moderati” rientrino avvolti in teche di legno, anche gli istruttori europei che li hanno sostenuti ed equipaggiati. Ho un solo dispiacere: non faranno vedere in tv le “teche di legno” dei mercenari, coperte nei colori nazionali !

    Rispondi Mi piace Non mi piace