"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Siria, la Russia ha scaricato a Tartous 50 missili SS-21 Tochka

Mosca non conferma né smentisce. Si tratterebbe della più grande fornitura missilistica mai avvenuta tra Siria e Russia

Secondo fonti locali , i missili sarebbero arrivati nel porto di Tartus due giorni fa, ove sono stati scaricati ed avviati al loro posizionamento.

Difficile individuare quale sia la versione del sistema d’arma a corto raggio arrivato in Siria. Fino ad ora non ci sono state conferme da parte del Ministero della Difesa di Mosca e del suo portavoce.
No comment – ha dichiarato il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov – non dispongo di queste informazioni.

Il missile a corto raggio SS-21 Tochka, designazione Nato Scarab, è il successore del sistema 9K52 Luna-M/Frog-7. Entrato in servizio nel 1975, il missile 9K79 Tochka utilizza un sistema di navigazione inerziale che corregge la traiettoria del razzo grazie a giroscopi interni e sensori di movimento. La seconda versione Tochka-U/ Scarab-B, entrata in servizio nel 1989, è in grado di colpire bersagli ad una distanza massima di 120 chilometri con una Cep, o probabilità di errore circolare di 90 metri. Implementa un sistema di guida GPS e radar nella fase terminale. L’ultima versione, Scarab-C, dovrebbe avere un’autonomia di 170 chilometri con una Cep di 70 metri. Pronto al lancio in quindici minuti, ne richiede altri venti per la fase di ricarica.

Teoricamente, un missile Tochka è equipaggiato con una testata convenzionale da 264 chili di esplosivo ad alto potenziale o fino a 50 munizioni a grappolo. L’SS-21 può essere riconfigurato per ospitare una testata nucleare tattica AA-60, con potenza scalare compresa tra i dieci ed i sessanta kilotoni e chimica. Tutte le brigate missilistiche russe equipaggiate con il Tochka, saranno riconvertite con il più moderno e preciso Iskander-M. Reggimenti missilistici Iskander sono stati schierati a Kaliningrad, enclave russa tra Polonia e Lituania con accesso diretto al mar Baltico, in risposta all’espansione della NATO ed all’imminente entrata in servizio dello scudo di difesa missilistica degli Stati Uniti in Europa.

I missili Iskander-M in Siria

I sistemi balistici ad alta precisione con capacità nucleare ed ottimizzati per l’utilizzo a distanza ravvicinata, sono schierati nella base aerea di Hmeimim, in Siria. Lo scorso dicembre, sono stati identificati due lanciatori e fino a sei missili sotto le reti mimetiche. I due missili possono essere lanciati in 16 minuti ed in quattro minuti in caso di prontezza operativa. Il secondo missile può essere lanciato in meno di 50 secondi. È quasi impossibile anticipare il lancio di un missile Iskander-M a causa della mobilità del sistema. La prima indiscrezione sulla presenza Iskander risale al 20 marzo scorso, quando i satelliti della Airbus Defence and Space identificarono i sistemi d’arma. Una settimana dopo, il canale russo Zvezda TV effettuò uno speciale dalla base di Hmeimim: sullo sfondo erano chiaramente visibili due TEL (transporter erector launcher).

La versione interna o M ha una gittata massima dichiarata di 480 km, in fase di test la possibilità di estendere il raggio ben oltre i 500 km, con una Cep di dieci metri. Il sistema di navigazione indipendente non è influenzato dalle condizioni climatiche avverse. Capace di una velocità massima di 7mila km/h, l’Iskander nella fase terminale del volo si affida ad una guida optoelettronica, compiendo brusche manovre per eludere le difese aeree e rilasciando esche per ingannare i radar nemici.
La notizia dell’arrivo in Siria di questi missili è stata diffusa dal network televisivo di R.Murdoch, FOX News, con dichiarazione di un ufficiale dell’Esercito Usa.

La Russia ha considerato la possibilità di fornire i missili Iskander alle truppe regolari siriane, ma si è astenuta dal procedere a causa delle preoccupazioni di Israele. E’ impossibile stabilire la variante Iskander schierata che potrebbe essere sia balistica che da crociera. Tutti i sistemi Iskander in Siria sono gestiti dal personale russo.
Sicuramente questo costituisce un forte potenziamento delle difese siriane di fronte alla possibilità di aggressioni da parte di terzi, certamente non da parte dell’ISIS o dei gruppi terroristici che non hanno queste capacità tattiche. Gli equilibri di forze nell’area sono decisamente mutati da quando le forze militari russe  sono  intervenute  in Siria.

Fonti varie

*

code

  1. Idea3online 6 mesi fa

    La Russia è nuovamente sotto attacco, si stanno ricreando le situazioni prima dell’attacco alla Siria, prima delle Olimpiadi di Sochi. Tutto sta diventando più tragico che con la presidenza Obama, le notizie sparse qua e la per i fronti di guerra indicano la riattivazione dei conflitti messi in pausa allo scadere del mandato di Obama. “Rimpiangeremo” Obama.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Paolo 6 mesi fa

    Non so se rimpiangeremo obama, di certo uno come trump sta li per buttare in aria il tavolo da gioco, quando chi di dovere riterra’ opportuno che debba farlo. Intanto la Russia consolida i suoi successi con sequenza secca e incisiva, sa quello che vuole ed e’ evidente che dietro a queste mosse c’e’ un pensiero; cosa assai rara di questi tempi in occidente.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Tania 6 mesi fa

    Scusate il fuori tema ma è da delirio, da morire dal ridere, Formigli chiede se uscire dall’euro significherà andare a ritirare i soldi dal conto in banca e trovare la banca chiusa, come successe in Grecia, Tremonti risponde che la UE, che lui non votò, permise 5 giorni di tempo alla mafia russa per ritirare i soldi, fatto questo la UE ha infierito sui poveracci.
    Vorrei chiedere, e le altre mafie? Ad esempio la ndrangheta, robbetta da niente…
    Solo che siccome sto ancora ridendo, non gli chiedo niente.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. bob_naz 6 mesi fa

      interessante, mi piacerebbe però sapere se la mafia era proprio russa o di personaggi apolidi, di quelli che ci tengono a conservare la loro presunta stirpe

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Alessandro 6 mesi fa

        Ottima precisazione.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Chiedo, perché 6 mesi fa

    Le guerre si fanno per ragioni economiche e di espansione.
    Esiste una famiglia, i ROTHSCHILD, EBREI SIONISTI, che hanno banche su tutto il globo terraqueo esclusi Iran, Corea del Nord, Sudan, Cuba e la Libia, ecco il colpevole delle nostre disgrazie!
    EBREI SIONISTI.
    Ricordiamoci questi paesi : Iran, Corea del Nord, Sudan, Cuba e la Libia. Vediamo chi si rivolgerà a questi paesi con toni di guerra, ok?
    Vediamo chi rivolgerà toni di guerra a questi paesi di chi è “amico”, ok?
    Tutto sarà chiarissimo da subito.

    Intanto chiedo, come mai dentro tutte le guerre ci sono i ROTHSCHILD EBREI SIONISTI?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Tania 6 mesi fa

    Le guerre si fanno per ragioni di espansione economica.
    Esiste una famiglia, i ROTHSCHILD, EBREI SIONISTI, che hanno banche su tutto il globo terraqueo esclusi Iran, Corea del Nord, Sudan, Cuba e la Libia, ecco il colpevole delle nostre disgrazie!
    Famiglia di EBREI SIONISTI.
    Ricordiamoci questi paesi : Iran, Corea del Nord, Sudan, Cuba e la Libia. Vediamo chi si rivolgerà a questi paesi con toni di guerra, ok?
    Vediamo anche chi rivolgerà toni di guerra a questi paesi di chi è “amico”, ok?
    Tutto sarà chiarissimo da subito.

    Intanto chiedo, come mai dentro tutte le guerre ci sono i ROTHSCHILD EBREI SIONISTI?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Tania 6 mesi fa

    I Rothschild e la loro corte usano un profumo particolare che deve celare la loro naturale puzza di zolfo…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Tania 6 mesi fa

    I Rothschild vogliono la mia casa? Ah ah ah ah ma noooo, che se ne fanno!
    I Rothschild vogliono i mei soldi? Ah ah ah ah, ma se sono loro che stampano, distribuiscono, mettono, tolgono, i soldi nel mondo!
    Allora cosa vogliono i Rothschild da me?
    Vogliono me, vogliono che io mi droghi fino all’intontimento totale, che mi abbruttisca di sesso fino a perdere coscienza della mia anima spirituale, che io impugni un arma per uccidere quelli che loro mi mostrano come nemici, insomma, vogliono me, non ciò che ho, si nutrono di me, me medesima, io sono l’alimento della loro vita.
    Per ottenere questo hanno bisogno di avere il controllo TOTALE sulla intera produzione della droga mondiale, che non penseremo mica che la comprano dalle mafie, siamo seri, e hanno bisogno di avere il controllo totale della produzione delle armi e dei governi che legiferano gli stati.
    Inchiniamoci agli IMPERATORI…
    Altro che “democrazia”, “occidente democratico”, citrulli che non siete altro.
    Attenti arriva Rothschild l’imperatore, inchinatevi tutti al suo passaggio e salutate.

    Salve a te nostro signore Satana, signore degli ebrei sionisti.

    Eppure Dio, quello vero, quello buono, esiste, io so che esiste, e farà ciò che sarà giusto fare, è ora che ci si metta, direi, no?

    L’altro che sa che Dio esiste è appunto Satana, vero Rothschild che lo sai? E’ per questo che sei così di fretta nelle tue cose, vero? Pippa al ****, eh!

    Tutti, dico tutti, dovrebbero rifiutarsi di prendere un solo grammo della droga sintetica che gira per il pianeta, e dovrebbero rifiutarsi di impugnare una sola arma che non sia per la difesa della propria famiglia, casa, e cioè per la difesa del proprio PAESE, così che l’IMPERO SATANISTA per raggiungere il suo scopo si debba manifestare nella sua vera natura, che tutti noi lo si veda!
    Noi siamo in grado di demolire l’IMPERO, NOI!
    Bisogna capire che solo rifiutando tutto ciò che dall’alto l’impero ci fa cadere addosso che luccica, che rende euforici, noi siamo e rimarremo LIBERI, non solo, facendo questo otteniamo ben altro, li affamiamo, li sbricioliamo… Evviva!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Tania 6 mesi fa

    Vorrei fare una domanda chiara e precisa agli ebrei, il loro Dio creatore che tipo é?
    E’ buono, cattivo, come è?
    Ci dicano. Vogliamo proprio che ce lo dicano, con parole loro, mica un trattato, vogliamo ci dicano bello chiaro se il loro Dio è
    A-buono
    B-cattivo
    A o B, non una parola di più.
    E voglio anche chiedere loro se lui ci ha fatti tutti o ha fatto solo loro, che un dubbio ce l’ho, potessero aiutarmi a chiarirlo sarei loro molto grata.
    C’è qualche ebreo sul blog che risponde?
    Potrei chiedere a Gad Lerner…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Giorgio 6 mesi fa

      Cosa intende con A o B?
      Per esempio, per me vivere a Bologna è B e generalmente vivere in Emila-Romagna, Toscana, Umbria, Marche.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Tania 6 mesi fa

        Ma mi faccia il favore…

        Se non sapeva cosa rispondere per essere onesto e non voler sembrare ciò che è, che avrebbe detto, tanto valeva se ne stesse zitto, no?

        Comunque in qualche modo Lei ha risposto, ha scelto la B, La ringrazio per la risposta…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Giorgio 6 mesi fa

          Sì, ma lei continua a vivere a Bologna, il sottoscritto no.
          Un conto sono le intenzioni un altro i fatti.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
        2. Giorgio 6 mesi fa

          Se lei chiede ad ogni mamma napoletana com’è il proprio scarrafone….

          Rispondi Mi piace Non mi piace