"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Se non volete i migranti, andate in Ungheria………

Rivolta di Goro

di Luciano Lago

“Se non vogliono vivere nello stesso posto dove diamo accoglienza ai profughi , andassero a vivere in Ungheria”, così aveva dichiarato il prefetto Mario Morcone nei confronti dei cittadini di Gorino e Goro che hanno rifiutato la requisizione dell’unico ostello in paese per fare posto ai migranti

Sara’ il caso di spiegare a questo solerte funzionario del Governo che la sovranita’ appartiene al popolo e questo ha il diritto  di decidere con propria scelta se  vuole accettare o respingere nel proprio paese, nella propria comunità  l’invasione dei migranti favorita dal Governo Renzi/Alfano al servizio delle centrali sovranazionali? Troppo difficile far capire questo principio  ai prefetti e questurini stipendiati dal Governo e ricattati  per eseguire gli ordini.


Personale che lavora per uno Stato che ha di fatto abdicato a quelle che sono fra le sue principali funzioni : emettere moneta e difendere i confini. Uno Stato che ha quindi rinunciato al suo stesso principio di legittimità.

Un discorso che rimane però soltanto astratto e scollato dalla realta’, visto che la classe politica al governo si è rivenduta buona parte del patrimonio nazionale, in  obbedienza alle centrali di potere sovranazionali, e da ultimo ha svenduto anche la sua stessa dignita’. La chiamano però  ancora una “democrazia”, incuranti della beffa di agire in nome di interessi esterni  ed a detrimento degli interessi popolari con un governo “nominato” e mai eletto.

Naturalmente tutto l’apparato dei media del sistema si e’ mobilitato per recriminare, diffamare e svilire il gesto di rivolta della gente di Gorino, lanciando una campagna di finto e lacrimevole pietismo verso i “”poveri profughi” respinti dalla gente del paese, insensibile ai problemi di solidarieta’ ed accoglienza.  Per Capalbio e per le persone dell’alta borghesia ivi residenti, che avevano manifestato qualche tempo fa lo stesso rifiuto, non si era levata questa campagna, per Gorino si.

Si evita di parlare della questione di principio,  al di la’ delle singole persone a cui e’ stata rifiutata l’accoglienza, ed il principio a cui si sono appellati  i residenti di Gorino e’ antico e consolidato nella Storia dei popoli e delle  comunità: “padroni a casa nostra“.

Si tratta dello stesso principio che nella Storia ha spinto alla rivolta i comuni italiani contro il Barbarossa, o quella dei Vespri Siciliani contro la dominazione angioina, o alll’insurrezione popolare contro il governo a Milano che portò alle cannonate in piazza con l’esercito di Bava Beccaris. Si ritornerà a quelle insurrezioni? E’ possibile ma improbabile.

Goro e Gorino non sono paesi rifugio della buona borghesia intellettuale del pensiero unico (come Capalbio), non ci sono borghi medievali e vip. Solo gente del popolo, onesti lavoratori e pescatori. Forse per questo che il loro “egoismo” risulta un po’ più indigesto. A Capalbio con c’è stato alcun prefetto che ha insultato gli abitanti e tanto meno li ha invitati ad andare in Ungheria (molti di loro già dividono  la residenza con Montecarlo e St. Tropez). Non ci sono stati giornali progressisti a definire “rivoltante” l’opposizione all’accoglienza dei poveri migranti da parte della borghesia benpensante che sverna a Capalbio nelle stagioni fredde.

Nell’epoca attuale non potrebbe essere più evidente il dualismo sociale, la distanza  fra il popolo e l’elite dell’alta borghesia che risulta sempre maggiore. Al popolo  dei borghi e delle periferie spettano i sacrifici, gli effetti della crisi, la mancanza di sicurezza, lo scadere dei servizi e la perdita dei diritti, per effetto della  globalizzazione esaltata dalla borghesia mondialista, al popolino  spetta anche  la difficile convivenza con le masse di migranti, all’elite spetta invece di gestire il potere, di goderne i frutti  ed il monopolio della pseudo morale. Guai a ribellarsi, si viene anche scherniti e derisi accusati di egoismo e razzismo.

Di fronte a questi esempi, i cittadini più avveduti iniziano a comprendere che, dietro questa ostilità contro chi si oppone all’africanizzazione e islamizzazione del poprio territorio, ci sono le stesse elite di potere che esercitano il controllo sulle masse e diventa evidente che l’immigrazione viene utilizzata da queste come arma geopolitica e strategica di disarticolazione delle comunità originarie di un territorio.

Immigrati sbarcao in Sicilia
Immigrati sbarcao in Sicilia

Bisogna considerare che la politica di migrazione di massa verso l’Europa presenta due principali utilità per l’oligarchia economica dominante: 1) come elemento di trasformazione etnica degli Stati (nel lungo termine) ; 2) come mano d’opera di riserva che sia utile per le multinazionali quale strumento di riduzione dei salari ed incremento dei profitti a medio e lungo termine .

Non a caso fra coloro che “spingono” per l’accoglienza delle ondate di migranti e ne finanziano i trasferimenti, troviamo organismi come la Commissione Europea, il Fondo Monetario Internazionale (FMI), la Goldman Sachs, al JP Morgan, le ONG del miliardario George Soros, oltre alle ONF dell’ONU ed al Vaticano. Questa non è una teoria ma risulta da serie  indagini svolte, fra gli altri, dai servizi di intelligence dell’Austria e della Serbia.

Bisogna comprendere che il principale obiettivo di lungo termine delle centrali di potere mondialiste è quello di sostituire le identità nazionali e distruggere la cultura originaria che si oppone al mercato globale e che rivendica l’autonomia delle comunità locali, sostituirla con una massa indifferenziata di varie etnie e culture che risulti più facimente omologabile al sistema e che non abbia i mezzi culturali per opporsi alla catechizzazione del nuovo ordine.

Questo spiega l’accanimento delle TV e della stampa progressista del “pensiero unico” contro i “resistenti” di Goro e di Gorino. Una rivolta che potrebbe costituire un precedente pericoloso.

*

code

  1. chiara 1 mese fa

    allo schifoso , mafioso , infame “prefetto” morcone , auguro di trovarsi in casa di notte qualcuno di quei bei “PRESUNTI” profughi con un bel coltello in mano , come è capitato a me , poi vediamo la sua ARROGANZA e la sua ACCOGLIENZA dove vanno a finire !!!!!!!!! BUFFONE TRADITORE DEGLI ITALIANI CHE CON LE TASSE TI PAGANO LO STIPENDIO CHE RUBI , MORCONE VAI A NASCONDERTI E TACI !!!!!!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. nessuno 1 mese fa

      Gentile Sig. Chiara: innanzitutto la mia solidarietà per quanto a lei accaduto e spero
      che questa deplorabile situazione si sia conclusa nel migliore dei modi per lei.
      Tornando a questa tragico-comica situazione degli immigrati, viene spesso invocata
      la mano d’opera di riserva, e su questa affermazione sollevo alcuni dubbi,mi spiego:
      La ricerca e la costruzione di macchine (robot) stà compiendo passi da gigante, un
      imprenditore Asiatico ne ha ultimamente ordinato un milione, i robot “lavorano” già
      nelle catene di montaggio, non si ammalano,non vogliono il salario,un po’ di manutenzione
      è necessaria, anche in agricoltura i lavori si fanno sempre di più con macchine, macchine
      che sono sempre in fase di miglioramento, almeno nelle grandi fattorie o cooperative le
      braccia umane sono adoperate sempre di meno, dove resiste ancora il bisogno di manovalanza
      sono le piccole aziende o esplotazioni a carattere familiare, che con l’avanzare della
      globalizzazione saranno destinate a fallire.
      Visto il grado di istruzione quasi nullo di questi immigrati cosa faranno in Italia (e non solo)?
      Non potendo fare lavori di manovalanza, non potendo svolgere lavori di un certo livello,
      cosa resta loro come opzione a parte il bighellonare e fare bambini?
      Rimane solo una risposta:
      Sono alla quasi certezza che si tratta di un tentativo di “trasformazione etnica”.
      Cordiali Saluti

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Umberto 1 mese fa

        Come ogni grande manovra, essa è già pre-architettata da chi sappiamo; donata ai poteri occulti, che la trasmettono alle cosiddette famiglie o elite che a loro volta le fanno mettere in atto tramite i loro Governi e via dicendo lungo la piramide che ormai è talmente solida, sfacciatamente chiara e inverosimilmente ovvia, che nemmeno ci si fa caso più di tanto, essendo essa diventata incredibilmente normale nella vita delle persone che è riuscita ad addomesticare alla sua tenera, dolce, sincera ed innocentissima ferocia omicida assetata di sangue. Niente di strano, quindi, che vi sia una moltitudine di vantaggi scaturiente da ognuna delle manovre del Maligno, come sempre accade. Ad esempio, nella fattispecie in oggetto, alcuni pensano che vi possa essere un terzo obiettivo, diverso ma non slegato dai primi due, ma ancor più violento e tragico, se servisse. Sono troppi, oltre ancora.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Umberto 1 mese fa

    Per tornare all’ articolo, posso affermare di essere completamente d’ accordo. Visto il loro stipendio e la loro situazione sociale, pari pari a quella dei loro stessi concittadini nella gran maggioranza, per fortuna esistono – non si sa per quanto tempo ancora – uomini e, da qualche tempo, pure donne, che vedono tutto ciò che accade e hanno la possibilità di acquisire la consapevolezza del proprio ruolo. Ruolo che in realtà gli imporrebbe il dovere, piuttosto, di prendere la decisione di salvare quelle cose che sulla carta e sull’ onore si impegnarono a salvare quando lo giurarono. Dal basso, ovvio. Da dove i numeri sono dalla parte giusta, certo. Non mi aspetto già che gradi da “accademia” possano solo pensare di mandare all’ aria quel bello stipendio e posto di potere che tanto fa comodo. Anche in certi ambienti, chiaramente, vige la regola di Sion. Nessuno, dunque, dalle postazioni di rilievo. O forse qualche sana eccezione esiste?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. giannetto 1 mese fa

    Consolazione nella disgrazia, almeno per la mia platonica anima concupiscibile (ossia viscerale), se non quella razionale. A volte ci pensano i baluba stessi a far un po’ di repulisti contro questi spauracchi di poliziotti nelle loro truci divise e con i loro truci randelli. Che dopo averci perseguitati (noi autoctoni) da decenni con ogni genere di supponenze, smargiassate, violenze, abusi, insolenze (per questo aspetto, e su pochi altri, son d’accordo con Barnard) ci fanno anche la morale, dicendo per di più idiozie, conformi del resto alla loro funzione e alla loro natura profonda (altrimenti non farebbero quel mestiere). E allora capita che ad es. ad Essonne, in Francia, dei baluba magrebini bruciano nella loro auto un paio di sbirri, i quali stavano facendo il loro “dovere”, ossia vigilare a che non fossero manomessi i parchimetri, che servono naturalmente a scremare suppletivamente il nostro portafoglio, perché l’auto è la gallina dalle uova d’oro per le casse piangenti dello Stato, gallina che cacca tasse sulla benzina, sulla circolazione, sulle assicurazioni, multe a raffica e last but not least diritti di parcheggio. Non desidero per carità male alcuno a persone e individui che non conosco. Qui li vedo solo come simboli astratti della loro funzione. E siccome non sono un sanguinario, dico che se potessi fantasticare un’utopia: cioè che in una notte, ad edifici vuoti, saltassero in aria tutte le caserme e i posti di polizia, e le prefetture di tutta Europa, la mia anima concupiscibile (viscerale) rilascerebbe un peto di sollievo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Anonimo 1 mese fa

      un peto silenziato dal boato di molti altri…i guess…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Umberto 1 mese fa

      Lo so e non hai torto in linea di massima. Tuttavia, sono personalmente certo per conoscenza diretta di moltissimi singoli, che un forte malcontento e una sempre meno netta linea di demarcazione di pensiero, veicolano un’ aria diversa da quella solita delle manganellate di piazza. Parlo, nel numero, dei bassi gradi, quelli con cifre a quattro zeri, indispensabili. Gli occhi ce li hanno anche loro e alcuni li aprono nel momento in cui non possono farne a meno per rimanere onesti.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. giannetto 1 mese fa

        Caro Umberto, mi auguro che tu veda giusto, ma io a volte sogno, perché sognare è rilassante e non costa nulla. E siccome ‘ a-bolizzìa-nostra, nel regime metastàsico di Grande Fratello, non la ritengo meno pericolosa degli allogeni, allora sogno una guerriglia endemica tra i pulotti (nostri) e i baluba (loro), e quasi quasi tifo (incredibile dictu!) per i baluba, perché tutto sto marchingegno non son stati loro a metterlo in piedi. … guerriglia nelle strade, nelle banlieues, nei supermercati, insomma ovunque… una guerriglia capace di decimarli entrambi. Poi mi risveglio dal sogno, e vedo che mooòlto più realistica è la profezia del grande Jean Raspail nel “Campo dei Santi”: ossia l’alleanza loro ( pulotti + baluba) per far secchi noi (eredi di Cartesio e Voltaire… che però alla fine sarem rimasti quatto gatti). …
        Del resto le autorità krukke lo han già detto: malgrado gli accoltellamenti, dobbiam convivere con loro!… dobbiamo “integrare” gli accoltellatori!
        Dovreste ben vederlo, a sto punto, a cosa fu finalizzata la “fratellanza universale”, primum tra gli europei , poi di tra il genere umano (tutto quanto globalizzato): a dar potere tirannico a tutte le facce audio-screen (come avrebbe detto Orwell, in epoca pre-informatica) di Grande Fratello.
        – So che parlo a vanvera, ma pazienza!
        – I vostri (+) e (-) me ne toccano una senza far muovere l’altra (è un detto di Chirac).
        – Scusa se ti (vi) ho rotto, e se per alcuni sono incomprensibile.
        Buona notte.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Torrido 1 mese fa

    Ci raccontano che gli It/agliani scappati all’estero sono superiori dei migranti che risiedono in It/aglia oltre 5 milioni,ma alle stime dei balordi che arrivano credo poco, saranno oltre il doppio!In pratica gli It/agliani che sono andati all’estero sono per oltre 80% tutti pensionati che emigrano per speculare irpef ,che con il risparmio si pagano l’affitto nel luogo.Mentre quelli che arrivano ci costano non solo 35,00 di vitto e alloggio ma molto di più! sicurezza ordine pubblico danni di furti ecc.mentre noi se non paghiamo tasse tichet e altro,ci perseguono in tutte le maniere.Ma qualche mangione del governo ha detto che sono una opportunità per gli Italiani.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. giannetto 1 mese fa

      Sacrosante parole! Ci tartassano per la carità coatta ai baluba. Eppure vedi che la gggente non si sveglia. Forse sono un po’ meno ammaliati di una volta dal mantra “Sono la nostra risorsa”, pronunciato dal baffetto velista, che forse lo concepì mentre era in barca, nel mezzo del Canale d’Otranto. Ma la sostanza non cambia.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Fabrice 1 mese fa

    Breaking News!!

    A) John Kerry, attuale Segretario di Stato USA , si congratula con Renzi per la sua politica di accoglienza a braccia aperte:

    The prime minister is the youngest person ever to be chosen as Italy’s head of government. He’s renowned for his high energy, dynamic ideas, his commitment to economic reform, to eloquence on behalf of the transatlantic partnership and leadership. And anybody who heard his comments this morning at the arrival ceremony heard this presence, this vision, and you could feel the energy and the commitment and the passion about it. And he has also shown a particularly graceful and difficult leadership in responding in humane ways to the global refugee crisis.

    Fonte: https://www.state.gov/secretary/remarks/2016/10/263263.htm

    PS poi che gli USA assieme a UK ( Regno Unito ) hanno creato caos tramite guerre in Medio Oriente e in Nord Africa (con Francia ) ovviamente rimane una quisquisglia……!!

    B) Joe Biden, attuale Vice Presidente USA ha aggiunto anche che Renzi è stato coraggiosissimo con i temi di piu’ grande attualita’. E ha citato i principali problemi del mondo dove Renzi si è distinto, in ordine di importanza :

    ”accoglienza dei rifugiati che hanno quasi messo in trouble ( = nei guai ) l’Italia, diritti LBTG, donne nel governo, matrimonio gay…”

    Fonte:

    https://www.whitehouse.gov/photos-and-video/video/2016/10/18/vice-president-biden-hosts-luncheon-honor-prime-minister-renzi

    ( video in inglese )

    Cordiali saluti.

    Fabrice

    1PS

    “Caos migranti, il piano Soros-Cia per destabilizzare l’Europa”

    Proprio come le forze oscure della miliardaria rete di organizzazioni non governative della Central Intelligence Agency degli Stati Uniti e di George Soros, che complottarono per destabilizzare Medio Oriente e Nord Africa attraverso l’uso dei social media, realizzando la cosiddetta “primavera araba”, tali forze hanno aperto un nuovo capitolo sulla disfunzionalità globale facilitando il flusso di rifugiati e migranti economici da Medio Oriente, Asia e Africa all’Europa……

    http://www.libreidee.org/2015/09/caos-migranti-il-piano-soros-cia-per-destabilizzare-leuropa/

    2PS

    There are two ways to win, at any game: One is by improving one’s own performance. The other is by weakening the performances by all of one’s competitors. The United States is now relying almost entirely upon the latter type of strategy……

    http://www.zerohedge.com/news/2015-08-07/us-destroying-europe

    Ma che strane coicidenze………………….!!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Paolo 1 mese fa

      Mi ha colpito…donne al governo. Eh si che lo avevo capito anch’io che questa cosa era ordita da fuori Italia. Se giudichiamo le donne che oggi, tra camera e governo, ci rappresentano, non raggiungono lo schifo dei nostri peggiori uomini del passato messi assieme. Qualcuno per rendere migliore l’Italia voleva le femminucce in politica? E questo è niente…pensiamo un po se la matta Clinton cince negli USA. Prevedo per le donne un ritorno al passato, dopo i fasti del presente…il burka sarà il minimo che possa loro accadere dopo la minigonna inglese e il troiume che le èlites hanno architettato per sfasciare famiglia e società. Le donne non sanno che sono esse stesse vittime di questa macchinazione voluta dall’alto e non voluta per dar loro maggior importanza sociale…è una caramella avvelenata di cui un domani (atomiche permettendo) pagheranno dazio. Dalla troppa libertà alla prigionia il passo è breve.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Paolo 1 mese fa

    Il popolo è sovrano e comanda, per cui, deve cacciare un sindaco che accetta immigrati che la sua gente non vuole. Dicasi per il prefetto, impiegato statale pagato dalla stessa popolazione. Devono cercarsi un altro lavoro perchè comanda il popolo e il popolo deve solo prendere coscienza di questo. Basta delegare ad altri il potere che non gli appartiene e se non lo vogliono capire…azione.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Tania 1 mese fa

    Per dire la verità non ho ancora letto l’articolo di apertura e nemmeno i commenti ma solo il titolo di entrata, la parola migranti… E il primo pensiero è stato, non ci fosse un “PROGETTO”, se fossero venuti e venissero quelli che scappano dalle guerre, quanti sarebbero?
    Poi quelli dai posti poveri, quanti sarebbero?
    Ve lo dico io, DUE GATTI, cioè i più abbienti. Punto.
    E poi dicono che sono complottista, cavolo, mica ci vuole Tesla per fare 2+2=4!

    Rispondi Mi piace Non mi piace