"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Russofobia in Eurovisione

Conchita-wurst-eurovision travesti

di Eloy Pardo

Dal transessuale Conchita Wurst  all’ex giornalista della RT  Liz Wahl, passando per gli estremisti del Maidan, la russofobia si sta rivelando come una moda ampiamente accettata in Europa e negli Stati Uniti. Si cerca non solo di danneggiare il paese euroasiatico ma anche di stabilire una barriera contro natura tra le due entità amministrative EU e Russia che formano parte, ontologica, culturale e geografica della stessa unità continentale. In quella unità  consisteva il sogno politico di costruire, tra Vladivostok e Algarve ,una grande federazione euroasiatica, che potesse  superare la crisi economica e finanziaria in cui si è ficcata l’Unione Europea.   Oppure al pensiero della Quarta Teoria Politica (4T),  immaginato da Alexander Dugin, una delle maggiori riflessioni della filosofia contemporanea.

Tuttavia le opinioni della Russia attuale –una grande miscuglio ideologico che si spiegherebbe nella 4T- non si sposano con quelle  del club dei globalizzatori che non accetta la possibilità che sorgano alternative serie nè soluzioni immaginate e classiche per uscire dall’impasse attuale.

Si preferisce, invece di di ascoltare le proposte interessanti che sorgono dal paese slavo, parlare per affermare che “la Russia non è Europa”, per il fatto che viola i diritti umani e non rispetta una comunità internazionale concentrata nel potenziare quello che tutti vedono ogni giorno sui media: l’idiozia di massa.  Ed è per quello che la russofobia conta con tanto appoggio dai media : perché riunisce lo show business ed estremisti politici dei vari poli, preparati per un discorso tanto vuoto quanto influente attraverso la sua insistenza.

Liz Whal

Sopraesposizione mediatica. Per fare un  servizio alla verità, la maggiorparte delle espressioni russofobe non obbediscono a critiche fondamentali ma a sentimenti atavici di incomprensione sostenuti in un programma ideologico reso attuale. Pertanto era prevedibile che, alla cantante che ha vinto l’ultima gara di Eurovisione, dovesse esserci  una salita del tono: la sostengono gli interessi delle lobby LGBT.  Si poteva però non aspettarsi l’attuazione della presentatrice, Liz Wahl, collegata con la versione in inglese di Russia Today che ha manifestato la sua profonda inquietudine rispetto al referendum per l’annessione della Crimea, quando il suo ruolo, in quel momento, non era quello di manifestare opinioni, né essere protagonista della notizia, ma piuttosto spiegare cosa stava accedendo.
La Wahl è nata nella base navale della baia di Subic, nelle Filippine. Si suppone quindi uno stretto collegamento speciale con il dominio internazionale che esercitano gli Stati Uniti. Non è di troppo osservare che Subic sia servita per il controllo del Pacifico, come base avanzata versdo il Giappone, Corea e Vietnam, ed anche per avere influenza dal 1898 sulle Filippine.  Se la Wurst è sostenuta  dal a menzionata lobby, a la Wahl la protegge un sentimento di unipolarità che non conosce il rispetto per le nazioni estranee.

Ci sono annessioni universalmente accusate come cattive, come nel caso della Crimea, ma ci sono anche interventi che ricevono una benedizione generale. Come la impostano adesso dal punto di vista di Kiev?
Nei media questo si presenta attraverso il sistema di un  indissimulato finanziamento delle opinioni che cercano di influenzare l’opinione pubblica, incluso quella dei paesi contro i quali si nasconde un rancore, che sia  per motivi personali reali o supposti.

Tutto questo avviene in un contesto di lotta permanente per giustificare interventi umanitari, imporre modelli compreso quello di critica: ricordiamo la simpatia con cui si commentarono le spettacolari avances dei combattenti anti Gheddafi, nel 2011, da parte di ampli settori, alcuni anche presumibilmente contrari all’egemonia e situati molto a sinistra. Hanno contribuito ad effettuare comparazioni ingiuste che hanno circondato le rivolte di una aureola romantica. A sua volta si è alimentata la fobia antiaraba per rovesciare il tiranno impopolare, che fu obiettivo di una visione profondamente deformata della realtà:  la conseguenza non ha potuto essere che quella del barbaro assassinio del leade r libico e che nessuno, nepure il TPI, sta cercando di chiarire.

Fonte: RTActualidad

*

code

  1. Werner 3 anni fa

    Il caso di Conchita Wurst mette in evidenza il declino morale dell’Occidente, e su questo la Russia ha sante e 100 mila ragioni.

    Le lobby omosessualiste e transessualiste (LGTB) sono uno dei cancri della società occidentale contemporanea, sono esse a fomentare l’odio verso gli omosessuali, che poveracci non vanno colpevolizzati per quello che sono, in quanto sono vittime di una disgrazia, di un’anomalia congenita, un po’ come quando si nasce con la sindrome di Down.

    Non é con gli omosessuali che dobbiamo prendercela, ma con le lobby che ho appena citato, e gli omosessuali stessi devono prenderne le distanze in quanto danneggiano la loro immagine. Discorso diverso é per la transessualità, che non è una semplice disgrazia, ma una devianza, una malattia, perché se ad un uomo piacciono gli uomini, non necessariamente deve trasformarsi in una “donna” o pseudotale, attraverso travestimenti, iniezioni di estrogeni e cambio di sesso.

    Mentre infatti omosessuali si nasce, transessuali lo si diventa e proprio perché lo si diventa costituisce una devianza. A mio modesto parere inoltre, la transessualità contraddice palesemente l’omosessualità, perché fino a prova contraria due uomini o due donne che stanno insieme e hanno una relazione, sono dello stesso sesso, ma un omosessuale uomo o donna che sia, che decide di trasformarsi in un individuo del sesso opposto, una volta camuffatosi ha una relazione “eterosessuale”.

    Quindi, in sostanza la transessualità é una forma degenerativa e malata dell’omosessualità che porta allo stravolgimento assoluto della natura delle cose, nonché il prodotto del Sistema di matrice giudaico-massonico e satanista che sta dietro alle lobby LGTB, é il vero nemico dell’umanità.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Piero61 3 anni fa

    salve
    russofobia o…Normofobia ?…paura del normale
    saluti
    Piero e famiglia
    ______________________________________
    con la Russia e con Putin

    Rispondi Mi piace Non mi piace