"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Russofobia in Danimarca. Ministro danese: i russi sono sul punto di attaccare Ospedali, infrastrutture, reti elettriche

Il ministro della Difesa danese, Hjort Frederiksen, ha dichiarato ai media che “i russi vogliono attaccare la Danimarca per distruggere la loro democrazia”. Il ministro ha lanciato una serie di gravi accuse contro Mosca, dicendo che ” la Russia rappresenta una minaccia diretta, spaventosa e seria contro la nostra patria. Dobbiamo mettere in chiaro a noi stessi che siamo in pericolo e dobbiamo operare in base a questo”, queste le dichiarazioni del politico al giornale danese Berlingske.

Frederiksen ha voluto mettere per iscritto la sua prima intervista, visto che è stato nominato al suo posto a 69 anni di età. In cambio il politico, che in passato era stato ministro delle finanze, ha parlato per tutta l’intervista della “minaccia russa”. “Gruppi di commandos russi sono pronti per attaccare Ospedali, infrastrutture, reti elettriche, entrare nei sistemi informatici, creare frastorno nei sistemi sanitari, ha detto Frederiksen, riferendosi ad una informativi pubblicata il mese scorso dai servizi di intelligence del paese così come da altre conversazioni con altri politici occidetali e sistemi di sicurezza.

E per quale motivo la Russia dovrebbe attaccare un piccolo paese che non ha frontiere in comune? “Per estendere la paura e l’insicurezza fra la popolazione e paralizzare la nostra gente”, dice il ministro.

“E ‘un modo per destabilizzare i nostri paesi e le democrazie in modo molto fisico e tangibile, e questo pone una domanda pressante sulle nostre risorse per difenderci da questi attacchi”, ha detto Frederiksen.

Le accuse di Frederiksen fanno eco a quelle di funzionari dei servizi segreti degli Stati Uniti, che hanno pubblicato un rapporto la scorsa settimana,  da cui si deduce  che la Russia ha ordinato gli hacker di immischiarsi nelle elezioni degli Stati Uniti, in particolare con l’emissione dei  messaggi di posta elettronica relativi al candidato democratico Hillary Clinton. Il Cremlino ha ripetutamente negato l’accusa di interferenza.

Frederiksen, ministro danese della Difesa

“Dobbiamo spendere di più per la NATO per fermare i russi dal tentare qualsiasi cosa”.

Il politico ritiene inoltre che i missili Iskander-M che la Russia ha dispiegato nella sua enclave occidentale di Kaliningrad costituiscono un pericolo immediato per la Danimarca.

“Possiamo confermare che i russi stanno completando  in questo momento l’installazione di nuovi missili a Kaliningrad che possono raggiungere Copenaghen. Questo è ovviamente un rischio maggiore “, ha detto Frederiksen.

Mosca afferma  che i missili sono una risposta al continuo spiegamento  del sistema di  scudo missilistico di difesa degli Stati Uniti in tutta l’Europa orientale, ed ha rinforzato i suoi altri armamenti nella regione, a seguito di un aumento della presenza della NATO ai confini russi. L’alleanza occidentale sta cercando di limitare le ambizioni presunte  di Mosca nella regione attraverso l’operazione NATO ” Atlantic Resolve”, avviata in seguito alla frattura causata dal conflitto in Ucraina nel 2014, e comprende il trasferimento di truppe e attrezzature modernizzate  per l’Europa orientale.

Frederiksen ha anche detto che “una maggiore attività militare” della Russia nella regione artica, in cui entrambe, Mosca e Copenhagen, hanno rivendicazioni territoriali – quest’ultima attraverso la Groenlandia -sarebbero  un’altra potenziale fonte di conflitto, che deve richiedere “monitoraggio estensivo”.

Come soluzione, i sostenitori di  Frederiksen hanno aumentato il budget  delle spese militari, anche se hanno rifiutato di specificare se la Danimarca ha lo scopo di raggiungere l’obiettivo  della NATO del 2 per cento del PIL che deve essere  speso per la difesa (attualmente si spende 1,17 per cento).

“La NATO deve essere la nostra difesa comune e il nostro deterrente. Dobbiamo mostrare la forza che ci vuole, e quindi spendere il denaro necessario per evitare che i russi possano  provare qualsiasi cosa. Questo è fondamentalmente ed è questa  l’essenza del nostro pensiero “, ha detto Frederiksen.

Come gesto simbolico, Frederiksen ha sottolineato l’importanza del dispiegamento di 200 soldati danesi come parte del nuovo 5.000- della forza  di reazione rapida in Europa orientale il prossimo anno.

“Non è, naturalmente, perché pensiamo che i 200 soldati danesi possono fermare l’esercito russo. Ma dovrebbero sapere che la difesa territoriale della zona circostante inizia lì e attraversando la linea, poi la comune solidarietà nella NATO avrà effetto deterrente,” detto Frederiksen.

Il giornale ha riferito che l’ambasciata russa ha rifiutato di commentare le accuse.

Nota: Un caso da manuale di evidente psicosi causata dalla campagna di “Russofobia” scatenata in tutto l’Occidente.

Fonte: Russia Insider

Traduzione: Luciano Lago

*

code

  1. Chainer 4 mesi fa

    Purtroppo anche il povero e fiero popolo danese si ritrova al comando degli imbecilli burattini da quattro soldi.. ho visitato il paese l’anno scorso ed hanno un problema di immagrazione
    da far paura, forse sono secondi solo a Francia, Svezia e Belgio… pensare che un tempo quella era la terra dei grandi guerrieri norreni… tristezza

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Citodacal 4 mesi fa

      Anche ad Ásgarðr cresce la preoccupazione e Heimdallr è ancor più solerte e acuto nel montar di guardia a Bifrǫst: forse non è ancora giunto il tempo in cui i figli di Múspell cercheranno d’impossessarsi della cittadella celeste, ma non si può mai sapere il giorno preciso in cui i Giganti tenteranno d’espugnare anche il cielo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Salvatore Penzone 4 mesi fa

    Con la presunta minaccia russa vogliono costringere i paesi europei ad aderire alla richiesta americana di spendere il 2 per cento del PIL per gli armamenti in modo che Trump sia spinto a non abbandonare la NATO alla deriva. Ma dalle ultime dichiarazioni del nuovo presidente americano la NATO sembra destinata a essere smantellata, così come anche la stessa Unione Europea. Speriamo bene!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. albatros 4 mesi fa

      Pregheremo ogni giorno affinché questo avvenga il prima possibile.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Giorgio 4 mesi fa

    Ho già scritto che i politici dovrebbero essere sottoposti ad una visita psichiatrica da verificare annualmente, e questo ne è un esempio significativo, ci sarebbe da ridere se non fosse tragico.
    E noi dovremmo accomunarci a gente del genere?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. albatros 4 mesi fa

      E perché solo psichiatrica, anche di essere capace di fare il ministro, di avere le idee chiare, di non farsi corrompere e non avere vocazioni delinquenziali, di non aver nella parentele fino al quarto grado, delinquenti, truffatori, imbroglioni, faccendieri ecc. ecc. ecc.si perchè ne abbiamo avuto uno che queste qualità negative le aveva tutte e abbiamo anche dovuto pagare la sua infausta prestazione.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. PieroValleregia 4 mesi fa

    …ecco cosa succede a chiudere i manicomi; hanno avuto un Basaglia anche lì ?
    saluti
    Piero e famiglia

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Giovanni 4 mesi fa

    c’é del marcio in danimarca

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. freeitaly 4 mesi fa

    Che lo portino al SEART sicuramente si fa di allucinogeni

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Eugenio Orso 4 mesi fa

    A forza di gridare “al lupo, al lupo”, o alla fine non si perde la credibilità, oppure il “lupo” arriva veramente facendo un sol boccone degli starnazzanti …
    Questa è il finale che auspico … e non solo per la lontana Danimarca.

    Cari saluti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. ramo 4 mesi fa

    dopo la fine del patto di Varsavia, era chiaro che prima o poi cadesse il suo contraltare: logico. Ma i neocons e i loro leccapiedi europei l’hanno tenuto in vita contro ogni logica possibile, se non quella di fare i propri interessi a danno di ogni popolo. Un vero tradimento e una vera dittatura che è durata decenni e decenni. Il risultato di un simile proseguimento sarebbe la guerra, cosa che questo disgraziato mostra senza pudori, imbastendo bugie e menzogne inverosimili. Parrebbe che solo dagli USA, egemoni, possa venire il cambiamento, quindi da un cambiamento in casa loro, vista la pochezza degli europei.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Tania 4 mesi fa

    Non penso affatto siano degli imbecilli quanto piuttosto dei criminali satanisti, quando per me questo termine sta a significare il peggio che l’essere umano esprime, la feccia del mondo, la negatività all’estremo…
    Non dimentichiamo che questo è un ministro di un paese in cui c’è la monarchia, queste famiglie “nobili” sono dietro alla maggior parte, se non a tutti, i movimenti ambientalisti del mondo, che in definitiva mirano in modo nemmeno più velato a imporre un “socialismo” che servirà solo ad avere il controllo totale dell’intera popolazione con metodi totalitari e repressivi, mirano ad un governo mondiale, sono dei FOLLI.
    Il principe Filippo ed il principe Carlo sono i simboli più in vista di questi movimenti, ed ambedue hanno parlato spesso con una totale insensibilità del bisogno di liberare il mondo di persone non desiderate, no?
    E’ ora che l’umanità si svegli e veda che è dominata da un misero numero di omuncoli portatori di tare psicologiche gravissime!
    I reali di Danimarca sono di questa razza, dico razza visto che mi hanno convinto che le razze esistono, io sarei più propensa a parlare di malattia mentali, ma non voglio polemizzare…
    Leggevo proprio stamattina qualcosa sul Bohemian Club, e la massoneria, e la nobiltà nera da cui in pratica nascono le casate reali del mondo, insomma, alla fine sono tutte una unica famiglia… dico, è appurato che i dominatori del mondo sono pazzi, ma per davvero…
    Si dichiarano satanisti, si definiscano come vogliono, chi se ne fotte di come si dichiarano, tanto riamane solo che non sono persone sane di mente, VANNO RINCHIUSE e curate. Punto. Queste solo macelli possono fare, sono esseri mentalmente instabili, potranno mai fare cose sensate? Ci rendiamo conto chi è che ci

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Gabriella Messora 4 mesi fa

    “La gente crede più a una grossa bugia che a una piccola. E se questa grossa bugia viene ripetuta abbastanza spesso, la gente prima o poi ci crede” (Walter Langer)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Citodacal 4 mesi fa

      Anche chi ripete la bugia finisce poi col crederci, autoingannandosi; è un’orgia continua di credito concesso reciprocamente in un crescendo di follia, spesso scambiata per creatività e iniziativa (figurarsi quale…). La mente umana è duttile, malleabile e proteiforme; ciò conoscendo, in altri tempi si sottolineava maggiormente il valore d’una pratica d’autocontrollo e introspezione attraverso svariate forme (preghiera, meditazione, recitazione di giaculatorie, attenzione mentale nell’apprendere l’impiego della spada, dell’arco ed altre armi etc…). Oggi è d’imperativo categorico il buttare disordinatamente nell’aria le proprie fantasie infondate e incontrollate: “Ehi, anche questo è liberismo, baby!”.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Anna 4 mesi fa

    Vabbè… oltre alla marea di balle mostruose che si sentono ad un ritmo sempre maggiore, il che denota una certa isteria, qui siamo arrivati a livelli di demenza totale!
    Io mi chiedo, i civilissimi cittadini danesi credono veramente a queste ondate demenziali?
    No perché se sono arrivati a tale livello, c’è da preoccuparsi seriamente!!

    Mi chiedo e chiedo ai lettori del sito:
    La delirante e menzognera propaganda atlantista ha iniziato a creare qualche crepa o punto interrogativo nelle menti ottenebrate del popolo italiano?
    Voi notate qualche sintomo di risveglio?
    Io purtroppo pochissimo…

    Perché se fosse veramente così, altro che 80% di analfabeti funzionali, saremmo un paese con l’80% di dementi disfunzionali!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Giorgio 4 mesi fa

      Il confine tra le due percentuali è labile se non evanescente.

      Rispondi Mi piace Non mi piace