"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Risposta di Mosca alle incredibili accuse lanciate dal segretario della NATO

Risposta di Mosca alle incredibili accuse lanciate alla Russia da Stoltenberg, il segretario della NATO  nei confronti delle autorità’ militari che dirigono le operazioni in Siria.
Secondo Stoltenberg le operazioni militari russo siriane contro le posizioni dei terroristi in Siria affossano gli sforzi per risolvere la crisi che affligge il paese arabo e preoccupano la NATO”.

A tali accuse ha riposto il portavoce russo, generale Igor Kinashenkov, il quale ha dichiarato che le azioni imprudenti condotte dalla NATO in Siria sono quelle che hanno provocato i conflitti in Siria ed in tutta la regione, non certo l’azione russa che sta debellando i gruppi terroristi.

“Se c’è’ qualcuno che si sente preoccupato per le incursioni dell’aviazione russa in Siria, questi sono i terroristi (….) e adesso perché’ i paesi della NATO si sentono tanto preoccupati come i terroristi? Questa domanda se la deve porre lo stess Jens Stoltenberg (segretario NATO). Ha detto Konashenkov.


Inoltre il portavoce russo ha definito senza senso le dichiarazioni di Stoltenberg secondo le quali sarebbero le azioni militari russe ad affossare i negoziati. Al contrario gli attacchi fatti dalle forze russe hanno dimostrato ai siriani che il terrorismo si può’ sconfiggere e si possono eliminare i terroristi internazionali che seminano morte e distruzione nel loro paese.
Il generale ha ricordato che, prima che iniziassero le incursioni russe, i paesi della NATO  per tre anni hanno simulato una loro lotta al terrorismo internazionale senza alcun effetto sul terreno ed inoltre ,prima di adesso , nessuno  in Occidente aveva neppure provato a  tentare negoziati tra il governo di Assad ed i gruppi ribelli.

Generale Konashenkov
Generale Konashenkov

Adesso che le operazioni  congiunte russo siriane stanno portando all’annientamento dei gruppi terroristi ed alla liberazione della città’ di Aleppo, come indicato anche da fonti nordamericane, la NATO ed i paesi occidentali si preoccupano delle conseguenze.

Il conflitto in Siria dura da quasi cinque anni ed ha prodotto oltre 260.000 morti, distruzioni immani e l’esodo di milioni di rifugiati  che hanno dovuto abbandonare le loro case. Nel paese arabo sono entrati miglia di terroristi, jihadisti e mercenari armati, di varie nazionalità’, addestrati e finanziati da Arabia Saudita, Turchia e dai paesi  della NATO . I terroristi, sponsorizzati dall’estero, che si sono macchiati delle peggiori atrocità’ nei confronti della popolazione.

Soltanto  grazie  all’intervento russo le forze siriane sono riuscite a riconquistare le principali città’ del paese e prendere il controllo del territorio.

Fonte: Hispan Tv

traduzione: Manuel De Silva

*

code