"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Reparti speciali russi catturano nello Yemen due terroristi coautori dell’abbattimento dell’aereo russo sul Sinai

Un commando di “spetsnaz” (truppe speciali) russi ha catturato a Saana, capitale dello Yemen, due agenti della CIA i quali, come sembra, avevano supportato i terroristi di Wilayat Sina -ramo egiziano dell’ISIS- nell’abbattimento del volo 7K9268 della compagnia Kogalymavia. L’arma utilizzata per tale azione sembra essere stata un missile di fabbricazione britannica che era stato fatto arrivare ai terroristi attraverso l’Arabia Saudita.

Le due spie, che lavoravano con una stazione radar e di telecomunicazioni, hanno dichiarato di lavorare per le Nazioni Unite, cosa che è stata smentita da questa stessa organizzazione.Il Ministero delle Emergenze russo (EMERCOM) ha inviato a Saana un volo speciale per trasferire i due detenuti a Mosca, volo che è riuscito a sfidare con successo non soltanto uno dei potenti cicloni che hanno colpito la regione, ma anche l’inseguimento di un aereo da caccia sudita che fa parte del contingente che ha invaso lo Yemen. Il volo speciale ha avuto la copertura di un Hercules C-130 di Teheran che, in volo verso la Siria, ha confuso i sistemi dei radar militari occidentali distorcendo il suo segnale.

La fretta nel trasferire i due agenti CIA è stata dovuta all’invio da parte degli USA di uno squadrone di aerei F-15, da caccia intercettori, presumibilmente per aggregarsi alle operazioni anti ISIS, ma la cui unica misione nella regione sarebbe quella di prendere come obiettivo gli aerei russi che attaccano i terroristi dello stato Islamico (che non possiede Forze aeree).

Ancora più impattante dell’appoggio nordamericano all’abbattimento del volo 9268 è la notizia che, nelle 72 ore successive all’abbattimento nei cieli dell’Egitto, tanto la CIA come i sauditi hanno annunciato che consegneranno ai terroristi islamici che operano in Siria ancora altri lanciamissili portatili con capacità di abbattere aerei di linea civili, cosa che ha portato il Presidente Putin a proibire ai voli russi di sorvolare la zona.

La notizia denota lo stato di “follia pura” a cui è giunta l’Amministrazione Obama nella gestione delle crisi del Medio Oriente.  D’altra parte era già trapelata, dall’inizio del mese di Ottobre,  la notizia che esponenti dell’establishmente USA come il senatore McCain stavano tramando per fornire ai terroristi dell’ISIS armi sofisticate come i lancia missili antiaerei denominati (PZRK) Verba e Igla-S, come risulta da conversazioni intercettate dove si sente parlare McCain con il gerarca Mikhail Saakashvili, ex-presidente della Georgia ed attuale governatoredi Odessa. Vedi: Aurorasito

Già prima dell’attentato contro il volo della Kogalymavia, in concreto l’8 di Settembre, una direttiva del NORAM (servizio delle forze armate della NATO) aveva avvisato i paesi membri che si astenessero dal far sorvolare la penisola del Sinai al di sotto dei 25.000 piedi di altitudine, una disposizione che sembra quasi una confessione di complicità con gli autori del crimine.

La situazione creatasi con questa cattura raddoppierà la propaganda occidentale destinata a far credere che sia stata una bomba nella stiva quella che ha provocato l’esplosione dell’aereo, cosa che nessuno discute, ma se la Russia cava di bocca agli agenti detenuti come abbiano fatto a far scendere di quota l’aereo fino a metterlo sotto il tiro dei terroristi, questa fonte prevede che la Russia renderà publica l’informazione, cosa a cui bisognerà stare attenti per le conseguenze.

Da Fonte riservata

Traduzione e sintesi: Luciano Lagoattimento

*

code

  1. Pierpaolo 1 anno fa

    Notizie confortanti, se ci fosse una garanzia che la fonte è attendibile.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. pippo 1 anno fa

    una rappresaglia quindi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Pingback: Reparti speciali russi catturano nello Yemen due terroristi coautori dell’abbattimento dell’aereo russo sul Sinai? | Informare per Resistere