"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Putin: Gli USA si preparano ad attaccare a sud di Damasco

Il presidente russo ha dichiarato che gli USA stanno preparando attacchi contro le zone suburbane al sud di Damasco e che si stanno predisponendo attacchi chimici in Siria per gettare la colpa sul Governo del paese arabo.
Vladimir Putin ha dichiarato oggi di disporre di informazioni secondo cui si stanno preparando vari attacchi di provocazione con armi chimiche in altre regioni della Sira con l’obiettivo di presentare come colpevole il Governo siriano e fare in modo che gli USA lancino altri attacchi contro il paese arabo.

“Disponiamo di informazioni di varie fonti relative a nuove simili provocazioni, non posso chiamarle in altro modo, che si stanno preparando in altre regioni della Siria, incluso nei sobborghi di Damasco, dove si progetta di lanciare determinate sostanze e accusare del loro utilizzo le autorità legittime siriane”, ha indicato Putin melle dichiarazioni rilascate nel corso di una conferenza stampa assieme al suo omologo italiano Segio Mattarella.

Tutto questo si produce dopo che Washington ha realizzato nella mattina dello scorso Venerdì un bombardamento con i missili contro la base aeronautica militare di Al-Shairat, nella provincia siriana di Homs, in rappresaglia per un presunto attacco chimico realizzato a Jan Sheijun, nella provincia nordoccidentale di Idlib, di cui accusa, senza prove, il Governo di Damasco.

Nello stesso modo, in un’altra parte delle sue dichiarazioni, il mandatario russo ha annunciato che la situazione attuale in Siria ricorda gli avvenimenti del 2003, quando gli Stati Uniti hanno diretto una invasione contro lì’Iraq con il pretesto che tale paese disponeva di armi chimiche (“armi di distruzione di massa”).

La Russia, ha aggiunto, si rivolgerà ufficialmente alla Corte de La Haya per richiedere una indagine sull’uso delle armi chimiche a Idlib.

L’attacco statunitense ha ricevuto l’appoggio degli alleati degli USA, nonostante che altri stati hanno condannato questa azione.La Russia ha considerato che Washington ha commesso una aggressione contro una nazione sovrana con un “pretesto precostruito”, mentre che l’Iran, la Cina (ed altri stati) e la stessa Siria hanno denunciato seriamente la decisione statunitense.

Fonti: Hispan Tv

Sputnik Mundo

Traduzione e sintesi: Luciano Lago

*

code

  1. Marco 4 mesi fa

    Strano che nessuno sia ancora andato a prendere i neocom a casa loro, nel loro letto, mentre fanno la spesa, mentre vanno in vacanza. Non sono molti, senz’altro infinitamente meno di quelli cche han fatto uccidere e uccideranno.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Citodacal 4 mesi fa

      Se anche gli imperatori romani venivano assassinati al più dalla Guardia pretoriana quando non li reggeva oltre (oppure sorpresi da individui appartenenti al loro seguito), ci sarà ben stato un motivo; difficile che un semplice cittadino potesse avvicinarsi più di un tanto, ed oltremodo armato… (e senza contare le clientele di manovalanza che l’abbondanza di denaro può comprare o neutralizzare a poco prezzo) . Infatti, in tempi correnti, fu relativamente più facile uccidere i Kennedy.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Giorgio 4 mesi fa

        Possibile che Putin non venga ascoltato? Se non lo fosse che attendibilità avrebbe la storia scritta sui libri? Ed intendo tutti e di qualsiasi valenza.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. nessuno 4 mesi fa

      Salve, non serve a niente eliminarne uno o molti, perché sono come la gramigna, non
      riesci ad eradicarla, rispunta più forte. fiorente e tenace di prima, se ne elimini uno ne
      rispuntano come funghi almeno altri venti, con questi psicopatici è controproducente
      l’eliminazione fisica, visto il tasso di riproduzione che hanno, non avremmo risultati
      soddisfacenti, non risolveremo nulla, ma penso che si adoperino per eliminarsi da soli,
      scatenando un conflitto su scala mondiale e ce la stanno mettendo tutta per arrivarci,
      se questo è il prezzo da pagare per un mondo nuovo, comprendo…..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. PieroValleregia 4 mesi fa

    salve
    Putin è una delle poche persone di questa epoca che ragiona e usa ( a dovere) il dono, divino, dell’intelletto.
    saluti e preghiamo tutti per lui, per la Russia e per il suoo popolo
    Piero e famiglia

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Anna 4 mesi fa

      Caro Piero, mi associo alla sua preghiera.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Ireneo Corbacci 4 mesi fa

    Comprendo che si abbia voglia di intervenire e commentare… ma a situazione non è per niente chiara, meno che meno dentro i giochi di potere all’interno dell’establishment statunitense, quelli che fanno ballare i valzer al presidente…
    Attendiamo ancora un poco, forse è il caso: maggiore cautela consiglia ad esempio Meyssan, che si trova a Damasco e che vi invito ad andare a leggere sul suo sito. La ragnatela è a più strati e, fra questi, ci potyrebbe anche stare un regolamento di conti fra gli “alleati occidentali” e il governo Usa sottoil tiro incrociato dei settori dominanti del capitale finanziario…
    Certo, mentre si legge la situazione è bene che Putin faccia quello che sta facendo e stia militarmente il più possibile all’erta…
    Vedremo le mosse dei prossimi giorni.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Mardunolbo 4 mesi fa

      Vero, la situazione non è chiara se un presidente cambia radicalmente idee soltanto per sospetti di azioni brutte !
      Ma nemmeno è accettabile che uno stato sovrano sia attaccato da un altro che si arroga il diritto di fare da polizia mondiale solo per coprire i suoi sporchi interessi economici !
      Allo stesso modo le minacce contro la Corea del Nord sono un’interferenza illegittima e devastante contro una nazione ! La scusa della tirannia è solo per farsi vedere, come al solito, la nazione dei bulli che offre “garanzia della democrazia nel mondo”
      Qualunque sia un governo in una nazione , ha tutto il diritto di minacciare ritorsioni a chi osasse sfidare i confini.
      Tillerson, altro servo, ha dichiarato che “le intenzioni Usa non sono da cambio di regime in Nord Corea, ma la cessazione degli esperimenti nucleari”.
      A tale falsa dichiarazione il regime nordcoreano ha risposto con sdegno, poichè è inaccettabile che gli Usa dicano ” se non interviene la Cina, faremo da soli!”
      Ci rendiamo conto a qual punto di sopportazione dobbiamo arrivare in tutto il mondo?
      Allo stesso tempo Putin annuncia di avere informazioni su preparazione di attacchi chimici da riversare poi come colpa sul legittimo governo siriano…
      Come è possibile fidarsi di una nazione che FA DI TUTTO per ottenere quello che vuole ?
      Mi auguro che, in caso di conflitto unilateralmente deciso dagli Usa, contro la Corea, il Nord Corea infligga così tante perdite agli Usa da farli piangere amaramente di aver scatenato la guerra.
      E non ho dubbi, che , data la preparazione militare di tutto il popolo, una guerra convenzionale produca migliaia di cadaveri di americani che farà schizzare in alto il numero dei servi di Sion morti pensando di fare il bene del mondo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Mardunolbo 4 mesi fa

        Dopo aver fatto il mio commento, pubblico quel che trovo su “maurizio blondet”, che esprime meglio quanto ho espresso sopra:
        “…In questa tragedia, poteva mancare l’intermezzo comico, del Pulcinella Italia? Mattarella è andato da Putin poche ore prima di Tillerson – visita del tutto inutile, dato che Gentiloni non ha invitato Putin a Taormina, a sottolineare che il nostro rapporto con Mosca è ormai di inimicizia, e il capo dello Stato da noi non ha voce in capitolo in politica estera(a parte Napoletano…) , e che cosa gli ha detto? Gli ha detto di non lasciare più che Assad lanci gas contro i civili del suo stesso popolo.
        Ripugnante e irrisorio.
        Putin ha avuto persino l’educazione di rispondergli.
        “Abbiamo informazioni secondo cui la provocazione [l’attacco chimico contro civili del 4 aprile ndr] è stata preparata a tavolino. Stanno preparando altre provocazioni simili in altre zone della Siria, ad esempio a sud di Damasco , per poi accusare le autorità siriane di usare armi chimiche».
        Ha dato una notizia: ci saranno altri false flag.
        Da La Stampa, giornale neocon:
        Putin a Mattarella: “Mi aspetto nuovi attacchi chimici in Siria”
        La visita a Mosca del Capo dello Stato al Cremlino. Il presidente russo parla di “provocazioni contro Assad”

        http://www.lastampa.it/2017/04/11/esteri/mattarella-da-putin-rafforzare-i-nostri-rapporti-con-la-russia-eJKD5SD01YLqhx5sRpo58H/pagina.html

        Chissà se Mattarò ha capito, che Putin non sta scherzando, che non è il momento ! “

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Pierino 4 mesi fa

          Ho trovato questo articoletto http://www.voltairenet.org/article195939.html e non so se crederci.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Mardunolbo 4 mesi fa

            Articolo purtroppo vero ! la doppiezza ed ignoranza politica in Italia si accoppiano e generano i mostri di potere,ormai da decenni!
            Aggiungiamoci le ammiraglie colorate che salgono la gerarchia con un bel sorriso e ci rendiamo conto ancor di più che la Russia con le sue armi è la salvezza in cui speriamo e che, finora, non ha mai tradito come Trump ed ah seguito la logica del buonsenso e della coerenza politica!

            Mi piace Non mi piace