"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Putin avverte Netanyahu

Il presidente russo Vladimir Putin  ha qualificato  come “inaccettabili” le accuse infondate contro la Siria per il presunto attacco chimico avvenuto ad Idlib.
“Putin ha sottolineato la inaccettabilità di lanciare accuse infondate contro qualsiasi persona prima di realizzare una indagine internazionale seria, esaustiva ed imparziale”, così ha comunicato questo Giovedì il Cremlino.
Per mezzo di una nota ufficiale cica il contatto telefonico avuto dal dignitario russo con il primo ministro israeliano, Benyamin Netanyahu, la Presidenza russa sottolinea il rifiuto di Putin delle accuse senza prove sulla implicazione di Damasco nel recente attacco chimico lanciato nella provincia nord occidentale di Idlib.

A giudizio del capo di Governo di Mosca, aggiunge la nota, “l’incidente con armi chimiche sul suolo siriano necessita di essere indagato in forma giusta ed obiettiva, visto chem da parte siriana, si era sempre avvertito dei possibili attacchi chimici dei terroristi presenti nel paese arabo.
La Siria aveva informato il Martedì di un incidente chimico avvenuto nella città di Jan Sheijun, le cui conseguenze  erano  state la morte di 80 persone, inclusi 30 bambini, che avevano perso la vita e più di cento persone risultate ferite.
Immediatamente da parte occidentale si è dato inizio ad una campagna contro il Governo siriano di Bashar al-Assad, accusato di essere l’autore dell’attentato, omettendo il fatto dell’evacuazione già avvenuta di di tutti gli arsenali chimici a suo tempo detenuti da Damasco, già da anni.

Seguendo il modello della propaganda, il ministro israelinao della Difesa, Avigdor Lieberman, ha dichiarato di essere sicuro al 100 % che il presidente Al-Assad ha ordinato direttamente il presunto attacco chimico a Idlib.
Nel frattempo il ministro degli Esteri della Siria, Walid al-Moalem, ha messo bene in chiaro che il Governo siriano non ha mai fatto uso di armi chimiche nè contro il proprio popolo e tanto meno contro i suoi bambini, e neppure contro i terroristi che hanno ucciso il suo popolo.

Nota: La telefonata di avvertimento a Netanyahu fatta da Putin non è fatta  a caso ma in quanto il presidente russo sa bene che Israele è molto probabilmente la mente che ha orchestrato tutta la provocazione dell’attacco chimico a Idlib  per dare il pretesto al Presidente Trump di un intervento diretto  in Siria, a cui si accoderebbe Israele nel tentativo di allontanare la presenza iraniana all’interno della Siria che Tel Aviv considera una “grave minaccia”.

Netanyahu è avvisato che anche Israele dovrebbe pagare un prezzo, un duro prezzo, nel caso di un suo intervento in Siria dove stazionano le truppe russe e dove Mosca ha posizionato mezzi di difesa e di attacco  che potrebbero essere rivolti contro Israele, in caso di una aggressione improvvisa  e combinata delle forze di  USA-Israele.

Fonte: Hispan Tv

Traduzione e nota: L.Lago

*

code

  1. Mardunolbo 3 mesi fa

    Era ora che qualcuno mettesse i paletti di stop all’invasione Usraeliana !
    Purtroppo per noi , ne faremo le spese con rischio di guerra sul suolo italiano ed europeo, ma come dice un proverbio:
    “Meglio una fine in sofferenza che una sofferenza senza fine”

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Giorgio 3 mesi fa

    Come ho già scritto la realtà supera ogni fantasia e l’attacco yankee delle ultime ore è li a dimostrarlo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace