"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Putin al segretario di Stato USA: “non sarà Washington a decidere il destino della Siria”

Il presidente russo , Vladimir Putin, ha dichiarato che Rex Tillerson, segretario di Stato USA e l’attuale Amministrazione USA, in generale, non possono  essere loro a determinare il futuro politico della Siria.

A margine del vertice del G 20 di Amburgo, Vlady  Putin ha risposto in modo netto alle affermazioni fatte da Rex Tillerson, il segretario di Stato USA il quale, a proposito della Siria, aveva dichiarato che, secondo lui “il presidente Bashar Assad non avra’ un  futuro nell’assetto politico della Siria”.

“Il signor Tillerson e’ una ottima persona e lo abbiamo insignito dell’Ordine dell’Amicizia, una onorificenza che si consegna alle persone  straniere che hanno contribuito al miglioramento delle relazioni con il nostro paese,  lo  rispettiamo”, ha detto Putin. “Tuttavia  lui non è’ un cittadino siriano. L’avvenire della Siria e del presidente Assad come politico devono essere determinati dal popolo siriano e non da altri” , ha detto Putin durante la conferenza stampa svoltasi a margine del vertice del G20 ad Amburgo.

Il 7 di Luglio, Tillerson aveva commentato le questioni che si erano trattate nell’incontro tra Donald Trump ed il presidente Putin, ed aveva fatto le sue dichiarazioni in proposito.

“Non vediamo alcuna prospettiva di una lunga vita politica per Assad e la sua famiglia, è quello che lasciamo intendere a tutti e lo mettiamo in chiaro nelle discussioni con la Russia (….) la comunità internazionale non accetterà una Siria governata dal regime di Assad”, aveva dichiarato Tillerson ad Amburgo.

Il presidente siriano Bashar al-Assad

Nota: La risposta di Putin ha messo in chiaro che non sarà Washington a decidere il destino della Siria non avendone alcun titolo. Il popolo siriano sarà quello che deciderà il futuro assetto della Siria nell’ambito di quello che viene definito principio di autodeterminazione dei popoli e che gli USA calpestano abitualmente.

Un modo per far capire che il potere neocoloniale degli USA e dei suoi alleati deve considerarsi al tramonto. Interessante notare che Tillerson e gli altri politici occidentali, quando parlano di “comuntà internazionale” si riferiscono essenzialmente ai paesi della NATO, dimenticando che il mondo non è composto solo da loro e che i grandi paesi come la Cina, l’India, il Brasile, l’Iran, l’Egitto e la stessa Russia, fra gli altri, fanno parte anche essi della stessa comunità internazionale e non sono per nulla conformi con l’impostazione delle scelte politiche  di Washington.

Fonte: Sputnik Mundo

Traduzione e nota: Luciano Lago

*

code

  1. Max Tuanton 4 mesi fa

    Il potere degli USA e’ al tramonto ? Ma chi e’ il genio che dice una roba del genere.Ma se I nostri governanti hanno seccato la saliva a forza di leccare disgustosi all’inverosimile ,non parliamo poi dei paesi del terzo mondo che per 1 dollaro ne fanno di tutti I colori.Siamo in pieno impero giudeo- americano e gli’altri con LA lingua a penzoloni aspettano gli avanzi .Qui da me c’e’ pieno di russi migliaia e migliaia di turisti sembrano mandrie,e questi sarebbero I nuovi geni che fanno sorgere il sole ?Siam messi bene

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. nessuno 4 mesi fa

    Prima cosa: non prendere ad esempio I nostri governanti, che di peggiori
    non esistono, se analizziamo dove ci ha portato l’ingerenza u$a è chiaro
    che prima spariranno dalla scena Internazionale meglio sarà per tutta la
    popolazione Mondiale, essendo gli ameri-cani i peggiori in assoluto, anche
    una nazione guerra-fondaia come gli u$a è un cancro uno sproposito, un abnorme
    ammasso di malvagità e di egocentrismo, rappresentano il lato peggiore e brutto
    dell’Umanità, ognuno a casa propria, questa deve essere la regola, rispettare le
    decisioni del proprio Popolo deve essere la parola d’ordine, aiutare chi è in difficoltà
    dovrebbe essere il compito primario della Nazione eccezionale ma non invadendola
    e distruggendo millenni di coltura ed annientando usi e costumi perché a loro non piace
    e non serve ai loro interessi…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Giorgio 4 mesi fa

    Gli yankee non possono sostituirsi a Dio, al massimo a Caronte.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. PieroValleregia 4 mesi fa

    salve
    i russi sono pazienti e saggi, la storia lo insegna …
    saluti
    Piero e famiglia

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. nessuno 4 mesi fa

    Ineccepibile, la Storia insegna, ma gli uomini Russi pazienti e saggi di
    quella Storia sono inevitabilmente trapassati, i nuovi Russi a cominciare
    da Gorbachev per finire a Eltsine si sono rilevati dei pessimi strateghi,
    il primo ha permesso lo sgretolamento dell’ Unione sovietica,con il risultato
    che la nato è ai confini della Russia con mezzi uomini e salmerie e il secondo
    ha praticamente svenduto il paese all’ Occidente, Putin ha risollevato la
    Russia con onore e dignità, ma non basta essere pazienti di questi tempi,
    la pazienza viene spesso intesa come debolezza.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. mardunolbo 4 mesi fa

    Non intendo fare analisi sulla storia recente della Russia, ma dire che la risposta di Putin alla tracotanza Usa (Tillerson e´il nuovo can molosso che deve digrignare i denti forniti da Israele..)e´stupenda e praticamente getta m…a in faccia agli ameri-cani.
    Noto che questa, come altre volte, Putin od altri portavoce russi rispondono per le rime senza essere mai volgari od accaniti come faceva Kruscev nei tempi andati del bolscevismo, ma rispondono praticamente gettando pesci in faccia ai politici occidentali.
    E questi, abituati al leccaggio dei vassalli, neanche si accorgono di essere stati smerdati alla grande !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Anonimo 3 mesi fa

    Perche’ I miei commenti continuano ad essere “in attesa di moderazione”, mentre altri piu’ recenti vengono pubblicati? Forse perche’ non sono in linea con le idee del moderatore (tra l’altro, questo non riguarda la politica russa)?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Mario Rossi 3 mesi fa

    Se ti guardi le mutande scoprirai che sono made in china!!!!!!!!!! noi facciamo le start-up innovative ma prima o poi dovremo andare in giro senza mutande!!!!!! bella prospettiva!!!!!!! ajhahahahahahahahaha …….. coglioni tutti………..ahahahahahahahahaha……..non contate un cazzo nessuno

    Rispondi Mi piace Non mi piace