"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Pubblicati i Verbali del primo sciagurato “salvataggio” greco: a nudo il vero obiettivo, “salvare le banche”.

Grecia manifestazione contro la troika

Dal Blog del WSJ “Real Time Brussels” la Storia del “Salvataggio” Greco, con il link ai Verbali (strettamente confidenziali) della riunione del 9 maggio 2010 in cui si decise, a ragion veduta,  di salvare le banche tedesche e francesi e buttare a mare il popolo greco.  Grazie a Sergio Cesaratto che nel suo blog ne ha dato la segnalazione.
Certo, lo sapevamo già, ma vedere i verbali che dimostrano nero su bianco lo stato effettivo della collaborazione e del coordinamento  all’interno dell'”unione”, forse seminerà il dubbio in chi non ha bisogno di  credere al “più Europa” a tutti i costi…

officememorandum
WSJ Blogs, Real Time Brussels, di Ian Talley – Mentre i funzionari della zona euro e del Fondo Monetario Internazionale discutono segretamente (qui in italiano) su come affrontare il sempre controverso piano di salvataggio della Grecia, potrebbe rivelarsi istruttivo tornare alle origini del programma.
Nel 2010, il FMI ha accettato un comune piano di salvataggio di Atene, nonostante le profonde divisioni interne sul fatto se avrebbe funzionato. Alcuni membri del personale FMI e quasi un terzo dei direttori esecutivi del consiglio sollevarono forti obiezioni al disegno del piano di salvataggio. In diversa misura, una serie di direttori esecutivi protestavano che le proiezioni di crescita erano irrealistiche. Alcuni hanno detto che per garantire il successo probabilmente sarebbe stata necessaria la ristrutturazione del debito. Molti hanno hanno detto che il peso del doloroso aggiustamento era stato caricato troppo sui greci senza chiedere nulla ai loro creditori europei. Alcuni funzionari del FMI hanno espresso il timore che il programma avrebbe messo il paese sotto uno stress politico e sociale eccessivo.
Ma, con gli Stati Uniti, la Germania, la Francia e gli altri grandi direttori esecutivi europei che temevano che una ristrutturazione del debito avrebbe colpito le loro banche e diffuso il contagio, i maggiori azionisti del FMI hanno vinto la partita.
“Il salvataggio greco non era un programma per la Grecia, ma per la zona euro” ha detto in una recente intervista un partecipante alla riunione del 2010 .
Dopo di allora, il Fondo ha poi dichiarato che, mentre ci sono stati chiaramente notevoli successi, “ci sono stati anche errori di rilievo.”
Sotto il secondo piano di salvataggio, i creditori privati alla fine ha subito una perdita sui loro titoli. Ma il FMI ha detto l’anno scorso che, senza un ulteriore alleggerimento del debito da parte dei governi della zona euro, l’onere del debito della Grecia potrebbe del tutto soffocare l’economia del paese.
L’aggiustamento economico della Grecia è uno dei più grandi della storia moderna. Per molti greci, è stato straziante; la disoccupazione giovanile in Grecia è vicina al 60 %. La Germania continua a guidare le forze che si oppongono ad una riduzione del debito.
Il Wall Street Journal ha già pubblicato una selezione di estratti di importanza chiave da una serie di documenti del FMI sul piano di salvataggio del 2010.
Ma a causa della grande richiesta, ecco un sommario completo dei verbali del meeting del 9 maggio 2010, preparato da funzionari del fondo con la dicitura “Strettamente Confidenziale”. (Evidenziature e scarabocchi sono del vostro corrispondente. )

Fonti:

online. WSJ/public/resource/documents/Greece-

Voci dall’aestero

*

code