"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Pesanti minacce degli USA all’Iran ed alla Russia per il loro appoggio al Governo di Al-Assad

Gli Stati Uniti, attraverso la loro ambasciatrice all’ONU, Nikki Haley, hanno esplicitato la minaccia di “gravi rappresaglie” contro l’Iran e la Russia, per il loro sostegno continuato e per la protezione fornita al Governo siriano che, secondo Washington, risulta responsabile del presunto attacco con armi chimiche avvenuto contro la città di Jan Sheijun (Idlib).

In riferimento all’Iran, la diplomatica nordamericana è tornata a sostenere che il Governo iraniano ha una grave responsabilità per quello che riguarda la crisi della Siria, visto che da molti anni appoggia in forma costante il mandatario siriano, Bashar al-Assad.
Allo stesso modo, Haley ha messo in questione la “dignità umana” del capo di Stato siriano, per poi mettere in risalto che Mosca, con il suo permanente appoggio al Governo del paese arabo, si trasforma in complice delle “atrocità attuate dal regime di Al-Assad contro il suo popolo”.

La stessa diplomatica ha proseguito il suo intervento avvisando che le azioni del presidente della Siria non rimarranno impunite, e non soltanto questo, ma la stessa risposta riceveranno, da un lato, il Governo Iraniano per il suo appoggio prestato e, dall’altro, il Governo russo per aver messo il suo veto alle risoluzioni antisiriane nel Consiglio di Sicurezza dell’ONU.
L’alta funzionaria degli USA ha voluto inoltre esigere che “la Russia fornisca assicurazioni circa il fatto che le armi chimiche della Siria siano state realmente ritirate in base all’accordo del 2013”.
In questo senso ha insinuato il sospetto che forse Mosca ha permesso coscientemente che rimanessero le citate armi chimiche negli arsenali di Damasco o che “forse la Russia non sia stata in grado di garantire la conclusione positiva di questo incarico che gli era stato affidato”.

Nikki Haley

“Potrebbe essere che il Governo di Al-Assad abbia preso per stupidi i russi e gli abbia assicurato che non vi erano più armi chimiche mentre invece le accumulava nelle sue basi”, ha affermato la Haley, per poi concludere che “tutto il mondo si aspetta che la Russia operi in forma responsabile in Siria”.

Nota: Questo l’intervento tenuto dalla Haley il Venerdì sera al Consiglio di Sicurezza dell’ONU, prima di abbandonare la seduta, a seguito della convocazione urgente richiesta da Mosca per causa dell’attacco militare unilaterale effettuato dalle forze USA in Siria.

Come si vede le minacce sono molto pesanti, al limite dell’invettiva, contro la Russia e l’Iran, e sembrano a preludio a nuove azioni militari unilaterali da parte degli USA che, a questo punto, si possono facilmente prevedere ed in particolare riguardo all’Iran nell’immediato, visto che da tempo il premier israeliano Netanyahu (il vero “suggeritore” di Trump sulla politica estera USA nel Medio Oriente), sta insistendo per una guerra preventiva contro Teheran.

La Russia, come noto, in risposta all’attacco USA, ha annulato tutti gli accordi precedenti per regolamentare i voli nello spazio aereo siriano ed ha proceduto a potenziare le difese antiaeree sulle basi russe e siriane ed a incrementare le proprie forze aeronavali con l’invio di una nuova unità navale, la fregata lanciamissili “Admiral Grigorovich”, a rinforzo della sua flotta (di oltre 10 unità navali) che incrocia nelle acque antistanti alle coste siriane. Gli esperti segnalano inoltre che la Russia sta nuovamente utilizzando alcune basi aeree iraniane per facilitare le missioni della sua aviazione strategica contro i gruppi terrorristi in Siria.

Vari analisti internazionali ed esperti di strategie militari, sono concordi nel segnalare che il mondo si trova ad un passo da un grande conflitto con il rischio che le due superpotenze potrebbero utilizzare le loro armi termonucleari, con le catastrofiche conseguenze che da questo deriverebbero.

Fonte: Hispan TV

Traduzione e Nota: Luciano Lago

*

code

  1. stefano 3 mesi fa

    Ed io che tifavo per Trump che vedevo il lui la speranza un futuro di pace e di distensione, mentre ora si parla di guerra

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. nessuno 3 mesi fa

      Non sei e non eri l’unico…..Peccato.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. THE ROMAN 3 mesi fa

    Queste dichiarazioni non sono al “limite dell’invettiva”,ma ben oltre. E’ diifficile immaginare un linguaggio cosi’ volgare ed offensivo in un contesto diplomatico. Appare evidente l’intenzione intimidatoria nei conifronti della Russia ,nel tentativo di privare l’Asse della resistenza del suo temibile alleato. Non faccciamoci ingannare da queste spacconate di una ben pagata baldracca,i vertici Usa hanno paura dei russi e non hanno idea come reagiranno ad unazione del Pentagono verso l’Iran. I soldati americani poi sono considerati dei codardi senza onore in tuutti i paesi arabi,e gli iraniani li hanno filmati mentre piangevano in ginocchio dopo essere stati fatti prigionieri dai loro pasdaran. contro la Siria e’ un gioco facile per gli americani,soprattutto perche’ i russi hanno sempre lasciato campo libero alle loro incursioni,ma resta da vedere se continueranno a farlo, mentre in Iran gli americani devono mettere in preventivo ben altra resistenza e capacita’ di fuoco. A sentire le dichiarazioni di questi personaggi irresponsabili al soldo del deep state,la guerra sembrerebbe inevitabile, ma sono sicuro che il Pentagono e’ di tutt’altro avviso. In ogni caso sono convinto che un eventuale iniziativa bellica proditoria da parte degli Usa ,provocherebbe un forte contraccolpo interno e aggraverebbe le tensioni esistenti tra i vari apparati. L’elevato numero di perdite ,gli inevitabili smacchi subiti e la reazione popolare potrebbero segnare la fine di quel regime decennale che opprime l’occidente.Non tutte le ciambelle riescono con il buco : l’avventurismo militare .tipico dei regimi in difficolta’,li puo’ portare alla distruzione in caso di inaspettata resistenza. Ne sono esempio il regime di Videla ,ma anche il nostro sfortunato fascismo mussoliniano. Spezzare le reni all’Iran potrebbe essere ben altro che una passeggiata.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Marco 3 mesi fa

      Concordo pienamente, giusto! si tratta della sfuriata di una baldracca che deve assecondare i capricci della centrale di potere atlantista che l’ha messa a ricoprire quell’incarico, sanno che stavolta avranno una dura risposta sul campo di battaglia.
      Si tratta di gentaglia senza rossore e dignità che in questa società di merda, riveste incarichi di rilievo, solo perché è fedele ai padroni universali.
      Noi abbiamo la signora nessuno (mogherini) una che ripete sotto dettatura tutto ciò che le vieni comandato dal Pentagono..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. nessuno 3 mesi fa

      Ipotesi come tante altre tra le quali annovero anche la mia: udite,udite:
      Gli usa, e passivamente la nato ed €u. non invieranno soldati in quelle
      terre,(esempio: il Belgio ha già stoppato i voli causa la sospensione dello
      accordo di volo, in due parole non c’è più la sicurezza e rischiano di essere
      abbattuti), ma torniamo al dunque: gli psicopatici usa hanno in mente di
      usare armi nucleari tattiche per mettere fuori gioco l’Iran e allo stesso tempo
      impadronirsi della Siria, con armi convenzionali non caveranno un ragno
      dal buco, mentre nel contempo i nostri cari “ebrei” ingaggeranno la loro
      “divina” guerra con il Libano, sembra perfetto almeno sulla carta, ma il
      classico granellino di sabbia che blocca il pur perfetto meccanismo sembra
      ignorato da questa di incapaci, mi riferisco alla Russia.
      Gli usa abbaiano , ma come si dice: can che abbaia non morde, e quella là all’onu
      abbaia parecchio.
      La Russia se ne stà zitta si prepara a mordere….(speriamo molto forte e in profondità)

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. PieroValleregia 3 mesi fa

    … che squallore …
    hanno paura, una paura matta …
    saluti
    Piero e famiglia

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Giorgio 3 mesi fa

    Finalmente la mia voce è arrivata alle giuste orecchie, quelle di Kim Jŏng-ŭn, che poche ore fa ha dichiarato che l’attacco yankee alla Siria merita una risposta con l’atomica.
    Avevo suggerito più volte a Putin di usare missili nucleari con le insegne della Corea del nord, spero che lo faccia il legittimo presidente e vedremo che fine farà il “ciuffo biondo” ed i suoi 5 figli.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. PieroValleregia 3 mesi fa

      … o che fine faremo tutti …
      saluti
      Piero e famiglia

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Giorgio 3 mesi fa

        Piero, chi nasce è destinato inesorabilmente a morire e chi ha paura lo farà prima degli altri.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. PieroValleregia 3 mesi fa

          … è un seguace di La Palisse ? 🙂
          saluti
          Piero e famiglia

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Giorgio 3 mesi fa

            So che per lei è un’eresia e quindi ricorre a La Palisse, ma io sono per le ripetute vite, d’altronde chi legge le Sacre Scritture con il paraocchi e tutti gli eventuali filtri interpretativi di terzi non potrà essermi sodale.
            Il contadino sa che sacrificando un seme ne potrà raccogliere molti, lei non sostiene di condurre l’orto?

            Mi piace Non mi piace
  5. Idea3online 3 mesi fa

    Se davvero siamo a questo livello di confronto tra Occidente ed Oriente, a breve capiremo chi sono i Kittim che andranno in aiuto della flotta russa.
    Però ancora è prematuro, probabilmente sono solo parole, come è normale quando ci si trova in tensione tra potenze, anche negli anni passati ci fu il rischio di guerra nucleare ma dopo la ragione prese il sopravvento.
    Se al contrario siamo in una reazione USA-RUSSIA irreversibile ecco che a breve il sostegno dei Kittim attiverà. Lo disse l’ebreo Daniele. E’ chiaro che se ci sarà uno scontro tra USA-Russia o meglio Occidente contro Oriente questo “duello” dovrà essere paragonato per spessore storico e profetico a quello tra Babilonia e Ciro il Grande, oppure a quello tra Dario ed Alessandro Magno.
    Ed come al solito come nel passato al centro c’è Israele ed ecco che i conti tornano in quanto Daniele era ebreo, e tutta la Storia gira intorno a Gerusalemme.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. nessuno 3 mesi fa

      Salve, leggo spesso che lei si riferisce alle Sacre Scritture e al dire di personaggi
      scritti in esse, volevo domandarle: è lei al corrente dell’evento astronomico che
      da Novembre 2016 stà prendendo forma e che durerà fino al 23 Novembre 2017?
      È una formazione che non si è mai messa “en place” prima di ora, evento unico e se
      come penso lei conosce l’Apocalisse di Giovanni 12 “della Signora di Luce” questo
      evento combacia perfettamente, in tutto e per tutto, e si rifà inoltre alla profezia
      di Fatima dei cento anni e dopo la fine, e guarda caso a Fatima correva l’anno. 1917.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Mardunolbo 3 mesi fa

    La sparata missilistica emotiva trumpiana ha prodotto degli effetti che non sono tutti negativi:
    A La Russia accelera la produzione degli SS500 che “tirano” fino a 600 Km.
    B La Russia ha escluso il protocollo d’intesa con Usa per evitare missili intercettori contro aerei Usa (è la ragione per cui non si è mossa la contraerea)
    C Iran e Siria saranno più determinati ad eliminare al più presto i “ratti” che infestano le campagne e qualche città
    D La Cina ha capito meglio con chi ha a che fare nel Mar Cinese Meridionale e non mancherà di rinforzare le difese sulle isole ampliate per lo scopo.
    E La Corea del Nord è ancor più decisa a difendersi con le unghie e coi denti da un’aggressione militare ventilata e minacciata.
    Cosa volere di più ?
    Solo un pupazzo manovrato da elite dementi poteva agire così emotivamente senza aspettare un’ indagine seria ed internazionale.
    L’effetto è stato un effetto boomerang.
    Per finire: aver avvertito Xin jin ping dell’azione militare solo dopo è uno schiaffo da “far perder la faccia” che un orientale non dimentica facilmente !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Mardunolbo 3 mesi fa

      Forse è il caso di rispolverare articolo tranquillizzante di M.Blondet sull'”impero Usa”:
      http://www.maurizioblondet.it/tranqullli-limpero-seppuku/

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Citodacal 3 mesi fa

    Forse è anche il caso di leggere cosa riferisce il giornalista russo Evgenij Poddubnyi: http://sakeritalia.it/medio-oriente/siria/aggiornamento-importante-sullattacco-americano-alla-siria/

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Mardunolbo 3 mesi fa

      In “saker Italia” hanno preso pari-pari un mio commento e postato con altro nome….che brutta impressione !

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. PieroValleregia 3 mesi fa

    salve
    ne deduco, signor Giorgio, che per lei un seme e una vita umana si equivalgono; se ho capito male la sua frase, chiedo venia.
    saluti
    Piero e famiglia

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Giorgio 3 mesi fa

      Quella di fare l’indiano le è rimasta un vizio?
      Piero, la mia è una metafora, però il seme può vivere senza l’uomo non altrettanto si può sostenere del contrario, a meno che lei che è ormai tra i pochi cattolici rimasti non sia in grado di dimostrare che sono in errore.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. PieroValleregia 3 mesi fa

        … indiano ? chi la capisce è bravo, io evindetemente, non lo sono; boh
        la saluto e le auguro la buona notte
        Piero e famiglia

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Giorgio 3 mesi fa

          E’ una pessima abitudine quella di manipolare il detto degli altri, stavamo parlando degli uomini e dei semi, le metafore sono corollari.
          Umilmente si potrebbe facilmente dichiarare di non essere all’altezza di rispondere, capisco che sia umiliante non essere in grado di sostenere, argomentando, le proprie affermazioni.
          Saluti a lei ed alla sua famiglia.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
        2. Mardunolbo 3 mesi fa

          Ha perfettamente ragione the Roman a non entrare in polemiche sterili con chi si erge come superiore agli altri, sempre, in ogni commento, ed introduce rasi sibilline solo per stuzzicare curiosità altrui sul nullo-pensiero…
          Sig.Piero, stiamo in pace, guardiamo e passiamo oltre !

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Idea3online 3 mesi fa

    Ogni evento astronomico può avere un significato, ma dobbiamo pure ricordare che la maggior parte delle religioni sono MADE IN USA, ed anche se non lo sono rispondono a direttive del Falso Profeta. L’Elite oltre al denaro controllano anche un altro potere, quello religioso. Nel passato la Chiesa deteneva il controllo delle masse, era Impero con e dopo Costantino, in seguito l’Illuminismo acquisto le masse donano altre religioni. Ma oggi il controllo è tecnologico. Per concludere tutte le religioni predicano bene, ma resta da capire a quale padrone devono dare conto. O meglio quale quota detiene Cesare……

    Rispondi Mi piace Non mi piace