"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Perchè per Assad è importante anticipare gli USA nell’attacco a Deir Ezzor?

Per l’Esercito ed il Governo siriano di Bashar Al-Assad, appoggiato dal gruppo delle Forze Aerospaziali della Russia, è importante anticipare la coalizione, diretta dagli USA, nell’offensiva contro il Daesh (l’ISIS) nella provincia di Deir Ezzor, segnala Alexéi Grómov, analista del media russo FAN.

L’autore osserva che ancora non ci sono informazioni ufficiali circa l’inizio della operazione dell’Esercito siriano e delle Forze Aerospaziali della Russia su Deir Ezzor, ma, secondo alcune informazioni a cui ha avuto accesso l’agenzia FAN, le truppe di Bashar al-Assad si preparano per attaccare il Daesh in questa provincia che si è trovata sotto il controllo dei terroristi nel corso di quattro anni.

Gli estremisti islamici hanno trasformato la vita degli abitanti di Deir Ezzor in un vero incubo. E’ impossibile guardare con calma i bambini feriti o morti, le donne atterrite per la distruzione generale, sottolinea l’analista.

Chi si è approfittato delle disgrazie dei siriani?

La denominata opposizione siriana, in buona parte mercenari jihadisti arruolati dall’Arabia Saudita ed armati dagli USA, prevede anche questa di attaccare la città di Deir Ezzor. Nonostante questo, secondo Gromov, sono anche gli jihadisti ad essere  molto interessati nell’ottenere il petrolio, i cui giacimenti si trovano nella regione.
Le risorse della Siria attraggono l’interesse anche dell’Arabia Saudita e della Turchia, aggiunge il giornalista.

“La coalizione che opera in Siria senza risoluzione dell’ONU nè alcuna autorizzazione ufficiale di Damasco, è pienamente cosciente che sarebbe più facile ottenere risorse a basso costo se la Siria dovesse essere divisa in zone di influenza, e se la maggior parte dei giacimenti di petrolio si verranno a trovare sotto il controllo degli USA e dei suoi satelliti regionali”, afferma l’analista.

Formalmente l’obiettivo dell’invasione delle Forze Speciali degli USA e del Regno Unito è quello di realizzare una offensiva contro i terroristi del Daesh nel sud della provincia di Deir Ezzor. Tuttavia in realtà “il loro obiettivo è quello di impadronirsi delle regioni petrolifere”, assicura.
Ed è per questo che l’Esercito siriano dovrebbe pensare di lanciare una offensiva nella provincia il prima possibile, sottolineano gli esperti militari.

Il comando militare siriano deve essere più attivo, segnalava un analista, citato dall’agenzia , che non ha rivelato il suo nome.
“Se il presidente Assad non inizia una mobilitazione generale, sarà difficile evitare la disintegrazione del paese”, avverte l’analista.

L’aiuto delle forze russe

Con il fine di ottenere il successo di una offensiva di Deir Ezzor, il comando miltare siriano deve prestare più attenzione alla pianificazione, dove potrebbero ottenere l’aiuto dei consiglieri militari russi che stanno lavorando in Siria.
“Se l’offensiva delle forze del Governo siriano viene coordinata da consiglieri militari russi, Assad sarà in grado di anticipare gli statunitensi ed i sauditi su Deir Ezzor”, pronostica Andréi Koshkin, esperto militare citato dall’analista.

Fonte: Sputnik Mundo

Traduzione: Alejandro Sanchez

*

code

  1. nessuno 7 mesi fa

    È fuori discussione che anticiperanno i terroristi (chiamo terroristi la coalizione u$a e soci)
    Putin e gli strateghi Russi sanno quello che fanno e al momento opportuno interverranno.
    Certo che conquistata questa importante zona ai terroristi non resterà altro da fare che
    prendere armi e bagagli e tornarsene a casa……a preparare nuove invasioni altre guerre…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Mardunolbo 7 mesi fa

      + qualche stragetta in Europa per tenersi allenati, con il consenso dei governi….

      Rispondi Mi piace Non mi piace