"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Perché il Papa critica l’intesa Trump-Putin?

di Paolo Becchi e Cesare Sacchetti

Il G-20 si è concluso e più di un osservatore ha sollevato dubbi che abbia portato a casa risultati di rilievo. L’unico successo del meeting di Amburgo è stato il riavvicinamento tra Usa e Russia, i cui rapporti bilaterali sono giunti al minimo storico. Trump e Putin hanno mostrato la volontà di riaprire il canale chiuso dall’amministrazione Obama, e entrambi si sono dichiarati ottimisti sulla possibilità di raggiungere un ripristino delle normali relazioni diplomatiche.

Se Washington e Mosca dialogano, le possibilità di un conflitto si allontanano, e da questo si dovrebbe trarre soddisfazione. Non così per papa Francesco. Il pontefice nella sua ultima intervista a Eugenio Scalfari per Repubblica, riferendosi ad un riavvicinamento Usa-Russia, dichiara di temere «alleanze assai pericolose tra potenze che hanno una visione distorta del mondo: America e Russia, Cina e Corea del Nord, Putin e Assad nella guerra di Siria».

Secondo il Papa Washington e Mosca quindi avrebbero visioni «distorte» del mondo e il dialogo tra queste porterebbe solo risultati negativi. Se si va indietro agli ultimi pontificati, non si trova traccia di papi delusi dal dialogo tra Usa e Russia. Piuttosto il contrario; dall’inizio della guerra fredda negli anni ’50, dal Vaticano sono giunte esortazioni a non ricorrere all’uso della forza tra le due superpotenze. Ora invece dalla Santa Sede si esprime sconforto se i due presidenti di Stati Uniti e Russia mostrano una volontà di collaborare su importanti temi che stanno a cuore alla comunità internazionale. Ma perché Francesco è preoccupato dal dialogo tra Usa e Russia? Per il Papa, «il pericolo riguarda l’immigrazione», perché il vertice di Amburgo «colpisce soprattutto gli immigrati di Paesi di mezzo mondo».

Se si legge tra le righe di questa dichiarazione, si potrebbe dedurne che il «pericolo» per Francesco I sia quello che l’alleanza tra Usa e Russia possa mettere a rischio l’arrivo dei flussi migratori. Il Papa dà per scontato che questi flussi debbano continuare e non possano trovarsi soluzioni alternative al problema. Allo stesso tempo però dimentica che il flusso continuo di partenze dall’Africa sub-sahariana ha l’effetto di svuotare i paesi africani delle loro risorse e di mettere a repentaglio la stabilità socioeconomica del continente europeo già duramente provato dalla crisi della moneta unica. L’immigrazione è «una tragedia» come ha riconosciuto Francesco I, ma continuare a incentivare il fenomeno senza cercare una via di sviluppo per i paesi africani, non migliorerà le condizioni di vita dei migranti.

Nel migliore dei casi li renderà schiavi di un sistema mercantilista interessato solo a sfruttare una enorme massa di manodopera a basso costo; nel peggiore consegnerà molti di loro nelle braccia della criminalità. Francesco ha a cuore i migranti perché poveri ed esclusi, ma nel suo messaggio non c’è traccia di solidarietà per i poveri egli esclusi del Paese dove il Vaticano si trova: l’Italia. Secondo l’Istat, il 29% degli italiani, circa 17,5 milioni di persone, si trova sulla soglia della povertà e dell’esclusione sociale. Ma il Papa sembra avere più a cuore la causa di persone distanti migliaia di chilometri. «Amerai il prossimo tuo come te stesso» è l’insegnamento lasciato da Gesù, ma qui si guarda solo al prossimo più lontano mentre non c’è una parola per quello vicino costretto a dormire in macchina dalla crisi o a saltare la cena.

Irrituale anche il fatto che Francesco tenga in così alta considerazione il parere di un noto ateo, Eugenio Scalfari, sulla gestione della Chiesa. Benedetto XVI aveva dialogato con persone ben più autorevoli, basti pensare a Jürgen Habermas, ma senza cedere di un millimetro sulla dottrina. Qui invece non sappiamo più se la dottrina sia quella del Papa o quella di un dichiarato non credente. Entrambi aspirano a una religione universale che più che cristiana sembra quella massonica. Scalfari quando si accomiata da Francesco rileva che «un Papa come questo non l’abbiamo mai avuto». Su questo non gli si può proprio dar torto. La confusione nel mondo cattolico è grande, e anche tra i non credenti molti non condividono le idee di Scalfari. Quanto mai opportuno è quindi il sondaggio lanciato ieri da scenarieconomici.it su Francesco. Tutti coloro, credenti o non credenti, che intendono partecipare potranno farlo sino alle 19 di martedì. Ecco le domande.

1) Elezione:

a) l’elezione di papa Francesco è stata frutto solo della stanchezza di papa Benedetto XVI e della volontà della Chiesa, espressione dello Spirito santo?

b) pensate che le dimissioni di Benedetto XVI e l’elezione di papa Francesco siano avvenute a causa di pressioni di poteri esterni alla Chiesa o a lei contrapposti?

2) riguardo alla posizione di papa Francesco di apertura e accoglienza totale verso l’immigrazione:

a) pensate che sia positiva per la Chiesa e la comunità cattolica e in definitiva per l’Italia?

b) pensate che condurrà alla distruzione della Chiesa e alla cancellazione della cultura cattolica e al declino dell’Italia?

3) ritenete che le posizioni di papa Francesco verso la morale della dottrina cattolica siano:

a) coerenti con la dottrina e la morale della Chiesa?

b) in contrasto con la dottrina della Chiesa e con la morale cattolica

Fonte: Paolo Becchi

*

code

  1. (t) S. O. 2 settimane fa

    Personalmente credo che sia vero che russia e stati uniti abbiano una visione distorta del mondo: la russia per forza di cose, essendo
    un unicum sul Pianeta Terra, uno Stato Nazionale che da solo occupa un sesto della superficie terrestre, gli stati uniti per deformazione
    ideologica, in quanto sono sempre stati una potenza basata sulla prevaricazione del Debole finalizzata al sovrasfruttamento delle risorse
    naturali. Da questo punto di vista concordo con la preoccupazione di francesco primo, non mi tranquillizza il fatto che i due Stati più potenti
    del mondo trovino un modo per collaborare, perché è la collaborazione tra i due che genera preoccupazione e non la, auspicabile, coesistenza.
    Per quanto riguarda l’Africa credo che la chiesa in merito si comporti semplicemente come la multinazionale che è, quindi fa gli interessi
    dei suoi azionisti cristiani, che sono ormai fortemente ridimensionati in Europa, Terra “Pagana”, mentre continuano ad esistere in Africa, Terra
    di Spiritismo, che meglio si concilia con il cristianesimo, pur essendo, a differenza di quest’ultimo una vera Religione e non un mero
    metodo di controllo e governo. Essendo in Africa il core business della chiesa cattolica, francesco ben se ne sbatte dei poveri italiani
    e preferisce i poveri africani, che sono i suoi azionisti appunto, anche in vista del raggiungimento di un obbiettivo ulteriore, quel grande
    meltin’pot di “gente” che crei la massa informe e plasmabile sulla quale fondare la grande chiesa “che passa da Che Guevara e arriva fino
    a madre teresa”. E qui si giunge ad eugenio scalfari (eugenio è un nome che mi ha sempre infastidito, a prescindere dal cognome che
    gli si associa), un esponente di quel pensiero illuminato, non Illuminista, che si crede un grande uomo solo perché è arrivato a
    Novanta Anni (bravo!) senza aver voglia di vedere bruciare il Mondo, e non si rende conto che per un Essere Umano questa non
    è la massima meta raggiungibile, così come non si rende conto del fatto che le Differenze tra i Popoli e le Nazioni sono i bordi
    rigidi dei Mattoni su cui fondare la Vera Chiesa Naturale, e che la confusione eletta a sistema è il fango su cui tutte le
    fondamenta affondano, si inclinano e cadono. Certo la convergenza tra personaggi come francesco primo e scalfari confonde
    i cristiani, ma dovrebbero esserci abituati: Cristo è il discente i cui insegnamenti sono stati più mistificati nella storia recente
    dell’Umanità. Così come sono confusi dal fatto che in questo momento il vaticano ha due papi, uno dei quali per non aumentare
    il Caos se ne sta umile e silenzioso, come in attesa di Iniziazione. E’ quindi giunto il momento di rispondere alle domande.

    1) Elezione

    a) l’elezione di papa Francesco è stata frutto solo della stanchezza di papa Benedetto XVI e della volontà della Chiesa, espressione dello Spirito santo?

    l’elezione di francesco è stata frutto di una scelta strategica del consiglio di amministrazione del vaticano, pressato
    dall’ufficio marketing, per il quale la stanchezza di Benedetto XVI non era certo elemento fondante della decisione, anche perchè Ratzinger
    non era stanco.

    b) pensate che le dimissioni di Benedetto XVI e l’elezione di papa Francesco siano avvenute a causa di pressioni di poteri esterni alla Chiesa o a lei contrapposti?

    Di sicuro per lavorare all’ufficio marketing vaticano, e per entrare nel consiglio di amministrazione, qualcuno si è fatto
    aiutare dagli “interessi contrapposti”.

    2) riguardo alla posizione di papa Francesco di apertura e accoglienza totale verso l’immigrazione:

    a) pensate che sia positiva per la Chiesa e la comunità cattolica e in definitiva per l’Italia?

    Penso che sia distruttiva, per l’Italia e ancor più per la chiesa, che è sempre stata strumento di governo e controllo
    e nell’anarchia muore.

    b) pensate che condurrà alla distruzione della Chiesa e alla cancellazione della cultura cattolica e al declino dell’Italia?
    Sì, mirano a distruggere anche l’odiata Europa.

    3) ritenete che le posizioni di papa Francesco verso la morale della dottrina cattolica siano:

    a) coerenti con la dottrina e la morale della Chiesa?

    b) in contrasto con la dottrina della Chiesa e con la morale cattolica

    Mi piacerebbe avere la cultura per rispondere a questa domanda. Per quanto riguarda la morale cattolica, posso dire che in
    realtà si tratta solo di moralismo, e quello va in contrasto solo con la libertà.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Max Tuanton 2 settimane fa

    Bisogna tenere presente che I piu grandi nemici dei massoni e degli ebrei sono sono sempre stati da secoli I gesuiti ,il padre spirituale del Duce era padre venturi gesuita che a guerra persa chiese agl’americani di non abolire le leggi raziali.LA chiesa e’ sempre stata col piu forte ,adesso va di moda il rabbi CIA tutta LA grana e tutte le leve ,chi si scontra frontalmente con quel popolo ha sempre perso,la chiesa sta aspettando l’uomo Della provvidenza che rimetta a posto tutto ,arriva arriva mai disperare

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. mardunolbo 2 settimane fa

      Il padre spirituale del Duce non fu un gesuita bensi´un francescano che lo converti´e lo confesso´negli ultimi giorni.
      Da tempo i gesuiti sono usciti dalla dottrina tradizionale per entrare in una dottrina spuria che ha generato il concilio Vat II, fonte di ogni dubbio ed apostasia della Chiesa e dei papi succeduti dal concilio in poi.
      L’avvicinamento di questi papi post-conciliari al B’rnai-B’rith ed all’ebraismo e´ben documentato e descritto da don Nitoglia.
      L’uomo della providenza secondo l’attuale sedente in Vaticano e secondo la chiesa ex-cattolica, nonche´per i rabbi e non rabbi e´l’Anticristo prossimo venturo che forse sara´allonatanato da un ritorno di Cristo prima della fine dei tempi.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. PieroValleregia 2 settimane fa

        …esatto, era Fra Ginepro da Pompeiana.
        saluti
        Piero e famiglia

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Max Tuanton 2 settimane fa

    Padre Pietro tacchi venturi GESUITA wikipedia .Mi meraviglio dei cattolici che ascoltano il blondet ,ricordatevi che se desse veramente fastidio lo avrebbero gia’ chiuso,e invece e’ l’utile…. ,voi non avete idea di come ragionano I nostri padroni si creano I nemici da soli per poterli piu facilmente controllare piuttosto che un nemico reale,e’ come I pompieri quando appicano piu fuochi per controllare il principale ,fidatevi di me che vi parlo dal”paradiso” ko wai

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Giorgio 2 settimane fa

    Che tristezza questi personaggi!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Max Tuanton 2 settimane fa

    Colui che segui sempre il Duce dal 22 e che tenne I rapporti tra lui e il papa fu padre Venturi gesuita informarsi bene .E come il Duce anche Andreotti diede tutti i suoi documenti piu scottanti ai Gesuiti xche’ I Gesuiti sono ll nemico giurato degli ebrei e dei massoni informarsi ,Koop kun kaa

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Giorgio 2 settimane fa

      Daniele, se c’è qualcuno che si deve informare in quest’albergo è lei, le sue conoscenze sono datate.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Walter 2 settimane fa

    Io non lo vedo un riavvicinamento tra USA e Russia. Cosa si intende per riavvicinamento? Il fatto che Trump e Putin non si sono sputati in faccia al G20? Le loro frasi di circostanza? E cosa c’entra un ipotetico riavvicinamento tra USA e Russia con l’immigrazione? Qual’è il nesso, che io non lo vedo? Se USA e Russia fanno pace, nessuno migra più?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. bertolini 2 settimane fa

    Un’ipotesi: forse Bergoglio teme che un accordo USA-Russia non provochi più le guerre “democratiche” che “producono” milioni di profughi?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Werner 2 settimane fa

    Jorge Mario L’apostata

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Max Tuanton 2 settimane fa

    Ahhh questa e bella ,datate le mie informazioni?Certo se leggete I giornali di debenedetti e elkann o il corriere di sion sarete super aggiornati!,senza protervia anche a lei Giorgio legga di piu e se non vuole leggere rovisti in un qualche blog mendace ,ve ne sono migliaia

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Giorgio 2 settimane fa

      Le faccio una confidenza tra me e lei, Daniele, come le avevo anticipato: io non leggo libri perché guardo nella mia sfera di cristallo e vedo un papa bianco vestito di nero.
      Bianco e nero non sono forse i colori dell’arte reale?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Fabio 2 settimane fa

    Guardate che la massoneria spesso è come l’allievo stregone. E che fa l’allievo stregone? Si mette a pasticciare credendosi un mago e finisce col fare un disastro. Prima della caduta dello Zar la massoneria in Russia lavorava per abbatterlo in combutta anche con i comunisti come Lenin. Si diedero da fare perché giungesse in Russia il convoglio dei Bolscevichi, fecero fuori Grigorij Rasputin che spronava lo Zar a scavalcare gli aristocratici e tutti gli altri per fare dialogare lo zar direttamente con il popolo creando la linea Zar-Popolo in contrapposizione alla possibile rivoluzione voluta dai massoni. I massoni dunque fomentarono la rivoluzione iniziale, e poi con Lenin credettero di cambiare ogni cosa. Ma il comunista Lenin era un piccolo Papa per conto suo, e fece fuori i massoni: i Bolscevichi li sterminarono senza pietà.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. animaligebbia 2 settimane fa

      Se dovesse scoppiare la pace in Siria e in altri paesi martoriati ci sarebbero meno profughi veri e finti,quindi meno soldi per quella che era una Chiesa ed e’ diventata la ong piu’ grande del mondo.Semplice no?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Max Tuanton 2 settimane fa

    Giorgio lei scrive in un modo felliniano,a volte capisco a volte no colpa mio che non parlo mai in italiano,intende forse papa Nero xche’ gesuita?Vedere I vari siti cattolici vedi blondet chiesaviva LA nuova bussola agere contra ecc diffamare e dileggiare il Papa e LA chiesa mi fa pensare che dietro a tutti questi siti cattolici vi sia LA mano dei soliti noti,e’ tutto cibo sofisticato avariato,non seguite I vari pifferai magici di turno tutti a libro paga di ZOG 100% per un Sito ci vuole tempo e denaro e chi e’ che tiene la grana ?money first !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Giorgio 2 settimane fa

      Daniele, esiste la possibilità di verificare tutto ciò che viene detto e scritto attraverso la kinesiologia, cosa che faccio diuturnamente, quindi escludere che i gesuiti siano immuni dalle influenze massoniche è un grossolano errore. Quindi credere che il cattolicesimo, con la sua componente gesuitica, non si mischi alla muratoria è una banalità.
      Un conto sono le credenze, come la sua, un altro la realtà.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. annibale55 2 settimane fa

    Che le dimissioni di Ratzinger siano state a causa di pressioni esterne mi sembra chiaro. Che Francesco 1 sia un papa diverso da tutti e “anomalo” altrettanto chiaro. Il fatto che si lasci intervistare da Scalfari non gli porta tanto consenso da parte mia, anzi vorrei dire diffidenza. Scalfari è un manipolatore di natura da sempre dalla parte sionista. Francesco sembra ingenuo ma penso che dire ingenuo ad un papa sia come dire una bestemmia…In questo dialogo ci possono essere quindi fini Macchiavellici da parte di entrambi. Io direi di NON fidarsi di entrambi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Citodacal 2 settimane fa

      Da “quasi sempre” dalla parte sionista; a diciott’anni Scalfari era fascista convinto (come dall’intervista rilasciata a Pietrangelo Buttafuoco nel giugno 2008 e altre fonti) al punto da diventare caporedattore di “Roma Fascista”: venne espulso dal Guf nel 1943 per aver scritto un articolo in cui lanciava generiche accuse di speculazione nei confronti di alcuni gerarchi del partito, senza conoscerne né il nome né la documentazione adeguata (più o meno consapevolmente, stava già facendo le prove per i tempi successivi…).

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. annibale55 2 settimane fa

    Volevo aggiunger che SOLO Ratzinger sa perchè si è dimesso, se ha subito ricatti o cosa e da parte di chi,…ed è ancora vivo!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Mario Rossi 2 settimane fa

    sinceramente di quello che fanno cottolici o musulmani non ce ne frega un beamato!!!!! sarebbe importante pensare a dare un futuro alle nuove generazioni ma a quanto pare i 40 enni di oggi sono troppo impegnati a chattare e ad andare in giro a divertirsi!!!! Tanto che problema c’è? Ci hanno imbucato in qualche ente pubblico che sarà in eterno come adesso e pagherà sempre un lauto stipendio, i genitori e spesso anche i nonni prendono una bella pensione, la casa ce l’hanno fatta quindi l’importante è che tutte le mattine funzioni bene l’aria condizionata così non ci stressiamo, tutti i giorni abbiamo qualcosa da inventarci per passare il tempo e tutti i fine settimana c’è qualche locale alla moda per andare a divertirsi. Va bene continuate così!!!! Intanto a lavorare adesso ci vanno i maruani per 2 3 euro all’ora e quando vi diranno che il vostro ufficio è stato dato alle fiamme poi andate sul mercato del lavoro……..vorrò prorpio farle 4 risate!!!!! ahahahahahahaha

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. Max Tuanton 2 settimane fa

    Ahhh bemma se il signor Mario vuol dare un futuro alle nuove generazioni di cioccolatini si accomodi ce ne sono a migliaia che stanno arrivando ,altimenti si faccia furbo e Invece di invidiare gl’altri vada via anche lei che so in brasile a Cuba…..avra’ compagni cubani fratelli cubani tutta gente che le sara veramente” amica” sopratutto della tasca

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. mardunolbo 2 settimane fa

    I siti Agere contra e la Bussola quotidiana sono siti cattolici in pieno, caro Max Tuanton-daniele !Cosi´pure Chiesa viva prima gestito da un sacerdote validissimo ,ora gestito da un ingegnere un po´esagerato nelle sue affermazioni, ma comunque tutti cristiani cattolici autentici e non servi di Sion!
    E poiche´conosco pure alcuni che cola´scrivono, posso dire tranquillamente che sono siti di verita´che cercano affannosamente di mantenere la fede in tutti coloro che leggono…
    Stando lontani dall’Italia tante cose sfuggono e rimangono solo le sensazioni un po’ “devianti” .

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. Max Tuanton 2 settimane fa

    Ma caro Mardunolbo cosa me me viene in tasca a dirle quello che ho detto? Sono in un paradiso e mi voglio sdebitare aprendovi gl’occhi ho passato giorni mesi anni a rovistare in quel guazzabuglio di internet,ho imparato a riconoscere il marchio di chi e’ prezzolato da quel popolo,ragioni un attimo: xche’ denigrare e diffamare di continuo il vicario di cristo ?A fare cosi aiuti solo i nemici millenari gli ebrei nella distruzione Della Chiesa ,quei suoi amici se sgarrano a scrivere una parola vengono mandati via in 1 secondo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Robert 1 settimana fa

      nei commenti ho letto cose di cui ero all’oscuro, come nell’articolo, l’argomento papa non mi interessa più di tanto, però a me sembra che non serva tanto attaccare il papa per consegnare i cristiani a quel popolo, ho come l’impressione che stia svuotando la Chiesa, perlomeno di quelle persone che non si accontentano di manifestazioni in cui il papa si dimostra sensibile ai nostri bisogni di pancia, tralasciando poi lo spirito. A volte mi sembra che abbia un atteggiamento di sfida verso Gesù Cristo, se si ascoltano certi video, dice delle bestemmie verso il Signore, infine non vorrei dire una sciocchezza visto che non sono addentro a certe tematiche, non è mica un controsenso chiamarsi Francesco un gesuita?

      Rispondi Mi piace Non mi piace