"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Per la Boldrini prioritaria la lotta contro le “bufale”, grave problema in Italia e nel mondo

di Luciano Lago

L’anno 2016 si chiude con tutti gli avvenimenti luttuosi che lo hanno contraddistinto: terremoti, terrorismo, conflitti nel medio Oriente, ondate migratorie sospinte verso l’Europa, criminalità ed insicurezza dilagante, crisi economica e miseria crescente ma, fra tutti questi problemi, quello che più assilla la sensibilità della Presidente della Camera, Laura Boldrini, è quello delle “bufale” e della disinformazione che dilaga sul web.
“Ho concentrato il mio impegno nella battaglia contro il discorso di odio, la disinformazione e le bufale. È ormai evidente che si tratta di problemi da affrontare con urgenza, tanto a livello nazionale che mondiale“.

Lo scrive Laura Boldrini in un post su Facebook in cui fa un breve bilancio di fine anno sulla sua attività di Presidente della Camera.
La stessa presidente della Camera ricorda, in una dichiarazione rilasciata all’ANSA, di aver istituito una Commissione contro l”’hate speech”, dedicata a Jo Cox e composta da deputati ed esperti, prosegue aggiungendo:   “….Ho deciso di non soccombere e di denunciare pubblicamente la violenza e le bufale sui social network”.

I cittadini italiani non potranno che rimanere favorevolmente impressionati dalla “sensibilità” della Boldrini che “non vuole soccombere” e si sentiranno tranquilli che, una volta istituita la Commissione da lei voluta, non sarà più possibile leggere sul web e sulla stampa nazionale (in rete o cartacea) le frequenti bufale, quali quelle enunciate da molti politici, del tipo : “vediamo la luce in fondo al tunnel” pronunciata da Mario Monti nel 2012 a proposito della crisi economica, mentre migliaia di aziende licenziavano e chiudevano i battenti lasciando per strada migliaia di lavoratori. Vedi: Crisi: Monti si vede la luce in fondo al tunnel

Come pure forse non sarà più possibile ascoltare le menzogne pronunciate da Renzi sulla crisi dell’MPS: “«Oggi la banca è risanata, e investire è un affare”.  E’ noto il dissesto a cui è arrivata pochi mesi dopo questa  Banca, tanto da costituire un “caso” nazionale ed europeo.  Sarebbero censurate dalla Commissione anche queste dichiarazioni?

Si spera anche che, grazie a questa commissione voluta dalla Boldrini, non dovremo più sentire  le bufale come quella enunciata da Bersani quando, nel 2011, disse che che” l’intervento della NATO in Libia era diretto a fermare la guerra di Gheddafi contro il suo popolo”. Vedi: libia-bersani-pd-intervento-necessario-si-faccia-bene
Si è visto poi quali erano i reali obiettivi dell’intervento della NATO e come è andata a finire in quel paese.Il PD e Napolitano appoggiavano allora l’intervento e manifestavano l’urgenza di “salvare” il popolo libico (30.000 vittime quelle causate dalla NATO con aggiunta di caos e miseria).

Si potrebbe fare un elenco delle tante bufale che si sono trovate sul web in questi ultimi anni, ad esempio riguardo la Guerra in Siria quando le grandi testate nazionali ci raccontavano che era in corso una “rivolta dei ribelli democratici” contro Assad, una “primavera araba” scrivevano, omettendo che i rivoltosi erano mercenari della CIA sguinzagliati per attaccare le istituzioni governative e determinare il cambio di regime a Damasco. Una guerra per procura presentata alle opinioni pubbliche come una “rivolta per una svolta democratica”.

Queste bufale non le sentiremo forse più da quando entrerà in azione la Commissione voluta dalla Boldrini? Questo il grande interrogativo.
Potremmo essere indotti in modo spontaneo a farci solo una risata sulle “farneticazioni” della Boldrini, noto esponente della sinistra mondialista, se non fosse che, dietro di queste esiste una manovra molto seria e programmata dalle centrali del potere globaliste.
La manovra, quella si molto seria ed inquietante, è quella che stanno mettendo a punto per imbavagliare il web.

A proposito di questa, per giustificare i prossimi provvedimenti di censura preventiva, dichiara Giovanni Pitruzzella :“In politica la post-verità è uno dei motori del populismo e una delle minacce alla nostra democrazia”. Per questo contro la diffusione delle false notizie serve una rete di organismi nazionali indipendenti, ma coordinata da Bruxelles e modellata sul sistema delle autorità per la tutela della concorrenza, capace di identificare le bufale online che danneggiano l’interesse pubblico, rimuoverle dal web e nel caso imporre sanzioni a chi le mette in circolazione.

Questa è la proposta rilanciata, in un’intervista al Financial Times, dal presidente dell’Autorità Antitrust Giovanni Pitruzzella per il quale “siamo a un crocevia: dobbiamo scegliere se lasciare internet così com’è, come un selvaggio West, o se ci servono regole adatte al cambiamento subito dalla comunicazione”. “Credo che ci si debba definire tali regole e questo à compito del settore pubblico” aggiunge Pitruzzella che riconosce come non si possa affidare ai soli social media la gestione del problema. “
Pitruzzella, a capo dell’antitrust dal 2011, ha detto che “i paesi dell’UE dovrebbero istituire organismi indipendenti— coordinati da Bruxelles e modellati sul sistema delle agenzie antitrust — che potrebbero rapidamente etichettare le notizie false, rimuoverle dalla circolazione e infliggere ammende se necessario.”

Al di là delle prevedibili polemiche, anche il Governo Gentiloni, in linea con queste prese di posizione, si sta occupando concretamente di questo tema. Il ministro della Giustizia, Andrea Orlando, ha proposto «la responsabilizzazione dei social network nel contrasto alla propaganda d’odio», chiedendo la «rimozione di quei contenuti che inneggiano a comportamenti violenti o a forme di discriminazione». Inoltre il governo propone di “portare la questione all’attenzione dell’Europa”. Questo proposito  intendiamo bene cosa voglia significare.

In sostanza si propone che, una oligarchia costituita da burocrati non eletti e che non rendono conto a nessuno, dovrebbero avere la discrezionalità di decidere, a loro insindacabile giudizio, quali sono e quali non sono le “notizie false”, per poi “farle rimuovere dalla rete.”

D’altra parte, considerando che, una settimana fa, Obama ha dato all’Europa il via libera ad ogni forma di censura e sospensione della libertà di parola, quando il Presidente uscente degli Stati Uniti ha votato la “Direttiva per contrastare la Disinformazione e la Propaganda“, nessuno dovrebbe sorprendersi che un’Europa, uniformata alle direttive d’oltre Atlantico, ricorra a tali misure agghiaccianti.

“La Post-verità in politica è uno dei motori del populismo ed è una delle minacce per le nostre democrazie” ha detto Pitruzzella al Financial Times.  “Penso che abbiamo bisogno di impostare tali regole e questo è il ruolo del settore pubblico”, ha ribadito.
In pratica quanto prima sarà a discrezione dell’oligarchia di Bruxelles decidere quali contenuti Internet siano adatti ad essere diffusi sul web per i cittadini utenti europei, questo perché bisogna impedire che le “notizie false” siano diffuse sul web, visto che tali notizie potrebbero suscitare consensi per le formazioni “populiste” o “nazionaliste” che sono considerate non conformi al pensiero unico e politicamente corretto.

Anche il Presidente Mattarella ha fatto propria questa esigenza nel suo discorso di fine d’anno: “contrastare e mettere al bando l’odio e la falsificazione sul web”. Naturalmente la “falsificazione” di cui parlano sarebbe solo quella dei “populisti” e “nazionalisti” sul web, mai quelle dei media e dei gruppi di potere, si sa questi ultimi sono “portatori di verità”.
I guardiani del “Pensiero Unico” (questa la giusta definizione) sono convinti che, se il sistema politico europeo è scosso da una reazione anti-establishment senza precedenti, questo è dovuto anche in buona parte alla diffusione delle “false informazioni” su internet, ovvero alle forme di dissidenza e controinformazione. Bisogna correre ai ripari e preservare i “valori democratici”.
Chi meglio della Boldrini e di Mattarella in Italia potevano fare proprie tali istanze del fronte globalista ?

*

code

  1. maboba 10 mesi fa

    Perla finale di un discorso banale. D’altronde non c’era da aspettarsi molto di più da uno dei massimi rappresentanti dello statalismo italico.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Diacono Martino Mireles 10 mesi fa

    Il Presidente della Camera ha scoperto di essere odiata e, di là da insulti nei suoi confronti
    che sono sintomo solo di maleducazione, coglie l’opportunità, da brava comunista mascherata, cioè catto-comunista, di silenziare tutte le voci
    contrarie al governo e che sono libere anche di poter operare con una visione non allineata alle chiacchiere del governo.
    I comunisti (pur cambiandosi di abito e rivestendo quello “democratico”, cadono sempre nello stesso errore di togliere i diritti
    una volta al potere e di seminare l’odio contro chi non è allineato.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Pincopanco 10 mesi fa

      Sta gatto-comunista!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. nessuno 10 mesi fa

    Salve, a mio modesto avviso si dovrebbe stendere un velo pietoso su questo
    triste personaggio, con l’augurio che presto ritorni nel nulla da dove è venuta
    e che dal nulla non sarebbe mai dovuta apparire , ci tolga il disturbo, ci lasci
    esprimere il nostro pensiero, in due parole: ci lasci in pace!
    Per il resto, la vedo brutta….Orwell 1984 è dietro l’angolo……

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Giorgio 10 mesi fa

      Sono d’accordo sul senso dell’articolo e del suo commento, hanno parlato persone illegittime. Roba da pazzi.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. paolo 10 mesi fa

      niente paura, li spazzeremo via. le faremo rimpiangere quel corazziere sull’attenti e quel sorriso beffardo ed altero a mo di presa per il culo verso tutto il popolo italiano.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Paolo 10 mesi fa

    La sinistra mondialista e’ un tema da vomito, ricordiamo personaggi che anni fa predicavano la dottrina comunista lanciando invettive sui capitalisti e il sistema americano, come antichi eroi si proponevano difensori senza macchia e senza paura del popolo e del mondo operiaio, gli stessi che oggi lasciano increduli e sconcertati gli indottrinati di allora, ho qualche amico fra quest’ultimi e a dirla tutta mi fa tenerezza il loro smarrimento: non solo è crollata la chiesa comunista ma si è trasformata nella sua antitesi. Per commettere un tradimento ideologico e diffuso di questa entità, senza peraltro averne la minima vergogna almeno nei confronti del loro elettorato, ma quanto li hanno pagati?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Giorgio 10 mesi fa

    E’ doveroso chiamare le cose col proprio nome: DITTATURA.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. PieroValleregia 10 mesi fa

    …una “donna” (?) inutile…ma purtroppo dannosa
    saluti
    Piero e famiglia

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Umberto 10 mesi fa

    Si sono resi conto di aver fatto un grosso sbaglio. La loro battuta d’ arresto è imputabile proprio a internet, unico mezzo rimasto a disposizione della verità per far sentire anche il suo filo di voce, tra mille insidie e miriadi di mistificazioni. Devono ripartire da lì e in fretta, ecco giustificata l’ urgenza dichiarata dalla presidentessa. Certo. E poi? Le catacombe. Vedrà, la presidentessa, che le sue mire sono insostenibili e cozzerà il grugno su delle rocce acuminate.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Walter 10 mesi fa

    Sono dichiarazioni molto generiche, non vengono portati esempi concreti di “bufale dannose” e di chi le diffonderebbe. Di fatto, esistono già delle regole ed è già vietato diffondere l’odio e incitare all’uso della violenza. Il tono ironico dell’articolo mi sembra adatto al caso, dal momento che le bufale più grosse sono quelle che sono state diffuse dalla cosiddetta “stampa di regime”. Trovo giustificata l’inquietudine di chi si domanda: “Quali saranno le “bufale” vietate? Saranno vietati tutti i punti di vista diversi da quello ufficiale?”. Mi domando, poi, in pratica come sia possibile controllare tutte le informazioni che compaiono sul web e verificarne la veridicità (?). Anche con tutti i buoni propositi possibili, non è possibile effettuare una revisione completa e in tempo reale di tutto ciò che viene pubblicato su internet. Quindi, è più che giustificato il sospetto che una censura basata su criteri discrezionali possa diventare uno strumento di controllo dell’informazione. In alcuni paesi è già così (ad es., in Cina, in Turchia etc.) ma non mi sembra che siano modelli da seguire. In ultima analisi, sono dichiarazioni inquietanti che non fanno presagire niente di buono. Vedremo in cosa si concretizzeranno.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. seoxseo 10 mesi fa

    si ritornerà al volantinaggio gettato da piccoli aerei

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Umberto 10 mesi fa

      Li abbatteranno e dirotteranno verso palazzine popolari e su chiese di provincia che fanno ancora la messa in latino. Terroristi islamici, si dirà.

      Rispondi Mi piace Non mi piace