"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Il Governo russo ha avvisato Israele circa l’atacco effettuato sull’aeroporto di Damasco, mentre la Siria ha promesso una risposta rapida a questa aggressione.

Il portavoce della Presidenza russa, Dimitri Peskov, ha dichiarato oggi che Mosca mette sull’avviso contro le azioni che potrebebro causare tensioni sulla Siria. Peskov ha fatto queste dichiarazioni alcune ore dopo il bombardamento effettuato da Israele sull’aeroporto internazionale di Damasco.

Peskov  ha dichiarato che tutti i paesi debbano astenersi da qualsiasi azione che possa provocare tensioni nella già problematica regione. “Dobbiamo rispettare la sovranità della Repubblica Araba Siriana e mantenere l’integrità e l’unità dello Stato siriano”, ha affermato il portavoce.

Leggi tutto…

“Volontà di destabilizzare l’economia italiana per trarne dei vantaggi”

A mio avviso alcune Ong potrebbero essere finanziate dai trafficanti e so di contatti. Un traffico che oggi sta fruttando quanto quello della droga”. Così Carmelo Zuccaro, procuratore di Catania, ai microfoni di Agorà su RaiTre.
“Forse la cosa potrebbe essere ancora più inquietante – ha aggiunto Zuccaro – si perseguono da parte di alcune Ong finalità diverse: destabilizzare l’economia italiana per trarne dei vantaggi”.
Alla domanda sui possibili allarmismi, Zuccaro ha risposto: “Se l’informazione è corretta questo corto circuito non si può creare salvo per effetto di persone che vogliono creare confusione”. askanews

Procuratore di Catania: “Abbiamo prove dei contatti tra scafisti e alcune Ong”

Leggi tutto…

Terribili scontri  sono in corso tra le forze ottomane e le milizie curde alla frontiera tra Siria e Turchia.

Redazione – Secondo le informazioni ottenute da un corrspondente dell’agenzia Sputnik, le unità curde della YPG (Forze popolari curde siriane) stanno sostenendo aspri combattimenti con i soldati turchi nelle immediate vicinanze della città siriana di Tell Abyad.

Le forze turche stanno sparando con artiglieria e mortai contro le posizioni delle milizie curde dalla provincia di frontiera di Sanliurfa. Le milizie curde da parte loro rispondono sparando missili. Date le circostanze, Ankara ha iniziato ad accumulare truppe e mezzi corazzati sulla frontiera.

Leggi tutto…

Il ministro degli Esteri russo  Serguei Lavrov ha respinto con decisione le accuse dell’Arabia Saudita circa il ruolo dell’Iran nella soluzione della crisi in Siria.

“Conosciamo l’impostazione dell’Arabia Saudita circa il ruolo svolto dall’Iran nella crisi siriana e, per dirlo in “modo soft”, le nostre posizioni non coincidono”.

Leggi tutto…

Aerei da guerra dell’aviazione israeliana hanno bombardato all’alba di oggi l’aeroporto internazionale di Damasco.

Secondo le prime informazioni, si è registrata oggi una incursione aerea sull’aeroporto internazionale di Damasco e nei suoi dintorni. Le prime immagini pubblicate sui social media mostrano una forte esplosione nell’aeroporto. I media siriani affermano che si sono registrati almeno cinque attacchi sulle installazioni dell’eroporto e nei suoi dintorni e indcano il regime di Israele come autore degli attacchi avvenuti alle 3,25 ora locale e le cui esplosioni sono state sentite anche nei quartieri periferici della città.

Leggi tutto…

di Jim W.Dean

Le fonti militari siriane riferiscono che Mosca ha informato Damasco di star preparando l’invio di truppe di terra in Siria per aiutare le forze dell’Esercito siriano nella lotta contro i terroristi takfiri patrocinati dalle potenze straniere.
Le fonti, che parlano sotto condizione di anonimato, hanno rivelato il Lunedì che le forze speciali russe sarebbero pronte per essere schierate nelle aree dove le truppe siriane sono state coinvolte in battaglie serie contro i gruppi terroristi.

Leggi tutto…

Bruxelles– Il Primo ministro ungherese Viktor Orban, messo sotto accusa oggi a Bruxelles dal Parlamento europeo, ha respinto gli attacchi dell’Unione Europea  contro la sua controversa legge sulle università ed ha rivolto aspre critiche contro il miliardario americano George Soros.
“Questo personaggio”, ha detto Orban, ” è un possente speculatore internazionale che tutti accolgono calorosamente nonostante questi sia un nemico delle nazioni d’Europa”.

Inoltre Orban ha criticato la pretesa di Bruxelles di voler emanare leggi unilateralmente senza tenere in conto che nel suo paese vige un sentimento per cui si ritiene che l’Unione Europea non debba poter sottrarre la sovranità nazionale agli Stati membri.

Leggi tutto…

G.Miranda/FUNAI/Survival

Secondo le informazioni trapelate a Survival International, tutte le unità governative attualmente responsabili di proteggere le tribù incontattate del Brasile dalle invasioni di taglialegna e allevatori potrebbero essere smantellate. Una simile misura rappresenterebbe la più grande minaccia alle tribù incontattate dell’Amazzonia in decenni.

Gli agenti del FUNAI, il Dipartimento agli Affari indigeni del paese, svolgono un ruolo fondamentale nel proteggere i territori dei popoli incontattati da taglialegna, allevatori, minatori e altri invasori. Alcune squadre sul campo sono già state ritirate, e ulteriori riduzioni sono pianificate nel prossimo futuro.

Leggi tutto…

Macron non rappresenta un nuovo corso ideologico e politico, bensì l’establishment sotto diverse sembianze, una ‘mascarade’ che proietta l’illusione d’un cambiamento
di Marcello Foa

In estrema sintesi: Macron un po’ meglio del previsto, Marine Le Pen un po’ peggio del previsto, Mélenchon bene ma fermato in extremis, Fillon secondo le previsioni.
Dunque gli effetti annunciati dai media all’indomani dell’attentato sui Champs Elysées e secondo cui il leader del Fronte nazionale avrebbe beneficiato del terrorismo dell’Isis, non solo non si sono verificati ma hanno avuto sull’elettorato l’effetto opposto, rafforzando il più istituzionale dei candidati. L’unico vincente è Macron, come previsto nell’articolo che ho pubblicato sabato mattina.

Leggi tutto…

La disperazione sembra aver preso possesso della elite di potere di Washington e sta portando le reazioni dei responsabili della politica estera USA ad un livello di isteria insensata.
Si registra che il portavoce del Dipartimento di Stato Mark Toner , nelle sue ultime dichiarazioni, aveva quasi voluto addossare alla Russia la responsabilità della morte del cittadino nordamericano, facente parte della missione dell’OCSE in Ucraina, rimasto vittima dell’esplosione di una mina  che aveva centrato la vettura dell’OCSE, mentre ispezionava la zona del Donbass, nella regione di Lugansk, sotto il controllo delle autorità separatiste.

Nello stesso momento, il segretario alla Difesa USA, James Mattis, accusava Mosca di fornire armamenti ad Al Qaeda, il gruppo terrorista che opera in Siria (come Al Nusra) e che è appoggiato e finanziato da USA ed Arabia Saudita, come da inumerevoli prove e dichiarazioni degli stessi membri dell’establishment USA.

Leggi tutto…