"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Nuovi “successi” internazionali per il governo Renzi

Mogherini Renzi Obama

di Luciano Lago

Mentre il nostro giovane presidente del Consiglio si trova in riunione a Bruxelles con i capi di governo dei paesi dell’Unione Europea, i media del sistema, tutti saliti sul carro del vincitore, si apprestano a celebrare qualche  ulteriore trionfo per il fiorentino:1) l’Italia si appresta ad assumere la presidenza di turno del prossimo semestre europeo ereditandola dalla Grecia, 2) voci accreditate danno la giovane ministra Federica Mogherini quale prossima rappresentante diplomatica della UE in sostituzione della baronessa Ashton.

Per la verità il primo punto era notoriamente un fatto scontato ma ciò non toglie che questo darà ulteriore visibilità al presidente Renzi che, oltre alle 5 ore di prammatica sulle TV italiane, avrà altro tempo dedicato dalle tv estere dei paesi europei, dalla Norvegia al Portogallo,  e questo non potrà certamente che giovare all’immagine internazionale del premier e ne sono felici nell’ordine il PD, nuovo partito di maggioranza sempre più simile alla vecchia “balena bianca”, gli stessi funzionari della Commissione Europea, che vedono in Renzi un fedele  esecutore delle loro direttive da portare da esempio agli altri premier, i consulenti americani /israeliani della Mc Kinsey , i quali vedono il loro assistito coronato da sempre più successo e visibilità mediatica.

L’altra questione importante è quella della Federica Mogherini , candidata alla carica di rappresentante diplomatico della UE , scelta sicuramente per la sua nota ed indiscussa fedeltà ai dettati della NATO e delle direttive statunitensi. In particolare la Mogherini si era distinta per saper leggere con “duro cipiglio” le note dettate dal Dipartimento di Stato USA nel corso della crisi Ucraina, con la giovane ministra che aveva lanciato un “duro monito” alla Russia di Putin a ritirarsi dall’Ucraina, in difetto con la minaccia di sanzioni, esprimendo totale approvazione dell’operato del governo golpista di Kiev, anche nell’uso della forza indiscriminato contro le popolazioni di etnia russa dell’est del paese recalcitranti a farsi assoggettare.

Una donna giovane ma di carattere nel richiedere il rispetto la “lex americana” anche nei casi accertati di pulizia etnica dei dissidenti. Quando si tratta di “ristabilire la democrazia” si sa che i governi fantoccio degli americani sono “irremovibili” alle proteste: la democrazia si ristabilisce e non si discute, punto e basta.

Le autorità americane, dopo aver conosciuto meglio la ministra italiana, ospite anche in una riunione dell’influente “Council of Foreign Relations”, con John Kerry in testa, ne sono rimaste entusiaste ed hanno sussurrato il suo nome nell’orecchio di Barroso, della Merkel e di Van Rumpuy. “The girl is okay for us”, sembra abbiano sussurrato e la Merkel, tutto indica che abbia deciso di accontentare lo stesso Obama, tanto si sa, nella politica estera la UE conta quanto il due di coppe a briscola e tutto viene deciso dai “protettori americani”, per il nostro bene si intende.

Sono o non sono forse  loro, gli americani, i nostri “liberatori”, come li continuano ad acclamare nelle ricorrenze del “D Day” in Normandia, tutti i media e gli opinionisti entusiasti cultori del filo atlantismo senza se e senza ma. Ci hanno liberato già una volta dal nazismo e chissà che non ci liberino anche dall’incubo di quel rozzo “tiranno” di Putin che ha osato anche disprezzare i nostri “gay” tanto coccolati in Europa.

Quindi il nostro “fiorentino”, dopo aver partecipato al pasticcio della nomina di Juncker , il lussemburghese amante del cognac a colazione (come sostengono i tabloid inglesi), alla Presidenza della Commissione, come voleva la Merkel, si appresta adesso ad ottenere un nuovo successo con la nomina della Federica Mogherini.

Resta inteso che sia Renzi che la Mogherini sapranno essere grati agli amici americani che hanno sponsorizzato la nomina, spianando la strada agli interessi degli USA in Europa ed in particolare favorendo in tempi rapidi l’approvazione del vergognoso trattato commerciale transatlantico tra USA e Unione Europea (il TIIP) che, eliminando tutte le precedenti regole e tassi doganali, spalancherebbe le porte alle multinazionali USA e farebbe cadere tutte le barriere esistenti in Europa, ad esempio contro l’utilizzo degli OGM o contro le tecniche super inquinanti di estrazione del gas scisto, attualmente proibito in Europa.  Per non parlare dell’ostilita’contro il progetto del gasdotto South Stream contro cui gli USA hanno messo il veto (la crisi in Ucraina `stata fatta scoppiare anche per questo) ed il solerte commissario europeo all’energia si `precipitato a invitare i paesi europei a non sottoscrivere il trattato (come ha fatto ad esempio l’Austria) pena gravi sanzioni.

Facile immaginare quale sarà la posizione del governo Renzi /Mogherini,  una volta alla testa della presidenza europea: niente gasdotto con i russi, meglio qualsiasi altra alternativa energetica, magari si potranno riscoprire i soffioni boraciferi di Larderello (Toscana) o le bocche del vulcano Etna sempre attivo, tutte ottime fonti di energia per il nostro paese. Sarebbe un ulteriore successo per la tecnica del ” made in Italy”.

Tutti i funzionari della Commissione, come sempre, inchinati agli interessi ed alle direttive dei dominatori americani e della grande finanza, anche a costo di tirarsi delle martellate sui piedi per quando arrivera’ l’inverno e L’Europa rimarra’ senza gas. Si troveranno  certamente altri metodi per scaldarsi, gli europei non si faranno impressionare dalle minacce di Putin (sembra abbia detto il commissario europeo all’energia).

Rimane poi certa per l’Italia  l’approvazione spedita della produzione ed acquisto dei caccia F35, apparecchi costosi, poco affidabili ma utili, sembra abbiano concordato, lo ha confermato anche la ministra della difesa Roberta Pinotti, nota “esperta” militare, la quale, a domanda, ha dichiarato che “quegli aerei serviranno a difendere l’Italia dai missili” (iraniani, palestinesi, russi?). Non era mai successo nella storia militare, che un caccia potesse intercettare un missile a lungo raggio ma, con la Pinotti alla difesa, Napolitano alla Presidenza,  tutto diviene possibile.

Sicura anche l’approvazione incondizionata di quanto sara’ deciso dal Dipartimento di Stato USA per le sanzioni alla Russia e la condotta da tenere verso l’Ucraina, gia’ di fatto associata alla UE con tutti i suoi debiti (si parla di circa 100 miliardi) a carico dei contribuenti europei, inclusa l’Italia. Questo non e’ un problema, d’altronde, Renzi con la sua popolarita’, cos¡ come ha fatto digerire adesso l’aumento delle imposte sulla casa, sui conti correnti, sui bolli auto, sui carburanti, ecc. non dovra’ fare altro che istituire un altro prelievo straordinario per l’Ucraina. Si sa che la “democrazia” estesa nell’Est è bella ma costa. Qualcuno dovra’ pur pagare.

Nella foto in alto: la ministra Mogherini  con Obama e Renzi

*

code

  1. giovanni lippi 2 anni fa

    la mogherini è israelita, qualità molto apprezzata dagli usa, non dimentichiamoci che la razza ebraica è perpetuata dalle donne, solo le femmine trasmettono la discendenza ed il cognome.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Werner 2 anni fa

      Allora si spiegano tante e tante cose….

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Anacronista 2 anni fa

    Caro Luciano, la tua sintesi, brillante e puntuale come sempre, non verrà letta dai “furbi” che hanno venduto il loro futuro per 80 euro. Del resto, anche chi in Europa ha votato per il Front National e gli altri partiti antagonisti li vede ora ridotti all’impotenza, grazie ai sabotaggi che hanno impedito alla Le Pen di trovare abbastanza aderenti per il gruppo parlamentare anti-euro. Questo per chi ancora crede che andando a mettere una croce sulla scheda cambi qualcosa.

    Rispondi Mi piace Non mi piace