"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Notizie dal fronte della Siria: annientata una colonna di terroristi al confine turco

Un convoglio di rinforzi proveniente dalla Turchia, composto da decine di mezzi motorizzati ed armati con mitragliere e lanciamissili, è stato individuato ed annientato dall’aviazione russo- siriana in prossimità della località di Tal Rifat, provincia a nord di Aleppo, sulla strada che conduce da Azaz a Tal Rifat.
Sono risultati distrutti dall’aviazione tutti i mezzi ed uccisi e feriti i circa 300 componenti del convoglio, costituito da miliziani jihadisti da poco fatti addestrare ed armare dalle autorità turche.

Il convoglio aveva da poco attraversato il confine e si dirigeva verso la località siriana di Tal Rifat, da poco riconquistata dalle forze dell’Esercito siriano.
Il governo turco sta cercando disperatamente di accorrere in aiuto dei terroristi jihadisti che si trovano sotto assedio delle forze siriane ad Aleppo e si sforza di mantenere aperti i passaggi da cui invia rifornimenti armi e munizioni ai gruppi terroristi.


Tuttavia l‘intelligence russa riesce a individuare in anticipo i movimenti dei convogli in uscita dalla Turchia e l’aviazione russa- siriana provvede a controllare i passaggi della frontiera per tagliare i rifornimenti ai gruppi terroristi. Di conseguenza ogni convoglio che viene inviato in Siria dai turchi è esposto al micidiale fuoco dei caccia bombardieri russi ed i risultati sono devastanti.

Bombardamento aerei russi
Bombardamento aerei russi

Coperazione militare fra Russia ed Iran

Nel frattempo è arrivato a Mosca il ministro della Difesa iraniano, Husein Dehqan, ricevuto da Valdimir Putin con cui ha avuto una importante riunione per concordare le strategie di difesa e sicurezza di lungo termine che riguardano entrambi i paesi.
Il ministro iraniano ha esaltato la cooperazione fra i due paesi ed ha lodato la posizione della Russia di Putin che, con le sue decisioni strategiche, sta fornendo un apporto decisivo per risolvere le crisi del Medio Oriente ed in particolare quella della Siria.

Inoltre il ministro ha manifestato la sua gratitudine a Putin per le strette relazioni in materia di difesa e sicurezza che intercorrono tra i due paesi. Putin da parte sua ha qualificato come “strategiche” le relazioni della Russia con L’Iran rispetto alle questioni regionali ed ha esaltato il ruolo di entrambi i paesi nel momento in cui occorre ripristinare la sicurezza e la stabilità in tutto il Medio Oriente. Sono in corso importanti accordi che vedranno rafforzata la cooperazione fra i due paesi nel campo militare, della difesa e della sicurezza, come hanno riferito le fonti iraniane e russe.

Ministro iraniano con Putin
La Russia e l’Iran stanno cooperando strettamente per difendere la Siria dall’aggressione dei gruppi terroristi e mercenari pilotati dall’estero, l’Iran ha inviato aiuti al governo siriano ed anche alcuni reparti di consiglieri militari che partecipano alle operazioni antiterrorismo affiancando sul terreno  l’Esercito siriano. Allo stesso modo l’Iran sostiene con proprie forze e con istruttori militari anche la lotta in Iraq contro l’ISIS, appoggiando il governo sciita con cui ha concluso accordi di cooperazione.

Ultimamente le massime autorità dell’Iran hanno proclamato il loro sostegno irreversibile alla lotta del popolo e dell’Esercito siriano anche di fronte alle ultime minacce di Arabia Saudita e Turchia che hanno manifestato in questi giorni  la volontà di inviare contingenti di truppe per via terrestre.
Questa  minaccia di un intervento turco saudita, se avverrà, sarebbe considerata, a detta del governo di Damasco e di Teheran, un flagrante atto di aggressione e l’Iran ha dichiarato che non rimarrà inerte di fronte a questa azione turco saudita ai danni del paese alleato ma interverrà con le sue forze.
L’Iran non permetterà mai che a Damasco si possa installare un califfato dello Stato Islamico patrocinato da Turchi e sauditi, in quanto questo minaccerebbe la sua stessa sicurezza, ha dichiarato ieri l’altro, il capo di Stato Maggiore delle forze iraniane.

In questa situazione l’Iran sta intensificando gli aiuti all’alleato siriano, inviando propri reparti reparti militari in appoggio dell’Esercito siriano, incluso missili di ultimo tipo ed equipaggiamenti vari.
L’alleanza Iran- Siria -Hezbollah viene ormai indicata come “l’Asse della Resistenza” che si oppone ai disegno delle potenze imperialiste (USA-Israele ed i loro alleati regionali) di sottomettere la Siria e l’Iraq e smembrare i paesi arabi in funzione dei propri interessi geopolitici, con la complicità di Turchia, Arabia Saudita e Qatar, i paesi che hanno sostenuto fino ad oggi l’azione distruttrice dei gruppi terorristi in Siria ed in Iraq.

Fonti: Al Manar   

Hispan TV

Traduzione e sintesi. Luciano lago

*

code