"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Niente soldi per l’emergenza incendi? Per la NATO, però, la Pinotti inaugura l'”Hub per il Sud”

di Manlio Dinucci

Chi dice che scarseggiano gli investimenti nel Mezzogiorno? La ministra Pinotti ha annunciato la realizzazione di una grande opera a Napoli: l’Hub per il Sud. Dopo l’incontro con il capo del Pentagono James Mattis, martedì a Washington, ha dichiarato: «Siamo soddisfatti che sia stata accolta la nostra richiesta di trasformare il Comando Nato di Napoli in Hub per il Sud».

Il comando di cui parla è il Jfc Naples, il Comando della Forza congiunta alleata con quartier generale a Lago Patria (Napoli), agli ordini dell’ammiraglia statunitense Michelle Howard che, oltre ad essere a capo del Comando Nato, è comandante delle Forze navali Usa per l’Europa e delle Forze navali Usa per l’Africa. I tre comandi di Napoli, sempre agli ordini di un ammiraglio statunitense nominato dal Pentagono, hanno un’«area di responsabilità» che abbraccia l’Europa, l’intera Russia, il Mediterraneo e l’Africa. La guerra alla Libia nel 2011, con il determinante contributo italiano, è stata diretta dalla Nato attraverso il Jfc Naples.

Sempre da Napoli sono state condotte le operazioni militari all’interno della Siria. Questa è la prima causa del drammatico esodo di profughi e della «crisi dei migranti che l’Italia sta vivendo quasi in solitudine», come l’ha defenita a Washington la Pinotti quasi che fosse una maledizione caduta dal cielo. Il nuovo Hub per il Sud, rientrante anch’esso nella catena di comando del Pentagono, costituirà la base operativa per la proiezione di forze terrestri, aeree e navali. Le forze e le armi necessarie saranno fornite dall’intera rete di basi Usa/Nato in Italia, in particolare Aviano, Camp Darby, Gaeta, Sigonella, Augusta, mentre la stazione Muos di Niscemi e altre si occuperanno delle comunicazioni.

Per tali operazioni, che la Nato definisce «proiezione di stabilità oltre i nostri confini», è disponibile la Forza di risposta della Nato, aumentata a 40 mila uomini, in particolare la sua Forza di punta, che può essere proiettata in 48 ore «ovunque in qualsiasi momento».James Mattis ha riingraziato l’Italia sia per la sua «ospitalità verso oltre 30.000 militari, impiegati civili e familiari statunitensi», sia per la sua importante cooperazione nell’affrontare le «minacce alla sicurezza nel Mediterraneo, in Medioriente e Africa».
La Pinotti ha prospettato, tra l’altro, la possibilità di estendere i compiti dei 1400 militari italiani in Iraq, anche in funzione di addestramento a Raqqa. Riguardo all’Hub per il Sud la ministra ha annunciato, con soddisfazione, che «nell’ultima riunione ministeriale Nato si sono già individuate le risorse per la sua realizzazione». Non le ha però quantificate. Si possono comunque stimare in miliardi di euro, con una notevole parte a carico dell’Italia.

Solo la costruzione del nuovo quartier generale del Jfc Naples, inaugurato nel 2012 a Lago Patria (85 mila metri quadri coperti espandibili, in cui lavorano 2500 militari), è venuto a costare circa 200 milioni di euro.

Tutto denaro pubblico, che va ad aggiungersi alle spese Nato per la «Difesa» in continuo aumento (quella italiana è stimata in una media di circa 70 milioni di euro al giorno). Al Jfc Naples, annuncia la Pinotti, si sta implementando il personale perché, diventando Hub per il Sud, il comando deve assumere anche la capacità di «ricostruire Stati falliti».
Lavoro a ciclo continuo: dopo aver trasformato la Libia in «Stato fallito» demolendola con la guerra, ora lo stesso comando va a «ricostruirla».

Tratto da: Pars Today

*

code

  1. Max Tuanton 3 mesi fa

    Pegni di sudditanza,servilita’ canine,Italia invasa e prostrata un ministro Della difesa(Donna!!!!)che invece di salire sulle navi a rimpatriare I clandestini si mette sul macchininino! No comment!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Adolfo 3 mesi fa

    Bravo Max ha ragione qui si devono dare una svegliata tutti, assieme all the Roman e il Simonazzi siete gli unici ad aver capito ,a questa nazione femmina piace essere batostata,e sia ! Vedremo se si rialzera’ siamo gia’ stati squadernati un bel po’ in tutti questi anni dai vari partiti macchietta

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Giorgio 3 mesi fa

      Ah ah ah ah ah, Adolfo, credo che lei sia l’unico a non aver capito che Daniele e Max sono la stessa persona, siamo a posto!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Giorgio 3 mesi fa

    Diecimila in più od in meno poco importa per uno stato ricco come l’Italia che mantiene a proprie spese già centinaia di migliaia di persone.
    “La donna è mobile, qual piuma al vento, muta d’accento e di pensier.” Questo è ciò che faceva cantare G. Verdi nel suo Rigoletto.
    La signora Pinotti alla difesa, la signora Lorenzin alla sanità, la signora Fedeli all’istruzione, la signora Cirinnà titolare della legge sui matrimoni tra i froci e qui mi fermo perché potrei continuare con la Bonino ed altre.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. PieroValleregia 3 mesi fa

    … la Pinotti … ennesimo esempio di come, le donne al potere, siano uguali, se non peggio di tanti uomini …
    cattive, perfide, corruttibili, ignoranti, violente, amorali, traditrici …
    saluti
    Piero e famiglia

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Silvia 3 mesi fa

      Non e’ che i nostri ministri uomini facciano molto meglio

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. PieroValleregia 3 mesi fa

        … ma, chiedo scusa … io cosa ho scritto di tanto diverso ? nulla, ho voluto solo far notare che questa presunta miglior bravura e bontà delle donne non esiste, sono uguali in tutto e per tutto ai ministri e politici uomini …
        tra l’altro, la storia ci insegna, che le donne al potere (Elisabetta I, Cleopatra, Hillary Clinton, Golda Meir, eccettera) in quanto ad efferattezze, violenza e malvagità se la siano cavata molto meglio dei vari Pol Pot o Videla
        saluti
        Piero e famiglia

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Citodacal 3 mesi fa

          Stronzaggine (mi scuso per il francesismo) e altre amenità umane sono rigorosamente unisex, sebbene possano poi avere modalità di manifestazione proprie al sesso d’appartenenza. In questi anni il processo verso l’eguaglianza dei sessi (giuridicamente possibile, esistenzialmente impossibile) si è risolto in una degradante calata femminile verso il torbido maschile, come ogni livellamento forzatamente egualitaristico che equipara sulla base del minimo comune denominatore (fino all’infimo comune denominatore). Sulla logica di questo abbassamento ontologico le donne si sono mascolinizzate, gli uomini effeminati (il che è un fatto assai differente e fuorviante rispetto al riconoscere e percepire l’effettiva e sacrosanta presenza d’ambedue i principi metafisici costitutivi in qualsivoglia essere umano, a prescindere dal sesso di manifestazione). Il danno ricavato, spesso d’ordine alquanto sottile, va a carico d’ambedue: se anche soltanto un piatto della bilancia dovesse incrinarsi, creerebbe scompenso pure all’altro e alla bilancia intera (ma vaglielo a far capire a entrambi…).

          Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. Fabio 3 mesi fa

        Silvia, dalla tua risposta sembri una ministra.
        Ma Piero cosa avrebbe scritto

        ma invece di fare inutile polemica da tastiera, scendiamo in piazza a fare casino utile

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. mardunolbo 3 mesi fa

      Vero, Piero ! Salvo quando erano devote e cattoliche come nel medioevo dove brillavano per carita´e buonsenso, anche quando erano ai massimi vertici.
      Vedi “la donna al tempo delle cattedrali” poi arrivo´il femminismo, inculcato, guarda caso, dai soliti eb. (come li definisce Maxdaniel) e la donna divenne peggio del peggio come voleva satana ed i suoi seguaci.
      Rimane soltanto la nostra Mamma celeste a fare da faro ed illuminazione per tutti/e.
      Fu quella che , quando Giuseppe le disse che era meglio andarsene in Egitto poiche´in sogno un angelo gli parlo´, non disse infuriata:
      “cosa ne sai tu di angeli, che a me ne e´apparso uno di fronte e si e´inchinato in mia presenza ?”.
      Ma zitta ha obbedito e seguito ! Grande Donna ! Solo lei poteva !
      Fu quella che alle nozze di Cana chiese al Suo Figlio di dare un aiutino per il vino e si senti’ rispondere, in modo chiaro e netto mettendo i puntini sulle “i”:
      “Che vuoi da me donna? Decido io quando e´il mio tempo !”
      Lei conoscendo il Figlio, senza rispondere a Lui per non polemizzare, fece cio’ che ogni mamma farebbe: si rivolse ai servitori e “mise al muro” il Figlio, dicendo:
      “Fate quello che vi dira’!” E Gesu’ fu incastrato senza remissione e dovette cominciare a fare vita pubblica…
      Grazie a Lei !

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Max Tuanton 3 mesi fa

    Video digitate :”di battista spietato”un grillino da ventennio. Giorgio da lei solo critiche e osservazioni mai una parola buona ,poi se I cattolici LA mettono al rogo non si lamenti !Comunque per Silvia ,guardi che anche LA defunta antropologa ida magli lo diceva ,troppe donne nelle scuole e in politica ci vuole LA figura del maschio altrimenti va tutto a rotoli

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Giorgio 3 mesi fa

      Ci metto sempre buona volontà ed impegno, Daniele, per trovare qualcosa di buono, ma finora non ci sono riuscito, può essere che sia un mio limite.
      Certo non la vedo come lei perché sono blasfemo, perciò non le propongo d’indicarmi qualcosa di positivo dal momento che siamo in posizioni antitetiche.
      Lei vede il male tutto accumulato da una parte, io no, lo vedo equamente distribuito.
      Ormai mi sono stancato di ripeterglielo, come contadino sono certo di raccogliere ciò che semino, lei no?
      Al mio paese si dice: “E’ meglio trattare con un brigante piuttosto che con un ignorante.”

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Giorgio 3 mesi fa

      Daniele, cosa non le è chiaro del dettato evangelico: “DATE A CESARE QUEL CHE è DI CESARE ED A DIO QUEL CHE è DI DIO.”
      Per me significa che la materialità la deve trattare lo stato la spiritualità la chiesa, non mi sembra che l’abuso dell’uso del buso porti al disuso del buso spetti allo stato, come non mi sembra che l’organizzazione del lavoro spetti alla chiesa.
      La confusione e quindi Arimane regnano sovrani.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Walter 3 mesi fa

      Eh già, i cattolici sono tanto buoni ma si riservano sempre il diritto di mettere al rogo chi la pensa diversamente. Ma sono tanto buoni… e giusti.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Max Tuanton 3 mesi fa

    Che Papa Francesco aiuti I miscredenti atei, anarchici ,eretici,materialisti ,e anime perse di questo Sito amen .Lunga e’ LA via lunga e’ LA bugia ma alla fine LA verita’ Sara’ di tutti!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Giorgio 3 mesi fa

      L’unica cosa che aspetto con ansia dal papa è che si tolga dalle °°°°°, Daniele.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Adolfo 3 mesi fa

    Lo stesso the roman e max li capisco lei Giorgio e’ incomprensibile ci vuole il dizionario a portata di mano tutte le volte stara’ sbroccando?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Max Tuanton 3 mesi fa

    Se si deve fare qualcosa bisogna farlo alla svelta xche’ questi continuano a tradire il popolo a piu non posso tra un po verrete sommersi d’ immigrati ,sentire D’alema dire che nei prossimi 20 anni dovranno arrivare 30 milioni di persone da tutti I cantoni del mondo e’ una roba da alto tradimento peggio di Renzi,tra un po sarete voi a casa loro . Mardunolbo io sono pro chiesa e pro Papa ma non esageri con delle giaculatorie dopo il figlio Della vedova LA stuzzica e lei se LA prende,koop kun kaa

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Renè 3 mesi fa

    La Pinotti è un’ipocrita dall’imbarazzante ignoranza e dalla folgorante stupidità: è passata dalle marce per la “pace” a fare il ministro della difesa.
    Il miglior ritratto dell’ignoranza e della stupidità orgogliosamente ostentate dalla Pinotti, la da lei stessa, quando “la moglie di…” alle “Invasioni Barbariche” le chiese:
    “Ministro, a cosa servono i cacciabombardieri?”
    la Pinotti rispose:””Di fatto… i cacciabombardieri servono perché… a parte che se tu hai delle truppe, dove c’è necessità di avere una difesa aerea, però potrebbe succedere che qualcuno decide di sparare un missile magari e potrebbe decidere. Ormai ci sono dei missili che possono arrivare a distanze estreme… potrebbero decidere di volere, con quello, distruggere o… ehm… ovviamente creare. Oggi purtroppo le armi sono micidiali”.
    Dunque è chiaro che questa Pinotti è completamente rinco###ta, di una stupidità imbarazzante di un’ignoranza cosmica.
    Ma la cosa inquietante è..: come ha potuto una simile deficiente arrivare ad essere nominata Ministro della Difesa? (domanda retorica)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. PieroValleregia 3 mesi fa

      non poi tanto retorica se, quello che sembrava un pettegolezzo forse era verità: che la signora Pinotti fosse l’amante di un recente Capo di Stao Maggiore della Marina …
      “meriti” di cortigiana ?
      D’altronde la Duchessa di Castiglione ( di ben altra e più elevata intelligenza, cultura e bellezza della pinotta) ha contribuito all’unità d’Italia “visitando” le alcove di diverse corti europee
      saluti
      Piero e famiglia

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Idea3online 3 mesi fa

    Niente di nuovo sotto il sole…..sono fatte così……ma esistono pure quelle meno “amare” per poter amare…..

    Ecclesiaste 7:25-26

    Io mi sono applicato nel cuor mio a riflettere, a investigare, a cercare la sapienza e la ragion delle cose, e a riconoscere che l’empietà è una follia e la stoltezza una pazzia; e ho trovato una cosa più amara della morte: la donna ch’è tutta tranelli, il cui cuore non è altro che reti, e le cui mani sono catene…….

    Rispondi Mi piace Non mi piace