"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Netanyahu teme l’ira di Putin e rinuncia alla riunione con i “ribelli” siriani. Catturato in Iraq un ufficiale del Mossad

Netanyahu dietro la porta

Il premier israeliano Netanyahu non parteciperà’ alla riunione dei denominati “ribelli siriani” , prevista a Gerusalemme questa settimana, per evitare di far infuriare il presidente Putin.
“Questo non è’ il miglior momento per far infuriare Putin”, hanno riferito fonti israeliane rimaste anonime, citate dall’agenzia libanese Al-Ahd.
A questa riunione programmata da tempo parteciperanno alcuni dei leaders dei gruppi denominati “ribelli” siriani e vi sarà’ la partecipazione del ministro della Difesa israeliano Moshe Yaalon..

Nonostante questo,  la notizia di questa conferenza di tale genere da tenersi in Israele e l’informazione  di una possibile partecipazione di Netanyahu rischia comunque di provocare le ire del mandatario russo e questo ha obbligato le autorità’ israeliane ad annullare l’evento all’ultima momento ed a richiedere ai leader dei denominati “ribelli siriani” di non partecipare all’evento.

Le fonti intervistate dall’agenzia libanese riferiscono che il timore degli israeliani di suscitare una dura reazione della Russia ha spinto le autorità’ di Israele a domandarsi se sia il caso di continuare a manifestare pubblicamente un aperto appoggio di Israele ai “ribelli siriani”.
Nonostante questo Israele continua a mantenere stretti legami con alcuni dei gruppi di miliziani takfiri che operano in Siria e continueranno ad averli anche se sarà’ necessario occultare questi rapporti di collaborazione davanti all’opinione pubblica.

Netanyahu visita i terroristi feriti
(Netanyahu visita i terroristi feriti)

Il denominato “Esercito Libero di Siria” (ELS) gode dell’appoggio degli USA e di  Israele ed i suoi miliziani, i quali da ultimo hanno realizzato un accordo per un fronte comune con il gruppo di Al-Nusra e dell’ISIS, vengono assistiti e riforniti in Israele e lo stesso Netanyahu si è recato a visitarne i feriti ricoverati presso ospedali israeliani dove vengono ricoverati e curati dopo essere stati prelevati con gli elicotteri dalle zone dei combattimenti.  Israele ha sempre manifestato il suo appoggio ai gruppi che combattono  in Siria per rovesciare il governo di Bashar al-Assad, considerato  da  Israele un regime nemico dello stato di Israele al pari dell’Iran e degli  Hezbollah libanesi.

(Dall’inizio della crisi si calcola che oltre 1300 miliziani dei gruppi dell’ESL o di Al-Nusra sono stati ricoverati negli ospedali israeliani.

L’intervento diretto russo in Siria ha bloccato questa attività ed ha crearto sconcerto nelle autorità israeliane che avevano intensificato gli sforzi per arrivare al rovesciamento  di Assad. Gli israeliani vedono con sgomento che i miliziani da loro protetti e curati vengono duramente bombardati ed attaccati dalle forze congiunte russo-siriane ed all’aviazione israeliana non viene consentito di sconfinare nello spazio aereo siriano per appoggiare i miliziani takfiri, come abitualmente facevano prima dell’intervento russo.

Come se non bastasse, al governo israeliano è arrivata la notizia imbarazzante che un loro alto ufficiale, il generale  di Brigata israeliano Yussi Elon Shahak, è stato catturato in Iraq  dall’Esercito Popolare iracheno e, dopo un attento interrogatorio, ha confessato della cooperazione esistente tra il Mossad (servizio di intelligence di Israele) ed i dirigenti militari dell’l’ISIS, confermando anche come questa fantomatica organizzazione terrorista riceve aiuti logistici e finanziamenti, oltre che da Israele,  anche da paesi della coalizione come Arabia Saudita, Qatar, Emirati Arabi e Giordania. I consiglieri militari israeliani aiutano l’ISIS ad elaborare i piani strategici e militari e ne dirigono gli spostamenti sul terreno di battaglia.

La notizia di questa cattura  è stata trasmessa dal portale  nord americano “Veterans Today”, solitamente molto informato sulle questioni strategiche e spionistiche che riguardano USA ed Israele.  Questo creerà un’altro grosso problema da risolvere al governo israeliano che si muoverà decisamente  per evitare che questa notizia venga diffusa.

Fonti:     Hispan TV    Veterans Today

Traduzione e sintesi: Luciano Lago

*

code

  1. flores 1 anno fa

    La grandezza di un politico, che svolge un ruolo storico di primo rilievo, si palesa soprattutto nel valutare concretamente i rapporti di forza presenti e futuri. Il presidente Putin ha dimostrato di saper attendere, ingoiando chissà quanti rospi. Ora, però, la potenza militare della Russia si sta dimostrando inopinatamente superiore, tant’è che nessun aereo, elicottero o carro armato sono stati distrutti dai terroristi, che pure detengono armi all’avanguardia, date loro da Arabia, Usa e co. Ciò significa che la guida della Russia è davvero in mano ad un uomo di eccezionale valore e dalla grande cultura politica. Noi abbiamo Renzi e la Boschi. Ma non è che la Merkel sia tanto meglio.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Pingback: Netanyahu teme l’ira di Putin e rinuncia alla riunione con i “ribelli” siriani. Catturato in Iraq un ufficiale del Mossad | Informare per Resistere