"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Morto David Rockefeller: uno degli architetti della plutocrazia mondialista

La morte del re del mondo

Rockefeller e Henry Kissinger sono stati dai loro inizi la colonna vertebrale el Club di Bilderberg, costituendo il terzo livello, la vera direzione del Club. Mentre loro erano a quel livello, personaggi come Donald Rumsfeld o i Clinton hanno sviluppato un fondamentale lavoro interno.
Con i suoi 101 anni, uno degli uomini più possenti del pianeta, David Rockefeller, è morto l’altro giorno nella sua residenza di Pocantico Hills, a NEW York, dove aveva trascorso buona parte della sua infanzia.

Uno degli uomini più potenti del mondo

Rockefeller era nato nel 1915, non molto lontano da dove è morto, in una fastosa mansione di Mannahatan. Nipote del magnate del petrolio John Davidson Rockefeller, fondatore della Standard Oil, David aveva accumulato una fortuna stimata dalla rivista Forbes in 3.300 milioni di dollari.


Tuttavia la rilevanza di David Rockefeller non meraviglia per la quantità dei suoi risparmi ed investimenti essendo questi imponenti, ma piuttosto il potere che aveva accumulato fino a trasformarsi nel pilastro del sistema finanziario mondiale attraverso la JP Mogan Chase.

Nel corso di tutto questo tempo, i collegamenti tra gli esecutivi di queste grandi istituzioni sono stati molto evidenti. Di fatto la Exxon, la seconda società in accumulo monetario e l’impresa con la maggiore capitalizzazione borsistica di tutto il mondo, deriva dalla originaria Standard Oil, collegata alla famiglia Rockefeller.

In questi momenti esiste una causa tra Exxon e il clan Rockefeller motivato dalla ritirata di quest’ultimo dal business del petrolio a causa del cambio climatico, in mezzo a dure ricriminazioni mutue che, al di sopra di qualsiasi altra considerazione, mette in chiaro l’esistenza di profondi collegamenti fra di loro.

David Rockefeller :frase famosa

L’anima della globalizzazione

David Rockefeller è stato uno dei grandi sostenitori del mondialismo e della globalizzazone negli ultimi decenni. Il suo elenco degli interessi filantropici comprendeva, come ha ricordato la stampa nordamericana, “dalla conservazione del medio ambiente fino alle arti”, come comprovano le incredibili abbondanti donazioni che ha effettuato, ampiamente superiori ai 1.000 milioni di dollari.
Beneficiari delle stesse sono state organizzazioni come Greenpace che si finanzia con denaro delle grandi fondazioni, dalla rete di Ted Turner fino a quelle di Bill Gates – o la stessa ONU, costruita a suo tempo sui terreni donati da David Rockefeller; naturalmente la banca principale delle Nazioni Unute è la Chase.

Tuttavia il lavoro fondamentale di Davis Rockefeller è stato quello di articolare un sistema mondiale di organizzazioni che controlla i governi e le loro politiche economiche attraverso le finanze. Per quello ha fondato Bilderberg nel 1954, il club che raggruppa da allora i principali rappresentanti dei media di tutto il mondo. Si dice che la sua agenda contiene i dati delle 150.000 persone più possenti del pianeta.
Il suo lavoro di fronte al Bilderberg è stato essenziale durante tutti questi anni, imponendo il silenzio soprattutto su quello che in quell’ambito si trattava (mentre esigeva la massima loquacità agli invitati). Lo stesso Rockefeller ha valorizzato pubblicamente questo silenzio, quando nel 1991 fece pubblico il suo gradimento ” al Washington Post, al New York Times, alla rivista Time, ed a altre grandi pubblicazioni i cui direttori hanno partecipato alle nostre riunioni ed hanno rispettato le loro promesse di discrezione nel corso di quaranta anni. Sarebbe stato impossibile per noi aver sviluppato il nostro lavoro se fossimo stati oggetto di pubblicità durante tutti questi anni”.

David Rockefeller: frase famosa

La Trilateral y el CFR

Rockefeller ed Henry Kissinger sono stati, dai suoi inizi, la colonna vertebrale del club Bilderberg, componendo questi il terzo livello, la vera direzione. Mentre quelli rimarranno, personaggi cone Donald Rumsfeld o i Clinton hanno svilupato un fondamentale lavoro interno.
Tuttavia Rockefeller non riuscì ad attrarre il Giappone al Club, per questo si occupò di costituire la Triateral Commission nel 1973, su richiesta di Zbigniew Brzenzinski – personaggio centrale del Council of Foreign Relations (CFR), di cui sarà il primo direttore. La Commissione Trilateral ha fornito un una serie senza fine di esperti su ogni tipo di materie alle successive amministrazioni atatunitensi , mentre quattro presidenti USA sono stati membri della stessa (2 democratici e 2 repubblicani, in perfetto equilibrio: Clinton y Carter, y Bush y Ford).

La Trilateral si trova in stretto contatto con il CFR. Questo organismo è quello che determina la politica estera degli Stati Uniti – e in molto buona parte quella del resto del mondo grazie alle sue pubblicazioni e le sue influenze tra l’amministrazione e la comunità diplomatica, sopratutto attraverso il Programma degli Studi di Davis Rockefeller.

Tutto rimane in casa.

Durante la maggior parte della sua vita, David Rockefeller è stato un viaggiatore incallito. Anche se non si è mai fermato nel salire su aerei, ha percorso il suo impero dall’ufficio di famiglia di New York. Si è servito per questo dell’enorme numero di parenti appartenenti al tronco principale della famiglia, con i quali si è incontrato due volte l’anno.
Tuttavia è stato, prima di tutto, la sua proprietà di Pocantico, il centro attorno al quale si sono riuniti i loro affetti, dove si trova gran parte della sua collezione d’arte, una delle più importanti al mondo e dove ha ricevuto gli uomini che più hanno caratterizzato il mondo, dai leader delle maggiori istituzioni finanziarie globali fini ai presidenti degli Stati Uniti, che in varie occasioni gli ha proposto la direzione dell’economia degli Stati Uniti, che non ha mai accettato.
Lì, in Pocantico, è morto il 20 marzo 2017 all’età di 101 anni, quando sicuramente era, fino a ieri, l’uomo più potente del mondo.

Traduzione: L.Lago

 

*

code

  1. Mardunolbo 1 mese fa

    Ora nel’inferno, dove non gli auguro di essere, ma dove probabilmente si trova, dopo aver cospirato contro tutti i popoli, non potrà più agire granchè, se non invadendo il corpo di qualche ossesso, con permesso di Dio.
    Poichè “vuolsi così colà dove si puote ciò che si vuole !” E di più non domandate….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. 1 mese fa

      Il soggetto a sinistra della foto di copertina ,e attuale consigliere di Mad dog Trump ,
      Quello ancora ci appesta .
      Facciamo uno sforzo all’ unisono , appuntamento alle 12.00 di domani per augurargli tante belle cose.
      L efficacia e’ proporzionale al quadrato dei partecipanti,
      All togheter
      SI PUÒ FARE

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Manente 1 mese fa

    “Fece poco bene e molto male, il male lo fece bene, il bene lo fece male”. Un epitaffio anche troppo “misericordioso” per un sinedrita di belzebù che ha devastato intere Nazioni con le crisi del debito, il danaro a debito e quando non è bastato con attentati, assassinii mirati, rivoluzioni più o meno colorate e conflitti armati, fondando musei ed opere di beneficenza pur di non pagare un dollaro di tasse.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Giorgio 1 mese fa

    “Cummanare è meglio chi fottere!!”
    Qual è stato il motivo perché i due sono stati cacciati dal Paradiso Terrestre?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. bertolini 1 mese fa

    Che possa non riposare in pace.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Roby 1 mese fa

    Spero prestissimo che il prossimo sia il giudeo Soros

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Alessandro 1 mese fa

      Ma che seguano tutti a ruota, tanto prima o poi Gesù farà ritorno e saranno pianti a stridore di denti per questi indemoniati.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Paolo 1 mese fa

    I 3. 300 milioni di dollari se li è portati via. Nella bara gli hanno messo un assegno bancario riscuotibile a vista

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. PieroValleregia 1 mese fa

    … se li definisco porci, offendo il nobile animale da cui tanto di buono si ottiene; questi sono sciacalli !!!
    saluti
    Piero e famiglia

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Giorgio 1 mese fa

      Piero, che fa, glissa?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. leo 1 mese fa

    Finalmente !!! Ho brindato con lo champagne. Adesso aspetto con ansia che crepino gli altri due animali, vecchi rimbambiti
    di nome Kissinger e Soros.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Mardunolbo 1 mese fa

    cito:
    Segnalazione dell’Avv. Antonio Serena
    dell’Avv. Marco Mori
    imagesrock
    Se n’è andato uno dei peggiori criminali della storia moderna. Una persona che con le sue azioni economiche in ambito finanziario ha causato la morte di milioni di persone nel folle desiderio, confermato anche davanti all’ONU, di arrivare ad un nuovo ordine mondiale. La storia non si scrive mai mentre la si vive, ma solo successivamente. Oggi dunque Rockefeller muore senza che nessun media nazionale evidenzi la verità, benché curiosamente hanno ricordato la circostanza che fu proprio lui a fondare due associazioni (eversive) come la Commissione Trilaterale ed il gruppo Bilderberg. Fa quasi ridere pensare che anni fa parlare di tali associazioni era considerato complottismo, mentre oggi sono state letteralmente “sdoganate”.
    A riprova di tale “sdoganamento” basta ricordare che proprio pochi mesi fa, il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha avuto l’ardire di elogiare pubblicamente al Quirinale questo personaggio infame. Rileggiamo cosa scrivevo all’epoca di quello che, nei fatti, ha rappresentato il più solenne inchino della nostra nazione ai poteri sovranazionali di natura finanziaria che oggi ci governano con l’appoggio di una politica collaborazionista.
    Vergogna ed infamia. Questo sintetizza il mio giudizio su Mattarella che, a questo punto, riesce nell’impresa di risultare, ancor più di Napolitano, un vile servitore della finanza internazionale. Nessun rispetto per questo indegno traditore della Repubblica italiana e nessuna paura di subire un processo per vilipendio, che costituirebbe eventualmente un encomio solenne per chi, come me, si batte per la diffusione della verità in un momento così drammatico per la vita di questo Paese, momento in cui è in gioco la stessa democrazia. Dunque è Sergio Mattarella colui che vilipende la Nazione, che lorda l’Istituzione in cui abusivamente siede. Io rivendico solo il diritto di urlare la mia richiesta di immediata messa in stato d’accusa, anche ai sensi dell’art. 52 Cost. e del conseguente dovere che tale norma mi impone: il dovere di difendere la Patria.
    Ascoltate attentamente questo video, in ogni sua parte. Io ne sono rimasto sconvolto. Ascoltandolo un PM dovrebbe intervenire, arrivando al mio medesimo giudizio sul PdR.

    Avete ascoltato? Incredibile. Si è omaggiato nella massima Istituzione repubblicana David Rockefeller e quella sua creatura che prende il nome di commissione trilaterale, i cui membri sono stati accolti con tutti gli onori, benché siano esclusivamente privati che non hanno alcun merito, ad eccezione di quello di essere dediti alla speculazione finanziaria, all’attività parassitaria e all’eversione dell’ordinamento democratico.
    Mattarella è arrivato ad elogiare testualmente l’esistenza di fori sganciati da ogni ufficialità nei quali, rigorosamente a porte chiuse, vengono prese le decisioni che influenzano la politica. Vergognoso!
    La trilaterale è solamente un’associazione a delinquere che riunisce i più influenti esponenti della finanza di Nord America, Asia, Oceania ed Europa, con lo scopo dichiarato di imporre una governance mondiale basata su un’élite di tecnocrati, che dirà ai popoli quello che dovranno fare nei prossimi anni, al fine di mantenerli sempre subordinati al loro potere finanziario. La trilaterale venne fondata il 23 giugno 1973, appunto per iniziativa di David Rockefeller, già presidente della Chase Manhattan Bank, con la collaborazione di altri dirigenti tra cui Kissinger (poi diventato amico del “comunista” Napolitano) e Brzezinsky.
    Presieduta da Mario Monti, subito prima di diventare Presidente del Consiglio italiano, ed oggi dall’ex governatore di BCE Trichet, ovvero da colui che scrisse la famosa lettera 4 agosto 2011 con cui l’Italia fu sostanzialmente commissariata con l’imposizione di una precisa agenda politica sotto la falsa minaccia dello spread (ed aspettiamo la sentenza di Trani per gridarlo!). Mario Monti è quello che ancora pochi mesi fa, peraltro, diceva fieramente su “La 7″ che “non sono le pecore a dover condurre il pastore”, dimostrando il suo straordinario odio per il concetto di sovranità popolare.
    Pertanto è un fatto che Mattarella ha ricevuto con tutti gli onori in Quirinale chi ha tramato contro un Governo in carica di uno Stato sovrano e contro il nostro popolo, ergo anche Mattarella è un traditore. Tra i membri italiani della trilaterale spicca anche il Ministro Federica Guidi, che ricorderete, sempre qualche mesa fa, al centro dello scandalo Total e poi dimissionaria, nonché Monica Maggioni, guarda caso messa subito al timone della Rai, ed invitata anche alle riunioni dell’altra associazione eversiva a firma Rockefeller, il gruppo Bilderberg.
    Questo tanto per dire quali sono gli interessi di questi “pigs”, e che mi querelino pure! Non me ne frega assolutamente nulla, la storia mi renderà onore per queste affermazioni. Oggi non ci sono davvero altri termini se non “porci” per chiamare chi, come ad esempio Carlo Secchi, membro appunto della Trilaterale, così rispondeva su “il fatto quotidiano” (anno 2014) alle domande di un giornalista:
    “Il vostro concetto di mondo?
    La nostra visione per un sistema che rispetta il rigore finanziario, il libero mercato, ma non resta immobile, che riduce le tasse, rivede il fisco e aiuta i cittadini (n.d.s. – bontà loro… Vogliono comandare ed imporre il loro modello sociale, ma ci lasceranno vivere). Anche Letta e Guidi hanno partecipato a questo progetto.
    Durante la stagione di Monti, aprile 2012, disse: “Il modello italiano saranno le grandi coalizioni”. Ci ha azzeccato?
    Non mi sembrava un pronostico complicato. E sono convinto che vedremo ancora governi di larghe intese, seppur politici, che vanno oltre i numeri di maggioranza che esprimono gli elettori.
    Non è molto democratico.
    Il pianeta ha bisogno di riforme e le riforme si fanno insieme (n.d.s. – insieme tra tecnocrati, ma alle spalle del popolo!)
    Ha ascoltato il discorso di Matteo Renzi?

    Buone intenzioni, adesso ci deve portare le prove (n.d.s. – odio Renzi, ma certamente non avrebbe dovuto rispondere a questi individui!).
    Avverte il conflitto d’interessi di Federica Guidi?

    Mica possiamo mandare al governo i monaci che fanno voti di povertà? Deve stare attenta, deve studiare, ma ce la può fare benissimo (n.d.s. – sono loro a decidere chi va al governo?).
    Lo sforamento del Patto di bilancio, il famigerato 3 per cento, è possibile?
    Per chiedere una deroga e soprattutto per ottenere una risposta affermativa, l’Italia deve sistemare i conti e preparare un piano di tagli, altrimenti è pura demagogia. L’Europa non potrebbe mai accettare. Ora i ministri devono tacere e lavorare. Chi ha un po’ di potere deve stare zitto prima di fare (n.d.s. – tacere, obbedire e lavorare…)
    E per finire la vera chicca:
    Quanto conta la Trilateral?
    Non determiniamo gli eventi, ma li possiamo condizionare (n.d.s. – una confessione in piena regola della vergognosa interferenza del potere economico sulla democrazia, benché traspaia la lamentela velata che ancora non determinano ogni evento. D’altronde le riforme servono proprio per arrivare a quello…).
    Inaccettabile. Tutto questo è inaccettabile. La negazione della sovranità e dell’indipendenza nazionale, lo stupro della Costituzione e del suo modello sociale ed economico, tutti comportamenti rilevanti penalmente. Ecco quindi che accogliere simili criminali al Quirinale con ogni onore è un alto tradimento che macchia definitivamente la persona di Sergio Mattarella, oggettivamente un nemico giurato della Repubblica e della democrazia. La trilaterale ormai ha abbandonato le teorie del complotto per uscire allo scoperto rivendicando il suo dominio sull’Italia e sul mondo con un gesto simbolico di evidente valore. L’Italia si è arresa ed è pronta agli Stati Uniti d’Europa in totale spregio al dettato costituzionale e al codice penale. È pronta ad essere guidata da élite tecnocratiche. I popoli non si possono più autodeterminare e la democrazia tramonta.
    Dobbiamo fermarli, non c’è più tempo. Altrimenti tutto questo si concluderà con fiumi di sangue innocente.
    Nel 2018 un fronte unico che porti l’Italia fuori da UE, euro, liberismo e Nato è la sola cosa che può salvare Paese e mondo intero, iscrivetevi a Riscossa Italia! -cliccate qui-
    —————————————
    Avv. Marco Mori – Riscossa Italia – autore de “Il tramonto della democrazia, analisi giuridica della genesi di una dittatura europea” disponile on line su ibs.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Tania 1 mese fa

      Sono molto interessata, non ne sapevo niente, cerco qualche notizia ulteriore, se mi convince aderisco sicuramente.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Daniele Simonazzi 1 mese fa

    Rockfeller ,Kissinger ,Brzezinski,Rothschild sono tutti EB… L ‘avvocato provi a prendersela con gli EB… Di colpo si riaappacificherebbe col mondo intero.Vanagloria la sua ,urla d’aquila marina,gli EB… In 1 minuto farebbero deserto intorno a lui

    Rispondi Mi piace Non mi piace