"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Monta la protesta anche in Slovacchia contro la NATO e l’installazione di basi militari USA nel paese

Slovacchia proteste anti NATO

La tensione in Europa, alimentata dalla guerra in Ucraina e dalle dichiarazioni bellicose del segretario della NATO Stoltenberg, oltre ai vari esponenti dell’ Amministrazione USA, si è ulteriormente aggravata con l’invio di mezzi corazzati e truppe statunitensi nei paesi baltici.
Questa situazione sta suscitando forti malumori e proteste nell’opinione pubblica sia in Germania che in alcuni paesi dell’Est, come nella Repubblica Ceca ed in Slovacchia, dove la popolazione non vuole essere coinvolta in conflitti che le sono estranei e rifiuta l’idea di nuove basi militari NATO sul proprio territorio. In quest’ultimo paese si sono svolte manifestazioni di protesta contro la NATO.


Dal nostro corrispondente-  Si è svolta una manifestazione significativa la scorsa settimana a Bratislava, in Slovacchia, al grido di “Noi non vogliamo la base NATO in Slovacchia” il Giovedi scorso si sono radunati una folla di centinaia di persone sulla Hviezdoslavovo Square di Bratislava, fra loro vi era l’ex primo ministro, John Čarnogurský, presente anche l’ attivista per la pace, Eduard Chmelar, il docente universitario, Francesco Škvrnda, autore della “Carta del 2015”, un documento di condanna della corsa bellicista della NATO in Europa. Si è rivolto alla folla l’intellettuale Štefan Kalina. L’evento è stato organizzato anche per sostenere la lotta del rappresentante del movimento ceco “Nessune basi” e il presidente della Matica Slovacca Marian Tkáč.    Vedi: Youtube.com/watch

John Čarnogurský, parlando alla folla assiepata sulla piazza, ha sottolineato che il 12 di marzo si deve considerare come un giorno importante per la Slovacchia, giornata che fra qualche anno passerà alla storia come il giorno in cui si sono raccolti i “liberi cittadini di Slovacchia per dimostrare che non vogliono ritorno della Slovacchia nel clima di un conflitto armato per gli interessi estranei al paese e per ribadire che questo non è è il nostro conflitto “.

La gente portava in mano bandiere slovacche e sono apparsi striscioni e cartelli come “NATO GO HOME”, “mild” o “Andrej Kiska disgrazia della Slovacchia”.
Il docente universitario Francesco Škvrnda si chiede perché la NATO stia attuando una politica di tensione e di provocazione: “perché ci vogliono coinvolgere in questioni con cui non abbiamo nulla in comune”, manifestiamo come noi slovacchi non vogliamo (sia vecchie o nuove) basi NATO o truppe straniere sul nostro territorio, né vogliamo che i soldati Slovacchi vadano a combattere nel mondo contro quelli che non ci hanno fatto nulla.

slovacchia

Ricorda il docente che, alle origini della sua formazione, l’Organizzazione del Trattato Nord Atlantico, la NATO , serviva per una stabilità, senza conflitti ma la rottura è avvenuta nel 1999, quando la NATO ha bombardato la Jugoslavia.

Štefan Kalina, per “Charter 2015”, ha detto che i membri della congregazione per la Carta 2015 (si terrà il 10 marzo a Kosice) tutti richiedono la neutralità del paese e desiderano che la Slovacchia si ritiri dalla NATO e si vuole il mantenimento della pace in Europa.

Un altro segnale di protesta nelle parole di uno degli organizzatori, John Čarnogurský, il quale ha deciso di pianificare per il 26 marzo un’altra manifestazione nella stesso luogo. “La creazione di basi Nato in Slovacchia semplicemente non si permetterà”, ha aggiunto.

Fonte: Zemavek.sk

*

code

  1. gengar 2 anni fa

    La Slovacchia è stato recentemente uno dei paesi che ha investito nel reparto militare 2 miliardi di euro ed è stato uno dei primi paesi ad aderire alle sanzioni sulla Russia.. quindi di cosa stiamo a parlare??!! 4 gatti che protestano in una piazzola..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Luciano Lago 2 anni fa

      La contrarietà alle sanzioni è stata espressa non soltanto in pubbliche manifestazioni ma anche in dichiarazioni ufficiali fatte dal primo ministro Robert Fico il quale ha espresso preoccupazione per il danno economico che la Slovacchia sta subendo per le sanzioni. Fico ha anche chiamato a raccolta i partiti di opposizione, invitandoli ad unirsi a lui nel protestare contro le sanzioni e per il bene del Paese, anche se i partiti di destra lo hanno accusato di essere un “sabotatore” degli accordi UE. Stessa contrarietà alle sanzioni è stata espressa anche dal presidente ungherese, Viktor Orban, oltre che da Milos Zeman, presidente del Parlamento della Repubblica Ceka. Non tutti i responsabili dei governi europei sono entusiasti di “darsi martellate sui piedi” per seguire le direttive di Washington. Soltanto i burattini obbediscono senza rimostranze.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. gengar 2 anni fa

        Popoli che meritano di essere governati dalla Troika per il loro bene e il loro futuro!

        Rispondi Mi piace Non mi piace