"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Monta la campagna mediatica contro la Russia di Putin per violazione dei “diritti umani”

di Luciano Lago

I media europei, con quelli italiani in testa, montano una campagna di diffamazione mediatica contro la Russia di Putin.

Ci risiamo, il vecchio vizio di interferire nelle situazioni di altri paesi e di sobillare dall’interno per ottenere un cambio di regime non abbandona mai le centrali del potere atlantista. Il metodo ha funzionato con vari paesi dell’Est Europa (ad es. in Ucraina) e del Medio Oriente ma adesso l’Occidente vuole utilizzarlo contro la Russia.
Naturalmente il pretesto è quello della “difesa dei diritti umani” e della “libertà di espressione” a cui l’Unione Europea è sempre attentissima quando si tratta di paesi ritenuti ostili agli interessi degli USA e della NATO (Russia, Iran, Venezuela, Nord Corea, ecc.).

Il pretesto è stato offerto dalla repressione attuata dalle autorità di Mosca contro una manifestazione di protesta non autorizzata organizzata da Alexey Navalny, presunto leader dell’opposizione a Putin (secondo le agenzie occidentali).
La giornata di protesta era stata convocata da Navalny sotto lo slogan “Dimon (diminutivo di Dmitri, ndr.), la pagherai”.

Obiettivo dei manifestanti, Dmitri Medvedev, il premier russo, che secondo l’attivista è tra gli uomini più corrotti della nomenklatura russa. Le proteste erano programmate in 99 città, ma in 72 le autorità locali hanno negato il permesso. A marciare oggi erano migliaia. Paperelle in mano, scarpe da tennis al collo, una marcia pacifica., dicono le fonti occidentali.l
La manifestazione a Mosca è stata repressa dalla polizia in quanto non autorizzata , il leader dell’opposizione lo stesso Navalny è stato fermato dalla polizia. Prelevato e caricato su un furgoncino. La folla ha circondato e assaltato il veicolo, centinaia di persone hanno cercato di impedire l’arresto, “fascisti, liberatelo”. E ancora, “Vergogna”.
Immediatamente sono apparsi titoloni sui giornali atlantisti (in Italia Repubblica, La Stampa, Il Corriere della Sera, ecc..) per accusare la Russia di repressione del dissenso, di violazione dei diritti umani, tutta una serie di accuse per mettere in cattiva luce il Governo di Mosca. La stessa Mogherini, alto rapp.te della UE ha lanciato una sua dichiarazione: “violata la libertà di espressione”, ha detto con cipiglio severo.

Strano però che le autorità della UE siano così sensibili ai diritti umani quando questi vengono presumibilmente violati a Mosca ma tacciono se questi sono violati a Kiev, a Rijad (Arabia Saudita), o nelle stesse città nordamericane quando la polizia USA fa il tirassegno con i ragazzi neri che girano la sera nei sobborghi.

Ad sempio non hanno manifestato indignazione i rappresentanti della UE o dei governi atlantisti quando a Kiev sono stati incarcerati gli oppositori dal governo golpista e quando sono stati asssassinati giornalisti oppositori del governo filo atlantista, come Oles Buzina, giornalista e scrittore, grande protagonista dei talk show televisivi, e schierato su posizioni apertamente filo russe. Non hanno protestato le autorità della UE quando è stato ucciso Sergej Sukhobok, titolare di un sito internet e di un piccolo giornale che contrasta la politica del governo ucrainao e sostiene le ragioni della gente del Donbass ribelle. Poco prima, , altri killer avevano compiuto un’identica missione sotto casa di Oleg Kalashnikov, ex deputato del Partito filorusso delle Regioni e considerato un grande oppositore dei movimenti che hanno protestato l’anno scorso sulla Majdan di Kiev e che adesso guidano il Paese.

A proposito di diritti umani, neppure si sono fatte sentire le autorità della UE  ed i governi atlantisti per denunciare le violazioni dei diritti umani compiute dagli USA e dall’Arabia Saudita nello Yemen dove si sta realizzando il genocidio della popolazione grazie all’intervento militare delle forze aeree USA e Britanniche in   appoggio a quelle saudite. Proprio a Sana’a, capitale dello Yemen, ieri si è tenuta una manifestazione contro i bombardamenti della coalizione USA-Arabia Saudita ma, nonostante un milione dipersone in piazza, l’evento non è stato neppure menzionato dai giornali europei. Meglio focalizzare la manifestazione di qualche centinaio di oppositori a Mosca, questa fa notizia, l’altra no.

Proteste in Yemen contro bombardamenti sauditi e USA

A questo punto embra sevidente anche agli stupidi che l’apertura  tutti i TG ed i titoloni sui grandi giornali sull’arresto del dissidente russo  e dei manifestanti rientrano  in una campagna mediatica che tende a “distrarre” l’opinione pubblica dalle stragi che statunitensi, britannici e sauditi  stanno compiendo in Medio Oriente. 230 persone (donne e bambini in maggioranza)  uccise la scorsa settimana dall’aviazione USA a Mosul, altre centinaia di civili uccisi dalle bombe americane e saudite nello Yemen, una moschea centrata la settimana prima in Siria con decine di vittime fra i fedeli e centinaia di feriti.

Per questi crimini non abbiamo sentito la condanna indignata della Mogherini e neppure quella di Hollande, di Gentiloni e della Merkel. Risulta vero che se non ci fosse, un Vlady Putin si doveva inventare, un “parafulmine” per i media occidentali su cui far scivolare tutta l’indignazione dei grandi media ed un comodo espediente per distrarre l’attenzione dai grandi crimini dei “portatori di democrazia”.

*

code

  1. nessuno 8 mesi fa

    Ci sono giorni in cui mi vergogno di essere un “umano” fatto e simile a certe “bestie”…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. 8 mesi fa

    E certo ,l occidente preferiva i tempi dell onesto Eltsin
    Russia saccheggiata ,e svenduta , niente proteste dell
    Occidente allora , ma ora……
    L Ucraina e’praticamente in mutande , e
    In mano ai nazirivoluzionari made in Soros. Secondo i media ,sarebbe quella
    L esempio di democrazia?
    Per coincidenza (non casuale) ieri mentre l Europa festeggiava a Roma la riuscita
    Del piano kalergi Hayek ,a mosca il tiranno Putin ,reprimeva il dissenso.
    Capito il parallelo? Da una parte i “democratici” globalisti, dall’altra il tiranno sovranista.
    Sabato poi c’era stato il pezzo forte ,tutti i premio Carlo Magno kalergi ,in visita premio
    Dal gesuita(premio kalergi anche lui)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Idea3online 8 mesi fa

    Se l’Unione Europea avesse garantito lavoro e benessere, sarebbe stato logico il desiderio dei popoli dell’Est di desiderare l’OVEST, ma avere voluto destabilizzare l’Ucraina, volere destabilizzare la Bielorussia, e che cosa offri in cambio? Se le Nazioni Europee sono in crisi, vero esiste un regolamento che permette ai cittadini di delinquere con facilità perchè non vengono applicate le “sanzioni” ai criminali popolari ed a quelli aristocratici. Ma oltre questo alla gente comune l’OVEST in questo momento ha poco da offrire, al contrario ripeto può offrire grandi opportunità per individui con pochi scrupoli in quanto esercitare il male è poco punito penalmente. Però adesso nell’OVEST esercitare il lavoro è difficile perchè molto punito fiscalmente. Cosa offrire alla Russia ed alla Bielorussia? Certamente solo gli individui o principalmente quelli appartenenti alla categoria dei soldi facili sono più attratti al modello occidentale. Anche in Oriente c’è molto criminalità, ma almeno esistono e vengono applicate le norme e le pene che raffreddano gli spiriti animaleschi, che dopo esista una criminalità aristocratica non genera un danno capillare ai cittadini, in quanto essendo male accentrato è gestibile, ma il male capillare senza controllo e disciplina è metastasi. Nel passato le Rivoluzioni Colorate funzionavano perchè i gruppi dei manifestanti pagati dalle ONG, potevano attrarre tanti cittadini, in quanto i gruppi sponsorizzavano un OVEST ricco di lavoro con redditi e sistema fiscale attraente. Ma oggi queste Rivoluzioni trovano pochi aderenti in quanto grazie ai Media tutti conoscono che la Grecia è fallita, l’Italia segue, altri Stati europei hanno un debito insostenibile. Tanti cittadini dell’Est sono rientrati in patria dovo decenni vissuti in Occidente causa la crisi, famiglie terrorizzate dalla burocrazia ritornano in patria. Certo l’Occidente ha il suo fascino, ma resta principalmente come dono naturale, basta pensare all’Italia, bellissima, la Grecia, la Spagna….e tante altre Nazioni. Ma oltre il tocco naturale ed il clima favorevole, l’OVEST oggi ai cittadini onesti che ricercano lavoro e cibo per i figli non è ideale. Forse tra decenni l’OVEST sarà nuovamente attraente, ma per adesso le Rivoluzioni Colorate non potranno più funzionare, perchè gli unici colori che oggi esprimono l’Occidente sono quelli non di certo di un arcobaleno ma quelli grigi e scuri dopo il tramonto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. PieroValleregia 8 mesi fa

    salve
    era autorizzata ? NO… e allora dov’è il problema ? anzi, lì almeno intervengono, mentre qui calano le braghe di fronte a tutti: immigrati e centri sociali
    saluti
    Piero e famiglia

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Giorgio 8 mesi fa

    Ormai lo sanno tutti che i giornali vengono pubblicati solo per fornire materia prima agli allestitori dei carri mascherati.
    Poi il confronto Alfano, messo li sempre per ispirare i creativi delle macchine di carnevale, con Lavrov è stato di una comicità unica.
    Attendo impazientemente le votazioni politiche per constatare quanti voti raccoglierà Affano, dal momento che parla a nome del popolo italiano. Semplicemente esilarante.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Mardunolbo 8 mesi fa

    Per comprendere come veniamo asserviti al sistema di controllo, (in modo da non riuscire + a ragionare con la nostra testa)propongo di leggere questo interessante articolo nel blog consigliato da altri (grazie, è pieno di articoli interessanti!)
    http://www.altreinfo.org/riflessioni/8406/i-3-modi-che-il-sistema-usa-per-renderti-uno-schiavo-perfetto/

    Rispondi Mi piace Non mi piace