"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Minacciando Venezuela, Obama dichiara guerra al continente

mujeresmarchan13

di Carlos Aznarez

Non si tratta più di una bravata, che nessuno si sbagli. Questa volta, il soldato ubbidiente delle differenti lobby che compongono il Governo nordamericano ha lanciato un’avvertenza grave contro il processo rivoluzionario venezuelano. Il signor Obama lo dice forte e chiaro: “Il Venezuela è una minaccia enorme per la sicurezza degli USA”, ed in seguito annuncia ancora più sanzioni a quelle che già applicava il Governo del nord. Questo significa che non basta alimentare con milioni di dollari l’opposizione golpista, che non può vincere alle urne e genera ogni tanto azioni violente e destabilizzanti.

E non è neanche sufficiente l’enorme guerra economica fatta durante tutto l’anno 2014 e l’inizio del 2015, generando scarsità, sfasamento enorme tra il dollaro ed il bolivar, incentivando un contrabbando enorme con l’aiuto dei suoi complici colombiani, e tanti altri marchingegni per asfissiare la popolazione venezuelana.

Questa volta chi maneggia lo stablishment statunitense fa dire al “suo” Presidente che dal momento che il Venezuela è una minaccia, gli Stati Uniti dovranno difendersi dalla stessa. Non è necessario avere molta immaginazione  per leggere tra le righe quello che stanno annunciando: in funzione del “rischio chavista” potrebbe prodursi un attacco di grande scala contro quelli che gli Stati Uniti considerano i loro “nemici pericolosi.”

Sappiamo molto bene come mentono gli yankee per fomentare invasioni brutali contro altri paesi. Ed inoltre, davanti alla mancanza di scuse, sono “generatori di climi” destituenti che finiscono nello sviluppo di azioni invasive di grande scala contro nazioni che stonano con la loro forma imperiale di pensare. L’abbiamo visto già negli ultimi anni nel Medio Oriente ed ora lo stiamo osservando nelle manovre sviluppate in Ucraina per mettere sotto assedio la  Russia.  Armano mercenari come lo Stato Islamico (Isis), cooptano governi affinché collaborino con questi ultimi, costruiscono sempre di più carceri clandestini per torturare i loro prigionieri, accorrono infine ad attentati di “falsa bandiera” (false flags), quando li credono necessari per seminare il terrore in determinate circostanze. Tutto questo e molto di più è il prodotto dell’avarizia imperialista.

Per cui, queste dichiarazioni attuali di Obama non devono essere prese alla leggera. Stanno facendo pressioni sulla corsa, sanno che se non lo fanno, poco o nulla potranno sperare in un’opposizione alla quale aiutano finanziandola, ma in fondo disprezzano per la sua inutilità. Inoltre, percepiscono che a livello delle loro avventure golpiste, hanno urtato contro il muro costruito dall’Intelligenza bolivariana e la ferrea unità delle sue forze armate. È in funzione di questa realtà che il padrone del circo sembrerebbe essere disposto a dare licenza ai suoi pagliacci e passare ad agire come protagonista.

Pertanto, se Obama dice che la Rivoluzione che rivendichiamo tutti i latinoamericani e caraibici è una “minaccia”, noi non possiamo rimanere con le braccia conserte osservando come un giorno di questi, il Venezuela si trasforma nelle ultime ore del Panama di Torrijos.

Ogni prevenzione è poca, ogni solidarietà è indispensabile.

Quella dell’UNASUR, dell’Alba e della CELAC, ma anche quella dei popoli. Avere coscienza che se lo tentano, se un bel giorno di questi, come già lo hanno fatto con Iraq, Afghanistan, Somalia, Libia, Siria ed in tanti altri angoli del Terzo Mondo, gli yankee decidono di inventarsi uno scenario per “versi obbligati” ad intervenire con i loro marines, od a generare una situazione di crisi tale che destabilizzi superlativamente il Governo legittimo di Nicolas Maduro, dobbiamo esigere ai nostri governi di rompere immediatamente le relazioni con gli Stati Uniti. È ora di finire con le ipocrisie che se lo facciamo, succederà l’Apocalisse.

Essere solidali col Venezuela non si risolve oggi con dichiarazioni, bensì con fatti concreti. Boicottando i prodotti nordamericani, paralizzando attraverso l’azione sindacale congiunta latinoamericana, le sue navi lì dove sono, così come abbiamo fatto con il Sudafrica razzista. Generando un clima regionale in cui il territorio che loro pensano attaccare si possa trasformare in vere sabbie mobili.

Col Venezuela ce la giochiamo tutti e tutte, perché quelli che oggi hanno utilizzato Obama come portavoce per minacciarci, non dubiteranno a schiacciare le nostre democrazie fragili. Se dubitiamo che davanti ad un attacco così grave non possiamo rispondere timidamente, ma bensì mostrare i denti ed agire con patriottismo per difendere ognuna delle nostre aggredite sovranità, vivremo gravi problemi.

Le carte sono sul tavolo. Da un lato, l’impero ed i suoi alleati locali. Dall’altro, il popolo del Venezuela Bolivariano e la sua Rivoluzione che è come dire, quella di Cuba, Ecuador, Bolivia, Argentina, Cile, Nicaragua, e tutti quelli che si azzardino a non lasciarsi calpestare dallo stivale prepotente di quelli che governano negli Stati Uniti.

Tratto da TeleSur

traduzione di Ida Garberi

Nella foto in alto: marcia contro l’imperialismo a Caracas

*

code