"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Matteo Renzi condanna la risoluzione Unesco ed ottiene la “riconoscenza” di Israele

Renzi con Netanyahu

di Luciano Lago

Tutto si può dire di Matteo Renzi ma non che gli manchi la furbizia e la capacità di mettersi avanti nei giochi della politica con i suoi proclami e le sue mosse a sorpresa.
Una di queste mosse è stata di sicuro l’ultima presa di posizione con cui il “fiorentino” ha aspramante criticato la risoluzione dell’UNESCO di condanna della politica di Israele verso Gerusalemme ed i luoghi santi ed è arrivato persino a criticare l’astensione espressa dal suo Governo, dal suo Ministro degli Esteri, il conte Gentiloni, nel consesso delle Nazioni Unite.

La vicenda potrebbe sembrare incredibile, quella di un presidente del consiglio che smentisce il suo ministro ma in realtà Renzi ha compreso che l’occasione era troppo ghiotta ed importante per lasciarsela scappare e con una sola mossa ha dimostrato 1. di essere totalmente dalla parte di Israele, circa le tante risoluzioni di condanna dell’ONU sulla politica di occupazione e repressione attuata dai governi di Tel Aviv verso la popolazione palestinese, 2. di essere in dissidenza rispetto la stessa posizione comune dell’Unione Europea, 3. di giocarsi un ruolo internazionale che fino ad ora non aveva mai avuto, se non nella parte del vassallo dei poteri transnazionali (Washington, Berlino e Bruxelles).

Non c’è che dire, la mossa è stata astuta e, in un momento in cui la posizione del “fiorentino” stava diventando traballante per molti motivi (non solo per l’esito incerto del referendum) Renzi si è giocato la carta di essere il politico della UE più gradito al governo di Tel Aviv (ruolo che era fino ad ora strettamente tenuto da Hollande) e di conseguenza di guadagnarsi la protezione della “possente lobby”.

Non è una cosa da poco per le implicazioni che questo comporta. Non è bastato a Renzi lo “spottone” avuto da Obama, si sapeva che quest’ultimo è ormai considerato una “anatra zoppa” a fine mandato e ormai privo di effettivi poteri.

Naturalmente entrando nel merito della risoluzione dell’UNESCO, da cui Renzi ha voluto prendere le distanze, abbiamo un buon margine di dubbio che Renzi la abbia almeno letta, visto che è cosa totalmente diversa da quello che ha fatto credere la propaganda mediatica ispirata dai filo israeliani.

In sostanza la risoluzione dell’UNESCO rappresenta esclusivamente una condanna alle politiche neocoloniali e violente israeliane contro i siti sacri islamici a Gerusalemme e in Cisgiordania. La risoluzione, al contrario di quanto scritto, non nega i legami ebraici con il cosiddetto Monte del Tempio, non smentisce la stretta relazione dell’ebraismo con i luoghi sacri di Gerusalemme ed in particolare con il Monte del Tempio e il muro del pianto, anzi, esalta il retaggio ebraico, cristiano e musulmano della Città Santa e dei suoi luoghi. La risoluzione è stata oggetto di una smaccata manipolazione da parte della propaganda israeliana in cui molti sono cascati dando forza alle menzogne israeliane.

La risoluzione afferma invece il legame della città con le tre religioni, e CRITICA DETTAGLIATAMENTE LA POLITICA DI DISTRUZIONE E LE RESTRIZIONI APPLICATE DAL GOVERNO ISRAELIANO. La risoluzione affronta anche l’argomento delle Tombe dei Patriarchi e Gaza, riaffermando l’importanza della Città Santa per le tre grandi religioni e condanna l’appropriazione, le distruzioni , le violenze perpetrate dal governo israeliano.

Il testo è stato adottato dall’Unesco martedì scorso con 23 voti a favore, sei contrari (Usa, Germania, Gran Bretagna, Estonia, Lituania e Olanda) e ventisei astenuti. Quindi l’Italia si trovava in ampia compagnia, ma non la pensava come Israele e come lo sponsor americano. Per esempio Spagna e Francia hanno votato come l’Italia ma non risulta che qualcuno in quei paesi abbia smentito la diplomazia per rettificare a orecchio una decisione. Bisognava leggere il testo e non siamo sicuri che Renzi lo abbia fatto.

In particolare agli art. 4 e 5 della risoluzione il testo recita: “…Condanna fortemente il rifiuto di Israele di implementare le precedenti decisioni UNESCO in materia di Gerusalemme, in particolare il punto 185 EX/Ris. 14, sottolineando come non sia stata evasa la propria richiesta al Direttore Generale di nominare, il prima possibile, un rappresentate permanente di stanza in Gerusalemme Est per riferire regolarmente quanto relativo ad ogni aspetto di competenza UNESCO, né lo siano state le reiterate successive richieste omologhe”;
5. “Condanna fortemente il fallimento di Israele, potenza occupante, nel cessare i persistenti scavi e lavori in Gerusalemme Est ed in particolare all’interno ed intorno alla città vecchia, e rinnova ad Israele, la potenza occupante, la richiesta di proibire tali lavori in conformità con i propri obblighi disposti da precedenti convenzioni e risoluzioni UNESCO”;
Inoltre la risoluzione chiede a Israele, come potenza occupante “…di rimuovere tutti gli impedimenti per l’accesso alla Moschea Al- Aqsa/Al-Haram AlSharif, inclusi il mantenimento, il restauro e la regolamentazione degli accessi….”

In sostanza nella risoluzione si rileva il comportamento di Israele che non ha rispettato i suoi obblighi di non procedere unilateralmente ad effettuare scavi sotto i luoghi sacri e di aver creato impedimenti all’accesso alla Moschea Al- Aqsa/Al-Haram AlSharif, luogo sacro per i mussulmani, oltre a definire Israele per quello che è: una potenza occupante.

Questi sono i motivi che hanno determinato la rabbia israeliana che non ammettono di essere una potenza occupante che calpesta i diritti della popolazione residente e le loro credenze religiose.
Questo ha scatenato la mossa repentina di Renzi di fare proprie le rimostranze israeliane, certamente non crediamo per convinzione quanto per convenienza. Probabile che ci sia stata una telefonata di gradimento dello stesso Netanyahu.

Un politico come Renzi è uno che ha sempre il fiuto per quanto meglio conviene, come attestano i suoi rapporti con le grandi banche d’affari (vedi lo Spot della JP Morgan per la riforma costituzionale), con il potente padrone USA (vedi lo spot prima dell’Ambasciata USA e poi dello stesso Obama).

Nessuna meraviglia quindi che Renzi oggi voglia coltivare i buoni rapporti di vicinanza e sostegno con Israele, un paese che conta molto ed ha molta, forse troppa influenza sugli affari e sulle questioni finanziarie a livello modiale. Come recita il vecchio adagio, “avere un amico vuol dire avere un Tesoro”.

*

code

  1. Marco Mancioli 1 mese fa

    … una volta, mi ricordo, che il PD e in genere tutta la sinistra italiana ed europea erano a favore della causa palestinese e non israeliana , come cambiano i tempi …

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Tania 1 mese fa

      Il PD andrebbe denunciato per truffa aggravata e continuata e per appropriazione indebita di partito e suo slogan, che la sinistra rappresenta da sempre le classi sociali più povere, il PD rappresenta i DEMOCRISTIANI, i filo americani, quelli che la sinistra ha sempre combattuto, cioè i porci del potere.
      Oggi il PD condanna uno slogan come “Nixon BOIA” ” fuori l’Italia dalla NATO”, che c’entra il PD con la sinistra?
      Dovete smettere di dire che il PD è di sinistra, capito? E’ una truffa che appoggiate, e non si fa, capito? Da dove nasce questa vostra esigenza di legare un partito di destra alla sinistra per me è un vero mistero, se me lo potete spiegare vi ringrazio.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. giannetto 1 mese fa

      Sì, è vero… ma questo guitto si è introdotto come un necroforo (in termine mainstream: rottamatore) tra le feci del PD, che a sua volta era già un residuo fecale delle feci del PCI, che a sua volta era già passato a successive maturazioni di sterco metamorfico (PDS, DS ecc…)

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. nessuno 1 mese fa

        Salve, ti leggo sempre volentieri, un classico istantaneo scoppio di luce
        nel firmamento oscuro e tenebroso nonché incerto di questo morente
        Mondo.
        Buon fine settimana a tutti Voi…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. giannetto 1 mese fa

          Sono davvero commosso per la tua risposta. Neppure io son fatto di legno, e son sensibile ai complimenti. Un pizzico di vanità è ineliminabile o quasi. Per superarla bisognerebbe darsi al buddismo… quello serio, ma io ci son negato. – Più in là di Epicuro (anche lui beninteso come possibile orizzonte-limite) non son mai arrivato.
          Ma bando alle ciance! Hai visto che il nostro reduce da O’Bamba è stato in grado di sorprenderci ancora. Sorprenderci in parte… perché già tempo fa, andando a leccare in Israele, aveva detto che con gli ebrei siam culo e camicia (..roba di “nostre radici” e cazzabubbole del genere… non ricordo i termini esatti). – Ma sto guascone la farà ancora franca e otterrà da sto infra-popppolo quel che di volta in volta vuole. Come il boccaccesco Frate Cipolla, continua a fargli credere d’avere in tasca la penna dell’Arcangelo Gabriele. E tu sai quanto Boccaccio gioiva al vedere che i fessi si lasciavan gabbare dai furbi.
          – Se qualcuno lo farà fuori, sarà la solita congiura internazionale delle Elites che immagino torneranno ad usare come proconsole casalingo il Rigor Mortis.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Umberto 1 mese fa

      Bettino Craxi e i socialisti della sua corrente, nonchè parte della dirigenza della Democrazia Cristiana, erano favorevoli al dialogo con palestinesi, OLP, Arafat, mondo arabo moderato. Non certo i comunisti, falsamente oppositori di Washington ma sottobanco loro esecutori, compresa l’ “ala militare” retta dal terzo potere.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. giannetto 1 mese fa

        Infatti i cosiddetti “comunisti” d’allora erano già lo sterco metamorfico del PCI….. stavano maturando da sterco fresco a sterco maturo.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Tania 1 mese fa

    Quando penso ad Israele un conato di vomito mi sorge spontaneo, mi fa schifo tutto di quel paese, la loro religione, il loro fanatismo peggiore di quello islamico, fanno roteare polli attorno alla testa per ottenere non so bene cosa, feticismi repellenti, ma più di tutti la loro arroganza, che è francamente insopportabile, e poi questa caratteristica tutta loro, solo loro, il piagnisteo, il vittimismo, come solo loro avessero conosciuto le sofferenze umane, questa estate ho chiesto alla figlia di miei amici come mai per ogni cosa piangesse sempre, per ottenere tutto, mi ha risposto, ecco gli ebrei…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. nessuno 1 mese fa

      Salve, “il piagnisteo, il vittimismo” degli ebrei quando loro stanno massacrando il
      Popolo Palestinese (legittimi abitanti di quello terre) da decenni, fa girare le palle
      anche a me, ma come tutti sanno, nel Mondo esistono “due pesi e due misure” a
      seconda di è implicato….

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. maboba 1 mese fa

    Voce fuori dal coro.
    Non voglio entrare nel merito della decisione di Renzi, essere o no a favore della risoluzione UNESCo, tanto sarebbe inutile.
    Avrei voluto però che tutti coloro che si indignano, che vomitano addirittura nei confronti di Israele avessero fatto almeno non dico un ruggito di leone, ma almeno un”pio, pio” di pulcino quando gli arabi islamici sudanesi del nord hanno prima massacrato due milioni di neri sudanesi del sud e poi hannao replicato nel Darfur. Mi ricordo solo un assordante silenzio

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. giannetto 1 mese fa

      Non posso che condividere la tua indignazione, e il tuo punto di vista. Disgraziatamente siamo troppo condizionati da quel che ci mettono in prima pagina, sia il mainstream che il meanstream. Dovremmo essere Argo cent’occhi per aver visione diretta e istantanea di tutto. Ma non può essere così. Non abbiamo neppure i mezzi fisici per poterlo essere. Ragion per cui siamo per forza manipolati, in ogni caso.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Tania 1 mese fa

      Maboba, chi si indigna per una ingiustizia si indigna per tutte le ingiustizie, quelle che conosce, a meno che non sia un “tifoso”, molti mi hanno in strino perché non tifo per nessuno, dico quello che vedo, e questa è una cosa che il tifoso detesta, e i tifosi sono la maggioranza, e infatti mi sono sempre ritrovata con la minoranza, mi va benissimo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. nessuno 1 mese fa

        non sei di certo la sola,coraggio!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Tania 1 mese fa

          Per me non è mica un problema fare parte di una minoranza, dicevo per dire la situazione reale.
          Essere anche la sola a pensare una cosa, non cambia mica cosa penso di quella cosa.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. maboba 1 mese fa

        Peccato che l’indignazione la manifestiate a senso unico. Non potete far finta di non aver “conosciuto” quella situazione. Era coram populo, ma non vi interessava.
        Anime belle a corrente alternata.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Tania 1 mese fa

          Maboba, tutto è un fatto di coscienza, o ce l’hai o non ce l’hai, certamente a casa mia, sul mio comodo divano, nella mia comoda vita, cioè nella vita vera che si vive non essendo altro che lì, posso apparire come una anima bella a corrente alternata, ma m i viene in mente mia nonna, contadina, donna pratica, concreta, moglie di partigiano, madre di partigiani, madre di ragazzi che hanno perso la vita per liberare la loro terra, altro che scappare nei posti luccicosi del pianeta, che dal suo paese non si è mai mossa, nemmeno per il matrimonio della figlia (mia madre) che aveva sposato “uno di fuori”, fuori era la città, ebbene, questa donna ha fatto per il mondo ciò che andava fatto, ha dato marito e figli, ha votato pensando agli altri, che poi la politica sia una fogna è un altro discorso, lei ha votato secondo la sua coscienza, il suo voto fosse stato raccolto sarebbe stato nell’onda positiva che sarebbe arrivata non in tutto il pianeta, ma in tutto l’Universo, e senza spostarsi da casa. Poveretta, come poteva sapere i “progetti” degli USA sul mondo? Le porcate di noi occidentali in AFRICA, ASIA, AUSTRALIA, lei sapeva dell’URSS, e le piaceva moltissimo, lo sapeva perché i figli andando in sezione sapevano, ma non sapevano nemmeno loro che Hitler era un fantoccio sionista inventato dai padroni degli USA, non sapevano che era l’ISIS della situazione… E lo stesso, senza sapere niente, senza muoversi dal suo mondo, ogni scelta, ogni azione di quella donna avrebbe portato il bene per tutti, sarebbe ricaduta positivamente su 7 miliardi di esseri umani, e questo lo trovo grandioso.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Tania 1 mese fa

            E comunque mi potevo risparmiare questo commento in quanto Giannetto di “21 ore fa” aveva già detto tutto benissimo sulla questione.

            Mi piace Non mi piace
          2. Tania 1 mese fa

            Ho letto male, era Giannetto di 23 ore fa, solo che ci sono 2 Giannetto di 23 ore fa, intendevo questo :
            “Giannetto 23 ore fa
            Non posso che condividere la tua indignazione, e il tuo punto di vista. Disgraziatamente siamo troppo condizionati da quel che ci mettono in prima pagina, sia il mainstream che il meanstream. Dovremmo essere Argo cent’occhi per aver visione diretta e istantanea di tutto. Ma non può essere così. Non abbiamo neppure i mezzi fisici per poterlo essere. Ragion per cui siamo per forza manipolati, in ogni caso.”

            E’ vero, purtroppo per noi.

            Mi piace Non mi piace