"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

MARINE LE PEN MANDA A BRUXELLES 25 DEPUTATI E MANDA A HOLLANDE L’AVVISO DI SFRATTO: ELEZIONI POLITICHE ANTICIPATE. ORA

le-pen-francia-e

 

PARIGI – La grande  stampa economica francese è molto allarmata (ovviamente) per l’affermazione eccezionale di Marine Le Pen alle europee, avendo non solo ottenuto quasi il 26%, ma avendo sbaragliato i conservatori dell’UMP (5% meno) e sotterrato i socialisti di Hollande (11% meno).

Così, ecco il titolo del più importante quotidiano economico di Francia: “La Francia e’ veramente il malato d’Europa, il che non impedisce all’Europa stessa di essere malata”. Lo scrive ‘Les Echos’ in un editoriale a commento delle elezioni europee che in Francia hanno visto – appunto – il successo del Front Nationale e il crollo del Partito Socialista.

“La Francia questa mattina esce con una perdita di leadership all’interno del Parlamento europeo, poiche’ il suo posto all’interno del Ppe come pure del Pse e’ diminuito a vantaggio di Marine Le Pen”.

Il presidente Francois Hollande “si e’ indebolito a Bruxelles, anche se spera di fare leva sui risultati delle elezioni per esigere un cambiamento di rotta in Europa”.

In conclusione, “la Francia non e’ piu’ centrale, ma marginale”. Les Echos sottolinea anche “la specificita’” francese, fatta di “risultati terribili” sul piano economico, “incapacita’ politica di agire rapidamente” e di un atteggiamento verso la Ue che vede in Bruxelles la causa di tutti i mali. Per la destra e’ “un colabrodo di immigrati”, per la sinistra “una fabbrica di austerita’” e per tutti la Bce e’ capace solo di fare un euro forte.

Parole di fuoco.

Ma intanto Marine Le Pen, che invierà a Strasburgo circa 25 eurodeputati, non perde tempo e già ieri sera ha chiesto lo scioglimento delle Camere in Francia e la riforma della legge elettorale in senso proporzionale: “Non vedo come il Presidente della Repubblica non possa non prendere la decisione che si impone per rendere l’Assemblea nazionale rappresentativa. E questo esige evidentemente una modifica delle modalità del voto”, ha detto Le Pen.

“Ed è solo il primo passo” ha commentato infine Marine Le Pen, arrivando all’Elysee Lounge, il ristorante molto chic a pochi metri dall’Eliseo, scelto dal Front National per festeggiare la valanga di voti che lo hanno incoronato primo partito di Francia. Un luogo di ritrovo dal nome evocativo, come sottolinea Le Figaro, sul quale la leader gioca, senza nascondere le sue mire presidenziali.

La prima dichiarazione politica di Marine Le Pen è stata: “Hollande adesso deve indire elezioni politiche anticipate. Oggi l’assemblea nazionale non è più nazionale. Cos’altro può fare il presidente della Repubblica se non sciogliere le Camere dopo un fallimento così grande come quello che abbiamo appena visto?”.

Per tutta risposta, il primo ministro francese Manuel Valls ha escluso le dimissioni o lo scioglimento del Parlamento sulla scia del risultato delle elezioni europee che hanno visto la disfatta del Partito socialista e il trionfo del Front National. “Ci vuole tempo e io chiedo tempo”, ha detto Valls intervistato dalla radio Rtl. “C’e’ un itinerario che e’ stato tracciato e io non voglio cambiarlo. Bisogna che il quinquennato arrivi alla sua scadenza”, ha aggiunto il premier. Il Ps si e’ fermato al 13,98%, il suo peggior risultato, ma su questo Valls sorvola…

Redazione Milano

Tratto da Il Nord

*

code

  1. Piero61 3 anni fa

    salve
    riporto quanto gia scritto a commento delle elezioni europee in Italia:
    mi sembra calzante…
    Vorrei mettere una pulce nell’orecchio a tutti:
    le elezioni europee, come sappiamo non contano nulla perchè il parlamento europeo è SOLO consultivo, le decisioni vengono prese da oligarchi NON eletti…quindi, siamo sicuri che, quando si dovrà andare a votare per il rinnovo dei parlamenti delle varie (ex) nazioni e visto che sia Farage che la Le Pen, fanno sul serio, non scoppi qualche bello scandalo orchestrato ad arte (Heider insegna) che li “scomunichi” per sempre…?
    saluti
    Piero e famiglia
    _____________________
    con la Russia e con Putin

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Werner 3 anni fa

      Sono d’accordo con Lei, il rischio che uno di questi politici europei ostili alla UE faccia la fine di Haider é molto elevato.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Werner 3 anni fa

    Le richieste della Le Pen sono legittime e sacrosante, ma é chiaro che tali richieste verranno respinte da Hollande, il quale é consapevole che in caso di elezioni immediate, i socialisti otterrebbero un risultato ben peggiore di quello delle europee, in quanto maggiore sarà l’affluenza alle urne da parte dei cittadini francesi.

    Ormai il PS lo votano quelli della borghesia francese progressista e i vari immigrati naturalizzati e quelli nati in Francia, cittadini francesi grazie allo ius soli. Il FN ancor più dell’UMP, verrà votato dai cittadini francesi doc e quelli di ceppo europeo discendenti dalle antiche immigrazioni, cioé dalla maggioranza della popolazione.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Anacronista 3 anni fa

    Certo! Come tutti i movimenti scomodi per il sistema, e come è successo alla Lega, i no-euro verranno infangati, infiltrati, indagati, fino a renderli inoffensivi.
    Resta comunque l’anomalia italica di dare forza agli oppressori, che dimostra l’inettitudine di un popolo. Lontani sono i giorni in cui i comuni italiani respingevano e sconfiggevano perfino il Barbarossa.

    Rispondi Mi piace Non mi piace