"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Marine Le Pen: “Grillo? Tribuno sfiatato. E il suo partito un’eruzione cutanea”

marine-le-pen

La leader del Front national francese in un’intervista a Qn dice di apprezzare Renzi, “un uomo che decide e si getta nella mischia”, e Berlusconi, “un combattente”, ma sul fondatore del M5S usa parole dure: “Per uno che si proclama anti-sistema trovo che abbia infilato molto in fretta le ciabatte del sistema”. Rispetto alle prossime elezioni europee si dice convinta di vincere. E i sondaggi le danno ragione

Beppe Grillo? “Un tribuno sfiatato”. Matteo Renzi? “Un personaggio molto interessante”. E Silvio Berlusconi? “Un combattente”. In un’intervista a Qn Marine Le Pen, leader del Front national francese, dato nettamente in testa (al 23 per cento per Ifop) nei sondaggi alle elezioni europee del prossimo maggio, ha una definizione per ciascun leader italiano. E se per il capo di Forza Italia e il segretario Pd spende aggettivi positivi – “istintivo, furbo” il primo, “un decisionista” il secondo – per l’ex comico genovese fondatore del Movimento 5 stelle – la donna forte dell’estrema destra francese riserva parole non propriamente gentili: “Grillo non mi piace. L’ho trovato estremamente sgradevole nei nostri confronti, e per uno che si proclama anti-sistema trovo che abbia infilato molto in fretta le ciabatte del sistema – Spiega Le Pen al quotidiano milanese – E’ un tribuno sfiatato, un ribelle col piede corto. Trovo incoerente il suo progetto. Il suo non è un partito ma un’eruzione cutanea, un’allergia alla vita politica. E’ stato forse il suo punto di forza all’inizio, adesso è un enorme punto debole“.

La Le Pen  dimostra di aver  capito perfettamente quale sia la funzione del partito di Grillo all’interno del sistema: incanalare la protesta esclusivamente  verso un binario innocuo,  proteso integralmente  ad una offensiva nei confronti della “casta” politica, evitando però di attaccare a fondo le centrali del potere sovranazionale che dirigono il sistema economico e politico italiano.
A parte qualche atteggiamento encomiabile di singoli esponenti del movimento 5 S. (ad esempio Di Battista), Grillo si guarda bene dal richiedere la revisione o l’annullamento della firma ai trattati vincolanti  fatta dal governo italiano (Mastricht, Lisbona, Fiscal Compact, MES/ESM, ecc.).  Vero è che il movimento 5 S. ha protestato  in Parlamento  per il provvedimento ultimo scandaloso di rivalutazione delle quote di  Banca d’Italia ma non afferma chiaramente la necessità che la Banca d’Italia sia resa pubblica come lo era prima del 1992 . Passo fondamentale per sottrarre la Banca d’Italia  al controllo del cartello bancario sovranazionale.
Il movimento 5 Stelle si limita a proporre genericamente un referendum sulla permanenza  nell’euro, referendum per altro inammissibile per divieto costituzionale, che rappresenta una iniziativa ridicola e controproducente, visto il facile condizionamento dell’opinione pubblica dai media del sistema che sarebbero mobilitati in una prevedibile campagna terroristica (se usciamo dall’euro “saremo rovinati” ).
Non basta, con la loro approvazione all’annullamento della legge Bossi Fini, il movimento di Grillo ha di fatto accettato uno dei principali totem dell’ideologia mondialista e neoliberista: l’immigrazione di massa e la società multiculturale, esattamente l’arma micidiale che  viene utilizzata per scardinare la società italiana e l’identità nazionale.

vedi: Stampa Libera

Potremo poi facilmente aspettarci dai grillini la loro scontata approvazione, quando si voterà per la proposta dei matrimoni gay che presto porterà in parlamento il Renzi di turno e così per gli altri feticci dell’ideologia mondialista  e relativista  che spingono per l’abolizione per legge della preminenza della famiglia tradizionale.
Tutto questo è esattamente l’opposto di quanto prevede nel suo programma il movimento della Marine  Le Pen in Francia che sostiene in prima persona esplicitamente la sua lotta contro il mondialismo  e l’ideologia relativista e radicale  instaurata da Hollande, noto esponente della massoneria europea. La stessa Le Pen che attacca direttamente e senza ambiguità  l’oligarchia tecnofinanziaria di Bruxelles e Francoforte e che promette, in caso di vittoria del Front National, l’uscita della Francia dall’eurosistema, la riaffermazione della propria sovranità nazionale, nonchè della propria sovranità monetaria con ritorno al franco e la difesa dell’identità del popolo e della nazione Francese.

http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/01/26/marine-le-pen-grillo-un-tribuno-sfiatato-e-il-suo-partito-uneruzione-cutanea/858021/

*

code

  1. Coco Fosci 3 anni fa

    Questa è la frase che fratelli d’Italia di Ravenna ha inserito ne volantino di propaganda!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Piero61 3 anni fa

      ..che frase scusi ? se mi è sfuggita le chiedo scusa ma non la vedo…
      saluti
      Piero e famiglia

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Piero61 3 anni fa

    …Tutto questo è esattamente l’opposto di quanto prevede nel suo programma il movimento della Marine Le Pen in Francia che sostiene in prima persona esplicitamente la sua lotta contro il mondialismo e l’ideologia relativista e radicale instaurata da Hollande, noto esponente della massoneria europea. La stessa Le Pen che attacca direttamente e senza ambiguità l’oligarchia tecnofinanziaria di Bruxelles e Francoforte e che promette, in caso di vittoria del Front National, l’uscita della Francia dall’eurosistema, la riaffermazione della propria sovranità nazionale, nonchè della propria sovranità monetaria con ritorno al franco e la difesa dell’identità del popolo e della nazione Francese…

    salve
    spero per il popolo francese che Marine Le Pen riesca nel suo intento (augurandole di cuore che non gli facciano fare la fine di Heider), aspettando fiducioso che anche in Italia e nel resto d’europa si possano avere capi carismatici simili, che ci restituiscano una Europa delle Patrie e delle Sovranità, monetarie, culturali, sociali, politiche e agricole…
    saluti
    Piero e famiglia

    Rispondi Mi piace Non mi piace