"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Marine Le Pen: Assad in Siria l’unica soluzione possibile contro l’ISIS

“Il presidente siriano Bashar al-Assad è l’unica forza capace di impedire l’arrivo al potere del gruppo terrorista dell’ISIS”, ha dichiarato oggi Marine Le Pen a Beirut, dove si trovava in visita ufficiale.
“Al-Assad è ovviamente una soluzione molto più confortante per la Francia che non il Daesh (acronimo in arabo dell’ISIS) “, ha sottolineato la leader della formazione di ultradestra Front National (FN), ed aspirante alla presidenza , Marine Le Pen.

L’esponente politico francese ha fatto queste dichiarazioni dopo la riunione che ha tenuto a Beirut con il primo ministro libanese, Saad Hariri con cui ha commentato questo lunedì la situazione del Medio Oriente. “Ho espresso al signor primo ministro la mia analisi della situazione, che vado manifestando dall’inizio della crisi siriana: non disponiamo di alcuna soluzione percorribile a parte la scelta tra Bashar Al-Assad ed il Daesh”, ha affermato.

La Le Pen, che si trova assieme al ministro dell’Economia, Manuel Macron, il favorito alla Presidenza francese, si è riunita  a Beirut con il presidente libanese, Michel Aoun, essendo questo il primo incontro. Nel lanciare la sua campagna al principio di questo mese, la Le Pen ha promesso di mettere la Francia all’avanguardia della lotta contro Daesh e combattere il “terrorismo”, ed ha richiesto un dialogo con il presidente siriano, Bashar al-Assad.

Le Pen con premier libanese

Le Pen aveva salutato con favore, il 31 ottobre scorso, l’elezione del cristiano maronita Aoun alla presidenza del Libano. In programma anche gli incontri, oltre che con il premier Saad Hariri, anche con il ministro degli Esteri libanese, Gibran Bassil e con i parlamentari francofoni. Martedì la Le Pen si incontrerà con il mufti di Beirut, con il patrarca cristiano maronita e con Samir Geagea, capo delle «Forze libanesi». Da notare che anche il presidente libanese Aoun (cristiano maronita) appoggia il leader siriano Bashar al-Assad e la lotta della milizia libanese di Hezbollah che sostiene militarmente in Siria le forze dell’Esercito siriano.

Nota: La Le Pen ha dimostrato di volersi pronunciare in netto contrasto con le scelte di politica estera di Hollande e del suo governo che è sempre stato dalla parte dei gruppi terroristi takfiri che combattono contro il Governo di Assad, con l’appoggio ed il sostegno di Stati Uniti ed Arabia Saudita che hanno armato e finanziato i gruppi takfiri, con il risultato della devastazione del paese, con un bilancio tragico di circa 400.000 vittime (stima dell’ONU) e milioni di profughi in fuga anche verso l’Europa.

Fonte: Hispan Tv

Traduzione e nota : Luciano Lago

*

code