"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

L’Ucraina si sta trasformando in Liberia: “L’amore per il modello europeo, ci ha portato qui”

All’inizio di questo mese, partecipando allo stesso tempo ad una conferenza pubblica a Kiev, “le sfide di un mondo in continua evoluzione”, l’ex segretario di Stato Usa Condoleezza Rice ha fatto un’osservazione che può essere di ispirazione per tutti coloro che potrebbero aver pensato che la vita in Ucraina non sia male:

“Dovresti andare in Liberia, dove il tenore di vita è molto più basso, e quindi dovresti essere grato.”

Per ironia della sorte, la rivista Forbes Ucraina ha reagito a questo con una certa ‘perplessità ed ha fatto una analisi che comunque ha portato a una conclusione logica impeccabile: “Anche se la Liberia ha una delle economie più deboli del mondo, si posiziona solo leggermente dietro l’Ucraina, rispetto ad una serie di parametri macroeconomici, e la rivista ha sostenuto la sua tesi con alcune statistiche impersonali (omettendo di dire tuttavia che il tasso di disoccupazione al 85% della Liberia è di gran lunga peggiore che in Ucraina , ancora oggi).

Il rapido deterioramento dell’economia ucraina nel corso degli ultimi due anni , post-Golpe Maidan, non è più un argomento tabù nella stampa internazionale (l’ex il diplomatico accademico di primo piano , degli Stati Uniti, Nicolai Petro, in un recente articolo sul “Guardian”,  ha fatto una analisi cristallina). Tuttavia  per sintetizzare in breve una lunga storia , il quadro completo sembra ancora più deprimente:

Le persone stanno organizzando per uscire da Ucraina. Un’agenzia di headhunting,Kiev-based, afferma che secondo i loro sondaggi, il 70% della popolazione non vede alcun futuro in Ucraina. Dieci su undici (!!!) ucraini sono pronti a lasciare il paese se gli viene offerto un lavoro all’estero. Il quaranta per cento dei colletti bianchi di Kiev non vede un futuro sicuro per se stessi, al giorno d’oggi. Un altro sondaggio d’opinione mostra che, rispetto al periodo pre-Maidan, il pessimismo pubblico è in aumento. Solo il 19% degli intervistati prevede che il 2016 possa portare cambiamenti positivi per l’Ucraina (in calo dal 42% nel 2013).

Questi sentimenti sono abbastanza comprensibili se analizziamo il reddito medio in Ucraina. Secondo i dati ufficiali del Ministero delle Finanze (come del 2 marzo 2016), il salario medio in Ucraina è a soli 4.362 UAH al mese (circa 145 euro). Il salario minimo mensile è attualmente fissato a 1.378 UAH (46 euro). Pertanto, la stragrande maggioranza delle persone che lavorano in Ucraina deve tirare avanti con uno stipendio di 2000-3000 UAH (70-100 euro) ogni mese.

Anche  il numero di occupati è in declino ogni giorno. Nel mese di settembre 2015, il Ministro ucraino della Politiche Sociali, Valery Yaroshenko , ha riconosciuto che il tasso di disoccupazione aveva raggiunto il suo punto più alto nella storia dell’Ucraina, da quando il paese è indipendente, con il 23% dei giovani ucraini non in grado di trovare lavoro (nelle zone della regione di Donetsk ,che sono controllati da Kiev, il tasso di disoccupazione è paragonabile a quello di Liberia – 50%)!.
Bassi salari e alti tassi di disoccupazione non sono le uniche sfide che un cittadino ordinario ucraino deve affrontare. Per soddisfare i requisiti del FMI, il governo ucraino deve aumentare le imposte per le spese e per i servizi di alloggio e di pubblica utilità, almeno due volte all’anno. Di conseguenza, nel gennaio 2016 la bolletta media per nucleo familiare salito a 1.250 UAH – con un incremento dell’80% da 695 UAH rispetto ad un anno fa. Quindi, in teoria (e spesso di fatto) una famiglia sostenuta da un solo membro che lavora e deve vivere in un modesto appartamento, potrebbe aver bisogno per sopravvivere dei miserabili 128 UAH – (!) Appena più di 4 euro – che rimangono ogni mese dopo che l’affitto e le utenze dei costi sono state pagate! Infatti, tenendo conto di alcune differenze nella sua latitudine (e clima) l’ Ucraina di oggi potrebbe a ragione essere definita un Liberia del Nord!

Nel frattempo l’ indice dei prezzi delle materie prime in Ucraina è aumentato del 40,3% nel 2015. E poiché questa crisi ha coinciso con un taglio del 15% le pensioni dei pensionati che lavorano con un secondo lavoro (questa “misura di risparmio di costi” è stato annunciata dal PM Yatsenyuk ,a Gennaio 2015 ), chiaramente la maggioranza degli ucraini anziani sono ora di fronte a un disastro. Finora sono riusciti a sopravvivere grazie alle loro risparmi personali, ma quella risorsa si sta prosciugando: secondo la Banca nazionale , nel 2015 gli ucraini ha venduto 2.233 miliardi di dollari e acquistato solo 0.684 milioni di dollari. Gli esperti locali stimano che i cittadini ucraini potranno esaurire i propri risparmi personali per la fine del 2016.

Quindi non c’è da meravigliarsi che gli ucraini stanno lasciando il loro paese in massa per l’Europa, per lo più diretti verso la Polonia (circa 400.000 hanno attraversato quel confine lo scorso anno), in un disperato tentativo di trovare alcun lavoro retribuito. Ci sono molti che sono stati truffati, abusati, e cinicamente sfruttati, ma preferiscono subire tale trattamento, piuttosto che cercare di guadagnarsi un’esistenza miserabile a casa.

Accade inoltre che sta prendendo velocità una rapida deindustrializzazione Ucraina . La rottura improvvisa dei legami tradizionali tra le imprese russe e ucraine, a causa di regolamenti suicidi -imposti da Kiev, ha determinato una diminuzione del 10,7% del PIL nel 2014 e un altro 13,4% calo nel 2015. Il commercio estero, entrambe le importazioni e le esportazioni, sono diminuite di un terzo. Le aspettative ingenue del governo in carica a Kiev – che i prodotti ucraini potrebbero ottenere l’accesso ai mercati europei – sono state strappate a brandelli (Nicolai Petro offre un fatto aneddotico: la più grande esportazione europea di Kiev, nell’ambito dei contingenti agricoli,fissati dalle accordo associazione UE-Ucraina , è il miele).

Questa situazione di degenerazione sociale ed economica, insieme con la pronta disponibilità di armi di contrabbando, al fuori di ciò che è noto come il “NATO Zone,” ha portato ad uno tsunami senza precedenti di attività criminale in Ucraina. Nei due anni successivi Maidan, il numero dei reati registrati è raddoppiato nel paese . In realtà, folle di predatori, rapine a mano armata, e le uccisioni di strada stanno diventando un evento di tutti i giorni e molti crimini non vengono denunciati. Secondo le ultime analisi dell’Istituto dell’Aia di “Innovazione e Giustizia”, il 44% degli ucraini non si fidano loro sistema giudiziario o delle forze dell’ordine delle agenzie nazionali.

Un certo numero di bande nazionaliste (battaglioni di volontari) sembrano operare al di fuori della portata della legge e ignorano ogni tentativo da parte delle autorità pubbliche di frenare le loro azioni. Gli scandali più recenti ( ambra-contrabbando nella regione Rovno , il blocco di Crimea, e le barriere costituite vrso i camion in transito russi ), sono solo la punta di un iceberg delle attività criminali di gruppi radicali in Ucraina che hanno ricevuto l’attenzione dei media. La maggior parte delle azioni criminali non fanno i titoli dei giornali.
Per esempio ci sono circa 100 espedienti che attualmente languono all’interno del sistema legale contro i membri del battaglione Aidar che hanno commesso reati, tra cui le accuse di gravi crimini di guerra nel Donbass, che sono tutti rimastoi a prendere polvere nei tribunali ucraini.

Gli appassionati di calcio olandesi che andavano a trovare Euro-2012 in Ucraina e ora devono condividere sconsideratamente che la “TakIsJa hashtag” è scomparsa, e dovrebbero capire che il paese che videro 4 anni fa non esiste più.

Non vi è effettivamente nessuno stato in Ucraina Le autorità sono impegnate ingraziarsi con ogni figura che dispone di un potere effettivo -. All’ambasciata degli Stati Uniti, gli oligarchi locali, quelli del settore destro, e vari gruppi mafiosi – vededono in quelle oligarchie le uniche chiavi della propria legittimità del governo e la capacità di mantenere il potere. Tuttavia una questione che a quanto pare non capiscono, è quella che, a qualsiasi governo, quando manca il sostegno pubblico e risulta dipendente da agenti esterni, questi è di fatto più vulnerabile di quanto potessero mai immaginare.
Lo ha dovuto constatare il dittatore liberiano Samuel Doe, che ha preso il potere a seguito di un golpe sostenuto dagli Stati Uniti nel 1980, questi non si sarebbe mai sognato che in dieci anni sarebbe stato costretto a mangiare il proprio orecchio e quindi essere pubblicamente giustiziato da una tribù rivale? I leader di quella considrata la “Liberia del Nord” possono avere le proprie carriere politiche, ma non il destino finale …

“L’amore per la libertà è anche il motto nazionale della Liberia”

Fonte: Oriental Review

Traduzione: Manuel De Silva

*

code