"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

L’UCRAINA GETTA LA MASCHERA: E’ L’AMERICRAINA

Ucraina getta la maschera

di Gianni Petrosillo

Ormai in Ucraina si gioca a carte scoperte. E’ difficile negare che questo paese sia stato aggredito ed invaso da una potenza straniera, che però non è quella russa, come vuole la propaganda occidentale, bensì quella nordamericana. Dopo la nomina, nei mesi scorsi, del figlio di Joe Biden, cocainomane pentito, nel cda di Burisma, una delle compagnie del gas più importanti di Kiev, arrivano i ministri con passaporto americano, scelti da una società di cacciatori di teste, sostenuta dalla Fondazione del Finanziere ungherese naturalizzato statunitense, George Soros.

E’ uno scandalo del quale si è accorto il Sole24ore e nessun altro in Italia. Silenzio dai “velinatori” della Nato che scrivono sugli altri quotidiani nazionali, da Roberta Zunini a Leonardo Coen, da Fabrizio Dragosei a Giuseppe Sarcina, da Anna Zafesova a Nicola Lombardozzi (eh lo so, sono tanti perché la mamma dei giornalisti è sempre incinta), forse anche loro si vergognano un po’, dopo aver parlato, senza prove, di occupazione russa dell’Ucraina.

Mi aspetto un minimo di resipiscenza soprattutto dalla Zunini che scrive per il Fatto e che si vanta di essere sempre alla ricerca della Verità. Ecco la Verità, vediamo come la (mal)tratterà questa paladina del giornalismo “travagliato”.

Se gli Stati Uniti sono arrivati a tanto la situazione è davvero preoccupante. Obama dimostra di essere un autentico dilettante che fa la voce grossa per mancanza di strategia e d’immaginazione diplomatica. Agitare così, sotto il naso del Cremlino, questo affronto diretto, senza nemmeno provare a mascherare la propria presenza in un Paese che da sempre fa parte dell’orbita egemonica di Mosca, dimostra che la casa Bianca cerca la rissa. Inoltre, Poroshenko, costituendo questo governo apertamente filo-occidentale, con cittadini americani riconosciuti e abbastanza in vista, sta di fatto sancendo la divisione dello Stato, poiché è chiaro che nel Donbass, a maggioranza russofono, non accetteranno mai di essere governati da yankee.

Ma vediamo la composizione del nuovo gabinetto ucraino, letteralmente commissariato da Washington, dove spiccano i nomi di questi allogeni che ricopriranno l’incarico in altrettanti dicasteri strategici, almeno per la gestione degli affari economici.

Restano al loro posto Alexander Poltorak, Paul Klimkin e Arsen Avakov, rispettivamente ministri della difesa, degli esteri e degli interni. Il ministro delle Finanze sarà la statunitense Natalia Yaresco. Qui comincia il bello o il brutto, a seconda dei gusti. Dai primi anni ’90 la signora ha lavorato nel dipartimento economico dell’Ambasciata USA in Ucraina, dove ha fatto una rapida carriera. Qualcuno però la ricorda, principalmente, per essere un ex dipendente del Dipartimento di Stato americano. Yaresco è una speculatrice, risulta infatti co-fondatrice della società di investimento internazionale Horizon Capital che opera in Ucraina, in Bielorussia e in Moldavia. Un analista ucraino ha però sostenuto che costei è stata investita dell’importante ruolo perché un suo parente stretto lavora alla Banca Mondiale, così forse Poroshenko crede di blandire una istituzione che potrebbe dare una grossa mano a Kiev per coprire gli ingenti debiti.

Poi c’è il georgiano Alexander Kvitashvili che va al Ministero della Salute, dopo aver ricoperto lo stesso posto in patria, il quale ha le idee chiare su come si gestisce la sanità. Si privatizza tutto e chi può pagare vive, chi non può scucire il soldo fa prima ad individuare un loculo al cimitero piuttosto che rivolgersi agli ospedali. L’America insegna. Infatti, costui ha iniziato la sua ascesa negli Stati Uniti. Nel 1993 era nel settore finanziario e amministrativo del Medical Center di Atlanta. Come riporta il sito russo Vz.ru, “nel 2002-2003, lavorava a New York. Nel 2004 è stato nominato direttore amministrativo dell’EastWest Institute. Nel 2005 è stato nominato direttore capo dell’amministrazione di questa istituzione e membro del cda”.
Lascia poi di sasso la dichiarazione dell’ex presidente georgiano Mikhail Saakashvili, il quale ha detto ai media di aver rifiutato lo scranno di vice-primo ministro dell’Ucraina, gentilmente offertogli dai “nuovi” dirigenti di Kiev. Sarebbe stata una ciliegina sulla “cacca”.

All’economia è andato il banchiere lituano Abromavicius, manager della società d’investimento East Capital. Ha mosso i primi passi negli istituti di credito svedesi ma quel che caratterizza il suo curriculum sono le operazioni ad alto rischio finanziario, proprio quel che ci vuole in un Paese pieno zeppo di oligarchi furfanti, stracarichi di soldi da moltiplicare, come l’Ucraina. Abromavicius si è fatto le ossa nell’ University of Wisconsin e nella Scuola Internazionale d’affari estone, emanazioni della Fondazione Soros.

Che bella squadra di teste di cazzo filo-Usa ha messo su Poroshenko. La finta rivoluzione di Majdan è arrivata al suo epilogo, dritta dritta nella merda fino al collo (almeno per i poveri cittadini che ci credevano davvero), come sempre accade quando ci si fida dello zio Sam.

E di fronte a queste provocazioni, ormai nemmeno più coperte, i nostri media continuano a sostenere che gli assalitori dei popoli sono i russi. Ma andate tutti a quel paese, per usare un eufemismo!

Meno male che qualche rivista italiana specializzata non si lascia fregare dal coro propagandistico e dice pari pari come stanno le cose. E’ la Nato che continua a sfidare la Russia ai suoi confini e giustamente i russi rispondono colpo su colpo a queste minacce. Come scrive Riccardo Ferretti su “Panorama Difesa”: “Proprio il conflitto ucraino è il principale carburante delle tensioni tra Occidente e Russia, ma in effetti rappresenta solo un capitolo dello scontro per la ridefinizione delle rispettive aree d’influenza che vede il suo fulcro nell’Europa Orientale. In effetti, non si può negare che, da un punto di vista geopolitico, il progressivo allargamento ad est della Nato e dell’Unione Europea abbia trasformato la Russia da vera e propria potenza eurasiatica in una potenza sostanzialmente asiatica. Non disponendo di strumenti di soft power all’altezza di quelli occidentali è normale che Mosca sia portata a reagire ricorrendo alla hard power. La crisi ucraina è un esempio lampante: alla rivoluzione popolare alimentata dall’occidente, la Russia ha risposto con una invasione mascherata”.

Appunto, Putin non aveva scelta, è stato messo con le spalle al muro da partner che si mostravano ragionevoli e che invece erano pronti a sacrificare ogni ucraino pur di raggiungere i loro scopi, ma non ha perso la testa, anzi, sostiene Ferretti, Putin è riuscito ad ottenere il massimo dalla situazione di difficoltà in cui si trovava, annettendosi la Crimea e aiutando il Donbass a sollevarsi, il quale prima o poi sarà ugualmente unito alla Federazione.

Inoltre, riporta ancora il bravo Ferretti, non si possono accusare i russi di attentare ai confini delle repubbliche viciniore, quelle baltiche in primis, laddove è la Nato, con le sue esercitazioni atte a coinvolgere gli ex membri del patto di Varsavia, vedi la Steedfast Noon 2014, “volta a testare le capacità di attacco nucleare delle aeronautiche dell’Alleanza”, a causare problematiche frizioni tra le parti. Nell’esercitazione di quest’anno, effettuata a Ghedi in Italia, è stata coinvolta la Polonia, paese privo di capacità nucleare, anche in virtù di un atto del ’97 stipulato dalla Nato con la Russia che “vieta il dispiegamento di armi nucleari nei paesi dell’Est Europa”. Portando la Polonia nel nuclear planning group della Nato quell’ accordo viene palesemente violato. Di qui la giustificata reazione russa ed i voli dei suoi caccia ai limiti dello spazio aereo dell’Alleanza. Siete ancora convinti che i russi siano sporchi, brutti, cattivi ed aggressivi?

Fonte: Conflitti e Strategie

*

code