"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

L’obiettivo principale della CIA: rompere il Blocco euroasiatico

di  Caleb Maupin *

Il candidato presidenziale Donald Trump è noto per essere molto grossolano e maleducato. Tuttavia, egli ha anche un modo di affermare apertamente ciò che gli altri miliardari stanno pensando, ma che hanno paura di dire ad alta voce.

In una delle sue prime interviste, Trump ha dichiarato una preoccupazione che è probabilmente nella mente di molti analisti di politica estera. Trump ha detto: “Non si può avere tutti contro che ti odiano. Il mondo intero ci odia. Una delle cose che ho sentito per anni e anni, non spingere la Russia e la Cina insieme, e Obama lo ha fatto . “

Non è solo Trump che pensa questo. Anche il Council on Foreign Relations, un think tank di Wall Street che si potrebbe anche descrivere come il cervello della CIA, si è presentato come ossessionato da tale problema. Negli ultimi numeri della pubblicazione del CFR, affari esteri, si parla diffusamente dell’alleanza tra Cina e Russia .
Perché a Wall Street si odia la Russia e Cina?

Il blocco eurasiatico ed i suoi alleati hanno messo a segno importanti vittorie economiche contro gli Stati Uniti e l’Europa occidentale di recente sul mercato globale. Le industrie controllate dallo Stato in Cina, di quella che era stata considerata un paese impoverito, semifeudale, il “malato d’Asia” solo 70 anni fa, ora è il paese che produce la metà di tutto l’acciaio e dell’alluminio sulla Terra. Le risorse di petrolio e di gas naturale della Russia vengono vendute in tutta Europa, ed anche la Repubblica islamica dell’Iran sta cominciando a muoversi su questi mercati .

L’assetto economico globale ha funzionato per lungo come come l’Impero Romano, dove “tutte le strade portano a Roma”, o in questo caso, a Wall Street e Londra. Ma, come l’Eurasia alza la testa, associando assieme anche il Sud America e parti del Medio Oriente , il mondo non ha più necessità di comprare l’ acciaio, l’ alluminio, e il petrolio dalle grandi multinazionali occidentali. I mercati dei paesi in via di sviluppo stanno scivolando fuori dal controllo occidentale e non devono più prendere prestiti della Banca Mondiale e del Fondo Monetario Internazionale. La visione “nuova via della seta” dalla Cina, la stabilizzazione della Russia e la rivoluzione islamica dell’Iran, oltre al movimento bolivariano dell’America Latina, hanno creato qualcosa che tutti i capitalisti occidentali non hanno mai molto tollerato: i concorrenti.

Si tratta di mantenere il monopolio sul mercato globale, non una certa fasulla preoccupazione su “diritti umani” o la minaccia dell'”l’espansionismo” che guida l’ostilità crescente contro la Russia, la Cina, e qualsiasi paese che osi allinearsi con loro. Molti regimi di paesi che funzionano come clienti obbedienti degli occidentali, violano i diritti umani e si impegnano in aggressioni da molto tempo.

Le monarchie petrolifere del Kuwait, del Qatar, degli Emirati Arabi Uniti e l’ Arabia Saudita, paesi vassalli, non dimostrano alcuna pretesa di onorare i diritti umani.
I leader di unica vera opposizione elettorale della Corea del Sud, il Partito Progressista unificato, tutti seduti in carcere semplicemente a causa di una ipotetica conversazione di cui è stato registrato l’audio.
Il numero di attivisti per i diritti umani e dissidenti che sono stati uccisi, torturati o scomparsi in paesi latino-americani allineati, come la Colombia, il Guatemala, l’Honduras è incalcolabile. Gli Stati Uniti appoggiarono il regime autocratico PRI in Messico per molti anni e stanno sostenendo il Narco regime corrotto ed infestato di droga che ora comanda il paese.
Lo Stato turco allineato agli USA, che ha una brutta storia di atrocità contro i curdi, è ora in fase di repressione dei professori universitari e di chiunque altro osi porre questioni o “insultare” il Presidente Erdogan.

Il regime appoggiato dagli Stati Uniti in Ucraina ha una divisione nazista delle sue forze armate, chiamato Battaglione Azov . Non soltanto gli Stati Uniti si allineano apertamente con l’anti-russo, Hitler, glorificando i fanatici di Kiev quando sviluppano una guerra brutale contro i loro compatrioti orientali, ma il personale militare degli Stati Uniti in realtà si occupa di fornire loro formazione militare ..
Il concetto di “diritti umani” è stato completamente politicizzato da fondazioni ben finanziate che promuovono gli obiettivi geopolitici di Wall Street. Voci nei media statunitensi sollevano le loro “preoccupazioni” circa i diritti umani quasi esclusivamente contro i paesi che osano affermano la loro indipendenza economica o che si allineano con la Russia e la Cina.

Molte persone di sinistra e progressisti nei paesi occidentali sono facilmente ingannati dalla propaganda dei “i diritti umani”. Spesso credono di poter guadagnare credibilità per la loro critica della società occidentale unendosi nella demonizzazione di questi paesi come ultimo obiettivo del Pentagono.

Così come i proprietari delle piantagioni del Sud, quando affermavano di essere “civilizzatori ” e di “portare il cristianesimo” a coloro che erano schiavi, allo stesso modo la macchina militare della NATO e dei suoi finanziatori di Wall Street, sostengono sempre di voler rovesciare governi perché sono generosi nel protare “la democrazia”, e soccorrono con compassione coloro che stanno soffrendo. Mentre gli attacchi contro la Libia, Iraq, Afghanistan, e ora la Siria hanno dimostrato che le “vittime innocenti”, che diventano il fulcro di campagne di propaganda che promuovono “intervento umanitario”, di solito finiscono in circostanze estreme peggio di prima.

La base del’Alleanza eurasiatica

La divisione dell’Unione Sovietica e la Repubblica Popolare Cinese fu un fattore chiave per l’esito della guerra fredda. Nel 1961, il Partito comunista cinese e il Partito Comunista dell’Unione Sovietica avevano strategie di politica estera incompatibili. La Cina di Mao Zedong era diventato un epicentro simbolico delle lotte anti-coloniali del Terzo Mondo. governo sovietico di Krusciov stava disperatamente cercando di impegnarsi nella diplomazia, nella speranza di prevenire la guerra atomica. L’Unione Sovietica ha tagliato i suoi legami con la Repubblica Popolare Cinese nel 1961, la Cina ha denunciato i leader sovietici come “revisionisti” e “traditori” della causa della rivoluzione mondiale.

La divisione tra le due grandi potenze si andò intensificando nel corso del decennio successivo. Ci furono frequenti dispute di confine . Nei primi anni 1970, gli ultimi anni della vita di Mao Zedong, il paese più popoloso della terra non stava sostenendo più con i suoi alleati di opporsi al capitalismo occidentale, ma piuttosto che il “Soviet del social imperialismo” era il “pericolo principale” per l’umanità.

Questo cambiamento ha indebolito le forze anticapitaliste e antimperialiste in modo significativo. L’invasione cinese del Vietnam, la guerra civile tra le fazioni di sinistra nel ricco paese petrolifero dell’Angola, il riallineamento di Polonia, Romania, Albania, e vari altri governi marxisti europei, furono tutti fattori decisivi nella sconfitta finale dell’Unione Sovietica.

Tuttavia, dalla fine della guerra fredda, il rapporto geopolitico che era stato spezzato nel 1961 con la “crisi sino-sovietica” si è gradualmente ripreso. Come la Federazione Russa è diventata più stabile ed economicamente prospera, dopo i disastri degli anni 1990, il paese si è avvicianto di più alla Repubblica Popolare Cinese. I due paesi, una guidata da un partito comunista e l’altro ora guidato da forze nazionaliste, hanno formato un’alleanza economica e politica che è ancora una volta sfida il monopolio del capitalismo occidentale.

In Russia, l’economia è incentrata sull’esportazione di risorse petrolifere e di gas naturale di proprietà pubblica. In Cina, lo Stato controlla banche e la maggior parte delle grandi industrie. Sia la Russia che la Cina da tempo abbandonato il tipo di “socialismo reale”, introdotta da Stalin con i suoi “piani quinquennali.” Tuttavia, né la Russia né la Cina possono veramente essere descritti come paesi ad economia capitalista. In entrambi i paesi, le decisioni di stato sono prese da pianificatori centrali, non c’è l’anarchia della produzione, vengono dettate la maggior parte delle attività economiche. I due paesi hanno molti miliardari, ma entrambi i governi non hanno paura di punire i capitalisti che si allontanano dalla visione economica complessiva dello stato. Vi è abbondanza di capitalismo in Cina e la Russia, ma è un capitalismo sottomesso, funzionante sotto lo stivale dello stato molto più potente del settore economico .

Gli stati russi e cinesi non sono come le corporatocrazie dell’Occidente. La loro forza deriva da popolazioni altamente organizzate e profondamente politicizzate, entrambe impegnate in una visione nazionalista collettiva. Il liberalismo occidentale, con la sua glorificazione di profitti e l’individualismo sfrenato, sta collassando di fronte ad una alternativa collettivista . Nel corso del 20 ° secolo, le società eurasiatiche hanno imparato a frenare ed a controllare le forze di mercato. Questo li ha resi più forti in modo che molti analisti occidentali non possono nemmeno immaginare.

Il Blocco eurasiatico ora pone le basi per l’alternativa principale al capitalismo occidentale sulla scena mondiale. Brasile e la Repubblica islamica dell’Iran hanno economie e gli stati che funzionano quasi nello stesso modo come la Russia e la Cina. Il movimento bolivariano in America Latina ha scatenato una versione più tradizionalmente di sinistra e marxista di questo modello economico, ed entrambi Cuba e la Repubblica popolare democratica di Corea si stanno gradualmente spostando in questa direzione.

Strategia per l’attacco: Manipolazione prezzo del petrolio e takfirismo

Parlando per il Council on Foreign Relations, Robert Kaplan prevede allegramente “Coming Anarchy” in Eurasia. L’articolo continua a lamentare il rallentamento cinese e descrivere quanto in basso i prezzi del petrolio hanno ferito lo stato russo.

Il calo del prezzo del petrolio non è casuale. Il Regno dell’ Arabia Saudita, che vende petrolio quasi esclusivamente a Wall Street e compra armi quasi esclusivamente dal Pentagono, si è impegnata in quello che sembra un episodio di auto-mutiliation, lasciando cadere i prezzi esportando enormi quantità di petrolio. L’economia di Arabia Saudita è in uno stato di rovina, come il paese tira fuori più prestiti al fine di espandere il suo apparato di petrolio.

I negoziati tra i paesi esportatori di petrolio continuano a fallire e il prezzo non si è recuperato dalle diminuzioni drammatiche di 2014. Questo non è un caso. L’Arabia Saudita è intenzionalmente in calo i prezzi come parte della strategia geopolitica sviluppata dai suoi padroni a Washington DC. La speranza è quella di distruggere le economie di Russia, Venezuela e l’Iran, che sono tutte incentrata l’esportazione delle risorse petrolifere di proprietà pubblica.

È interessante notare che un articolo pubblicato di recente, dal Council on Foreign Relations, promoziona “l’uso di strumenti economici per raggiungere gli obiettivi geopolitici” come un ” tradizione americana. ”

Il calo del prezzo del petrolio ha creato problemi politici, non solo in Russia, ma soprattutto tra i suoi alleati in Sud America. Il Partito Socialista Unito ha subito la sua prima sconfitta elettorale significativo nella storia recente con l’opposizione finanziato dagli Stati Uniti vincente alle urne nel mese di dicembre. In Brasile, si è sviluppata una crisi politica che si è posizionata intorno ai problemi fiscali della Petrobras, la compagnia petrolifera di stato. La rivolta popolare, contro la Presidente Dilma Rousseff, un esponente di sinistra che è molto cordiale con la Russia e con la Cina, costringe questa ad affrontare l’impeachment.

L’attacco economico sotto forma di  crollo del prezzo del petrolio  è stato eseguito da un altro gioiello dalla cassetta degli attrezzi della CIA, il wahabbismo. Una forma di estremismo religioso della varietà che si trovano in Arabia Saudita ed è sempre più forte in Medio Oriente. Gli estremisti violenti come ISIS e la parte anteriore di Al-Nusra sono molto potenti nelle zone di Siria e Iraq. La CIA ha aperto campi di addestramento in Giordania, ai confini turco-siriano, e da là continua il flusso di armi verso la Siria dagli Stati del Golfo allineati agli USA, che hanno reso il gruppo “jihadista” quale la corrente più forte che mai.

La CIA è stata alleata con gli estremisti Takfiri per lungo tempo. Osama Bin Laden proviene da una ricca famiglia saudita con una costruzione di quasi monopolio all’interno del Regno. La sua carriera, come estremista ,era iniziata in Afghanistan, dove ha collaborato con gli Stati Uniti e la NATO per combattere contro Pd popolare e l’Unione Sovietica durante il 1980. I Fratelli Musulmani hanno collaborato con la CIA per lavorare contro arabo nazionalista Abdul Nasser in Egitto. I collegamenti USA con la organizzazione Takfiri “Jundallah” dimostrano che le bombe contro le persone innocenti in Iran furono esposte dal New York Times.

Il flagello della takfirismo ora minaccia la Cina come una ondata di accoltellamenti e altri attacchi terroristici sono stati scatenati nl paese . Gli uiguri cinesi, una storica minoranza musulmana all’interno della Repubblica Popolare, hanno combattuto in Siria contro il governo al fianco di terroristi wahabiti e degli estremisti . La Cina è apertamente preoccupata per quello che potrebbe accadere quando queste forze tornino a casa. Il Council on Foreign Relations, un ente che lavora a stretto contatto con la CIA, ora prevede apertamente l’aumento di attività anti-cinese e l’estremismo religioso anti-russo in Kirghizistan, Kazakistan, Tagikistan, Turkmenistan e Uzbekistan.

La strategia utilizzata dall’amministrazione Obama per attaccare il Blocco eurasiatico è duplice. In primo luogo, creare dei problemi economici di caduta dei prezzi del petrolio. In secondo luogo, scatenare estremisti religiosi per fomentare il caos e la guerra.

A differenza degli attacchi diretti militari di Bush sull’Afghanistan e all’Iraq, che hanno portato a prezzi elevati del petrolio e il disprezzo diffuso per gli Stati Uniti – anche tra gli alleati della NATO – la strategia di Obama-CIA è un piano a lungo termine. E ‘simile alle strategie di Brzezinski durante la “distensione” dell’amministrazione Carter. E ‘molto meglio per gli Stati Uniti in termini di pubbliche relazioni, ed è molto meno rischioso. Ma la strategia della CIA di guerra economica e l’uso di bande mercenarie per attaccare l’Eurasia ha una debolezza fondamentale: non è molto redditizia.

Strategia pragmatica contro domanda di mercato

Le compagnie petrolifere stanno perdendo soldi in quanto i prezzi rimangono bassi. Inoltre, la spesa militare è diventata una parte essenziale dell’economia degli Stati Uniti dalla fine della Seconda Guerra Mondiale. Il mercato azionario sta già iniziando a sentire contraccolpi. Se l’economia degli Stati Uniti deve continuare a funzionare come al solito, i prezzi del petrolio non possono rimanere bassi e l’ avventurismo militare in tutto il mondo non può rimanere fuori dal tavolo.

Mentre tutto sembra contrario alla decenza umana di base, l’economia degli Stati Uniti ha bisogno di alti prezzi alla pompa e stragi di massa in tutto il mondo al fine di continuare a funzionare. Attacchi dei droni e la militarizzazione dei dipartimenti nazionali di polizia degli Stati Uniti non sono sufficienti. Alla fine, le forze di mercato richiederanno che i prezzi del petrolio e l’aumento delle spese militari.

Tuttavia, con il blocco eurasiatico più forte che mai, le conseguenze di un attacco militare diretto saranno molto più alte rispetto a prima.

Come è a malincuore sottolineato dai loro più grandi nemici, la Russia e la Cina non sono diventati più debole negli ultimi dieci anni. Hanno resistito ad una campagna di sabotaggio economico e d alle guerre per procura contro i loro più stretti alleati. La Cina si trova di fronte un enorme sfida militare degli Stati Uniti accumulata tutto intorno con il cosiddetto “pivot asiatico” delle forze armate statunitensi. La Russia ha visto i suoi alleati siriani sopportare la metà di un decennio di guerra civile, così come il rovesciamento del regime di Kiev ultranazionalista, che la Russia odia come alleato della NATO, proprio sul suo confine. Nonostante l’ostilità persistente e le provocazioni, la Russia e la Cina continuano a diventare sempre più forti. Xi Jinxing e Vladimir Putin sono diventati più popolari, ed i modelli politici che hanno sviluppato stanno ispirando una ondata di indipendenza e anti-liberismo in tutto il mondo.

Wall Street è deciso a spezzare il blocco eurasiatico, ma questo è un compito che sembra essere quasi impossibile.

Con le elezioni presidenziali degli Stati Uniti nel prossimo futuro, i prossimi mesi potrebbero rendere alcune sorprese importanti. L’elezione di Barack Obama è stato direttamente preclusa da un crollo finanziario. La presidenza di George W. Bush è stato permanentemente indicata nei libri di storia per gli attacchi dell’11 settembre, meno di un anno nella sua amministrazione.

L’ascesa del blocco eurasiatico, resa possibile dai marxisti-leninisti rivoluzioni sociali del 20 ° secolo, insieme con la rivoluzione tecnologica del computer che ha drasticamente cambiato metodi globali di produzione, hanno costretto un cambiamento drammatico sulla scena mondiale. Il mondo semplicemente non può funzionare più nel vecchio modo . I metodi obsoleti dei colonizzatori e profittatori sono terminati. I profitti semplicemente non possono rimanere come comando assoluto, e una mano ferma da parte della società deve forzare le economie per funzionare in modo razionale.

La storia si svolge raramente come una favola. La marcia del progresso sociale a volte può essere lenta e noiosa , mentre altre volte diventa drammatica e terrificante, ma non si ferma mai. La civiltà umana sta ora subendo un periodo duro di adattamento radicale, e tutti dovrebbero essere preparati per la terra che andrà a tremare.
*Caleb Maupin è un analista politico e attivista con sede a New York. Ha studiato scienze politiche presso Baldwin-Wallace College ed è stato ispirato e coinvolto nel movimento Occupy Wall Street, in particolare per la rivista on-line “Nuovo Outlook orientale” .

Fonte: The Journal-Neo

Traduzione: Manuel De Silva

*

code

  1. the Roman 1 anno fa

    A parte traduzione a pprosimativa ed a volte omperfetta( dubito che l’autore abbia definito la presidenza Obama “preclusa ” dal collasso economico) , l’analisi e’godibile, profonda e accurata ma , ahime’faziosa ed incline al panegirico del marxismo-leninismo. La falsa opposizione statunitense, alla Occupy Wall street di Soros e alla Bernie Sanders, gratta ,gratta riporta tutti allo stesso posto, nell’alveo del materialismo novecentesco edei falsi miti del progresso sociale e del riscatto delle masse. L’autore indica mali e
    Misfatti del capitalismo senza freni , ma quello che manca, come sempre accade nelle analisi dei pensatori accreditati nella
    Intelligentsia internazionale, e’una chiara indicazione degli attori all’opera e delle loro reali motivazioni. Non ci sono forze astratte indefinibili, ascrivibili alla teoretica del pensiero filosofico, ma gruppi di potere che determinano con il loro operato ,azioni e inazioni di masse rese partecipi o succubi di dottrine preconfezionate. La Russia di Putin e’molto piu’vicina al nazional-socialismo che
    Non al marxismo ,mentre i cosiddetti nazisti di Kiev, non sono altro che canaglia addomestticata dagli oligarchi ebrei che dominano l’Ucraina. Le etichette ideologiche continuano ad avere senso anche perche’ gli vengono conferite delle legittimita’da autori che non vogliono correre rischi di sconfinare in “zone proibite”. L’America e’completamente dominata da una minoranza di “innominabili”, cosi’come l’Europa occidentale. Dove questa minoranza viene contenuta , o al meglio estromessa dalle leve del potere, come in Russia , le cose ricominciano a funzionare e le necessita’ delle popolazioni vengono riprese in considerazione. Questo avviene naturalmente e senza bisogno di costruzioni ideologiche. Chiamatela come volete , autodeterminazione dei popoli, nazionalismo, fascismo, populismo…. E’ solo liberta’, sacrosanta liberta’.

    Rispondi Mi piace Non mi piace