"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

l’Iraq e la Siria si dimostrano unite nella stessa lotta contro le bande terroriste patrocinate da USA e Arabia Saudita

Nella giornata odierna si sono susseguite due dichiarazioni importanti dal contesto Medio Orientale.
La prima dichiarazione proviene dal primo ministro iracheno, Haidar al-Abadi, il quale, nel corso di una sua visita in Egitto, ha dichiarato che l’Iraq non permetterà mai che il suo territorio venga utilizzato come base per attaccare l’Iran. In particolare al-Abadi ha messo in guardia dai tentativi di trasformare l’Iraq in un campo di battaglia tra l’Iran e gli USA o che il suo paese faccia da ponte per una aggressione contro l’Iran, anche se gli venisse promesso di ottenere in contraccambio la ricostruzione gratuita di tutto il paese o qualsiasi altro beneficio.

Inoltre al-Abadi, parlando a proposito dell’attuale crisi del Golfo, ha espresso la sua condanna al blocco imposto dall’Arabia Saudita al Qatar, affermando che il suo governo si oppone al fatto di voler imporre un blocco (aereo marittimo e terrestre) contro un popolo della regione, come ha sottolineato il premier al-Abadi il quale altre volte in precedenza aveva condannato le azioni dell’Arabia Saudita a sostegno dei gruppi terroristi e l’aggressione saudita contro lo Yemen.

Al Abadi premier dell’Iraq

Il premier Haidar al-Abadi appartiene alla comunità sciita che è maggioranza in Iraq e che ultimamente è stata protagonista, attraverso le milizie sciite (Hashd al-Shaabi, o Unità di mobilitazione popolare) della spettacolare controffensiva contro le bande dell’ISIS, sostenuti ed armate da altri paesi della regione.
L’Iraq ha dei vincoli di fratellanza e collaborazione con l’Iran, appartenendo entrambi i paesi (in maggioranza) alla stessa confessione religiosa, essendo presenti in Iraq alcuni santuari come Karbala che sono oggetto di pellegrinaggio per milioni di pellegrini dalle comunità sciite di tutta la regione.

Questa relazione di stretta alleanza e cooperazione con l’Iran, indispettisce molto Washington che vorrebbe ad ogni costo bloccare l’influenza iraniana nella regione. Il progetto degli USA, evidenziato da vari esponenti dell’establishment, è quello di arrivare ad una divisione dell’Iraq con il pretesto di assicurare uno stato autonomo alla minoranza sunnita ed uno stato indipendente alla minoranza curda ma questo progetto ha trovato la ferma opposizione del governo di Baghdad.

Consigliera politica del governo siriano

Altra importante dichiarazione proviene dalla Siria, dpve la consigliera politica di Bashar al-Assad, Bouthaina Shaaban, ha accusato gli USA ed i loro alleati di finanziare ed armare il gruppo terrorista dell’ISIS (Daesh in arabo) con l’obiettivo di depredare le risorse della Siria.
“Mentre gli Stati Uniti ed i loro alleati finanziano ed armano il Daesh la nostra alleanza con la Russia e con la Cina contrasta l’espansione dei gruppi terroristi”, ha denunciato la Shaaban, dopo essersi riunita con i giornalisti in occasione della visita dell’inviato speciale cinese Xie Xiaoyan e la sua delegazione, inoltre la Shaaban ha denunciato che “l’agenda di Washington coincide con quella del Daesh che veglia per gli interessi di Israele”.

D’altra parte la consigliera politica di Assad si è riferita ai numerosi progetti di risoluzione contro la Siria presentati dai paesi occidentali nel Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, come ha informato l’agenzia Saana. Su questa linea la Shaaban ha elogiato la decisione di Mosca e di Pekino di far valere il loro diritto di veto, una misura di cui ha beneficiato il popolo siriano nella sua lotta contro le bande terroriste appoggiate dall’esterno.

L’esercito siriano ha ottenuto importanti progressi nella sua lotta contro le bande terroriste e le forze siriane sono riuscita a sgominare i gruppi takfiri e riprendere il controllo della frontiera Iraq-Siria, creando le basi sul confine e ristabilendo i collegamenti con le forze irachene dall’altra parte della frontiera.
Questo è avvenuto nonostante gli scoperti tentativi della coalizione USA di fermare l’avanzata delle forze siriane che hanno subito tre bombardamenti nel giro di poche settimane da parte dell’aviazione USA, come malgrado i gruppi dell’ISIS siano stati riforniti di armi moderne e sofisticate, come i missili anticaro Tow di fabbricazione USA e persino i droni senza pilota per attacchi dal cielo contro le posizioni siriane.

Il tentativo di Washington di utilizzare le forze del Daesh per fermare l’avanzata dell’Esercito siriano e dei suoi alleati (Hezbollah e forze popolari) è ormai scoperto e dichiarato ma si è scontrato contro la ferma e determinata resistenza dell’Esercito e del popolo siriano.

Fonti:  Hispan Tv

Al Masdar News

Traduzione e sintesi: Luciano Lago

*

code

  1. Tania 1 settimana fa

    Ma lo sanno gli americani di essere dalla parte dell’Isis? Sono loro amici!

    “… Haidar al-Abadi, il quale, nel corso di una sua visita in Egitto, ha dichiarato che l’Iraq non permetterà mai che il suo territorio venga utilizzato come base per attaccare l’Iran. In particolare al-Abadi ha messo in guardia dai tentativi di trasformare l’Iraq in un campo di battaglia tra l’Iran e gli USA o che il suo paese faccia da ponte per una aggressione contro l’Iran, anche se gli venisse promesso di ottenere in contraccambio la ricostruzione gratuita di tutto il paese o qualsiasi altro beneficio.”

    Credere alle promesse degli americani ci vuole un bel deficiente!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Idea3online 1 settimana fa

    Le ultime notizie dal Medio Oriente dimostrano che gli USA sono pronti ad uscire allo scoperto e sono usciti, probabilmente metteranno fine alle guerre per procura, l’impianto RussiaGate è una piattaforma di lancio per dare l’avvio alla Marcia dell’Impero Romano Americano. La Storia è fluida, gli USA mostreranno gradualmente la loro Potenza, oltre loro c’è Dio e la Russia resisterà.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Nicola 1 settimana fa

    La coalizione internazionale USA ha abbattuto un aereo militare siriano: https://it.sputniknews.com/mondo/201706184651755-coalizione-usa-abbatte-aereo-militare-siria/
    ADESSO LA SIRIA HA TUTTE LE RAGIONI PER CHIUDERE DEFINITIVAMENTE IL PROPRIO SPAZIO AEREO E, CON L’AIUTO DELLA RUSSIA, BUTTARE GIU’ GLI AEREI DELLA COALIZIONE OCCIDENTALE ! ! !

    Rispondi Mi piace Non mi piace