"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

L’Iran conferma l’utilizzo delle proprie basi dalla Russia: registriamo una ampia cooperazione

Il segretario del Cosiglio supremo di Sicurezza Nazionale dell’Iran, Ali Shamjani, ha commentato l’utilizzo di una base aerea iraniana da parte della Russia indicando che esiste una ampia cooperazione fra i due paesi.
“La cooperazione tra Iran, Russia e Siria nella lotta contro il terrorismo in Siria è di carattere strategico e noi, in questo ambito, disponiamo della capacità necessaria per un intercambio di installazioni militari”, ha dichiarato oggi Shamjani in risposta alla domanda che è stata posta da vari corrispondenti circa la diffusione della notizia che riguarda l’utilizzo, da parte di aerei da guerra russi, di una base aerea in Iran.

Nella giornata di oggi, il Ministero della Difesa russo ha confermato che vari dei suoi bombardieri strategici Tupolev Tu-22M3 sono decollati dalla base aerea di Hamadan in Iran ed hanno realizzato bombardamenti mirati sulle posizioni dei gruppi terroristi dell’ISIS e del Fronte Fath Al-Sham (in precedenza denominato Al Nusra ) in Siria.
La cooperazione tra Iran, Russia  e Siria nella lotta contro il terrorismo in Siria ha assunto un carattere strategico e noi siamo determinati a sconfiggere queste bande terroriste fino al loro totale annientamento, ha dichiarato Shamjani, aggiungendo che attualmente queste bande criminali sono sottoposte ad una immensa pressione e stanno subendo molte perdite e sconfitte su tutti i fronti.

Mappa della base Iraniana
Mappa della base Iraniana

Inoltre l’alto funzionario iraniano ha comunicato che sarà presto iniziata una nuova grande operazione antiterrorista su cui non ha però fornito alcun dettaglio, che permetterà la sconfitta totale di questi gruppi e la loro espulsione dal territorio della Siria.

Allo stesso modo il funzionario iraniano ha fatto allusione all’utilizzo dei civili come scudi umani da parte dei terroristi ed ha richiesto alla comunità internazionale di appoggiare il Governo siriano nella sua lotta contro i terrroristi per mettere fine alla crisi di questo paese che, fino a questo momento, ha determinato oltre 290.000 vittime e fra queste, 57.000 soldati dell’Esercito siriano.

D’altra parte Shamjani ha avvertito i paesi che patrociniano e forniscono armi ai terroristi che il loro appoggio finirà per ” passagli fattura”, come si è potuto comprovare con i multipli attentati verificatisi nei vari paesi europei e regionali, che sono stati commessi da terroristi che ostentavano la nazionalità di questi paesi.
“In varie riunioni con funzionari dei paesi occidentali li abbiamo avvisati che l’appoggio ai gruppi armati in Siria porterà delle conseguenze, visto che questi elementi addestrati torneranno ai loro paesi d’origine e causeranno insicurezza ed instabilità”, ha dichiarato Shamjani.

Nota: Si registra per la prima volta l’inizio di una cooperazione strategica fra Iran Russia e Siria che non mancherà di segnare una svolta nel conflitto ma che avrà anche l’effetto  di creare un blocco di alleanza che servirà a rafforzare l’influenza russo e iraniana nella regione affrontando le minacce di ingerenze ed operazioni “avventate” che potrebbero essere effettuate da potenze regionali quali Arabia Saudita ed Israele.  la situazione viene seguita con attenzione dal Dipartimento di Stato USA e da Israele che vede con preoccupazione un rafforzamento della posizione iraniana nello scacchiere regionale.

Fonte: Hispan Tv

Traduzione e nota: Luciano Lago

*

code

  1. marco 11 mesi fa

    c’é un errore: si dice ampia non amplia

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Redazione 11 mesi fa

      Giusto, facile però confondersi con ampliare e derivati.
      Saluti

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. nessuno 11 mesi fa

      pignolo…..

      Rispondi Mi piace Non mi piace