"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

L’infanticida Tony Blair premiato da Save The Children (con imbarazzo)

Tony Blair

Attivisti di tutto il mondo ritengono Blair responsabile della morte di mezzo milione di bambini in Iraq
“A Save The Children vogliamo superare le vostre aspettative”, recita il sito dell’organizzazione non governativa con sede a Londra
Quando “l’inviato per la pace in Medio Oriente” Tony Blair è stato nominato “Filantropo dell’anno” da GQ Magazine a settembre per la “sua instancabile attività caritativa” c’era un’incredulità diffusa.

L’editore della rivista elogiava i “successi” di Blair includendo la “riconciliazione tra le tre fedi abramitiche.” La rivista sarà esperta sull’underwear maschile, commenta amara Felicity Arbuthnot su Global Research ma chiaramente non ha mai sentito parlare di Iraq.


I recenti sforzi di Blair comprenderebbero circa 7,6 milioni di sterline all’anno – che ovviamente lui nega – “per consigliare il presidente autocratico del Kazakistan, Nursultan Nazarbeyev, su come gestire la sua immagine pubblica dopo che la polizia ha ucciso 15 manifestanti disarmati.”

Blair ha anche aggiunto 500 parole al discorso che Nazarbeyev ha tenuto a Cambridge e che sono servite “a rappresentare il Presidente come un leader visionario che aveva migliorato il tenore di vita nella sua patria”

Una volta ricevuto il premio per la filantropia Blair ha commentato: “Sento l’impulso del progresso battere un po’ più forte”. Una variante della sua precedente “Non è il momento di frasi ad effetto, ma sento la mano della storia sulla mia spalla” al suo arrivo a Belfast per la fase finale dei negoziati dell’Irlanda del Nord, 8 Aprile, 1998.

Il 19 novembre a Tony Blair, che in Iraq ha appoggiato un embargo che ha condannato a morte una media di 6.000 bambini al mese secondo le Nazioni Unite, è stato assegnato il Global Legacy Award da Save The Children.

Incredibilmente, secondo il portavoce di Save The Children, Blair è stato scelto per il premio per il suo lavoro da primo ministro, che ha incluso la creazione del Dipartimento per lo sviluppo internazionale. Blair è stato primo ministro dal maggio 1997 al giugno 2007 e leader dell’opposizione dal luglio 1994 al maggio 2007. In entrambi i ruoli ha enfaticamente approvato l’embargo in Iraq, e un silenzioso infanticidio.

Poi è arrivato il dubbio dossier di Downing Street del 2003 utilizzato da Colin Powell alle Nazioni Unite per giustificare l’invasione e la successiva morte di circa un milione e mezzo di persone in un paese dove la metà della popolazione erano bambini – il resto è storia.

Tra l’ammissione di Madeleine Albright (12 maggio 1996), che “più di mezzo milione di bambini erano morti” e il mandato di Blair tra il 1997 all’invasione, sei anni dopo, un altro mezzo milione di bambini sono morti. E ora Save The Children – il cui impegno “No Child Born to Die” campeggia nella parte superiore di ogni pagina del sito web – premia Blair.

Nel ritirare il premio Blair ha elogiato l’USAID e “i magnifici Eserciti americano e britannico” con Save The Children e altre organizzazioni non governative per il loro lavoro in Africa.

La stessa USAID la cui relazione con la CIA non è mai stata indagata fino in fondo. Gli stessi eserciti statunitense e del Regno Unito che anche per colpa delle bugie di Blai hanno distrutto l’Iraq, hanno causato cinque milioni di orfani, un milione di vedove, oltre un milione e mezzo di morti e cinque milioni di sfollati sono ora in Africa ha detto: “… per creare centri di trattamento, e fornire riparo, igiene e istruzione”. Tutto quello che hanno bombardato nel 2001 in Afghanistan e in Iraq, 2003 e 1991.

Si deve sperare che questa vergognosa esaltazione di un uomo che dovrebbe essere chiamato a rispondere ad un Tribunale sul modello di quello di Norimberga non abbia nulla a che fare con il fatto che il direttore generale di Save the Children, Justin Forsyth è stato reclutato da Tony Blair nel 2004 e più tardi è diventato il Direttore della campagna e della comunicazione strategica del successore di Blair, Gordon Brown.

Gordon Brown, naturalmente, prima di diventare primo ministro dopo Blair, era Cancelliere dello Scacchiere e ha sostenuto e coperto le menzogne di Blair e la conseguente distruzione dell’Iraq.

Un altro dirigente di Save The Children, lo Chief Financial Officer Sam Aharpe: “ha lavorato per quasi 30 anni con il programma di sviluppo del governo britannico” anche sotto Tony Blair, secondo il loro sito web, mentre Fergus Drake, direttore dei programmi globali dal 2009: “Prima di questo … ha lavorato per l’Ufficio di Tony Blair in Rwanda da consulente per il presidente Kagame”.

Naturalmente, mentre Gaza è stata decimata di nuovo in luglio e agosto, indifesa, senza esercito, marina o aviazione, subendo oltre 2.000 morti, tra cui circa 500 bambini, l’inviato per la Pace in Medio Oriente ha abbandonato la sua elegante postazione a Gerusalemme e ha dato “festa di compleanno a sorpresa” per la moglie, con due mesi di anticipo, in una delle sue sette case nel Regno Unito, al sicuro lontano dalla linea di fuoco – e non ha detto nulla sui bambini da salvare. Ha successivamente taciuto in merito alle 475.000 persone che a Gaza vivono in condizioni di emergenza, alle 17.200 case distrutte e alle 244 scuole danneggiate.

Save The Children era poi sospettata dalle autorità pakistane da quando un medico accusato di aiutare la CIA nella sua ricerca del leader di al-Qaeda, Osama Bin Laden, ha affermato che Save the Children lo aveva presentato a funzionari dei servizi segreti degli Stati Uniti.”

Il dott. Shakil Afridi, che attualmente sta scontando una pena a 33 anni di carcere è stato: “accusato di aver creato una falsa campagna di vaccinazione per l’epatite B nella zona di Abbottabad per cercare di individuare la posizione esatta di Bin Laden”, tramite campioni di DNA che: “dovevano essere analizzati dalla CIA”.

Mentre: “Afridi non è mai riuscito a convincere le persone a donare il sangue, la sua collaborazione con un servizio di intelligence straniero è considerato un atto di tradimento dall’establishment della sicurezza del Pakistan.”

Save The Children, che enfaticamente ha negato ogni rapporto lavorativo con il dottor Afridi o di aver avviato un programma di vaccinazione ad Abbottabad è stata comunque espulsa dal Pakistan nel settembre 2012.

Un recente iniziativa di Save The Children è stata quella di nominare Samantha Cameron, moglie del primo ministro britannico David Cameron “ambasciatrice” per la Siria. Dal momento che l’organizzazione non può operare in Siria, Samantha Cameron sta raccontando le storie di “infanzie innocenti a pezzi” dai paesi vicini. Naturalmente la Gran Bretagna di Cameron sta armando e addestrando i ribelli siriani. Cameron è un ammiratore di Blair.

Quindi, mentre Save The Children loda Blair e affossa i diritti del fanciullo, forse dovrebbe riflettere sull’orrore che Blair ha commesso. In Iraq un bambino sopravvissuto su quattro ha problemi nello sviluppo fisico o intellettuale a causa della malnutrizione. Ci sono circa 35.000 morti infantili ogni anno, più di un quarto dei bambini iracheni, tre milioni, soffre di disturbi post traumatici da stress.

Fonte: L’Antidiplomatico

*

code