"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Libertà “all’americana”? Lo Stato di New York castigherà chiunque critichi Israele

Da circa dieci anni, il “Movimento Boicot, Disinvestimenti e Sanzioni” (“Boycott, Divestment and Sanctions Movement”, BDS ), si è dedicato a sfidare Israele per motivo della sua repressione sulla popolazione palestinese.
Questo movimento, tale come indica il suo nome, ha sostenuto campagne volontarie di boicottaggio dei prodotti israeliani (prodotti alimentari di provenienza dalle colonie sequestrate ai palestinesi), disinvestimenti e sanzioni contro Israele, come misura di pressione e di sensibilizzazione sociale.

Occorre specificare che, come qualsiasi altro movimento di opinione in un paese di presunta libertà di espressione, nessuno negli Stati Uniti è stato mai obbligato ad appoggiare le attività di tale movimento.
Tuttavia , la scorsa Domenica 5 di Luglio, il governatore di New York, Andrew Cuomo, ha fatto un annuncio pubblico abbastanza allucinante:

“Sto firmando un ordine esecutivo (decreto) che stabilirà molto chiaramente che siamo contro il movimento BDS. Se qualcuno boicotta Israele, New York boicotterà lui”.
L’ordine esecutivo porterà il delegato dell’Ufficio dei Servizi Generali di New York a compilare una lista con l’indicazione di ogni impresa o istituzione privata che appoggi il BDS ed obbligherà tutti i Dipartimenti del Governo a ritirarsi ed annullare qualsiasi accordo o contratto con tali imprese o organizzazioni private. Questo significa che il Governo boicotterà tutte quelle imprese che boicottino o denuncino Israele nello Stato di New York.

BDS- Comitato Boicot Israel
BDS- Comitato Boicot Israel

Molte persone hanno denunciato questa manovra come una grave violazione della libertà di espressione, adducendo inoltre che il BDS è una organizzazione pacifica e pacifista che non rappresenta alcuna minaccia per gli Stati Uniti e per lo Stato di New York.
Sarebbe comprensibile che organizzazioni simpatizzanti con Israele fossero quelle che si organizzino per rispondere ai boicottaggi della BDS e che contrattacchino a livello privato con il boicottaggio riferito alle imprese che appoggiano il movimento BDS:

Quello che ha provocato più indignazione è il fatto che questa manovra parta da un organismo pubblico di governo. Inoltre in questo caso, richiama l’attenzione il fatto che il governatore di New York abbia emanato questo ordine esecutivo per decreto, senza sottoporla al voto nel Parlamento statale.

Inoltre risulta una insopportabile ipocrisia che gli stessi che attaccano un boicottaggio contro Israele, sostengano i boicottaggi e blocchi su altri paesi esprimendo argomenti simili, relativi ai “diritti umani”, come è accaduto con Cuba, la Russia e l’Iran, per porre alcuni esempi.
Sembra che attaccare i cittadini del proprio paese che si azzardano a denunciare le attività tiranniche, criminali o repressive di altri paesi “alleati” del governo, si stia trasformando in una moda pericolosa nel mondo occidentale.

In Germania abbiamo avuto il caso allucinante dell’umorista Jan Böhnmermann, licenziato dal suo posto di lavoro nel canale ZDF e perseguitato giudizialmente, per aver realizzato un poema satirico e insultante contro il presidente turco turco Recep Tayyip Erdogan per la sua flagrante repressione della libertà di espressione in Turchia, le sue continue violazioni costanti dei diritti umani, il suo legame con il terrorismo jihadista ed i suoi atroci crimini contro la popolazione Curda.

Quindi risulta che in Germania, criticare un capo di Stato straneriero  sia un delitto punibile, per quanto si tratti di un tiranno criminale come Erdogan.
Manovre come queste dovrebbero rendere chiaro chi sia il nostro autentico nemico e contro chi dovrebbero lottare uniti tutti i popoli….

Fonte: The Daily Sheeple

Traduzione: Manuel de Silva

*

code

  1. Brasile domenico 10 mesi fa

    Mi dispiace siamo alla frutta. Ottimo articolo, Queste osservazioni non li leggeremo mai nei nostri TG. Qui chi si sveglia per Primo o riceve bustarelle detta legge. La colpa non è dei farabutti, ma degli illuminati democratici che li rendono grandi. Il mio provvedimento??? Tutti al muro per incapacità cognitiva. wvm

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Mardunolbo 10 mesi fa

    Non bastano come informazioni! In Germania da decenni esiste una legge che impedisce a chiunque di porre obiezioni sulla Legge ( di loggia)della Shoà che, come si sa, è un dogma cui ognuno ha l’obbligo (non il dirito) di credere ed obbedire. Guai a chi si oppone a questo dogma ! Così pure questo dogma è stato approvato or ora anche in Italia e queste leggi che sembrano inserite per difendere da crudeli pensatori liberi, sono preparate da crudeli tiranni che intendono eliminare ogni possibilità di pensiero diverso dal loro. Non si spiega in altro modo una tale ostilità a chiunque ragioni in modo indipendente da quanto dettato dalle “norme” (imposte da altri)! Dunque ritengo che tutto faccia parte di medesime direttive che stranamente investono personaggi da un capo all’altro del mondo come fossero comuni pensate indipendenti l’una dall’altra. Alle masse lascio pensare così !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Redazione 10 mesi fa

      Il discorso sulla repressione del dissenso (al di fuori del “pensiero unico”) e sul divieto di analizzare anche storicamente argomenti tabù,naturalmente è molto vasto ed investe molteplici aspetti delle denominate “democrazie” occidentali. Quello di New York è soltanto un piccolo esempio ma significativo di come venga intesa la sbandierata “libertà di opinione” nel mondo occidentale.
      Saluti

      luciano Lago

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Ivan 2 mesi fa

    L’ Olocausto oggi purtroppo viene sfruttato alla grande come scudo per proteggere, nascondere e portare a tacere…Come fecero a suo tempo con l’Antico Testamento.

    Rispondi Mi piace Non mi piace