"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Lettera aperta del Saker a tutta la community ed i suoi sostenitori

FRANCE-CRIME-MEDIA-SHOOTING

Pubblichiamo la lettera aperta del “Saker ” (- vedi: Intervista a “The Saker” ) dove questi manifesta le sue preoccupazioni per quanto sta accadendo in questi giorni, preoccupazioni che ci sentiamo di condividere.

Cari amici,

sta succedendo qualcosa di straordinario, assistiamo addirittura a un ampio “11 settembre francese”. In questo momento non sto affermando che lo Stato francese lo abbia organizzato né reso possibile. È però sicuro che come minimo lo Stato francese e i mass media ‘corporativi’ strumentalizzino al massimo i vari omicidi per promuovere i loro interessi. Sappiamo tutti cosa successe l’ultima volta che accadde (cliccate qui se lo avete dimenticato – link a un video in inglese, ndt).

La casa brucia!

Da molti mesi ormai Alain Soral e altri hanno segnalato con preoccupazione che il regime francese stava promuovendo in Francia una guerra tra comunità Musulmane e non-Musulmane e questo è esattamente quanto stiamo vedendo ora: non su scala unicamente nazionale ma ormai in tutta Europa.

Considerando quanto il mio editoriale “Io NON sono Charlie” sia stato totalmente frainteso (o deliberatamente travisato) sento l’urgenza di chiarire al meglio alcuni punti e di lasciarne traccia scritta:

Primo: in questo momento non ha molta importanza sapere se quanto successo in Francia sia un “false flag” o un ritorno di violenza, così come quando una casa brucia importa poco stabilire se sia stato il proprietario o il vicino ad appiccare il fuoco. Ciò che ora importa è prevenire che delle persone muoiano nella casa in fiamme, solo in seguito avrà senso aprire un’inchiesta per stabilire le responsabilità. Adesso conta solo il fatto che bruci.

Secondo: non c’è assolutamente nessun dubbio che L’Impero Anglo-Sionista abbia creato “l’infezione takfira transnazionale” sul nostro pianeta. Tutto iniziò durante la Guerra fredda con il “brillante” piano di Brzezinski e della CIA di lanciare questi pazzi contro le forze sovietiche in Afghanistan: in quel momento gli USA iniziarono a finanziare, organizzare, addestrare, equipaggiare e, sopra ogni cosa, federare i degenerati wahabiti. Da allora li abbiamo visti in azione in Cecenia, Bosnia, Kosovo, Libia, Siria, Iraq e in molti altri paesi e ora li vediamo “in azione” a Parigi. Hollande, Sarko e il suo “ministro degli esteri ombra” Bernard Henri-Levi hanno svolto un ruolo fondamentale nel lanciare questi mostri contro la Libia e la Siria così come il “Nuovo (pseudo) Filosofo” francese Alain Finkelkraut giocò un ruolo fondamentale nello scatenare queste bestie contro la Bosnia. Dunque questo è il punto fondamentale che evidenzierò con il grassetto: i maniaci takfiri che hanno commesso tutti gli omicidi in Francia NON sono figli dell’ “Umma islamica” ma dello stato-ombra francese e dell’Impero Anglo-Sionista. Loro “possiedono” questi pazzi, non Hassan Nasrallah né Ramzan Kadyrov!

Terzo: la macchina propagandistica dell’Impero Anglo-Sionista ci racconta che “l’Islam è il nemico” o che “l’Islam non è compatibile con i valori occidentali”. Ma per dimostrarlo portano esempi che non dimostrano nulla, quale l’esempio dei pazzi Takfiri scatenati, non mi stancherò di ripeterlo, dagli Anglo-Sionisti.

Pregi e difetti dell’Islam come religione non hanno nulla a che vedere con gli eventi di Parigi. Nulla. Il Takfirismo sta all’Islam quanto il nazismo sta alla Civiltà Occidentale: una viziosa e patologica espressione di odio demoniaco mascherata da difesa di una cultura/civiltà/religione. Il nazismo non “dimostra” che l’Occidente è intrinsecamente malvagio né il takfirismo può dimostrarlo rispetto all’Islam.

Ora, prestate cortesemente attenzione, è possibile che esista qualcosa di assolutamente sbagliato (oppure no) nella civiltà occidentale o nell’Islam ma questo non è dimostrabile utilizzando gli esempi del nazismo o del takfirismo.

[Nota a margine: contrariamente a quanto molti disonesti o semplicemente stupidi mi accusano di fare NON sto promuovendo un’apologia dell’Islam. Mi preme ricordare il fatto che una delle mie massime riserve sull’Islam è data dal sostegno alla pena di morte (alla quale mi oppongo) e in particolare al sostegno per la pena di morte in caso di blasfemia e apostasia (che trovo assurdo). Ho unicamente affermato che quando offendi profondamente 1,6 miliardi di persone in merito alle loro credenze – a prescindere da chi esse siano o da cosa credano – si troveranno inevitabilmente 1-5 persone che ti vorranno uccidere per averlo fatto. Non stavo legittimando nulla, lo stavo spiegando!! Come si può essere così assolutamente idioti (o disonesti!) da non capire la differenza tra i due…]

Quarto: come successo con l’11 settembre l’assolutamente prevedibile reazione delle autorità francesi è il colpire le libertà civili, creare “programmi di odio”, fomentare un’isteria bellicista alimentata dalla paura e rabbia che combinate permettano convenientemente di deviare l’attenzione del pubblico dalla morente UE, dalla barcollante economia, dallo sfruttamento dell’1% ricco sul 99% povero e dal fatto di vivere in una società che ci vuole rendere schiavi di un impero planetario. Ho una chiara sensazione che il progressivo fallimento dei piani Anglo-Sionisti in Ucraina li abbia spinti a “cambiare canale narrativo” per terrorizzare la popolazione: dalla paura “dell’invasione dell’Orso russo” al “folle terrorismo islamico”.

[Nota a margine: sono assolutamente esterefatto dalla copertura fatta da Russia Today a quest’evento: qualcuno ai suoi vertici ha preso la decisione di aderire totalmente all’assurda narrativa della “minaccia terroristica islamica” e questo indica quanto la quinta colonna degli “Atlantici integrazionisti” sia profondamente annidata nel suo top management.]

Quindi cosa significa questo per la nostra comunità?

Significa che siamo in un periodo eccezionalmente pesante. Non ho mai ricevuto tante lettere con tanto odio nelle ultime 24 ore. Sono accusato di essere un fanatico religioso, un bigotto, un sostenitore incondizionato dell’Islam, di approvare le esecuzioni, di essere un fascista e, naturalmente, di essere anti-Semita. Secondo, devo riportare che l’intera infrastruttura della Communità del Saker è ora a rischio per la dimissione di alcune persone importanti che hanno deciso di tagliare i legami con la Comunità del Saker per il profondo disaccordo con le mie opinioni. Al momento sto zigzando per trovare una soluzione e le persone che si sono dimesse hanno promesso che mi aiuteranno nel portare avanti la transazione. Ma è innegabile che la nostra intera comunità, noi, è ora estremamente vulnerabile in due aspetti cruciali.

La registrazione dei nomi del dominio dei vari vineyardsaker
La sistemazione dell’IT in caso di problemi tecnici con i nostri server (per un attacco o per condizioni tecniche)
Inoltre, ho dovuto prendere la decisione di assumere un avvocato per aiutarmi a proteggere i vari website Vineyardsaker e me stesso da potenziali querele legali e questo mi costerà un sacco di soldi e mi ruberà tempo. Per adesso, non solo la mia “piccola anonimità” è direttamente minacciata, ma la vera esistenza dei vari blogs è minacciata anch’essa.

(Nota a margine: solo per ricordare, amo quel che io chiamo la mia “piccola anonimità” (un sacco di persone sanno chi sono, come pure quelli dei governi interessati), perché aiuta a rimanere focalizzati sui problemi invece che sulle persone. Non solo non sono interessato in qualsiasi riconoscimento personale. Non voglio essere per niente un argomento e voglio tenere fuori gli inevitabili folli dal molestarmi con la loro pazzia. Quindi è veramente importante per me, ma se devo perderla a causa di questa crisi, che lo sia. Io non vorrei, ma se non c’è altra via, così sia).

Cercherò di superare tutto ciò, ma questo distruggerà severamente la mia abilità nel seguire gli eventi, analizzare la situazione, raccordarmi con i vari problemi della comunità o appianare le anomalie del nuovo website. Quindi per i prossimi giorni/settimane vi chiedo comprensione e perdono.

Inoltre, penso che la nostra comunità subirà un mucchio di attacchi, defezioni ed attacchi personali. Quel che gli Anglo-Sionisti stanno cercando di organizzare proprio ora è un linciaggio di massa antimusulmano, il loro famoso “scontro tra civilizzazioni” ed io non posso seguirlo. Non sarò uno spettatore di questo abominio e cercherò nel modo più duro che conosco di denunciarlo per l’immorale, stupida frode quale è. Non perché io sono un “segreto islamista” o perché sostengo l’uccisione di giornalisti, ma perché rifiuto categoricamente di unirmi a qualunque linciaggio di massa e perché categoricamente rigetto la nozione di uno scontro tra civilizzazioni.

[Nota a margine:”lo scontro tra civilizzazioni” giusto?. In questi tempi difficili, sapete quali due gruppi di amici sono venuti in mio soccorso? Serbi e Musulmani che, almeno secondo la narrativa ufficiale dell’Impero, dovremmo supporre nemici, giusto? Lo stesso per il supposto odio tra queste popolazioni; ma ancora, Ceceni e Russi si suppone si odiano l’un l’altro mentre, in realtà, e per la mortificazione degli Anglo-Sionisti, lottano contro i nazisti Ucraini fianco a fianco nel Donbass]

(………………….)

L’attuale polarizzazione peggiorerà e si intensificherà

Per la nostra comunità questo significa che perderemo lettori, amici ed anche collaboratori. Non cadiamo nell’ errore, quelli che seguono le notizie dalla scatola degli idioti, la TV, sono adesso in stato totale di isteria e percepiranno quelli che non si aggregano come diavoli, pazzi “islamofascisti”. Pagheremo tutti il prezzo per non unirsi all’isteria generale.

Siate pronti ad accettarlo come prezzo da pagare per fare la cosa giusta.

Cari saluti e grazie

The Saker

 

*

code