"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Le sanzioni USA alla Russia e le stupide guerre del petrolio della CIA

John Brennan_briefs_Kathleen_Sebelius_

di William Engdahl *

Le ultime notizie parlano del drammatico crollo del rublo russo verso dollaro ed euro, del prezzo del petrolio che oggi si aggira sui 57 dollari al barile, mentre a fine agosto era oltre i 100, dei ministri dell’OPEC che si rifiutano di stabilizzare i prezzi. Il rublo russo è costretto a fermare il trading a metà dicembre, quindi il Congresso degli Stati Uniti vota ancora nuove sanzioni economiche contro la Russia che attendono la firma del presidente Obama.

Quando esaminiamo tutto ciò da vicino si svela la grande confusione strategica delle élite occidentali, soprattutto degli oligarchi statunitensi alla frenetica ricerca del modo di mantenere la presa sul potere globale.


A volte uso l’aggettivo molto descrittivo “stupido” per parlare delle azioni di persone che siamo abituati a pensare come tutt’altro che stupide. Malvagie, demoniache, perfino sataniche direte, ma non stupide. Sempre più trovo la descrizione stupidi come la più appropriata. E’ infatti la loro stupidità è essere incapaci, nella loro tossicodipendenza da potere, di vedere le maggiori conseguenze globali delle loro tattiche o strategie. Se definiamo l’intelligenza come la capacità di cogliere l’interconnessione di tutto nel nostro universo, allora possiamo chiamare stupidi coloro che, nonostante le loro grandi risorse e l’accesso alle migliori menti, ignorano tutto ciò che è al di fuori della loro visione coi paraocchi.

La Guerra Fredda nel 1946-1990 ha stabilizzato la loro presa sul potere imperiale globale in Europa occidentale, Terzo Mondo, Giappone e Asia. La fine della guerra fredda ha visto la drammatica erosione del potere USA mentre parvenu come Cina, Russia e Iran fanno valere i propri diritti sovrani nel mondo, e possiamo immaginarne il pensiero: “Bene, allora torniamo a ciò che ha funzionato allora. Ricominciamo una nuova Guerra Fredda o anche, passo dopo passo, una nuova guerra globale non convenzionale per mantenere il nostro Secolo Americano, il nostro Progetto per un Nuovo Secolo Americano“, come Dick Cheney e amici lo chiamano.

Ora cercano una replica della loro strategia saudita del crollo del prezzo del petrolio del 1986 per far cadere Putin, Maduro in Venezuela e l’Iran, secondo quanto riferito dall’affidabile ricercatore di Washington Wayne Madsen. Nel 1986, il vicepresidente George HW Bush, padre di George W., insieme al segretario di Stato George Schultz e altri, convinse Riyadh, come fece John Kerry nel suo incontro con il re saudita Abdullah nel settembre 2014, ad eseguire lo “shock petrolifero inverso” che fece rovesciare un’Unione Sovietica iper-estesa. Ha funzionato nel 1986, perché non nel 2014? È il pensiero di qualcuno a Washington.

Ruolo della CIA e suicidio del prezzo del petrolio
Secondo Madsen, ex-collaboratore della NSA con buoni collegamenti a diverse fazioni della comunità d’intelligence di Washington, sono il capo della CIA John Brennan e agenti della CIA nell’azienda petrolifera statale saudita Aramco ad aver ideato la strategia diabolica per spingere sauditi e quwaytiani ad inondare i mercati mondiali di greggio e lasciare che le banche di Wall Street come Goldman Sachs, JPMorgan Chase e Citigroup facciano il resto del lavoro sporco vendendone i futures derivati.

Mentre non posso confermare l’affermazione di Madsen che l’inondazione saudita durerà per altri cinque anni, dopo di che la produzione saudita crollerà, dato che la CIA degli Stati Uniti avrebbe convinto Aramco contro il parere di ingegneri petroliferi della Schlumberger e altre società dei servizi petroliferi stranieri, a non utilizzare l’iniezione di acqua salata; ma che Brennan, descritto da alcuni suoi conoscenti come un “attaccabrighe”, sia pronto ad implementare la strategia saudita come mossa anti-Putin è del tutto plausibile.

Solo c’è un problema. La brillante strategia è in definitiva stupida, perché fa crollare l’industria petrolifera nazionale degli Stati Uniti e sparire centinaia di miliardi di dollari di investimenti nel settore energetico globale, con l’abbassamento dei ricavi in dollari del petrolio russo e del rublo.

* William Engdahl è consulente di rischio strategico e docente, laureato in politica alla Princeton University è autore di best-seller su petrolio e geopolitica, in esclusiva per la rivista online “New Eastern Outlook“.

Traduzione di Alessandro Lattanzio –

Fonte: Sito Aurora

Nella foto in alto: John Brennan, capo della CIA, in riunione.

*

code

  1. nessuno 2 anni fa

    si stanno sparando sui piedi, l’ignoranza del negretto amero-cane non conosce limiti,in definitiva cosa ci si può aspettare da uno che ha fatto della guerra la sua dottrina? E meno male che gli hanno dato il premio
    Nobel de la Pace….

    Rispondi Mi piace Non mi piace