"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Le intossicazioni della propaganda sulla Siria

di Juan Manuel de Prada

In un articolo pubblicato alcuni mesi fa, avevamo anticipato che la guerra in Siria – il cui obiettivo è stato sempre quello di rovesciare Al-Assad e trasformare questo paese in uno stato fantoccio che possa essere smembrato – entrava in una terza fase dai segnali torbidi.  Abbiamo scritto allora che, dopo aver guastato i piani del mondialismo per la Siria in due occasioni, la Russia andava a subire un “abbraccio dell’orso” che avrebbe cercato di farle perdere prestigio di fronte all'”opinione pubblica “.

Questo “abbraccio dell’orso” si è realizzato mediante le risoluzioni dell’ONU e le “conversazioni di pace” a Ginevra che, come sempre accade, sono servite soltanto a aggiungere maggiore confusione ad una situazione già imbrogliata; per giustificare la ritirata parziale dell’aviazione russa dalla Siria, di sicuro obbligata per ragioni di asfissia economica. Nell ultime settimane, questo “abbraccio dell’orso” si rende più efficace mediante una campagna di intossicazione tanto grossolana come audace, che cerca di presentare qualsiasi azione dell’Esercito siriano (ancora aiutato dalle rimanenti forze russe) contro le posizioni terorriste come “attacchi contro la popolazione civile”.

Queste intossicazioni hanno come scenario principale la città di Aleppo, in gran misura sotto il controllo dell’Esercito siriano, per quanto alcuni quartieri sono ancora nelle mani di Al-Nusra, organizzazione terrorista che durante le ultime settimane ha lanciato una terribile offensiva con granate di mortaio, missili e bombe. I missionari salesiani, che hanno deciso di non abbandonare la città, affermano che stanno subendo gli attacchi più atroci di tutti i cinque anni di guerra; e che questi attacchi hanno come unico obiettivo quello di massacrare la popolazione civile di Aleppo. Tuttavia, di questa selvaggia offensiva terrorista, i media occidentali non dicono quasi nulla; invece ci annunciano un giorno si e l’altro pure che un ospedale di Medici senza Frontiere, ubicato in un quartiere controllato da Al-Nusra è stato bombardato, non si sa se dall’aviazione siriana o da quella russa. Non serve a nulla che si presentino delle prove fotografiche che dimostrano che l’edificio, in cui si trovava presuntamente l’ospedale, era stato distrutto già da un anno. Neppure alcuno si domanda perchè Medici senza Frontiere avessero un Ospedale nei quartieri controllati da Al-Nusra e invece nessun ospedale in quelli che controlla l’Esercito siriano, nonostante che quasi il novanta per cento della popolazione si trovi in questi ultimi.

Gli stessi segnali torbidi circondano il bombardamento di un accampamento nelle vicinanze di Aleppo, in una zona limitrofa con la Turchia, controllata anche questa da Al-Nusra. Di nuovo, i media occidentali attribuiscono la responsabilità del massacro all’aviazione siriana o russa, che in questo modo vengono fatti apparire all'”opinione pubblica” come responsabili dei “crimini di guerra”.

In tutte le informazioni si occulta tuttavia che la denominata “opposizione moderata” risulta irrilevante ad Aleppo, inglobata totalmente da Al- Nusra, che invece dispone di un innumerevole quantità di armamenti, con cui sta massacrando centinaia di civili nei quartieri controllati dall’Esercito siriano e forse anche lanciando barili bombe da elicotteri, nella zona sotto il suo controllo, per simulare attacchi aerei.
Non c’è bisogno di aggiungere che Al -Nusra sta utilizzando armamento in parte consegnato dagli USA all'”opposizione moderata”, in parte fornito direttamente dagli alleati degli USA nella regione.

Comunque l'”opinione pubblica” non arriva a conoscere mai questi dettagli. La terza fase della guerra in Siria vede una ricrudescenza, nel frattempo, appoggiata da una campagna di intossicazione tanto grossolana come audace. Tenendo in conto che una opinione pubblica, già tanto abituata alle manipolazioni delle mondialismo, si beve qualsiasi menzogna gli venga propinata dall’apparato dei media.

Fonte ABC

Traduzione: Luciano Lago

*

code